Leucemia acuta mieloide: le alte dosi di ARA-C in induzione aumentano la sopravvivenza?
21 maggio 2014
EHA 2014 – Lunch Debate
18 giugno 2014

Elacitarabina , nuova formulazione di ARA-C, non migliora l’outcome nella LAM recidivata

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

A cura di: Felicetto Ferrara

La cosiddetta “Lipid Vector Technoloy” (LVT) è una nuova tecnologia sviluppata allo scopo di migliorare l’efficacia di diversi farmaci e di ridurne gli effetti collaterali, creando composti farmaco-vettore lipidico. Su questa base è stata prodotta una nuova formulazione di citarabina (elacitarabina, nome commerciale Elacyt) che, su base teorica, dovrebbe essere in grado di bypassare la multiple drug resistance (MDR) ed indurre minore tossicità extra-ematologica (Figura I). In particolare, a differenza dell’ARA-C convenzionale, elacitarabina non necessita del vettore proteico hENT1 per attraversare la membrana dei blasti di leucemia mieloide acuta (LAM) (Figura II) con conseguente maggiore e più rapido accumulo intracitoplasmatico del farmaco.

 

Ferrara_Elacitarabina_nuova_formulazione_di_ARA-C_Figura_1

Figura I: Elacitarabina: formulazione

 

Ferrara_Elacitarabina_nuova_formulazione_di_ARA-C_Figura_2

Figura II: Superamento della MDR con elacitarabina, che non necessita del vettore hENT1

 

In studi di fase 1-2 il farmaco è stato sperimentato in pazienti con LAM con risultati promettenti (DiNardo CD et al, 2013)[ilink url=”http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23902239″ style=”tick”]PubMed[/ilink] , tanto che è stato proposto e realizzato uno studio “company sponsored” di fase 3 in pazienti con LAM recidivata o refrattaria, recentemente pubblicato sul Journal of Clinical Oncology (Roboz GJ et al, 2014)[ilink url=”http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24841975″ style=”tick”]PubMed[/ilink] .  In questo trial, 381 pazienti sono stati randomizzati a ricevere elacitarabina o un regime alternativo a scelta del clinico (“best investigator’s choice”); è da sottolineare  che in quest’ultimo braccio sono stati  adottati ben sette regimi di chemioterapia, a dimostrazione della mancanza di uno standard terapeutico nella LAM in recidiva (Ravandi F, 2013)[ilink url=”http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=3.%09Ravandi+F.+Relapsed+acute+myeloid+leukemia%3A+Why+is+there+no+standard+of+care%3F” style=”tick”]PubMed[/ilink] .

Le conclusioni dello studio sono state negative; infatti le percentuali di remissione completa e di remissione completa con incompleto recupero ematologico sono risultate sovrapponibili nei due bracci, come pure la mortalità collegata alla terapia. Nessuna differenza è stata inoltre dimostrata in termini di sopravvivenza globale (3,4 mesi per elacitarabina verso 3,2 mesi per la terapia convenzionale), come mostrato nella Figura III. Il trial ancora una volta enfatizza la difficoltà nel reperire nuovi agenti realmente efficaci nella terapia delle LAM ad alto rischio, in particolare nei pazienti con malattia recidivata o refrattaria.

 

Ferrara_Elacitarabina_nuova_formulazione_di_ARA-C_Figura_3

Figura III: Stima della sopravvivenza globale con elacitarabina verso investigator’s choice nella popolazione  intention-to-treat

 

Bibliografia

  • DiNardo CD, O’Brien S, Gandhi VV, Ravandi F. Elacytarabine (CP-4055) in the treatment of acute myeloid leukemia. Future Oncol 2013;9:1073-1082.
  • Ravandi F. Relapsed acute myeloid leukemia: Why is there no standard of care? Best Practice & Research Clinical Haematology 2013;26:253–259.
  • Roboz GJ, Rosenblat T, Arellano M, Gobbi M, Altman JK, Montesinos P, O’Connell C, Solomon SR, Pigneux A, Vey N, Hills R, Jacobsen TF, Gianella-Borradori A, Foss O, Vetrhusand S, Giles FJ. International Randomized Phase III Study of Elacytarabine Versus Investigator Choice in Patients With Relapsed/Refractory Acute Myeloid Leukemia. J Clin Oncol 2014 May 19. pii: JCO.2013.52.8562 (epub ahead of print).
×
Sponsor

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

×
Privacy & Cookie Policy

Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy

  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.