Duloxetina per la neuropatia periferica indotta da chemioterapia
4 novembre 2013
Livello di T315I e risposta ai TKI nella LMC
4 novembre 2013

Standardizzazione dei sintomi emorragici nella ITP

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Una nuova standardizzazione per la valutazione dei sintomi emorragici nei pazienti con piastrinopenia immune (ITP) è stata elaborata da un gruppo di esperti dell’International Working Group (IWG) on ITP e proposta per la validazione ai clinici (Rodeghiero F et al. Blood, 2013; 121: 2596-2606), sulla base della considerazione attualmente accettata che la terapia di questa patologia e la valutazione della risposta al trattamento dovrebbero essere guidate dalla sintomatologia emorragica piuttosto che dal numero di piastrine presenti.

Il nuovo strumento, denominato ITP-BAT (ITP-specific Bleeding Assessment Tool), è stato elaborato tramite una procedura di consenso fra esperti e sulla base di una analisi della letteratura. Le manifestazioni emorragiche vengono catalogate in tre ambiti maggiori: cute (skin, S), mucose esterne (M) e organi (O) e graduate sulla base della severità (da 0 a 3 o 4, con grado 5 per ogni sanguinamento fatale). Per ogni ambito viene graduata “la peggiore manifestazione emorragica manifestatasi dopo l’ultima visita” e registrato il grado più alto verificatosi in ciascun ambito. Operando in questa maniera, il clinico è in grado di assegnare un punteggio SMOG nel corso di ogni visita. Se, ad esempio, nel periodo trascorso dall’ultima visita il grado più alto è 2 per la cute, 2 per le mucose esterne e 0 per gli organi, l’indice SMOG sarà S2M2O0. Oltre a definire nel dettaglio i gradi di severità delle diverse manifestazioni emorragiche, gli esperti dell’IWG forniscono anche un modulo per la raccolta dati utilizzabile per l’elaborazione di una versione elettronica dell’ITP-BAT.

Ai fini della valutazione della risposta alla terapia, gli esperti propongono che la sola comparsa di sintomi emorragici di grado 1 in ambito cutaneo venga equiparata all’”assenza di sanguinamento”. D’altra parte, una manifestazione emorragica potrebbe essere definita come “severa o clinicamente rilevante” se raggiunge il grado 3 per la cute e/o il grado 2 le mucose e/o il grado 1 per gli organi.

«A fronte alla mancanza in letteratura di strumenti di valutazione dei sanguinamenti facilmente adattabili per le ITP», scrivono gli esperti, «il nuovo ITP-BAT presenta due caratteristiche principali: la definizione precisa della manifestazioni emorragiche rilevanti nei pazienti con ITP e l’elaborazione di una scala per la valutazione della loro severità. Il nuovo strumento necessiterà di essere validato, ed eventualmente emendato, da studi clinici prospettici appositamente disegnati prima di poter essere diffusamente adottato nella pratica clinica».

 

Fonte: Blood 

PubMed link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23361904

 

Print Friendly, PDF & Email
×
Registrati

Iscriviti a Ematologia in Progress per ricevere la news letter e poter personalizzare la tua esperienza sul nostro sito.

×
Sponsor

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

×
Privacy & Cookie Policy

Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy

  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    Print Friendly, PDF & Email
  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.

    Print Friendly, PDF & Email