Malattia di Castleman

Print Friendly, PDF & Email

 

Introduzione

 

La malattia di Castleman (CD), una patologia rara che può colpire tutte le età, comprende un gruppo eterogeneo di disordini linfoproliferativi che condividono le stesse caratteristiche istopatologiche.

La prima descrizione della patologia risale al 1954 quando Benjamin Castleman riporta per la prima volta alcuni peculiari pattern istologici osservati in diverse biopsie linfonodali (Castleman B et al, 1956). Da allora, sotto la definizione di Malattia di Castleman sono stati inclusi quadri clinici ed istopatologici eterogenei, riguardanti l’ambito ematologico, oncologico, reumatologico e virologico (Waterston A & Bower M, 2004; Wang HW et al, 2016; Larroche C et al, 2002; Miltenyi Z et al, 2009; Muskardin TW et al, 2012).

La caratteristica principale è la presenza di una spiccata adenomegalia, che può essere accompagnata da sintomi sistemici, dovuti a una tempesta di citochine in cui è spesso coinvolta l’interleuchina 6 (IL-6).

Il frequente riscontro di manifestazioni cliniche su base autoimmune e la presenza di autoanticorpi, anche in assenza di una diagnosi autoimmune, in pazienti affetti da CD (Fajgenbaum DC et al, 2014; Liu AY et al, 2016) e la presenza di linfoadenopatie disseminate con caratteristiche istopatologiche compatibili con CD in diverse patologie autoimmuni, come il LES o l’artrite reumatoide, suggeriscono una probabile condivisione di processi fisiopatologici (Kojima M et al, 2000).

A metà degli anni ’80, in base al numero delle stazioni linfonodali coinvolte, sono state distinte due principali forme di malattia di Castleman: la forma unicentrica (UCD), caratterizzata da un aumento di volume di un singolo linfonodo o di una stazione linfonodale e la forma multicentrica (MCD), in cui sono coinvolte più stazioni linfonodali. Successivamente, sono stati descritti casi in cui l’UCD presentava andamento aggressivo con caratteristiche intermedie tra UCD e MCD. Tali casi vengono classificati con Malattia di Castleman Oligocentrica (OCD) (Nagy A et al, 2018).

Alcune forme multicentriche sono associate a infezione da Human Immunodeficiency Virus (HIV) e/o da Herpesvirus-8 (HHV8). Un’infezione incontrollata da HHV8 è riportata nel 50% dei casi.

Le scarse conoscenze sulle cause e i meccanismi biologici che sono la base della malattia di Castleman hanno condizionato, per anni, sia le terapie che l’outcome.

La creazione, nel 2012, del Castleman Disease Collaborative Network (CDCN) (https://www.cdcn.org/) ha dato un notevole impulso allo sviluppo della ricerca, sia in campo clinico che di laboratorio, soprattutto nella forma multicentrica idiopatica (iMCD), che ha un andamento particolarmente aggressivo (Fajgenbaum DC et al, 2016). Il fatto che il CDCN sia un network globale, che coinvolge medici, pazienti e ricercatori, ha permesso di individuare e condividere le priorità nella ricerca clinica e di laboratorio in questa particolare forma. Considerato che il modello di ricerca di tipo tradizionale (piccoli progetti tra loro non collegati, parcellizzazione delle risorse, esclusione dei pazienti) è stato il principale fattore limitante lo sviluppo delle conoscenze sulla patologia, l’obiettivo principale è stato quello di stimolare un lavoro di gruppo coordinato, con il coinvolgimento dei pazienti e di alcune industrie farmaceutiche interessate allo sviluppo di farmaci specifici. Lo sforzo condiviso ha portato, nel 2016, sia alla creazione di un Registro della Malattia di Castleman (ACCELERATE), in cui sono coinvolti direttamente i pazienti, sia, successivamente, all’istituzione della Castleman Disease Biobank (Castlebank), in cui vengono collezionati campioni di sangue e/o tessuto per eventuali ricerche.

 

Classificazione clinica

 

In base al numero delle stazioni linfonodali coinvolte e, nelle forme multicentriche non HIV correlate, alla presenza o assenza dell’HHV-8, possiamo distinguere (Fajgenbaum DC et al, 2017):

Malattia di Castleman unicentrica (UCD) in cui il coinvolgimento è limitato a una singola stazione linfonodale;

Malattia di Castleman multicentrica (MCD), contraddistinta da un coinvolgimento di multiple stazioni linfonodali. Questo gruppo comprende diverse forme:

  • La forma associata ad HHV8 (MCD HHV8+)
  • La forma HHV8 negativa (MCD HHV8-).

La forma HHV8 negativa, a sua volta, comprende:

  • La MCD idiopatica (iMCD), con due sottotipi:
  • Classico, iMCD-NOS (not otherwise specified)
  • iMCD-TAFRO (trombocitopenia, anasarca, mielofibrosi, febbre, disfunzione renale e organomelia)
  • La MCD-POEMS (polineuropatia, organomelia, endocrinopatia, picco monoclonale, alterazioni cutanee [skin]).

 

Epidemiologia

 

La reale incidenza della malattia di Castleman è ancora poco chiara a causa della rarità ed eterogeneità della patologia e della mancanza di criteri diagnostici utili per identificare le diverse forme. L’introduzione del codice identificativo (ICD-10-CM D47.Z2) entrato in vigore il 1° ottobre 2016- e la recente pubblicazione dei criteri diagnostici, possono consentire di avere dati più precisi riguardo l’epidemiologia di questa particolare patologia. Recentemente è stato pubblicato uno studio, in cui sono stati valutati retrospettivamente 714 pazienti con linfoadenopatia cervicale, di cui 75 avevano una diagnosi istologica di linfoadenite aspecifica o di iperplasia linfonodale reattiva. La revisione istologica, basata sui nuovi criteri diagnostici, ha permesso di fare diagnosi di MCD in 16 dei 75 pazienti, con un incremento del tasso di incidenza della patologia nella popolazione esaminata dallo 0,1% all’1,9%  (Krokenberger M et al, 2022)

 

Malattia di Castleman unicentrica (UCD)

 

Dai dati finora disponibili in letteratura sull’UCD, emerge la prevalenza di questa forma nella terza o quarta decade di vita (età mediana alla diagnosi: 34 anni), con una lieve predilezione per il sesso femminile (Talat N et al, 2012; Dispenzieri A et al, 2012).  Sono stati riportati casi di UCD in bambini al disotto dei 10 anni di età e addirittura al disotto dei 2 anni (Dispenzieri A et al, 2012; Linkhorn H et al 2016). I casi stimati sono circa 15 per milione l’anno.

Finora, in questa forma non è stata riscontrata un’associazione con infezione da HIV e/o HHV8. Stanno emergendo dati a supporto dell’ipotesi che sia un disordine clonale (Chang KC et al, 2014).

 

Malattia di Castleman multicentrica (MCD)

 

La forma multicentrica colpisce principalmente la sesta decade di vita, sebbene si possa riscontrare in età più giovane soprattutto nei soggetti affetti da HIV. L’infezione da HIV è un fattore di rischio importante. Nel 50% dei pazienti con MCD associata ad HIV, è presente una co-infezione da HHV-8. L’incidenza di MCD nei pazienti HIV positivi è aumentata dopo l’introduzione della highly active antiretroviral therapy (HAART). Il motivo di questa aumentata incidenza è ad oggi sconosciuto. È stato ipotizzato che il miglioramento della sopravvivenza dovuto all’introduzione delle nuove terapie antiretrovirali determini la prolungata esposizione al virus con conseguente e protratta disregolazione immunitaria (Simpson D et al, 2018). In uno studio retrospettivo recentemente pubblicato, l’89% dei pazienti con MCD mostrava elevati livelli di HHV-8 DNA al momento della diagnosi o alla recidiva. I bassi livelli di viremia dopo il trattamento non sembrano essere correlati con i segni di attività di MCD. L’unico paziente che al momento della diagnosi di MCD presentava bassi livelli di HHV8-DNA presentava, dal punto di vista istologico, la variante ipervascolare, forma molto comune nei pazienti con MCD HIV-. Inoltre, lo stesso paziente è stato l’unico a presentare una recidiva di Sarcoma di Kaposi nonostante una condizione di soppressione del virus dell’HIV (Gliga S et al, 2021). La forma multicentrica associata ad infezione da HHV8 si riscontra anche nei pazienti non HIV positivi e la sua incidenza varia in funzione delle diverse aree geografiche. Le infezioni da HHV8 sono principalmente riscontrate nella popolazione dell’Africa centrale e sub-sahariana, nella quale il virus è endemico (40% della popolazione risulta sieropositivo per il virus) e nelle popolazioni del bacino del Mediterraneo (HHV8 riscontrato in circa il 10% della popolazione) (Nicoli P et al, 2009; Dossier A et al, 2013; Simpson D et al, 2018).

La variante idiopatica della forma multicentrica (iMCD) colpisce prevalentemente soggetti anziani, con una prevalenza del sesso maschile rispetto a quello femminile. L’incidenza stimata è di 5 casi per milione l’anno (Dispenzieri A et al, 2012).

 

Caratteristiche biologiche

 

L’IL-6 sembra avere un ruolo centrale sia nella forma unicentrica che in quella multicentrica della malattia, sebbene la patogenesi della malattia di Castleman sia finora scarsamente conosciuta.

Il meccanismo d’azione principale dell’IL-6 risiede nell’attivazione del suo recettore che innesca le vie di trasduzione del segnale mediate dalle Janus chinasi e dai mitogeni, con proliferazione e aumentata sopravvivenza delle cellule B. L’IL-6 svolge quindi, innanzitutto, il ruolo di fattore di crescita e di differenziazione per le cellule linfoidi (linfociti, plasmacellule etc), contribuendo alla loro espansione nel contesto delle strutture linfonodali, all’infiltrazione tissutale, all’epatosplenomegalia e alla plasmocitosi midollare reattiva con conseguente ipergammaglobulinemia policlonale (Soumerai JD et al, 2014).

Interagendo con altre citochine, inoltre, l’IL-6 causa l’espansione policlonale delle cellule T, con conseguente aumento dei linfociti T CD8+ in circolo e dei recettori solubili dell’interleuchina-2 (van Rhee F et al, 2018).

L’IL-6 induce anche l’espressione del vascular endothelial growth factor (VEGF), con conseguente aumento dell’angiogenesi e aumentata permeabilità vascolare (Aoki Y et al, 1999). Nei casi più severi, soprattutto nella malattia di Castleman idiopatica (iMCD), la microangiopatia può causare danno renale fino a una multi-organ failure, con morte del paziente.

La disregolazione dell’immunità umorale innescata dall’ IL-6 determina lo sviluppo di anticorpi antinucleo, di trombocitopenia autoimmune e/o anemia emolitica autoimmune, riscontrati in un terzo dei pazienti.

Lo stato proinfiammatorio causa l’aumento della produzione dell’epcidina, ormone regolatore l’omeostasi del ferro, con conseguente ridotto uptake del ferro a livello intestinale e anemia (Song SN et al, 2010).

Infine, l’IL-6, inibendo la produzione di albumina a livello epatico, provoca ipoalbuminemia che, associata all’aumentata permeabilità vascolare, induce la formazione di edemi, ascite, versamenti pleuro-pericardici di entità variabile, fino ad uno stato anasarcatico.

Nei casi di MCD HHV-8+, l’aumento di attività dell’IL-6 potrebbe essere causata dall’infezione virale incontrollata. È stato dimostrato, infatti, che le cellule infettate esprimono la variante virale dell’IL-6 che, mimando l’IL-6, è in grado di determinare la stimolazione degli stessi pathways proinfiammatori. Nella variante plasmacellulare della MCD HHV8+, l’utilizzo in immunoistochimica di anticorpi per l’antigene nucleare 1 dell’HHV8 (LANA-1) ha permesso di dimostrare come il virus infetti principalmente le cellule della zona mantellare dei follicoli (che, in alcuni casi, possono essere co-infettate con il virus Ebstein-barr [EBV+]). Le cellule linfoidi infettate presentano caratteristiche simili ai plasmoblasti, quali alti livelli citoplasmatici di immunoglobuline, quasi sempre IgMλ, positività per il CD38, MUM1/IRF4 e BLIMP1 e negatività per CD20, PAX5, CD30 e CD138 (Dupin N et al, 2000; Chadburn A et al, 2008).

Nella forma MCD HHV8-, sono stati ipotizzati tre diversi meccanismi patogenetici responsabili della tempesta di citochine e chemochine: un meccanismo autoimmune/autoinfiammatorio, un meccanismo paraneoplastico e un meccanismo causato da un agente patogeno (Fajgenbaum DC et al, 2014) (Figura I).

 

Figura I – Ipotesi patogenetiche nella iMCD (Fajgenbaum DC et al, 2018).

 

Il meccanismo patogenetico considerato più probabile nella iMCD è quello autoimmune/autoinfiammatorio, basato sull’ipotesi di eventi diversi che portano all’attivazione di uno stato infiammatorio: a) autoanticorpi che innescano il rilascio di citochine proinfiammatorie da parte di cellule presentanti l’antigene, con conseguente ipersecrezione di IL-6 o di altre citochine patologiche; b) disregolazione del segnale in una cellula presentante l’antigene o in un’altra cellula non ancora identificata, ipersecernente citochine, con aumentato rilascio di IL-6 o altre citochine patologiche; c) difetto nella regolazione delle cellule infiammatorie attivate. La tempesta di citochine e di chemochine è perpetuata da un feedback positivo di IL-6 e di altre citochine patologiche, e/o di eventuali ulteriori stimolazioni autoanticorpali.

L’ipotesi patogenetica di una sindrome paraneoplastica si basa sul riscontro della presenza di una mutazione somatica a carico di cellule neoplastiche all’interno o all’esterno del linfonodo, che causa il rilascio di citochine costitutive. Dati preliminari suggeriscono che la mutazione somatica avvenga a livello delle cellule stromali linfonodali (Chang KC et al, 2014).

La terza ipotesi, al momento la meno probabile, chiama in causa un agente patogeno, quale un’infezione da HHV8 clinicamente non rilevabile, o un nuovo virus, o un altro agente non ancora identificato che stimola la produzione di citochine proinfiammatorie. Indipendentemente dall’eziologia, la tempesta di citochine e chemochine è alla base delle manifestazioni cliniche e delle caratteristiche istopatologiche dell’iMCD.

Il meccanismo che porta alla coesistenza della CD con patologie autoimmuni in uno stesso paziente rimane poco chiaro. Probabilmente questi disturbi condividono le stesse caratteristiche fisiopatologiche. L’ipotesi alla base dello sviluppo dell’iMCD è legata all’iperproduzione di IL-6 (Fajgenbaum DC et al, 2014). IL-6, come citochina multifunzionale, può essere responsabile dei fenomeni autoimmuni che si riscontrano nell’iMCD, inducendo un’aumentata produzione di autoanticorpi da parte dei Linfociti B (Yoshizaki K et al, 2018). Inoltre, l’IL-6 può anche portare alla disregolazione della risposta immunitaria cellulare inducendo la proliferazione e la differenziazione dei linfociti T (Kishimoto T, 2010). In particolare, in uno studio retrospettivo pubblicato nel 2021 (Sun DP et al, 2021), su pazienti con CD associati a patologie autoimmuni, è stata riscontrata una significativa riduzione delle cellule T CD3+, e in misura minore delle CD4+, nel sangue periferico di questi pazienti, indice di una deregolazione della risposta immunitaria cellulare, probabilmente indotta dall’aumentata produzione di IL-6. Inoltre, in questi pazienti, è stato osservato un aumento del numero delle cellule NK, che suggerisce una partecipazione di alterazioni del sistema immunitario innato allo sviluppo di disordini autoimmuni.

 

Caratteristiche genetiche

 

Alterazioni citogenetiche nella malattia di Castleman sono riportate raramente, dal momento che la valutazione citogenetica non rientra nel normale workup diagnostico. In una recente revisione della letteratura di studi citogenetici e molecolari in pazienti con CD, alterazioni citogenetiche e dati molecolari sono stati identificati, rispettivamente, in 7 e 104 casi (Butzmann A et al, 2021) (Figura II).

 

Figura II.  Alterazioni genetiche e molecolari presenti nella CD (Butzmann A et al, 2021).

 

Un cariotipo complesso è stato osservato in tutti e 7 i casi riportati. Le anomalie cromosomiche riportate includevano traslocazioni, delezioni, inversioni e anomalie aggiuntive, quale la trisomia 18 in un paziente UCD. Il cromosoma più frequentemente coinvolto è stato il 7 (5/7 casi).

Due recenti studi di sequenziamento hanno identificato mutazioni puntiformi specifiche per la UCD e per l’iMCD, non riscontrate in altre patologie ematologiche; precisamente, la mutazione PDGFRB N666S è stata riscontrata in 7 dei 41 pazienti con UCD-HVV (17%) e la mutazione NCOA4 L261F in 4 dei 22 pazienti con iMCD (18%) (Li Z et al, 2019; You L et al, 2019). Precedenti studi di Genome-Wide Association Study (GWAS) hanno dimostrato che i geni coinvolti nell’organizzazione della cromatina, come SETD1A, ASH1L, KMT2E, e DNMT3A, sono mutati esclusivamente nei pazienti con iMCD, mentre le anomalie genetiche a carico delle vie di segnale di MAPK (PTPRR, ERBB2, FAS, STK3 e TGFBR2) e di quelle dell’interleuchina (PDGFRB, FGFR3, NF1, PIM1, PTPN6, and IL6ST) sono state più frequentemente identificate nei pazienti con UCD, e più raramente in quelli con iMCD (Legras A et al, 2018; Hyun K et al, 2017).

 

Caratteristiche cliniche

 

Malattia di Castleman unicentrica

 

I pazienti con la UCD possono essere asintomatici. Nella maggior parte dei casi, sono presenti linfoadenopatie non dolenti, che possono essere superficiali e profonde. Le sedi più comunemente coinvolte sono le stazioni linfonodali mediastiniche (30%), laterocervicali (23%), addominali (20%), retroperitoneali (17%); meno frequente è l’interessamento dei linfonodi ascellari (5%), inguinali (3%) e pelvici (2%) (Talat N et al, 2012). Il coinvolgimento dei linfonodi mediastinici si manifesta con segni e sintomi tipici della sindrome mediastinica (dispnea, tosse, ostruzione delle strutture venose) e la diagnosi differenziale va fatta con altre patologie che possono interessare il mediastino. In questa forma, si riscontrano raramente alterazioni degli esami ematochimici, tranne che in alcuni casi della variante plasmacellulare, in cui oltre alle linfoadenopatie sono presenti sintomi sistemici infiammatori (febbre, sudorazioni profuse, astenia e dimagrimento) e alterazioni degli esami ematochimici (Soumerai JD et al, 2014).

 

Malattia di Castleman multicentrica

 

I pazienti con la MCD presentano linfoadenopatie coinvolgenti sedi multiple, importante organomegalia (epato e/o splenomegalia) e la presenza di segni e sintomi sistemici, di cui i più frequenti sono la ritenzione idrica, la citopenia e un’alterazione della funzionalità epatica e renale.

Altre manifestazioni cliniche che possono essere presenti e complicare l’andamento della malattia sono un’amiloidosi renale, una glomerulonefrite membrano-proliferativa, una neuropatia periferica, una compromissione polmonare, rash e/o iperpigmentazione cutanea. La storia naturale di questa forma può essere variabile. In alcuni casi il decorso è indolente mentre in altri può avere un andamento aggressivo fino a portare all’exitus del paziente (Soumerai JD et al, 2014).

La forma multicentrica può essere associata a quadri clinici più complessi, quali la sindrome TAFRO e la sindrome POEMS.

La sindrome TAFRO è un disturbo infiammatorio sistemico acuto o subacuto caratterizzato da sintomi sistemici e compromissione d’organo. Il quadro clinico è caratterizzato da febbre, trombocitopenia, epatosplenomegalia, fibrosi midollare, disfunzione renale, versamento pleurico e ascite (Masaki Y et al, 2016). Si tratta di una malattia grave, che spesso richiede il ricovero in terapia intensiva. La causa è ad oggi sconosciuta. È caratterizzata da una tempesta di citochine, con riscontro di elevati livelli di IL-6, VEGF e altre citochine (Liu AY et al, 2016; Fajgenbaum DC et al, 2014). Questa sindrome è stata descritto per la prima volta in una serie di soggetti giapponesi nel 2010 (Takai K et al, 2010).  Da allora, sono stati pubblicati casi con le stesse caratteristiche in altre parti del mondo (Iwaki N et al, 2016). Finora, la maggior parte dei casi venivano etichettati come sindrome di TAFRO nella categoria più ampia dell’iMCD, mentre gli attuali criteri diagnostici la descrivono come un’entità separata (Masaki Y et al, 2016), dal momento che le sue caratteristiche cliniche sono diverse da quelle della forma classica, MCD-NOS (Iwaki N et al, 2016).

Uno studio retrospettivo giapponese ha riportato i dati di 83 pazienti con sindrome TAFRO inseriti nel “Multicenter Collaborative Retrospective Study for Establishing the Concept of TAFRO Syndrome Registry”, analizzati per identificare eventuali fattori prognostici. Questa analisi ha evidenziato potenziali fattori prognostici, tra i quali l’età ≥ 60 anni e la concentrazione di D-dimero ≥ 18 μg/dL sono risultati essere i principali fattori prognostici sfavorevoli. I risultati ottenuti in questo studio hanno permesso lo sviluppo di uno score prognostico per la sindrome di TAFRO (TP-PSS), con stratificazione dei pazienti con TAFRO in fasce di rischio. Lo score prognostico TS-PSS necessita, tuttavia, di validazione con studi prospettici (Kawabata H et al, 2021).

La sindrome di POEMS è una sindrome paraneoplastica, caratterizzata, oltre che da polineuropatia, epatosplenomegalia, endocrinopatia, picco monoclonale e alterazioni cutanee, anche da papilledema, ritenzione extravascolare, lesioni ossee sclerotiche, trombocitosi, alterata funzionalità polmonare ed elevati livelli di VEGF (Dispenzieri A, 2012). Per definizione, è associata ad un disturbo monoclonale delle plasmacellule con gammopatia monoclonale, nella maggior parte dei casi ristretta per le catene leggere di tipo lambda.

I pazienti con la forma multicentrica associata ad infezione da HHV8 (MCD HHV8+) possono presentare, all’esordio, segni e sintomi di una sindrome emofagocitica.

 

Approccio diagnostico

 

Essendo una patologia linfoproliferativa, il riscontro clinico sempre presente in questi pazienti è l’aumento delle dimensioni delle stazioni linfonodali superficiali e/o profonde. La diagnosi di certezza è istologica, della biopsia escissionale o incisionale della struttura linfonodale interessata.

Nel 2017, il lavoro condiviso di patologi e clinici ha portato alla caratterizzazione dei diversi sottotipi istologici e alla formulazione di criteri diagnostici della forma multicentrica (Wu D et al, 2018; Dispenzieri A e Fajgenbaum DC, 2020) (Figura III).

Il quadro isto-patologico è eterogeneo. È possibile identificare quattro istotipi caratteristici:

  1. Variante ialino-vascolare. I follicoli appaiono atrofici con una deplezione delle cellule linfoidi e una prevalenza di cellule dendritriche follicolari. I linfociti della zona mantellare circondano i follicoli producendo un aspetto cosiddetto “onion skin like”. All’interno di queste strutture possono essere presenti alcuni piccoli e sclerotici sinusoidi, con l’aspetto a “lollipop”. Le cellule dendritiche follicolari possono presentare delle caratteristiche displastiche e i sinusoidi sono tipicamente ridotti. La variante ialino-vascolare si riscontra principalmente nella UCD.
  2. Variante ipervascolare. Le caratteristiche istopatologiche sopradescritte associate ad un aumento della vascolarità definiscono questa variante, tipica delle forme multicentriche associate a TAFRO.
  3. Variante plasmacellulare. L’architettura linfonodale è conservata, con centri germinativi iperplastici e con aggregati di plasmacellule solitamente di aspetto maturo nelle zone interfollicolari. Nei quadri di MCD HHV-8 associata, può esserci, invece, un aumento di plasmacellule immature (plasmoblasti). La variante plasmacellulare si riscontra principalmente nelle forme multicentriche, sia HHV8+ sia idiopatiche associate o meno a TAFRO, più raramente nella UCD.
  4. Variante mista. È caratterizzata dalla contemporanea presenza, nello stesso linfonodo, delle caratteristiche istologiche della variante ipervascolare e plasmacellulare. Frequentemente, si può osservare una regressione dei centri germinativi con un infiltrato plasmacellulare. Questa variante si può riscontrare sia nella forma UCD che nella MCD.

I quadri istologici descritti sono simili a quelli delle varianti ialino-vascolare e plasmacellulare che si possono riscontrare in molti quadri reattivi (sindromi autoimmuni, infezioni) e in alcuni casi di linfoma di Hodgkin o non-Hodgkin. Per la diagnosi differenziale, diventa mandatoria la caratterizzazione immunoistochimica.

Applicando questi criteri, ogni variante istopatologica è associata ad un ampio spettro di manifestazioni cliniche, per cui l’istopatologia è indispensabile per la diagnosi di CD, ma non per la definizione del sottotipo di patologia.

 

Figura III. Varianti istologiche e classificazione clinica Malattia di Castleman (Dispenzieri A e Fajgenbaum DC, 2020).

 

Work-up diagnostico

 

Se una prima biopsia linfonodale non è diagnostica per malattia di Castleman, ma sussiste il sospetto clinico, può essere giustificata una seconda biopsia (Dispenzieri A e Fajgenbaum DC, 2020). Dopo una diagnosi istologica di malattia di Castleman, è importante eseguire indagini ematochimiche e strumentali per una precisa definizione della malattia (Tabella I). Innanzitutto, è importante valutare il numero di stazioni linfonodali coinvolte con indagini strumentali quali radiografia, ecografia, TC o PET-TC. Si consiglia l’uso della PET-TC perché, sfruttando le sue caratteristiche, è possibile escludere eventuali processi neoplastici. Infatti, il riscontro di un SUV >6 può essere indice di un processo linfoproliferativo. Se la PET-TC evidenzia una sede con un SUV>6 è importante eseguire un’altra biopsia nella sede ipercaptante per escludere un concomitante linfoma. L’interessamento linfonodale a carico di una singola stazione identifica la forma unicentrica, quello coinvolgenti più sedi definisce la forma multicentrica.

Alla diagnosi, è indispensabile la ricerca del virus HHV8 e dell’HIV nel linfonodo per la diagnosi differenziale fra la forma multicentrica HHV8-associata e quella idiopatica. Non trova, invece, utilità la valutazione anticorpale per HHV8 (IgG/IgM), dal momento che non è né sensibile né specifica. La positività per HHV8 su biopsia linfonodale e/o nel sangue circolante depone per una diagnosi di malattia di Castleman HHV8-associata. Il monitoraggio della carica virale dell’HHV8 nel sangue venoso periferico, fin dall’esordio, è importante per valutare l’andamento della patologia e la risposta al trattamento.

Per la valutazione dello stato infiammatorio è indispensabile eseguire indagini ematochimiche quali l’esame emocromocitometrico, la funzionalità renale ed epatica, la proteina C reattiva (PCR), la VES, il fibrinogeno, l’elettroforesi con il dosaggio delle proteine sieriche e la ferritina. Altre indagini consigliate sono l’esame urine, la sierologia per HIV, la valutazione cardiologica, e, in caso di sintomi polmonari, le prove di funzionalità respiratoria.

 

Tabella I. Work-up diagnostico nella malattia di Castleman (Fajgebaum DC et al, 2017).

 

Nel sospetto di concomitanti patologie autoimmuni è necessario approfondire con uno screening per la valutazione dell’autoimmunità.

Per escludere patologie ematologiche quali mieloma e linfoma, e/o valutare la presenza di fibrosi reticolinica è utile l’esecuzione della biopsia osteomidollare.

Nei pazienti con sospetta iMCD-TAFRO, sono raccomandati i test coagulativi compresi i D-Dimeri per un’eventuale coagulopatia intravascolare disseminata (CID) e una biopsia del midollo osseo per valutare la fibrosi reticolinica e l’iperplasia megacariocitica.

Nel caso di una MCD HHV8-negativa con associata neuropatia, è importante l’esecuzione di indagini radiologiche mirate alla ricerca di lesioni ossee con sclerosi, la valutazione di una componente monoclonale sierica e urinaria, indagini endocrinologiche (tiroide, surrene, asse ipotalamo-ipofisario e gonadi). Sono consigliati anche una valutazione osteomidollare per la ricerca di plasmacellule clonali e un esame neurologico completo e approfondito.

Altri esami ematochimici più specifici e mirati, quali il dosaggio della IL-6, VEGF, sIL-2 receptor che valutano il profilo delle citochine, non sono attualmente facilmente disponibili ed eseguibili in tutti i centri.

 

Criteri diagnostici della iMCD

 

Per un corretto inquadramento diagnostico, oltre al quadro istologico, è importante valutare i sintomi, le manifestazioni cliniche e alcuni dati di laboratorio (Tabella II).

Per una diagnosi di certezza della iMCD è necessaria la presenza di entrambi i criteri clinici maggiori (aumento del volume linfonodale in ≥2 stazioni linfonodali e istopatologia) e almeno 2/11 criteri minori, che comprendono 6 criteri di laboratorio (gli indici di flogosi, la presenza di alterazioni della crasi ematica, dosaggio dell’albumina e valutazione della funzionalità renale) e 5 criteri clinici (presenza di sintomi sistemici, organomegalia, edemi, versamenti e/o anasarca, lesioni cutanee e polmonite interstiziale). E’ necessario, inoltre, escludere alcune patologie infettive, autoimmunitarie o oncologiche (Tabella II).

 

Tabella II. Criteri di inclusione ed esclusione per la diagnosi di iMCD (Dispenzieri A e Faigenbaum DC, 2020).

 

Nell’ambito dell’iMCD, si raccomanda particolare attenzione nella diagnosi differenziale tra la iMCD-TAFRO e la iMCD classica, dal momento che la presentazione clinica e l’andamento sono molto diversi, essendo il sottotipo clinico l’iMCD-TAFRO più grave. Sono stati proposti criteri diagnostici specifici per l’iMCD-TAFRO (Tabella III) (Iwaki N et al, 2016).

In particolare, mentre l’iMCD ha una clinica indolente, con ipergammaglobulinemia policlonale, multiple linfoadenopatie, stato di infiammazione, anemia e trombocitosi, la sindrome TAFRO ha un esordio e un decorso acuti, con normo o ipogammaglobulinemia, trombocitopenia, linfoadenopatie di piccole dimensioni e anasarca, fino ad arrivare a versamento pleurico massiccio e ascite. Diversi studi hanno dimostrato che l’istologia linfonodale dei pazienti con sindrome di TAFRO e pazienti con iMCD è simile, con caratteristiche spesso sovrapposte (Fujimoto S et al, 2019).

 

Tabella III. Criteri diagnostici per la iMCD-TAFRO (Iwaki N et al, 2016).

 

La iMCD-NOS comprende i casi che non soddisfano i criteri per l’iMCD-TAFRO.

Rispetto a quelli con iMCD-TAFRO, i pazienti con la forma classica tendono ad avere un quadro ed un decorso clinico meno aggressivo e una maggiore risposta alla terapia corticosteroidea.

Per una diagnosi corretta di MCD-POEMS, sono necessari: la presenza di poliradiculoneuropatia e gammopatia monoclonale, associate a uno dei seguenti criteri: lesioni ossee sclerotiche, elevato VEGF o quadro istologico compatibile con malattia di Castleman (Dispenzieri A et al, 2019).

 

Diagnosi differenziale

 

Sono diverse le patologie autoimmuni, infettive e neoplastiche che possono avere gli stessi sintomi della malattia di Castleman e/o che possono essere ad essa associate (Tabella IV).

 

Tabella IV. Patologie da escludere nella diagnosi differenziale di malattia di Castleman (Fajgenbaum DC et al, 2017).

 

Dal punto di vista clinico, la diagnosi differenziale di iMCD va fatta con malattie autoimmuni o disreattive, infettive ed emopatie maligne. Il lupus eritematoso sistemico (LES) e la linfoistiocitosi emofagocitica (HLH) sono da prendere in considerazione per la diagnosi differenziale della iMCD-TAFRO, mentre l’ALPS, la malattia da IgG4 e la malattia di Rosai-Dorfman sono da considerare per quella della iMCD-NOS.

 

Esami strumentali

 

La TC è stata ed è utilizzata come indagine strumentale di routine nei pazienti con CD per identificare e caratterizzare i linfonodi per dimensione, forma e presa di contrasto (Ye B et al, 2010). Le linfoadenopatie nell’UCD, nella MCD associata a HHV-8, nella MCD associata a POEMS e nella iMCD mostrano una rapida presa di contrasto (Kwon S et al, 2013). Nella iMCD e nelle forme associate ad HHV-8 e a POEMS possono essere presenti anche epatosplenomegalia e altre anomalie di imaging organo-specifiche. In particolare, si possono osservare ispessimento dei setti interlobulari, dei fasci broncovascolari e si possono riscontrare noduli centrolobulari che si presentano con cisti a parete sottile o come opacità a vetro smerigliato (Luo JM et al, 2015; Kligerman SJ et al, 2016; Oksenhendler E et al, 2018).  I principali limiti della TC sono: la mancata identificazione di un coinvolgimento di linfonodi di dimensioni normali; l’incapacità di distinguere tra iperplasia linfonodale reattiva e ingrossamento linfonodale patologico. Inoltre, in alcuni casi, le immagini ottenute con la TC non permettono di distinguere una compromissione linfonodale da CD e quella da patologie autoimmuni, neoformazioni maligne o infettive (Fajgenbaum DC et al, 2017; Chen LYC et al, 2019). Per questo, nelle ultime linee guida, la FDG-PET/TC è stata consigliata come alternativa alla sola TC (van Rhee F et al, 2018), dal momento che, fornendo informazioni sia strutturali che metaboliche, questa indagine può aumentare la specificità e la sensibilità nell’identificazione dei linfonodi coinvolti. In particolare, può identificare piccoli linfonodi con elevato assorbimento dell’FDG che alle immagini TC verrebbero trascurati e può fornire un aiuto nell’identificare le strutture linfonodale o le lesioni potenzialmente diagnostiche. Anche se le scansioni PET ci permettono di identificare linfonodi e lesioni ad elevato metabolismo glucidico, per ottenere una diagnosi definitiva sono necessari indagini di laboratorio e l’esame istologico della lesione sospetta (Hill AJ et al, 2015; Rassouli N et al, 2018; Ding Q et al, 2016; Mohseni S et al,van Rhee et al, nel 2018 2014, He L et al, 2023).

Oltre che nel work-up diagnostico, la FDG-PET/TC può essere utilizzata per monitorare la risposta al trattamento (Elboga U et al, 2012). In particolare, può essere d’ausilio nel confermare una risposta completa al trattamento e per consentire una diagnosi precoce di recidiva di malattia o di refrattarietà al trattamento (Akosman C et al, 2011). È importante segnalare che, nella forma di MCD associato ad HHV-8, la concomitante infezione virale può produrre delle immagini PET falsamente positive, dovute alla viremia. Anche la presenza di seconde neoplasie e di malattie infiammatorie possono complicare il monitoraggio del CD (Jain L et al, 2018). Per questi motivi, le immagini PET devono essere sempre integrate con risultati clinici e di laboratorio.

Negli ultimi anni, l’applicazione di tecniche correlate alla FDG-PET/TC si stanno rivelando utili strumenti per il monitoraggio del CD: il Dual Timepoint Imaging FDG-PET (DTP) e il punteggio globale della malattia (GDS). Il DTP prevede un’acquisizione aggiuntiva ad un tempo ritardato (ad es. 3 ore o più dopo la somministrazione di FDG) ed è utile nel discriminare una lesione neoplastica da una infiammatoria. La maggior parte delle neoplasie mostra il massimo assorbimento di FDG ben oltre i 60 minuti dopo la somministrazione a differenza dei tessuti normali o di lesioni di carattere infiammatorio che presentano un calo di concentrazione di FDG nel tempo (Borja A et al, 2020; Cheng G et al, 2013). Il GDS è un punteggio che riflette il carico totale di malattia e la sua attività metabolica al momento dell’esame PET; è utile perché può permettere di monitorizzare l’attività di malattia e l’efficacia del trattamento (Høilund-Carlsen PF et al, 2019).

 

Trattamento e outcome

 

Approccio terapeutico della forma unicentrica

 

Il trattamento standard della forma unicentrica è l’escissione chirurgica completa che è curativa, con risoluzione dei sintomi e degli indici alterati di laboratorio. Nei casi associati a penfigo, le lesioni possono, anche se non sempre, migliorare entro l’anno (Caneppele S et al, 2000; Fujimoto W et al, 2002).

La compromissione renale non amiloidosica può risolversi entro 12 mesi dalla rimozione chirurgica (Ruggieri G et al, 1990), mentre nelle forme associate ad amiloidosi i sintomi in genere migliorano nel corso degli anni successivi (Mandreoli M et al, 2002; Lachmann HJ et al, 2002).

Se l’escissione chirurgica non è praticabile, si ricorre a trattamenti specifici mirati alla riduzione della massa linfonodale: embolizzazione arteriosa, radioterapia locale in casi selezionati, o terapia sistemica con anticorpi monoclonali anti-CD20 (rituximab) e anti-IL-6 (siltuximab/tociluzumab) in caso di uno stato infiammatorio acuto (Dispenzieri A, 2008; van Rhee F et al, 2018; Boutboul D et al, 2019).

In una recente revisione di 278 casi di UCD pubblicati, di cui 249 trattati chirurgicamente, 16 con terapia immunosoppressiva e 13 con chirurgia e terapia immunosoppressiva, la sopravvivenza a dieci anni libera da malattia è risultata essere del 90%, migliore nei pazienti con linfoadenopatia periferica (Talat N et al, 2012).

 

Approccio terapeutico della forma multicentrica

 

Per quanto riguarda il trattamento della MCD, differenti terapie sono state utilizzate nel corso degli anni: dalla chirurgia e radioterapia, agli steroidi, al rituximab, alla chemioterapia, al trapianto di cellule staminali autologhe, fino agli anticorpi monoclonali anti-IL-6, e agenti immunomodulatori come il bortezomib, talidomide, antagonisti di IL-1 (van Rhee F et al 2018).

Prima dell’introduzione nella pratica clinica della terapia anti-IL-6, la sopravvivenza globale a 5 anni era del 65% per l’iMCD (presunto HHV8 negativo e HIV negativo) (Dispenzieri A et al, 2012). In una recente revisione di 253 pazienti con la forma multicentrica con un follow-up di 20 anni, la sopravvivenza globale a 5 anni era del 100% nella iMCD, dell’89% nella MCD-HHV8+ HIV-negativa, e del 65% nella MCD-HHV8+, HIV-positiva (Oksenhendler et al, 2018).

 

Farmaci utilizzati nella forma multicentrica

 

  1. Possono ridurre gli effetti della tempesta citochinica, e vengono utilizzati ad alto dosaggio soprattutto nei pazienti con iMCD in gravi condizioni cliniche all’esordio. L’utilizzo in monoterapia di steroidi porta ad un momentaneo raggiungimento della risposta che, tuttavia, non riesce ad essere mantenuta nel lungo termine, con recidive di malattia durante la riduzione (Herrada J et al, 1998; Bowne WB et al, 1999; Chronowski GM et al, 2001). Attualmente, la terapia steroidea viene utilizzata all’esordio della patologia per il controllo dei sintomi sistemici, in associazione ad anticorpi monoclonali o in combinazione con chemioterapia (Nishimoto N et al, 2005; van Rhee F et al, 2014).
  2. Chemioterapia. Non esistono studi clinici sull’efficacia della chemioterapia nella forma multicentrica, in cui vengono utilizzati schemi attivi nelle patologie linfoproliferative. Gli schemi terapeutici più frequentemente impiegati sono: CHOP (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone), CVAD (ciclofosfamide, vincristina, adriamicina, etoposide) associati o meno al rituximab, e VTDPACE (bortezomib, desametasone, talidomide, cisplatino, adriamicina, ciclofosfamide, etoposide) (van Rhee F et al, 2010 e 2018; Zhu SH et al, 2013). Purtroppo, la risposta alla polichemioterapia non è duratura, con una elevata percentuale di recidive di malattia, soprattutto nei primi 6 mesi (Chronowski GM et al, 2001; Liu AY et al, 2016). Attualmente, nella iMCD, la chemioterapia è indicata come terapia di salvataggio nei pazienti resistenti agli anticorpi monoclonali.
  3. Rituximab: l’anticorpo monoclonale anti-CD20 è stato utilizzato inizialmente per il trattamento dei pazienti HIV-positivi con MCD associata a infezione da HHV-8, ottenendo ottimi risultati (Ide M et al, 2003; Bower M et al, 2007; Gerard et al, 2007; Bower M et al, 2011; Gerard L et al, 2012; Uldrick TS et al, 2014). Il rituximab agisce eliminando un reservoir di linfociti B CD20+ e di plasmoblasti nei quali il virus HHV-8 è replicato e/o va a replicarsi. Il rituximab è stato anche impiegato come terapia di prima linea in casi sporadici di MCD-NOS, ma non in studi clinici controllati (Ocio EM et al, 2005; Ide M et al, 2003; Gholam D et al, 2003).
  4. Anticorpi monoclonali anti-IL-6. Gli anticorpi monoclonali anti IL-6 agiscono bloccando la formazione del complesso IL-6/recettore IL-6, con conseguente inibizione dell’attivazione del pathway JAK/STAT. Ad oggi sono disponibili due anti IL-6: il tocilizumab e il siltuximab. Il tocilizumab (Igk umanizzato che lega sia il recettore di IL-6 solubile che quello legato alla membrana) è stato testato con successo per la prima volta nel 2005 in Giappone in 35 pazienti con iMCD. I risultati sono stati confermati in uno studio successivo che ha portato alla sua registrazione come farmaco orfano (Nishimoto N et al, 2000; Nishimoto N et al, 2007; Matsuyama M et al, 2007). Tuttavia, tale farmaco non è stato mai testato nell’ambito di studi clinici randomizzati, e ad oggi risulta approvato come terapia di prima linea solo in Giappone. Il siltuximab (Igk chimerico umano-murino che si lega direttamente all’IL-6) è stato, invece, valutato in un primo studio di fase I e successivamente in uno studio prospettico randomizzato di fase II (van Rhee F et al, 2010; Kurzrock R et al, 2013; Casper C et al, 2015; van Rhee F et al, 2015). Entrambi gli studi hanno dimostrato l’efficacia del farmaco e hanno portato alla sua registrazione come terapia di prima linea nella iMCD in USA, Europa, Canada e Brasile. La risposta clinica alla terapia con anti-IL-6 è rapida e insorge dopo la terza o la quarta dose. Anche gli esami di laboratorio rispecchiano l’andamento clinico, con progressiva normalizzazione entro le prime settimane di trattamento (Liu YC et al, 2014). La riduzione delle linfoadenopatie può essere più lenta, con un tempo mediano di risoluzione di 5 mesi. Le valutazioni radiologiche per monitorare la risposta alla terapia prevedono l’esecuzione di TC ogni 3 mesi fino al raggiungimento della remissione e successivamente controlli di follow-up ogni 6 o 12 mesi. Il trattamento con anticorpi monoclonali anti-IL-6 (siltuximab, tocilizumab) risulta efficace nel 30-35% dei casi. La sopravvivenza di questi pazienti a 5 anni varia dal 55 al 75% (van Rhee F et al, 2018). Gli effetti collaterali correlati agli anti-IL-6 sono principalmente una modica piastrinopenia, ipertrigliceridemia, ipercolesterolemia e prurito. Purtroppo, né il tocilizumab né il siltuximab risultano essere curativi, perché alla loro sospensione si verificano recidive di malattia. Pertanto, il loro utilizzo è indicato anche dopo l’ottenimento della risposta completa (aumentando l’intervallo di tempo a sei settimane fra una dose e la successiva).
  5. Agenti immunomodulanti. Sono stati riportati solo pochi casi sporadici trattati con diversi farmaci immunomodulanti. L’anakinra, inibitore dell’IL-1, è stato impiegato con successo in due casi (un bambino e un adulto) con MCD non rispondente (Galeotti C et al, 2008; El-Osta H et al, 2010). Il suo meccanismo d’azione si esplica sull’inibizione dell’IL-1 che coadiuva con IL-6 per la cascata citochinica attivando il fattore nucleare kappa B (NF-kB). Il bortezomib, che agisce bloccando la cascata di NF-kB, è stato utilizzato in monoterapia o in associazione a chemioterapia in alcuni pazienti con iMCD (Lin Q et al, 2015; Hess G et al, 2006; Yuan ZG et al, 2009). Altri agenti immunomodulanti sporadicamente utilizzati nella MCD risultano essere: la talidomide, che inibisce la produzione di IL-1, IL-6, IL-12, TNF-a e VEGF (Starkey CR et al, 2006; Lee FC et al, 2003), la ciclosporina, inibitore della calcineurina, e il sirolimus, inibitore di m-TOR (Yamaga Y et al, 2016).
  6. Altre terapie. L’approccio chirurgico ha una indicazione limitata nei pazienti con MCD. In uno studio su 127 pazienti con MCD, è emerso che il debulking, associato o meno a una terapia sistemica, non migliora la sopravvivenza globale a 10 anni (Talat N et al, 2012). La splenectomia è indicata nella gestione dell’anemia emolitica resistente al trattamento farmacologico (Lerza R et al, 1999). La radioterapia locale può avere indicazione nei pazienti con MCD e sindrome POEMS associata a plasmocitoma isolato (Chronowski GM et al, 2001). Per quanto riguarda il trattamento della MCD, è fondamentale identificare le sue varianti, al fine di attuare una adeguata e specifica terapia.

 

Terapia della forma multicentrica associata ad HHV-8

 

Nei pazienti con MCD HHV8-correlata, in assenza della positività per HIV (HHV8+/HIV-), il rituximab, associato o meno a chemioterapia sistemica rappresenta la terapia di scelta (Marcelin AG et al, 2003; Hoffmann C et al, 2011; Gerard L et al, 2012; Uldrick TS et al, 2014). Anche se i plasmoblasti infetti da HHV8 spesso non esprimono livelli elevati di CD20, la terapia comprendente il rituximab ha migliorato drasticamente la sopravvivenza dei pazienti con MCD-HHV8+ dal 33% al 90% (Bower M et al, 2011; Pria AD et al, 2017). Nei pazienti con un adeguato performance status e assenza di sindrome emofagocitica, anemia emolitica e/o danno d’organo, il rituximab è usato come agente singolo settimanale per 4 settimane, mentre nei pazienti ad alto rischio è consigliato in associazione con etoposide (Gerard L, 2007; Bower M et al, 2007). Con tale approccio, il 95% dei pazienti ha ottenuto la remissione clinica, mentre la sopravvivenza senza ricadute e la sopravvivenza globale a 5 anni è stata, rispettivamente, dell’82% e del 92%. Inoltre, i pazienti con ricaduta rispondono con successo a un nuovo trattamento con rituximab (Gerard L et al, 2012; Pria AD et al, 2017).

In alcuni casi di MCD HHV8+/HIV-, si è dimostrata efficace la terapia antivirale con valganciclovir, in associazione alla chemioimmunoterapia (Kantarci FE et al, 2016; Murphy C et al, 2017). L’antivirale agirebbe riducendo la carica virale di HHV8, la cui scomparsa in circolo permetterebbe il mantenimento di una risposta duratura con riduzione delle recidive. L’associazione terapia antiretrovirale e chemioimmunoterapia ha portato ad un miglioramento della prognosi, con una sopravvivenza a 5 anni di circa il 90%.

Attualmente, nei pazienti con MCD HHV8 associata a HIV+ (HHV8+/HIV+) è indicata la prosecuzione o il pronto inizio della terapia antiretrovirale, in associazione alla chemioimmunoterapia (Hoffmann C et al, 2011).

Terapia della forma multicentrica idiopatica (HHV8 negativa)

 

Nel 2018, nell’ambito del CDCN, sono state pubblicate le prime linee guida per il trattamento della iMCD, sulla base della revisione di 244 casi (van Rhee F et al, 2018). Secondo tali linee guida internazionali, la scelta della strategia terapeutica più adeguata deve, innanzitutto, basarsi sulla valutazione della gravità della sintomatologia clinica, in particolare sul performance status e sulla presenza di disfunzione d’organo. Grazie all’esperienza clinica e alla disponibilità di diversi farmaci efficaci è stato proposto un algoritmo terapeutico (Figura IV) che prende in considerazione le diverse forme e la risposta al trattamento, i cui criteri sono riportati nella Figura V (van Rhee F et al, 2018).

 

Figura IV. Algoritmo terapeutico per iMCD. (van Rhee F et al, 2018).

 

Figura V. Criteri di risposta al trattamento. (van Rhee F et al, 2018). (CR: risposta completa, PR: risposta parziale, SD: malattia stabile, PD: progressione di malattia).

 

In sintesi, si definisce:

  • Remissione completa (CR), la regressione delle linfoadenopatie e dei sintomi iniziali, e la normalizzazione dei valori ematochimici e degli indici di flogosi.
  • Risposta parziale (PR), la riduzione, ma non la completa scomparsa, delle linfoadenopatie, il miglioramento dei sintomi sistemici e degli indici biochimici di malattia.
  • Malattia stabile (SD), la persistenza di linfoadenopatie invariate di volume, di sintomi sistemici e di indici biochimici di malattia.
  • Progressione di malattia (PD), il peggioramento delle linfoadenopatie, dei sintomi sistemici e degli indici biochimici.

Per tutti i pazienti con iMCD, indipendentemente dalla gravità di malattia, il farmaco d’elezione per la terapia di prima linea è un anti-IL6, in particolare il siltuximab, associato o meno a terapia corticosteroidea.

Nei pazienti con iMCD non grave (buon performance status e nessuna compromissione d’organo), la prima scelta terapeutica ricade sull’utilizzo del siltuximab alla dose di 11 mg/kg ogni 3 settimane (van Rhee F et al, 2014). Se il siltuximab non è disponibile, è raccomandato l’uso dell’altro anti-IL-6, tocilizumab, alla dose di 8 mg/kg ogni 2 settimane, approvato per questa patologia solo in Giappone (Nishimoto N et al, 2005; Nishimoto N et al, 2007).

L’anti-IL-6 può essere associata alla terapia cortisonica a basse dosi (es. prednisone 1 mg/kg) in caso di sintomatologia sistemica.

Un altro farmaco utilizzato nel trattamento di prima linea è il rituximab alla dose di 375mg/mq/settimana per 4-8 dosi (Ocio EM et al, 2005; Ide M et al, 2003).

Circa il 50% dei pazienti trattati in prima linea con anti-IL-6 non raggiunge la risposta completa o una risposta parziale. In questi casi, è raccomandata l’esecuzione di una nuova biopsia linfonodale per una conferma diagnostica. In caso di fallimento della terapia con anti-IL6, sono disponibili diverse opzioni terapeutiche: corticosteroidi, rituximab, talidomide, lenalidomide, bortezomib, ciclosporina, sirolimus, interferone e chemioterapia (Andres E & Maloisel F, 2000; Dispenzieri A et al, 2012; Liu AY et al, 2016; Yu L et al, 2017; van Rhee F et al, 2018 Fajgenbaum DC et al, 2019; Zhang L et al, 2019).

I pazienti con iMCD grave (performance status ECOG >2, grave compromissione d’organo, insufficienza renale stadio IV, anasarca, grave anemia, polmonite interstiziale con dispnea) sono, nella maggior parte dei casi, pazienti critici che necessitano di ricoveri in terapia intensiva. La terapia di prima linea di questi pazienti prevede l’utilizzo di steroidi ad alte dosi (es. metilprednisolone 500 mg al giorno) per il trattamento dei sintomi sistemici, associata a somministrazioni settimanali di anti-IL-6 (siltuximab, 11 mg/kg/die) (van Rhee F et al, 2014). I pazienti che rispondono alla terapia possono successivamente prolungare l’intervallo di tempo della somministrazione di siltuximab a ogni 3 settimane, riducendo anche progressivamente lo steroide. Nel caso in cui non si verifichi una pronta risposta alla terapia cortisonica e immunoterapica, ma si osservi un peggioramento clinico con disfunzione d’organo, è consigliato un approccio con schemi terapeutici lymphoma-like quali: R-CHOP (rituximab, ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone), CVAD (ciclofosfamide, vincristina, doxorubicina e prednisone) o CVP (ciclofosfamide, vincristina e prednisone) oppure myeloma-like: VTD-ACE-R (bortezomib, talidomide, desametasone, doxorubicina, ciclofosfamide, etoposide e rituximab). I tassi di risposta alla chemioimmunoterapia sono elevati, pari al 78%, ma limitati da tossicità e comparsa di recidive.

Le prospettive terapeutiche dei pazienti non rispondenti alle terapie di prima linea o recidivati sono poco definite. Casi sporadici sono stati trattati con agenti immunomodulanti, con schemi tipo VTD (bortezomib, talidomide, desametasone) oppure il trapianto di cellule staminali autologo o allogenico. (Repetto L et al, 1986; Ogita M et al, 2007; Tal Y et al, 2011; Angenendt L et al, 2015).

L’elevata percentuale di pazienti con iMCD non rispondenti agli anti-IL-6 ha incoraggiato la ricerca di biomarcatori predittivi della risposta, utili nella personalizzazione del trattamento. In un recente studio, sono stati analizzati 38 parametri di laboratorio in pazienti con iMCD arruolati in un trial clinico di fase II con il siltuximab. Dall’analisi multivariata, sono stati identificati solo 4 parametri che influenzano negativamente la risposta, e cioè l’aumento del fibrinogeno, l’aumento delle IgG, la riduzione dell’emoglobina e l’aumento della PCR (Fajgenbaum DC et al, 2017).

Dal momento che la iMCD associata a sindrome TAFRO è un’entità di recente definizione, ci sono meno evidenze riguardo il trattamento ottimale di questi pazienti, che sembrano rispondere meno bene ai corticosteroidi e agli anti-IL6 (Liu AY et al, 2016; Oksenhendler E et al, 2018). Nei casi che presentano un esordio acuto con decorso clinico critico, con danni d’organo severi ed esito fatale, è indicato un trattamento precoce con chemioterapia lymphoma o myeloma-like. 

 

Terapia della iMCD associata a POEMS

 

Per i pazienti con POEMS con lesioni osteosclerotiche e neuropatia periferica, il trattamento dovrebbe comprendere schemi terapeutici myeloma-like coadiuvati da radioterapia (nei casi con lesioni ossee ≤2), e, nei casi eleggibili, anche il trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche  (auto-HSCT). L’utilizzo dell’auto-HSCT, non solo comporta un miglioramento delle condizioni cliniche ed ematologiche, ma influisce positivamente sulla neuropatia e sulla sopravvivenza libera da malattia (Dispenzieri A et al, 2004; Karam C et al, 2015; Zhao H et al, 2019, Dispenzieri A et al, 2020; Suichi T et al, 2020; Abdallah NH et al, 2022)

Nei pazienti non candidabili al trapianto, è indicato continuare il trattamento con schemi myeloma-like (melfalan, ciclofosfamide, lenalidomide, talidomide, bortezomib, carfilzomib e daratumumab). Bisogna tener presente, comunque, che è difficile dare indicazioni specifiche perché la maggior parte dei dati provengono da piccole casistiche (Dispenzieri A et al, 2004; Dispenzieri A, 2019).

Per i pazienti con POEMS-MCD senza lesioni ossee, ci sono ancora meno dati. Possono essere impiegati gli anti-IL-6, siltuximab e rituximab, ma potrebbe essere considerata anche una terapia immunomodulante specifica per le plasmacellule.

 

Neoplasie secondarie

 

I tumori maligni secondari non sono rari nei soggetti con malattia di Castleman.

I pazienti con la forma unicentrica sembrano avere una maggiore rischio di sviluppare sarcomi dendritici follicolari e linfomi sia Hodgkin che non-Hodgkin (Chronowski GM et al, 2001; Dispenzieri A et al, 2012). Nei pazienti affetti da iMCD è segnalata un’aumentata incidenza delle neoplasie maligne 3 volte superiore rispetto ai soggetti di pari età (Liu AY et al, 2016)

Circa il 50% dei pazienti con MCD-HHV8 positivi, HIV negativi, può sviluppare una neoplasia, più frequentemente un linfoma (15%) o il sarcoma di Kaposi (Larroche C et al, 2002).

Nei pazienti con MCD-HHV8 positivi, HIV positivi, uno studio collaborativo francese ha riportato un’incidenza di linfoma nell’era pre-rituximab del 69,6/1000 anni paziente-anno, con un decremento a 4,2/1000 anni paziente-anno dopo l’introduzione della terapia con rituximab (Gerard L et al, 2012).

Si stima che i pazienti affetti da HIV con HHV8-MCD abbiano una frequenza di linfoma 15 volte maggiore rispetto a una popolazione infetta da HIV senza MCD.

 

Conclusioni

 

Il lavoro collaborativo nell’ambito del CDCN ha contribuito a dare un impulso alle conoscenze sulla malattia di Castleman e a migliorare la gestione dei pazienti, soprattutto quelli con la MCD-HHV8- (Tabella V). La ricerca clinica e di laboratorio nell’ambito del network, con il supporto di una biobanca, potrà portare nel prossimo futuro a importanti miglioramenti, soprattutto nelle forme più rare e complesse.

 

Tabella V. Caratteristiche cliniche, trattamento ed outcome della Malattia di Castleman (Dispenzieri A et al, 2020).

 

Bibliografia

 

  • Abdallah NH, Habermann T, Buadi FK, et al. Multicentric Castleman disease: A single center experience of treatment with a focus on autologous stem cell transplantation. Am J Hematol. 2022;97:401-410.
  • Akosman C, Selcuk NA, Ordu C, et al. Unicentric mixed variant Castleman disease associated with Hashimoto disease: the role of PET/CT in staging and evaluating response to the treatment. Cancer Imaging. 2011;11:52-55.
  • Angenendt L, Kerkhoff A, Wiebe S, et al. Remissions of different quality following rituximab, tocilizumab and rituximab, and allogeneic stem cell transplantation in a patient with severe idiopathic multicentric Castleman’s disease. Ann Hematol. 2015;94(7): 1241-1243.
  • Andres E, Maloisel F. Interferon-alpha as first-line therapy for treatment of multicentric Castleman’s disease. Annals of Oncology. 2000;11(12):1613-1614.
  • Aoki Y, Jaffe ES, Chang Y, et al. Angiogenesis and hematopoiesis induced by Kaposi’s sarcoma-associated herpesvirus-encoded interleukin-6. Blood 1999; 93(12):4034–43.
  • Borja AJ, Hancin EC, Khosravi M, et al. Applications of Hybrid PET/Magnetic Resonance Imaging in Central Nervous System Disorders. PET Clin. 2020;15(4):497-508.
  • Boutboul D, Fadlallah J, Chawki S, et al. Treatment and outcome of Unicentric Castleman Disease: a retrospective analysis of 71 cases. Br J Haematol. 2019;186(2):269-273.
  • Bower M, Powles T, Williams S, et al. Brief communication: rituximab in HIV associated multicentric Castleman disease. Ann Intern Med 2007;147(12):836–9.
  • Bower M, Newsom-Davis T, Naresh K, et al. Clinical features and outcome in HIV associated multicentric Castleman’s disease. J Clin Oncol 2011;29(18):2481–6.
  • Bowne WB, Lewis JJ, Filippa DA, et al. The management of unicentric and multicentric Castleman’s disease: a report of 16 cases and a review of the literature. Cancer 1999;85(3):706–17.
  • Butzmann A,  Kumar J, Sridhar K, et al. A Review of Genetic Abnormalities in Unicentric and Multicentric Castleman Disease. Biology (Basel) 2021;10(4):251.
  • Caneppele S, Picart N, Bayle-Lebey P, et al. Paraneoplastic pemphigus associated with Castleman’s tumour. Clinical & Experimental Dermatology. 2000;25(3):219-221.
  • Casper C, Chaturvedi S, Munshi N, et al. Analysis of inflammatory and anemia related biomarkers in a randomized, double-blind, placebo-controlled study of Siltuximab (anti-IL6 monoclonal antibody) in patients with multicentric Castleman disease. Clin Cancer Res 2015;21(19):4294–304.
  • Castleman B, Iverson L, Menendez VP et al. Localized mediastinal lymphnode hyperplasia resembling thymoma. Cancer, 1954;9:822-830.
  • Chadburn A, Hyjek EM, Tam W, et al. Immunophenotypic analysis of the Kaposi sarcoma herpesvirus (KSHV; HHV-8)-infected B cells in HIV+ multicentric Castleman disease (MCD). 2008;53(5):513–524.
  • Chang KC, Wang YC, Hung LY, et al. Monoclonality and cytogenetic abnormalities in hyaline vascular Castleman disease. Mod Pathol. 2014;27(6):823-831.
  • Chen LYC, Mattman A,  Seidman MA, Carruthers IgG4-related disease: what a hematologist needs to know Haematologica. 2019;104(3):444-455.
  • Cheng G, Torigian DA, Zhuang H, Alavi A.When should we recommend use of dual time-point and delayed time-point imaging techniques in FDG PET? Eur J Nucl Med Mol Imaging. 2013;40(5):779-87.
  • Chronowski GM, Ha CS, Wilder RB, et al. Treatment of unicentric and multicentric Castleman disease and the role of radiotherapy. Cancer 2001;92(3):670–6.
  • Ding Q, Zhang J, Yang (18)F-FDG PET/CT in multicentric Castleman disease: a case report Ann Transl Med. 2016;4(3):58.
  • Dispenzieri A, Moreno-Aspitia A, Suarez GA, et al. Peripheral blood stem cell transplantation in 16 patients with POEMS syndrome, and a review of the literature. 2004;104(10):3400-3407.
  • Dispenzieri A. Castleman disease. Cancer Treat Res. 2008; 142:293-330.
  • Dispenzieri A, Armitage JO, Matt JL et al. The clinical spectrum of Castleman’s disease. Am J Hematol, 2012;87:997-1002.
  • Dispenzieri A. How I treat POEMS syndrome. Blood 2012;119(24):5650–8.
  • Dispenzieri A. POEMS Syndrome: 2019 Update on diagnosis, risk-stratification, andmanagement. Am J Hematol. 2019;94(7):812-827.
  • Dispenzieri A, Fajgenbaum DC. Overview of Castleman Disease. Blood. 2020;135(16):1353-1364
  • Dossier A, Meignin V, Fieschi C, et al. Human herpesvirus 8-related Castleman disease in the absence of HIV infection. Clin Infect Dis 2013;56(6):833–42.
  • Dupin N, Diss TL, Kellam P, et al. HHV-8 is associated with a plasmablastic variant of Castleman disease that is linked to HHV-8-positive plasmablastic lymphoma. Blood 2000;95(4):1406–1412.
  • Elboga U, Narin Y, Urhan M, Sahin E. FDG PET/CT appearance of multicentric Castleman’s disease mimicking lymphoma. Rev Esp Med Nucl Imagen Mol. 2012;31(3):142-4.
  • El-Osta H, Janku F, Kurzrock R. Successful treatment of Castleman’s disease with interleukin-1 receptor antagonist (Anakinra). Mol Cancer Ther 2010;9(6):1485–8.
  • Fajgenbaum DC, van Rhee F, Nabel CS. HHV-8-negative, idiopathic multicentric Castleman disease: novel insights into biology, pathogenesis, and therapy. 2014;123(19):2924-2933.
  • Fajgenbaum DC, Ruth JR, Kelleher D et al. The collaborative network approach: a new framework to accelerate Castleman’s disease and other rare disease research. Lancet Haematol 2016;3:e150–e152.
  • Fajgenbaum DC, Uldrick TS, Bagg A et al. International, evidenced-based consensus diagnostic criteria for HHV-8 – negative/idiopathic multicenter Castleman disease. Blood 2017;129:1646–1657.
  • Fajgenbaum DC. Novel insights and therapeutic approaches in idiopathic multicentric Castleman disease. Blood, 2018;132:2323-2330.
  • Fajgenbaum DC, Langan RA, Sada Japp A, et al. Identifying and targeting pathogenicPI3K/AKT/mTOR signaling in IL-6-blockade-refractory idiopathic multicentric Castlemandisease. J Clin Invest. 2019;130.
  • Fujimoto W, Kanehiro A, Kuwamoto-Hara K, et al. Paraneoplastic pemphigus associated with Castleman’s disease and asymptomatic bronchiolitis obliterans. European Journal of Dermatology. 2002;12(4):355-359.
  • Fujimoto S, Sakai T, Kawabata H, et al. Is TAFRO syndrome a subtype of idiopathic multicentric Castleman disease? Am J Hematol. 2019;94(9):975-983.
  • Galeotti C, Tran TA, Franchi-Abella S, et al. IL-1RA agonist (anakinra) in the treatment of multifocal Castleman disease: case report. J Pediatr Hematol Oncol 2008;30(12):920–4.
  • Gerard L, Berezne A, Galicier L, et al. Prospective study of rituximab in chemotherapy-dependent human immunodeficiency virus associated multicentric Castleman’s disease: ANRS 117 CastlemaB trial. J Clin Oncol 2007;25(22): 3350–6.
  • Gerard L, Michot JM, Burcheri S, et al. Rituximab decreases the risk of lymphoma in patients with HIV-associated multicentric Castleman disease. Blood 2012; 119(10):2228–33.
  • Gholam D, Vantelon JM, Al-Jijakli A, et al. A case of multicentric Castleman’s disease associated with advanced systemic amyloidosis treated with chemotherapy and anti-CD20 monoclonal antibody. Ann Hematol 2003;82(12):766–8.
  • Gliga S, Orth HM, Lübke N, et al. Multicentric Castleman’s disease in HIV patients: a single-center cohort diagnosed from 2008 to 2018. Infection. 2021;49(5):945-951.
  • He L, Chen Y, Tan X, et al. 18F-FDG PET/CT and contrast-enhanced CT in the diagnosis of Castleman disease. Jpn J Radiol. 2023;41(1):98-107.
  • Herrada J, Cabanillas F, Rice L, et al. The clinical behavior of localized and multicentric Castleman disease. Ann Intern Med 1998;128(8):657–62.
  • Hess G, Wagner V, Kreft A, et al. Effects of bortezomib on pro-inflammatory cytokine levels and transfusion dependency in a patient with multicentric Castleman disease. Br J Haematol 2006;134(5):544–5.
  • Hill AJ,  Tirumani SH,  Rosenthal MH,et al. Multimodality imaging and clinical features in Castleman disease: single institute experience in 30 patients Br J Radiol. 2015 ;88(1049):20140670.
  • Hoffmann C, Schmid H, Muller M, et al. Improved outcome with rituximab in patients with HIV-associated multicentric Castleman disease. Blood 2011;118(13): 3499–503.
  • Høilund-Carlsen PF, Edenbrandt L, Alavi A. Global disease score (GDS) is the name of the game! Eur J Nucl Med Mol Imaging. 2019;46(9):1768-1772.
  • Hyun K, Jeon J, Park K, Kim J. Writing, erasing and reading histone lysine methylations. Exp Mol Med. 2017;49:324.
  • Ide M, Ogawa E, Kasagi K, et al. Successful treatment of multicentric Castleman’s disease with bilateral orbital tumour using rituximab. Br J Haematol 2003;121(5): 818–9.
  • Iwaki N, Fajgenbaum DC, Nabel CS, et al. Clinicopathologic analysis of TAFRO syndrome demonstrates a distinct subtype of HHV-8-negative multicentric Castleman disease. Am J Hematol 2016;91(2):220–6.
  • Jain L, Mackenzie S, Bomanji JB, et al. 18F-Fluorodeoxyglucose positron emission tomography-computed tomography imaging in HIV-infected patients with lymphadenopathy, with or without fever and/or splenomegaly. Int J STD AIDS. 2018;29(7):691-694.
  • Kantarci FE, Eren R, Gundogan C, et al. A HHV-8 positive, HIV negative multicentric Castleman disease treated with R-CEOP chemotherapy and valganciclovir combination. J Infect Chemother, 2016; 22 (7):483-5.
  • Karam C, Klein CJ, Dispenzieri A, et al. Polyneuropathy improvement following autologous stem cell transplantation for POEMS syndrome. 2015;84(19):1981-7.
  • Kawabata H, Fujimoto S, Sakai T, et al.Patient’s age and D-dimer levels predict the prognosis in patients with TAFRO syndrome. Int J Hematol. 2021;114:179–188.
  • Kishimoto T. IL-6: from its discovery to clinical applications. Int Immunol. 2010;22(5):347-52. doi: 10.1093/intimm/dxq030.
  • KligermanSJ, Auerbach A, Franks TJ, Galvin Castleman Disease of the Thorax: Clinical, Radiologic, and Pathologic Correlation: From the Radiologic Pathology Archives. Radiographics. 2016;36(5):1309-32.
  • Kojima M, Nakamura S, Morishita Y, et al. Reactive follicular hyperplasia in the lymph node lesions from systemic lupus erythematosus patients: a clinicopathological and immunohistological study of 21 cases. Pathol Int. 2000;50(4):304-12.
  • Krokenberger M, Schwamborn K, Strassen Prevalence of Castleman’s disease in patients suffering from cervical lymphadenopathy. Laryngoscope Investig Otolaryngol. 2022;7(5):1430-1435.
  • Kurzrock R, Voorhees PM, Casper C, et al. A phase I, open-label study of siltuximab, an anti-IL-6 monoclonal antibody, in patients with B-cell non-Hodgkin lymphoma, multiple myeloma, or Castleman disease. Clin Cancer Res 2013;19(13):3659–70.
  • Kwon S, Lee K, Ahn S, et al. Thoracic Castleman disease: computed tomography and clinical findings. J Comput Assist Tomogr. 2013;37(1):1-8.
  • Lachmann HJ, Gilbertson JA, Gillmore JD, Hawkins PN, Pepys MB. Unicentric Castleman’s disease complicated by systemic AA amyloidosis: a curable disease. 2002;95(4):211-218.
  • Larroche C, Cacoub P, Soulier J et al. Castleman’s disease and lymphoma: report of eight cases in HIV-negative patients and literature review. Am J Hematol. 2002;69: 119–126.
  • Lee FC, Merchant SH. Alleviation of systemic manifestations of multicentric Castleman’s disease by thalidomide. Am J Hematol 2003;73(1):48–53.
  • Legras A, Tallet A, Didelot A, et al. Clinical and molecular characteristics of unicentric mediastinal Castleman disease. J Thorac 2018;10:2079–2088.
  • Lerza R, Castello G, Truini M, et al. Splenectomy induced complete remission in a patient with multicentric Castleman’s disease and autoimmune hemolytic anemia. Ann Hematol 1999;78(4):193–6.
  • Li Z, Lan X, Li C, et al. Recurrent PDGFRB mutations in unicentric Castleman disease. 2019;33: 1035–1038.
  • Lin Q, Fang B, Huang H, et al. Efficacy of bortezomib and thalidomide in the recrudescent form of multicentric mixed-type Castleman’s disease. Blood Cancer J 2015;5:e298.
  • Linkhorn H, van der Meer G, Gruber M, et al. Castleman’s disease: An unusually young presentation resulting in delayed diagnosis of a neck mass. Int J Pediatr Otorhinolaryngol 2016;86:90–2.
  • Liu AY, Nabel CS, Finkelman BS, et al. Idiopathic multicentric Castleman’s disease: a systematic literature review. Lancet Haematol 2016;3(4):e163–75.
  • Liu YC, Stone K, van Rhee F. Siltuximab for multicentric Castleman disease. Expert Rev Hematol 2014;7(5):545–57.
  • Luo JM, Li S, Huang H, et al. Clinical spectrum of intrathoracic Castleman disease: a retrospective analysis of 48 cases in a single Chinese hospital. BMC Pulm Med. 2015;15:34.
  • Mandreoli M, Casanova S, Vianelli N, Pasquali S, Zucchelli P. Remission of nephrotic syndrome due to AA amyloidosis and initiation of glomerular repair after surgical resection of localized Castleman’s disease. 2002;90(3):336-340.
  • Marcelin AG, Aaron L, Mateus C, et al. Rituximab therapy for HIV-associated Castleman disease. Blood 2003;102(8):2786–8.
  • Masaki Y, Kawabata H, Takai K, et al. Proposed diagnostic criteria, disease severity classification and treatment strategy for TAFRO syndrome, 2015 version. Int J Hematol 2016;103(6):686–92.
  • Matsuyama M, Suzuki T, Tsuboi H, et al. Anti-interleukin-6 receptor antibody (tocilizumab) treatment of multicentric Castleman’s disease. Intern Med 2007; 46(11):771–4.
  • Miltenyi Z, Toth J, Gonda A et al. Successful immunomodulatory therapy in castleman disease with paraneoplastic pemphigus vulgaris. Pathol oncol res 2009;15:375–381.
  • Mohseni S, Shojaiefard A, Khorgami Z, et al. Iran Peripheral lymphadenopathy: approach and diagnostic tools. J Med Sci. 2014;39(2 Suppl):158-70.
  • Murphy C, Hawkes E, Chionh F et al. Durable remission of both multicentric Castleman’s disease and Kaposi’s sarcoma with valganciclovir, rituximab and liposomal doxorubicin in an HHV8 positive, HIV negative patient. J Clin Pharm Ther. 2017;42 (1):111-114.
  • Muskardin TW, Peterson BA & Molitor, J.A. Castleman disease and associated autoimmune disease. Curr Opin Rheumatol. 2012; 24: 76–83.
  • Nagy A, Bhaduri A, Shahmarvand N, et al. Next-generation sequencing of idiopathic multicentric and unicentric Castleman disease and follicular dendritic cell sarcomas. Blood Adv. 2018;2(5):481-491.
  • Nicoli P, Familiari U, Bosa M, et al. HHV8-positive, HIV-negative multicentric Castleman’s disease: early and sustained complete remission with rituximab therapy without reactivation of Kaposi sarcoma. Int J Hematol 2009;90(3):392–6.
  • Nishimoto N, Sasai M, Shima Y, et al. Improvement in Castleman’s disease by humanized anti-interleukin-6 receptor antibody therapy. Blood 2000;95(1):56–61.
  • Nishimoto N, Kanakura Y, Aozasa K, et al. Humanized anti-interleukin-6 receptor antibody treatment of multicentric Castleman disease. Blood 2005;106(8): 2627–32.
  • Nishimoto N, Honda O, Sumikawa H, et al. A long-term (5-year) sustained efficacy of Tocilizumab for multicentric Castleman’s disease and the effect on pulmonary complications. 2007; 110(11): 646–646.
  • Ocio EM, Sanchez-Guijo FM, Diez-Campelo M, et al. Efficacy of rituximab in an aggressive form of multicentric Castleman disease associated with immune phenomena. Am J Hematol 2005;78(4):302–5.
  • Ogita M, Hoshino J, Sogawa Y, et al. Multicentric Castleman disease with secondary AA renal amyloidosis, nephrotic syndrome and chronic renal failure, remission after high-dose melphalan and autologous stem cell transplantation. Clin Nephrol 2007;68(3):171–6.
  • Oksenhendler E, Boutboul D, Fajgebaum DC et al. The full spectrum of Castleman disease: 273 patients studied over 20 years. Br J Hematol. 2018; 180:206-216.
  • Oksenhendler E. et al. Kaposi Sarcoma – associated Herpesvirus/Human herpesvirus – 8- associated Lymphoproliferative Disorders. ; 133(11), 1186-1190.
  • Pria AD, Pinato D, Roe J, Naresh K, Nelson M, Bower M. Relapse of HHV8-positive multicentric Castleman disease following rituximab-based therapy in HIV-positive patients. 2017;129(15):2143-2147.
  • Rassouli N,  Obmann VC,  Sandhaus LM,  Herrmann (18F)-FDG-PET/MRI of unicentric retroperitoneal Castleman disease in a pediatric patient. Clin Imaging. 2018;50:175-180.
  • Repetto L, Jaiprakash MP, Selby PJ, et al. Aggressive angiofollicular lymph node hyperplasia (Castleman’s disease) treated with high dose melphalan and autologous bone marrow transplantation. Hematol Oncol 1986;4(3):213–7.
  • Ruggieri G, Barsotti P, Coppola G, et al. Membranous nephropathy associated with giant lymph node hyperplasia. A case report with histological and ultrastructural studies. Am J Nephr. 1990;10(4):323-328.
  • Simpson D. Epidemiology of Castleman Disease. Hematol Oncol Clin N Am 2018; 32:1-10.
  • Song SN, Tomosugi N, Kawabata H, et al. Down-regulation of hepcidin resulting from long-term treatment with an anti-IL-6 receptor antibody (tocilizumab) improves anemia of inflammation in multicentric Castleman disease. 2010;116(18):3627–34.
  • Soumerai JD, Sohani AR, Abramson JS. Diagnosis and management of Castleman disease. Cancer Control 2014; 21: 266-278.
  • Starkey CR, Joste NE, Lee FC. Near-total resolution of multicentric Castleman disease by prolonged treatment with thalidomide. Am J Hematol 2006;81(4):303–4.
  • Stone K, Woods E, Szmania S, et al. Prevalence of interleukin-6 receptor polymorphism in Castleman disease and association with increased soluble interleukin-6 receptor levels. J Clin Oncol; 2011;29 [abstr: 8077].
  • Suichi T, Misawa S, Sekiguchi Y, et al. Treatment response and prognosis of POEMS syndrome coexisting with Castleman disease. J Neurol Sci. 2020;413:116771.
  • Sun DP, Chen WM, Wang L, Wang Z, Liang JH, Zhu HY et al. Clinical characteristics and immunological abnormalities of Castleman disease complicated with autoimmune diseases. J Cancer Res Clin Oncol. 2021;147(7):2107-15. doi: 10.1007/s00432-020-03494-2. Epub 2021 Feb 5.
  • Takai K, Nikkuni K, Shibuya H, et al. Thrombocytopenia with mild bone marrow fibrosis accompanied by fever, pleural effusion, ascites and hepatosplenomegaly. Rinsho Ketsueki. 2010;51(5):320–5.
  • Tal Y, Haber G, Cohen MJ, et al. Autologous stem cell transplantation in a rare multicentric Castleman disease of the plasma cell variant. Int J Hematol 2011; 93(5):677–80.
  • Talat N, Belgaumkar AP, Schulte KM. Surgery in Castleman’s disease: a systematic review of 404 published cases. Ann Surg 2012;255(4):677–84.
  • Uldrick TS, Polizzotto MN, Aleman K, et al. Rituximab plus liposomal doxorubicin in HIV-infected patients with KSHV-associated multicentric Castleman disease. Blood 2014;124(24):3544–52.
  • van Rhee F, Szymonifka J, Anaissie E, et al. Total therapy 3 for multiple myeloma: prognostic implications of cumulative dosing and premature discontinuation of VTD maintenance components, bortezomib, thalidomide, and dexamethasone, relevant to all phases of therapy. Blood 2010;116(8):1220–7.
  • van Rhee F, Wong RS, Munshi N, et al. Siltuximab for multicentric Castleman’s disease: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet Oncol 2014;15(9):966–74.
  • van Rhee F, Rothman M, Ho KF, et al. Patient-reported outcomes for multicentric Castleman’s disease in a randomized, placebo-controlled study of siltuximab. 2015;8(2):207–16.
  • van Rhee F et al. International, evidenced-based consensus treatment guidelines for idiopathic multicentric Castleman disease. 2018; 132(20): 2115-2124.
  • van Rhee F, Greenway A, Stone K. Treatment of Idiopathic Castleman Disease. Hematol Oncol Clin N Am. 2018; 32: 89-106.
  • Wang HW, Pittaluga S & Jaffe ES. Multicentric Castleman disease: where are we now? Semin Diagn Pathol. 2016; 33: 294–306.
  • Waterston A & Bower M. Fifty years of multicentric Castleman’s disease. Acta Oncologica. 2004; 43:698–704.
  • Wu D, Lim MS, Jaffe E, et al. Pathology of Castleman disease. Hematol Oncol Clin N Am. 2018; 32:37-52.
  • Yamaga Y, Tokuyama K, Kato T, et al. Successful treatment with cyclosporin A in tocilizumab-resistant TAFRO syndrome. Intern Med. 2016;55(2):185–90.
  • Ye B, Gao SG, Li W, Yang LH, Zhao SH, Ma K et al. A retrospective study of unicentric and multicentric Castleman’s disease: a report of 52 patients. Med Oncol. 2010;27(4):1171-8. doi: 10.1007/s12032-009-9355-0. Epub 2009 Nov 24.
  • Yoshizaki K, Murayama S, Ito H, Koga T. The Role of Interleukin-6 in Castleman Disease. Hematol Oncol Clin North Am. 2018;32(1):23-36. doi: 10.1016/j.hoc.2017.09.003.
  • You L, Lin Q, Zhao J, et al. Whole-exome sequencing identifies novel somatic alterations associated with outcomes in idiopathic multicentric Castleman disease. Br J Haematol. 2019;188:64–67.
  • Yu L, Tu M, Cortes J, et al. Clinical and pathological characteristics of HIV- and HHV- 8-negative Castleman disease. 2017;129(12):1658-1668.
  • Yuan ZG, Dun XY, Li YH, et al. Treatment of multicentric Castleman’s disease accompanying multiple myeloma with bortezomib: a case report. J Hematol Oncol 2009; 2:19.
  • Zhang L, Zhao AL, Duan MH, et al. Phase 2 study using oral Thalidomide Cyclophosphamide-prednisone for idiopathic multicentric Castleman disease. 2019;133(16):1720-1728.
  • Zhao H, Huang X-F, Gao X-M, et al. What is the best first-line treatment for POEMS syndrome: autologous transplantation, melphalan and dexamethasone, or lenalidomide and dexamethasone? Leukemia. 2019;33:1023-1029.
  • Zhu SH, Yu YH, Zhang Y, et al. Clinical features and outcome of patients with HIV negative multicentric Castleman’s disease treated with combination chemotherapy: a report on 10 patients. Med Oncol 2013;30(1):492.

 

A cura di:

Dipartimento di Medicina Traslazionale e di Precisione – Sapienza Università di Roma

Dipartimento di Medicina Traslazionale e di Precisione - Università “Sapienza” Roma

Ematologia, Università Sapienza, Roma

×
Registrati
  • Print Friendly, PDF & Email

    Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione.

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

  • Print Friendly, PDF & Email

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress?

    → ISCRIVITI

    → ACCEDI

    Attenzione: Ematologia in Progress è strettamente riservato a un pubblico di addetti ai lavori:

    Medici, Specialisti, Specializzandi, Biologi, Studenti di Medicina.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifichi di appartenere a una delle suddette categorie.