Referto strumentale Sysmex XE-2100
11 dicembre 2011
Analisi del sangue periferico nella diagnosi ematologica – Gina Zini
14 dicembre 2011

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Per la serie eritroide con i parametri strumentali attualmente disponibili, sulla base dell’esame emocromocitometrico, è possibile attivare uno screening per la diagnostica differenziale delle anemie sia su base volumetrica (valutazione del parametro MCV) che su base rigenerativa (valutazione della frazione immatura dei reticolociti presente nel sangue periferico) (Figure  1-4).
Figura 1. Referti strumentali ADVIA 2121 e Sysmex2100 del sangue periferico di un paziente con grave anemia normocitica associata a reticolocitosi con aumento della frazione reticolocitaria immatura (IRF).

Figura 1. Referti strumentali ADVIA 2121 e Sysmex2100 del sangue periferico di un paziente con grave anemia normocitica associata a reticolocitosi con aumento della frazione reticolocitaria immatura (IRF).

Figura 2. Referti strumentali CELLDYN 4000 e LH750 del sangue periferico di un paziente con grave anemia normocitica associata a marcata riduzione della frazione reticolocitaria immatura (IRF).

Figura 2. Referti strumentali CELLDYN 4000 e LH750 del sangue periferico di un paziente con grave anemia normocitica associata a marcata riduzione della frazione reticolocitaria immatura (IRF).

Figura 3. Quattro differenti referti strumentali del sangue periferico di pazienti con grave anemia macrocitica/megaloblastica.

Figura 3. Quattro differenti referti strumentali del sangue periferico di pazienti con grave anemia macrocitica/megaloblastica.

Figura 4. Quattro differenti referti strumentali del sangue periferico di pazienti con anemia microcitica.

Figura 4. Quattro differenti referti strumentali del sangue periferico di pazienti con anemia microcitica.

Nell’ambito della diagnostica differenziale delle anemie microcitiche la disponibilità nelle differenti tecnologie di parametri come il rapporto M/H (% emazie microciti che/% di emazie ipocromiche) (Figure 5-6), MAF (Fattore anemia microcitica), RBC-y (emazie ipocromiche), LHD (Densità emoglobina bassa), CHr e RetHE  (Concentrazione emoglobinica reticolocitaria), consente uno screening tra le anemie microcitiche ferro-carenziali e la talassemia minor (Figura 7).
Figura 5. L’analisi combinata sulla stessa popolazione eritroide delle curve di distribuzione dei volumi (RDW) e del contenuto in Hb (HDW) consente di identificare le percentuali circolanti di globuli rossi macrocitici, microcitici, ipocromici e ipercomici, utilizzando la tecnologia Siemens.

Figura 5. L’analisi combinata sulla stessa popolazione eritroide delle curve di distribuzione dei volumi (RDW) e del contenuto in Hb (HDW) consente di identificare le percentuali circolanti di globuli rossi macrocitici, microcitici, ipocromici e ipercomici, utilizzando la tecnologia Siemens.

Figura 6. Un rapporto MICRO/HYPO (%emazie microcitiche/% di emazie ipocromiche) >1 o < 1 è suggestivo per la presenza, rispettivamente, di una popolazione microcitica da trait talassemico, ovvero da carenza marziale: questo parametro è disponibile sui sistemi ADVIA.

Figura 6. Un rapporto MICRO/HYPO (%emazie microcitiche/% di emazie ipocromiche) >1 o < 1 è suggestivo per la presenza, rispettivamente, di una popolazione microcitica da trait talassemico, ovvero da carenza marziale: questo parametro è disponibile sui sistemi ADVIA.

Figura 7. La presenza di un ridotto contenuto di ferro nella popolazione dei reticolociti è il primo indicatore di una emopoiesi da carenza marziale sia reale che funzionale.

Figura 7. La presenza di un ridotto contenuto di ferro nella popolazione dei reticolociti è il primo indicatore di una emopoiesi da carenza marziale sia reale che funzionale.

Nell’ambito delle anemie emolitiche da alterazione della membrana eritrocitaria abbiamo a disposizione parametri come %Hyper (la percentuale di emazie ipercromiche) e MCVr (MCV rilevato nel canale di analisi dei reticolociti) utili per l’identificazione di sferociti. La presenza di una doppia popolazione eritrocitaria  (popolazione dimorfica) viene facilmente evidenziata dall’osservazione dell’isogramma di distribuzione dei volumi eritrocitari. Di grande rilevanza ai fini di uno screening immediato è la possibilità di avere in automazione la segnalazione e/o il conteggio sia di eritroblasti in circolo (Figura 8), che di frammenti di globuli rossi (Figura 9): in entrambi i casi, è necessaria, in caso di prima osservazione, una validazione qualitativa del dato al microscopio.
Figura 8. Il conteggio degli eritroblasti nel SP è oggi incluso nei parametri forniti dagli analizzatori.

Figura 8. Il conteggio degli eritroblasti nel SP è oggi incluso nei parametri forniti dagli analizzatori.

Figura 9. Il conteggio in automazione dei frammenti di GR nel SP è oggi disponibile con due diverse tecnologie, Siemens e Sysmex.

Figura 9. Il conteggio in automazione dei frammenti di GR nel SP è oggi disponibile con due diverse tecnologie, Siemens e Sysmex.

Nell’analisi strumentale quantitativa delle piastrine è molto importante l’identificazione di artefatti che possono causare pseudopiastrinopenie o pseudotrombocitosi, situazioni che determinano sul referto la presenza di allarmi specifici e/o anomalie della distribuzione dei volumi piastrinici negli istogrammi, facendo particolare attenzione alle situazioni di mancata separazione dal rumore di fondo ovvero dalla popolazione eritrocitaria (Figura 10). Il valore della dimensione delle piastrine (MPV) e il parametro IPF (frazione immatura delle piastrine) sono parametri molto utili per segnalare la presenza in circolo piastrine di grandi dimensioni, siano esse piastrine giganti ovvero piastrine immature e/o reticolate. Tutti i sistemi eseguono una doppia conta delle piastrine per fornire un valore accurato e preciso, molto utile nei casi di piastrinopenia vera. Il sistema CELL DYN Sapphire è in grado di fornire il conteggio delle piastrine utilizzando tre differenti metodi: ottico, impedenziometrico e citofluorimetrico utilizzando come marcatore il CD61 (Figura 11).
Figura 10. In presenza di aggregati piastrinici tutti le tecnologie forniscono un allarme accurato e preciso, che indirizza immediatamente alla revisione microscopica del campione di sangue periferico.

Figura 10. In presenza di aggregati piastrinici tutti le tecnologie forniscono un allarme accurato e preciso, che indirizza immediatamente alla revisione microscopica del campione di sangue periferico.

Figura 11. La tecnologia Abbott (CELL DYN Sapphire) è in grado di fornire il conteggio delle piastrine utilizzando tre differenti canali: ottico (PLTo), impedenziometrico (PLTi) e citofluorimetrico, utilizzando l’anticorpo monoclonale CD61 (CD61).

Figura 11. La tecnologia Abbott (CELL DYN Sapphire) è in grado di fornire il conteggio delle piastrine utilizzando tre differenti canali: ottico (PLTo), impedenziometrico (PLTi) e citofluorimetrico, utilizzando l’anticorpo monoclonale CD61 (CD61).

Per quanto riguarda i globuli bianchi, gli strumenti automatici sono in grado di contare e classificare i leucociti normali presenti nel sangue periferico con buona precisione e accuratezza, sia negli intervalli di riferimento, sia in presenza di anomalie distributive a carico di una o più categorie. In questo primo compito le macchine si sostituiscono all’uomo nella gestione di quella parte dell’attività analitica costituita dalla valutazione quantitativa. Gli strumenti ematologici automatici sono considerevolmente più precisi rispetto al metodo microscopico, grazie al numero elevato, pari a diverse migliaia, di cellule che vengono analizzate in sospensione, senza irregolarità distributive, mediante misurazioni obiettive e standardizzate. Questa migliorata precisione trova importanti applicazioni soprattutto in presenza di gradi spiccati di leucopenia, con vantaggi immediati nel controllo longitudinale ematologico dei pazienti sottoposti a terapie mieloablative. Con gli strumenti odierni abbiamo avuto modo di migliorare in misura significativa e con implicazioni cliniche immediate l’aspetto più debole della formula leucocitaria tradizionale, quello quantitativo, rendendo possibile la gestione in automazione di campioni altamente citopenici, ma qualitativamente normali, grazie alla grande precisione delle conte assolute di singole classi cellulari. Anche in presenza di alterazioni quantitative di una o più popolazioni leucocitarie con normale morfologia, la gestione in automazione consente una refertazione accurata e precisa. L’accuratezza analitica degli strumenti più evoluti è molto elevata per neutrofili, linfociti ed eosinofili; le maggiori discrepanze riguardano il conteggio dei monociti, fortemente dipendente dalla metodologia analitica, e quello dei basofili, a causa della frequenza molto bassa di questa classe di leucociti.  Un aspetto fondamentale della formula leucocitaria eseguita in automazione è rappresentato dalla segnalazione di cellule atipiche e/o immature, consentendo di identificare e selezionare, attraverso segnali specifici, quei campioni che richiedono una revisione microscopica. Nelle Figure 12-15 sono riportati quattro referti strumentali di leucemie acute analizzate con differenti tecnologie: in tutti i casi sono evidenti le segnalazioni strumentali per presenza di cellule immature e/o blasti.
Figura 12. Referto XE-2100 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta mieloide: nella zona degli allarmi (Flags) compaiono le segnalazioni per cellule immature e o atipiche.

Figura 12. Referto XE-2100 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta mieloide: nella zona degli allarmi (Flags) compaiono le segnalazioni per cellule immature e o atipiche.

Figura 13. Referto ADVIA2120 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta a promielociti: nella zona degli allarmi (allarmi morfologici) compaiono le segnalazioni +++ per blasti e per granulociti immaturi. Il conteggio strumentale dei blasti è di 30.9%, valore confermato alla revisione al microscopio.

Figura 13. Referto ADVIA2120 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta a promielociti: nella zona degli allarmi (allarmi morfologici) compaiono le segnalazioni +++ per blasti e per granulociti immaturi. Il conteggio strumentale dei blasti è di 30.9%, valore confermato alla revisione al microscopio.

Figura 14. Referto CELL DYN 4000 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta monoblastica: sono chiaramente evidenti le segnalazioni per presenza di blasti e di granulociti immaturi (IG).

Figura 14. Referto CELL DYN 4000 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta monoblastica: sono chiaramente evidenti le segnalazioni per presenza di blasti e di granulociti immaturi (IG).

Figura 15. Referto LH750 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta linfoblastica: sono chiaramente evidenti in rosso le segnalazioni per presenza di linfoblasti e di linfociti varianti.

Figura 15. Referto LH750 di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta linfoblastica: sono chiaramente evidenti in rosso le segnalazioni per presenza di linfoblasti e di linfociti varianti.

Le popolazioni cellulari atipiche vengono caratterizzate in modo alternativo e complementare rispetto alla morfologia e alla citochimica convenzionali: fondamentali a questo proposito sono le distribuzioni grafiche monodimensionali (istogrammi) o bidimensionali (citogrammi) con cui gli strumenti rappresentano le distribuzioni delle diverse classi cellulari separate in funzione delle specifiche proprietà che ciascuna metodologia analizza. Inoltre, per alcune categorie cellulari, come quella dei precursori della serie granulocitica e/o quella dei blasti, sono stati sviluppate da alcune tecnologie metodiche per la determinazione quantitative di queste cellule, quando presenti nel campione di sangue periferico. Anche nell’analisi strumentale dei leucociti, è fondamentale individuare quei campioni con pseudoleucocitosi, artefatto in genere causato dalla presenza di particelle di dimensioni tali da entrare nell’intervallo volumetrico del conteggio leucocitario, o con pseudoleucopenia, artefatto in cui la conta leucocitaria è falsamente diminuita per sottrazione di una quota dei leucociti circolanti al conteggio, in genere per agglutinazione leucocitaria e/o leucopiastrinica. Si segnala infine la possibilità di avere oggi anche le percentuali delle sottopopolazioni linfocitarie circolanti (CD3, CD4 e CD8) e il rapporto CD4/CD8 nel referto di sangue periferico, utilizzando la tecnologia Abbott (Figura 16).
Figura 16. Referto CELL DYN Sapphire di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta monoblastica: sono chiaramente evidenti le segnalazioni per presenza di blasti e di granulociti immaturi (IG).

Figura 16. Referto CELL DYN Sapphire di sangue periferico di un paziente con leucemia acuta monoblastica: sono chiaramente evidenti le segnalazioni per presenza di blasti e di granulociti immaturi (IG).

BIBLIOGRAFIA

  • Ansari-Lari MA, Kickler TS, Borowitz MJ. Immature granulocyte measurement using the Sysmex XE-2100. Relationship to infection and sepsis. American Journal of Clinical Pathology 2003, 120:795-9.
  • Barnes PW, McFadden SL, Machin SJ, Simson E. The international consensus group for haematology review: suggested criteria for action following automated CBC and WBC differential analysis: Lab Hematol 2005, 11:83-90.
  • Briggs C, Longair I, Slavik M et al. Can automated blood film analysis replace the manual differential? An evaluation of Cella Vision DM96 automated image analysis system. Int J Lab Hemat 2009, 31:48-60.
  • Bruno A, Del Poeta G, Venditti A et al. Diagnosis of acute myeloid leukemia and system Coulter VCS. Haematologica 1994, 79:420-428.
  • Buttarello M, Bulian P, Farina G, Petris MG, Temporin V, Toffolo L. Five fully automated methods for performing immature reticulocyte fraction: comparison in diagnosis of bone marrow aplasia. American Journal of Clinical Pathology 2002, 117:871-9.
  • Buttarello M, Gadotti M, Lorenz C, Toffalori E, Ceschini N, Valentini A, Rizzotti P. Evaluation of four automated diagnostic analyzers. American Journal of Clinical Pathology 1992, 97:345-352.
  • Buttarello M, Lorenz C, Gadotti M, Toffalori E, Valentini A, Rizzotti P. Diagnostic performance: a comparative study of the leukocyte differential count on four automated haematology analysers. European Journal of Clinical Chemistry and Clinical Biochemistry 1993, 31:251-258.
  • d’Onofrio G, Mancini S, Leone G, Bizzi B, Mango G. Identification of blast cells in peripheral blood through automatic assessment of nuclear density: A new tool for monitoring of patients with acute leukaemias. British Journal of Haematology 1987, 66:673-677.
  • d’Onofrio G, Mango G. Automated cytochemistry in acute leukemias. A new approach to the FAB classification based on cell distribution pattern. Acta Haematologica 1984, 72:221-230.
  • d’Onofrio G, Zini G, Ricerca BM, Mancini S, Mango G. Automated measurement of red blood cell microcytosis and hypochromia in iron deficiency and b-thalassemia trait. Archives of Pathology and Laboratory Medicine 1992, 116:84-89.
  • d’Onofrio G, Kim YR, Schulze S, Lorentz T, Dorner K, Goossens W, Zini G, Tommasi M, Kendall R, Scott CS. Evaluation of the Abbott Cell Dyn 4000 automated fluorescent reticulocyte measurements: comparison with manual, FACScan and Sysmex R1000 methods. Clinical Laboratory Haematology 1997, 9:253-60.
  • Goossens W, Van Hove L, Verwilghen RL. Monocyte counting: discrepancies in results obtained with different automated instruments. Journal of Clinical Pathology 1991, 44:224-227.
  • Grimaldi E, Scopacasa F. Evaluation of the Abbott CELL-DYN 4000 hematology analyzer. American Journal of Clinical Pathology 2000, 113:497-505.
  • Hoffmann JJ, Hoedemakers RM. Diagnostic performance of the variant lymphocyte flag of the Abbott Cell-Dyn 4000 haematology analyser. Clinical and Laboratory Haematology  2004, 26:9-13.
  • Hubl W, Hauptlorenz S, Tlustos L, Jilch R, Fischer M, Bayer PM. Precision and accuracy of monocyte counting. Comparison of two hematology analyzers, the manual differential and flow cytometry. American Journal of Clinical Pathology 1995, 103:167-170.
  • Ialongo P, Lubrano MC, Fenu S, Vignetti M, Mandelli F. Haematological monitoring of acute lymphoblastic leukemia by automated flow cytochemistry (Bayer/Technicon H*1). Haematologica 1993, 78:89-94.
  • Igout J, Fretigny M, Vasse M, Callat MP, Silva M, Willemont L, Gelle M, Lenormand B. Evaluation of the coulter LH 750 haematology analyzer compared with flow cytometry as the reference method for WBC, platelet and nucleated RBC count. Clinical Laboratory Haematology 2004, 26:1-7.
  • Kim YR, Yee M, Metha S, Chupp V, Kendall R, Scott CS.Simultaneous differentiation and quantitation of erythroblasts and white blood cells on a high throughput clinical haematology analyser. Clinical Laboratory Haematology 1998, 20:21-9.
  • Koenn ME, Kirby BA, Cook LL, Hare JL, Hall SH, Barry PM, Hissam CL, Wojcicki SB. Comparison of four automated hematology analyzers. Clinical Laboratory Science  2001,14:238-42.
  • Krause JR, Costello RT, Krause J, Penchansky L. Use of the Technicon H-1 in the characterization of leukemias. Archives of Pathology and Laboratory Medicine 1988, 112:889-894.
  • Lim YA, Hyun BH. Evaluation of platelet parameters on the ADVIA 120 as the quality indicator for stored platelets. Clin Lab Haematol 2002, 24:377-84.
  • Oelschlaegel U, Bornhaeuser M, Thiede C, Ehninger G, Hoelig K. HPC enumeration with the Sysmex XE-2100 can guide further flow cytometric CD34(+) measurements and timing of leukaphereses. Cytotherapy 2003,5:414-9.
  • Olivieri A, Offidani M, Ciniero L, Poloni A, Masia Mc, Salvi A, Leoni P. Optimization of the yeld of pbsc for autotransplantation mobilized by high-dose chemotherapy and G-CSF: proposal for a mathematical model. Bone Marrow Transplantation 1994, 14:273-278.
  • Pettit AR, Grace P, Chu P. An assessment of the Coulter VCS automated differential counter scatterplots in the recognition of specific acute leukaemia variants. Clinical and Laboratory Haematology  1995, 17:125-129.
  • Stamminger G, Auch D, Diem H, Sinha P. Performance of the XE-2100 leucocyte differential. Clinical Laboratory Haematology 2002, 24:271-80.
  • Van den Bossche J, Devreese K, Malfait R, Van de Vyvere M, De Schouwer P. Comparison of the reticulocyte mode of the Abx Pentra 120 Retic, Coulter General-S, Sysmex SE 9500, Abbott CD 4000 and Bayer Advia 120 haematology analysers in a simultaneous evaluation. Clinical Laboratory Haematology 2001, 23:355-60.
  • Wang FS, Itose Y, Tsuji T, Hamaguchi Y, Hirai K, Sakata T. Development and clinical application of nucleated red blood cell counting and staging on the automated haematology analyser XE-2100. Clinical Laboratory Haematology 2003, 25:17-23.
×
Sponsor

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

×
Privacy & Cookie Policy

Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy

  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.