Sindrome di Richter
2 febbraio 2015
Dal Congresso dell’ASH 2014 – Eritroferrone e Activin ligand traps
2 febbraio 2015

LLC con delezione 17p13 e/o mutazione di tp53

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

La delezione della banda cromosomica 17p13, ove mappa il gene oncosoppressore TP53, e le mutazioni inattivanti di TP53 sono le lesioni citogenetico-molecolari più importanti nella LLC perché identificano un sottogruppo di pazienti a prognosi altamente sfavorevole e meritevoli di un trattamento distinto rispetto agli altri pazienti (Tabella I).

Cuneo_LLC_CON_DELEZIONE_17p13_E_O_MUTAZIONE_DI_TP53_Tabella_1

Tabella I: Alcune caratteristiche delle lesioni 17p13/TP53 nella LLC  

 

17p-/mutazioni di TP53

 

Incidenza e metodiche di rilevazione

L’incidenza della delezione 17p- non varia in rapporto all’età dei pazienti (Shanafelt TD et al, 2010 ) PubMed, ed è correlata alla sensibilità del metodo con cui essa è ricercata ed alla fase evolutiva nella storia naturale della malattia. Dal momento, infatti, che le cellule di LLC non si dividono spontaneamente, l’analisi citogenetica convenzionale risulta spesso inefficace nel rilevamento di aberrazioni cromosomiche in questo disordine linfoproliferativo,  frequentemente sottostimandone la loro reale incidenza. A questo aspetto si aggiunge la considerazione che la delezione 17p può comportare la perdita di piccole porzioni di DNA cromosomico, risultando quindi di difficile visualizzazione in preparazioni citogenetiche di qualità sub-ottimale. La tecnica di ibridazione in situ fluorescente (FISH) permette la visualizzazione di anomalie (trisomie, piccole delezioni) nei nuclei interfasici e quindi rappresenta oggi la metodica di riferimento per il riconoscimento delle delezioni 17p, 11q, 6q, 13q, della trisomia 12 e delle traslocazioni 14q32 nella diagnostica della LLC. Con questa metodica, la frequenza della delezione 17p è stata stimata attorno al 7% in una popolazione comprendente pazienti non trattati e in parte pre-trattati (Döhner H et al, 2000) PubMed.L’incidenza della del 17p- o di mutazione di TP53, tuttavia, può variare anche in relazione alla fase di malattia, essendo questa anomalia più rara tra i pazienti alla diagnosi (2-5% dei casi) e molto più comune nei casi di malattia recidivata o refrattaria (20-30% dei casi) (Zenz T et al, 2007) PubMed. Questo fenomeno riflette la selezione di cloni 17p- resistenti operata dalla terapia.
Recentemente è stato dimostrato che una nuova tecnica di stimolazioni delle metafasi, che impiega un oligodeossinucleotide (CpG-ODN) e interleuchina-2 (IL-2), può fornire ottimi risultati in termini di percentuale di metafasi anomale nella LLC (Haferlach C et al, 2007) PubMed, consentendo di rilevare anomalie in regioni cromosomiche non coperte dai comuni pannelli di sonde utilizzate nell’analisi FISH. E’ stato così osservato che, nelle metafasi ottenute dopo stimolazione con CpG-ODN e IL-2, le delezioni 17p- non erano semplici delezioni interstiziali ma erano causate da traslocazioni non bilanciate e che i pazienti con 17p- risultavano frequentemente caratterizzati dalla contemporanea presenza di traslocazioni coinvolgenti altri cromosomi (Mayr C et al, 2006) PubMedDi fatto, le alterazioni del braccio corto del cromosoma 17 (17p-) sono frequentemente accompagnate da aberrazioni cromosomiche aggiuntive e cariotipo complesso, parametro che notoriamente si associa ad una prognosi avversa nelle LLC (Juliusson G et al, 2006) PubMed.
La dimostrazione che vi sono, oltre alla classica delezione, altri meccanismi molecolari di inattivazione di TP53 (vedi figura I), che includono mutazioni puntiformi e piccole delezioni, ha portato ad adottare tecniche che garantiscano il riconoscimento di ciascuna delle anomalie di questo gene. In aggiunta, quindi, alla analisi FISH, il sequenziamento diretto secondo Sanger degli esoni 4-9, preventivamente identificati mediante denaturing high performance liquid chromatography (DHPLC), ha un ruolo importante nella moderna diagnostica della LLC (Grever MR et al, 2007) PubMedQuesta metodica consente infatti di identificare mutazioni di TP53 monoalleliche purchè presenti in almeno il 15-20% delle cellule ed è noto che pazienti con cariotipo normale o con delezione 13q isolata possono presentare nel 5-7% dei casi mutazioni di TP53 (Dicker F et al, 2009) PubMedAnalogamente a quanto osservato in presenza di delezione, la prognosi in questi pazienti è sfavorevole (Zenz T et al, 2010) PubMed. Possono esistere casi nei quali le mutazioni di TP53 coinvolgono una frazione minoritaria (<15%) del clone leucemico; anche in  questi casi, documentabili mediante metodiche di sequenziamento di ultima generazione, la prognosi appare sfavorevole (Rossi D et al, 2014)PubMed.

Le disfunzioni del pathway di p53 possono anche essere rilevate mediante tecnica citofluorimetrica (Carter A et al, 2004) PubMed e immunoistochimica su biopsia ossea o linfonodale (Schlette EJ et al, 2009) PubMed.

Funzione di TP53 e meccanismi patogenetici

Le funzioni fisiologiche del gene oncosopressore TP53 sono riprodotte nella Figura II.

 

Cuneo_LLC_CON_DELEZIONE_17p13_E_O_MUTAZIONE_DI_TP53_Figura_1

Figura I: Illustrazione delle diverse lesioni citogenetico-molecolari che portano alla perdita di funzione di TP53. 
A) presenza di un allele wild-type e di un allele deleto (freccia): in questo caso, molto raro peraltro, si può invocare un meccanismo di aploinsufficienza come conseguenza della delezione di un allele; 
B) la delezione 17p- si associa a inattivazione dell’allele non deleto per effetto di mutazione del gene TP53; 
C) La mutazione si associa a inattivazione dell’allele non mutato:  in questo caso l’effetto dominante negativo impedisce il funzionamento dell’allele normale;
D) il gene mutato TP53 è presente su entrambi gli alleli per effetto della disomia uniparentale

Attraverso feed-back negativo, p53 induce la trascrizione di mdm2.     

La delezione 17p- si associa, virtualmente in tutti i casi, a perdita dell’oncosoppressore TP53 e a mutazione del restante allele.L’inattivazione di TP53 tuttavia può anche scaturire da altri meccanismi che comprendono: a) la sola mutazione di TP53 su un allele in assenza di delezione; b) la disomia uniparentale che comporta la duplicazione del segmento cromosomico che contiene un allele TP53 mutato (Figura I) (Zenz T et al, 2009) PubMed

Cuneo_LLC_CON_DELEZIONE_17p13_E_O_MUTAZIONE_DI_TP53_Figura_2

Figura II: Funzione della proteina p53. Le frecce blu indicano effetto di stimolazione positiva. Le barre rosse, invece, effetto di inibizione. In seguito a stimoli correlati ad insulto genomico (danno su doppia o singola elica, attivazione di oncogeni, ipossia e accorciamento teleomerico), la proteina p53 è up-regolata. La risposta al danno del DNA è mediata da alcune molecole di trasduzione del segnale quali ATM (ataxia-teleangiectasia Mutated) o ATR (AT e Rad3-related) a loro volta modulate da serin/treonin chinasi (CHK2 e CHK1, rispettivamente). L’attivazione di ATM, ATR oltre che della proteina p14ARF (indotta dagli oncogeni) inibisce mdm2 e mdm4 (murine double-minute2 e 4), le quali a loro volta sono responsabili dell’inibizione della funzione di p53 di cui promuovono la degradazione mediante ubiquitilazione e degradazione proteasomica. Il normale funzionamento della proteina p53 promuove il riparo del DNA danneggiato, il blocco del ciclo cellulare (mediante induzione della proteina p21WAF e la conseguente inibizione della chinasi ciclina-dipendente ciclina CDK2) e l’apoptosi (mediante l’up-regolazione di geni, tra cui NOXA e PUMA, capaci di inibire l’attività dell’oncogene bcl-2). 

Poiché TP53 esplica la sua funzione legandosi a sequenze bersaglio come tetramero, le mutazioni di TP53 che riguardano un solo allele esercitano un effetto dominante negativo sull’allele normale, comportando la perdita di funzione della proteina tetramerica, che non  è più in grado di legarsi correttamente al DNA (de Vries A et al, 2002) PubMedRecentemente è stato osservato che i livelli di espressione di piccole molecole di RNA (microRNAs) sono utili nel predire il comportamento clinico della LLC (Calin GA e Croce CM, 2009) PubMedCosì, oltre alla attesa down-regolazione  di geni a mRNA mappanti sul 17p (Fabris S et al, 2008) PubMed, alcuni geni a micro RNA, quali miR-21, miR-34a, miR-155, miR-181b, miR-29c, miR-17-5p e miR151-3p sono espressi differentemente nelle cellule di LLC con 17p- rispetto a quelli con 17p normale e con cariotipo normale (Mraz M et al, 2009 PubMed; Rossi S et al, 2010 PubMed). I livelli di alcuni di questi specifici miRNAs, inoltre, sono indicatori di sopravvivenza libera da trattamento e possono predire la sensibilità al trattamento (Ferracin M et al, 2010) PubMed. E’ interessante osservare che solo alcuni di questi miRNAs sono direttamente dipendenti dalla funzione di p53 che alternativamente ne può aumentare o diminuire l’espressione (Ferracin M et al, 2010) PubMed. Gli altri, pur essendo allo stesso modo differentemente espressi in relazione alla presenza o meno di 17p-/TP53 mutato, sono probabilmente regolati da geni alternativi localizzati sul 17p oppure da altri importanti pathways probabilmente correlati allo stato di attivazione cellulare mediato dal BCR.

Comportamento clinico e terapia

Nella LLC specifiche anomalie citogenetico-molecolari si accompagnano a quadri morfologici ricorrenti. Nei casi con delezione 17p-/TP53 mutato è frequente il riscontro di una componente prolinfocitaria  compresa tra il 10 ed il 55% (Lens D et al, 1997) PubMed.
Il decorso clinico nei pazienti con 17p-/TP53 mutato è francamente più aggressivo rispetto alle altre forme di LLC (Lin SL et al, 2009; Zenz T et al, 2008 PubMed). Nei pazienti con 17p- diagnosticato all’esordio, l’intervallo mediano tra diagnosi e progressione richiedente terapia era di 5 anni e la sopravvivenza mediana di 7-8 anni in un recente studio (Shanafelt TD et al, 2010) PubMedLa prognosi in questi pazienti è più severa nei casi che presentano stadio intermedio-avanzato e stato IGHV “non mutato” in quanto, in questi casi, le percentuali di risposta alla chemioimmunoterapia sono basse, la sopravvivenza libera da progressione (18% a 3 anni) e la sopravvivenza (38% a 3 anni) sono molto brevi (Hallek M et al, 2010 PubMed; Tam CS et al, 2009 PubMed).  Il valore prognostico del 17p- può essere meno impegnativo in presenza di uno stadio di malattia iniziale, di un profilo “mutato” del gene IGHV (Tam CS et al, 2009PubMed e può inoltre correlarsi alla percentuale di nuclei in interfase (FISH) con l’anomalia: infatti i pazienti che hanno meno del 20-25% di cellule nucleate con il 17p- hanno una sopravvivenza e percentuali di risposte alla chemioterapia sovrapponibili a quelli senza 17p- (Hallek M et al, 2010 PubMed; Catovsky D et al, 2007 PubMed).
I risultati terapeutici con i classici regimi di combinazione in questo sottotipo di LLC sono deludenti (Tabella II).

 

Cuneo_LLC_CON_DELEZIONE_17p13_E_O_MUTAZIONE_DI_TP53_Tabella_2

Tabella II: Risposta alle terapie con combinazioni di chemioimmunoterapia o con agenti biologici nella LLC con 17p- (*)

Diversamente dalle altre classi citogenetiche della LLC, la combinazione fludarabina, ciclofosfamide e rituximab ottiene solo raramente la remissione completa in ragione del fatto che l’effetto farmacologico di fludarabina è strettamente dipendente da un normale funzionamento del pathway della p53. L’alemtuzumab,  l’anticorpo monoclonale anti CD20, ofatumumab e gli steroidi ad alte dosi agiscono con meccanismi p53-indipendenti e quindi hanno dimostrato una certa efficacia (Hillmen P et al, 2007 PubMed; Pettitt AR et al, 2012 PubMed; Wierda WG et al, 2010 PubMed; Castro JE et al, 2009 PubMed). Il trapianto di midollo allogenico ha un ruolo nella terapia di questi pazienti in quanto può indurre remissioni prolungate (Dreger P et al, 2010) PubMed, anche se la tossicità del trattamento impone un’attenta selezione dei pazienti da avviare a questa procedura (Sorror ML et al, 2008) PubMed.

L’inibitore della Bruton tirosin chinasi ibrutinib e l’inibitore della subunità delta della fosfatidil inolositolo-3-kinasi idelalisib sono molto efficaci e hanno ottenuto l’approvazione per l’impiego nella terapia della LLC con 17p- o mutazione di TP53. Queste molecole rappresentano oggi la terapia di scelta per questi pazienti, inclusa la prima linea, pur in presenza di follow-up ancora relativamente breve, in quanto appaiono efficaci nei pazienti recidivati e refrattari indipendentemente dalla presenza della delezione 17p- (O’Brien S et al, 2014 PubMed; Brown JR et al, 2014 PubMed). I dati del più lungo follow-up disponibile con ibrutinib (tabella II) indicano una  sopravvivenza libera da progressione del 79.3% con una mediana di osservazione di 13 mesi in pazienti recidivati o refrattari (O’Brien S et al, 2014b ASH abstract book), un dato molto incoraggiante, che non trova analoghi precedenti con altre terapie in questo sottotipo di pazienti. Analogamente, idelalisib in associazione a rituximab ha prodotto una sopravvivenza libera da progressione pari al 62% a 12 mesi nella LLC recidivata o refrattaria con 17p- o 11q- (Sharman JP et al, 2014 ASH abstract book), annullando l’impatto prognostico sfavorevole di queste aberrazioni.

 

BIBLIOGRAFIA

  • Brown JR, Byrd JC, Coutre SE, Benson DM, Flinn IW, Wagner-Johnston ND, Spurgeon SE, Kahl BS, Bello C, Webb HK, Johnson DM, Peterman S, Li D, Jahn TM, Lannutti BJ, Ulrich RG, Yu AS, Miller LL, Furman RR. Idelalisib, an inhibitor of phosphatidylinositol 3-kinase p110δ, for relapsed/refractory chronic lymphocytic leukemia. Blood. 2014;123:3390-7
  • Byrd JC, Furman RR, Coutre SE, Flinn IW, Burger JA, Blum KA, Grant B, Sharman JP, Coleman M, Wierda WG, Jones JA, Zhao W, Heerema NA, Johnson AJ, Sukbuntherng J, Chang BY, Clow F, Hedrick E, Buggy JJ, James DF, O’Brien S. Targeting BTK with ibrutinib in relapsed chronic lymphocytic leukemia. N Engl J Med. 2013 Jul 4;369(1):32-42.
  • Calin GA, Croce CM. Chronic lymphocytic leukemia: interplay between noncoding RNAs and protein-coding genes. Blood. 2009; 114:4761-70.
  • Carter A, Lin K, Sherrington PD, Pettitt AR. Detection of p53 dysfunction by flow cytometry in chronic lymphocytic leukaemia. Br J Haematol. 2004; 127:425-8.
  • Castro JE, James DF, Sandoval-Sus JD, Jain S, Bole J, Rassenti L, Kipps TJ. Rituximab in combination with high-dose methylprednisolone for the treatment of chronic lymphocytic leukemia. Leukemia. 2009 Oct;23(10):1779-89.
  • Catovsky D, Richards S, Matutes E, Oscier D, Dyer MJ, Bezares RF Pettitt AR, Hamblin T, Milligan DW, Child JA, Hamilton MS, Dearden CE, Smith AG, Bosanquet AG, Davis Z, Brito-Babapulle V, Else M, Wade R, Hillmen P; UK National Cancer Research Institute (NCRI) Haematological Oncology Clinical Studies Group; NCRI Chronic Lymphocytic Leukaemia Working Group. Assessment of fludarabine plus cyclophosphamide for patients with chronic lymphocytic leukaemia (the LRF CLL4 Trial): a randomised controlled trial. Lancet. 2007; 370:230-9.
  • de Vries A, Flores ER, Miranda B, Hsieh HM, van Oostrom CT, Sage J, Jacks T. Targeted point mutations of p53 lead to dominant-negative inhibition of wild-type p53 function Proc Natl Acad Sci U S A. 2002; 99:2948-53.
  • Dicker F, Herholz H, Schnittger S, Nakao A, Patten N, Wu L, Kern W, Haferlach T, Haferlach C. The detection of TP53 mutations in chronic lymphocytic leukemia independently predicts rapid disease progression and is highly correlated with a complex aberrant karyotype. Leukemia. 2009; 23:117-24.
  • Döhner H, Stilgenbauer S, Benner A, Leupolt E, Krober A, Bullinger L, Döhner K, Bentz M, Lichter P. Genomic aberrations and survival in chronic lymphocytic leukemia. N Engl J Med. 2000; 343:1910-6.
  • Dreger P, Döhner H, Ritgen M, Böttcher S, Busch R, Dietrich S, Bunjes D, Cohen S, Schubert J, Hegenbart U, Beelen D, Zeis M, Stadler M, Hasenkamp J, Uharek L, Scheid C, Humpe A, Zenz T, Winkler D, Hallek M, Kneba M, Schmitz N, Stilgenbauer S; German CLL Study Group. Allogeneic stem cell transplantation provides durable disease control in poor-risk chronic lymphocytic leukemia: long-term clinical and MRD results of the German CLL Study Group CLL3X trial. Blood. 2010;116:2438-47.
  • Fabris S, Mosca L, Todoerti K, Cutrona G, Lionetti M, Intini D, Matis S, Colombo M, Agnelli L, Gentile M, Spriano M, Callea V, Festini G, Molica S, Lambertenghi Deliliers G, Morabito F, Ferrarini M, Neri A. Molecular and transcriptional characterization of 17p loss in B-cell chronic lymphocytic leukemia. Genes Chromosomes Cancer. 2008;47:781-93.
  • Ferracin M, Zagatti B, Rizzotto L, Cavazzini F, Veronese A, Ciccone M, Saccenti E, Lupini L, Grilli A, De Angeli C, Negrini M, Cuneo A. MicroRNAs involvement in fludarabine refractory chronic lymphocytic leukemia. Mol Cancer. 2010;9:123.
  • Grever MR, Lucas DM, Dewald GW, Neuberg DS, Reed JC, Kitada S, Flinn IW, Tallman MS, Appelbaum FR, Larson RA, Paietta E, Jelinek DF, Gribben JG, Byrd JC.  Comprehensive assessment of genetic and molecular features predicting outcome in patients with chronic lymphocytic leukemia: results from the US Intergroup Phase III Trial E2997. J Clin Oncol. 2007; 25:799-804.
  • Haferlach C, Dicker F, Schnittger S, Kern W, Haferlach T. Comprehensive genetic characterization of CLL: a study on 506 cases analysed with chromosome banding analysis, interphase FISH, IgV(H) status and immunophenotyping. Leukemia. 2007; 21:2442-51.
  • Hallek M, Fischer K, Fingerle-Rowson G, Fink AM, Busch R, Mayer J, Hensel M, Hopfinger G, Hess G, von Grünhagen U, Bergmann M, Catalano J, Zinzani PL, Caligaris-Cappio F, Seymour JF, Berrebi A, Jäger U, Cazin B, Trneny M, Westermann A, Wendtner CM, Eichhorst BF, Staib P, Bühler A, Winkler D, Zenz T, Böttcher S, Ritgen M, Mendila M, Kneba M, Döhner H, Stilgenbauer S; International Group of Investigators; German Chronic Lymphocytic Leukaemia Study Group. Addition of rituximab to fludarabine and cyclophosphamide in patients with chronic lymphocytic leukaemia: a randomised, open-label, phase 3 trial. Lancet. 2010; 376:1164-74.
  • Hillmen P, Skotnicki AB, Robak T, Jaksic B, Dmoszynska A, Wu J et al. Alemtuzumab compared with chlorambucil as first-line therapy for chronic lymphocytic leukemia. J Clin Oncol. 2007; 25:5616-23.
  • Juliusson G, Oscier DG, Fitchett M, Ross FM, Stockdill G, Mackie MJ, Parker AC, Castoldi GL, Cuneo A, Knuutila S, Macie MJ, Parker AC, Castoldi G, Cuneo A, Knuutila S, Elonen E, Gahrton G , Prognostic Subgroups in B-Cell Chronic Lymphocytic Leukemia Defined by Specific Chromosomal Abnormalities N Engl J Med. 1990; 323:720-4.
  • Lens D, Dyer MG, Garcia-Marco JM, De Schouwer PJ, Hamoudi RA, Jones D, Farahat N, Matutes E, Catovsky D. p53 abnormalities in CLL are associated with excess of prolymphocytes and poor prognosis. Br J Heamtol. 1997;99:848-57.
  • Lin SL, Awan FT, Byrd JC: Chronic lymphocytic leukemia. In Hoffman R et al Eds: Hematology. Basic principle and practice. Churchill Livingstone: Philadelphia PA, USA; 2009; p. 1327-47.
  • Lin TS, Ruppert AS, Johnson AJ, Fischer B, Heerema NA, Andritsos LA, Blum KA, Flynn JM, Jones JA, Hu W, Moran ME, Mitchell SM, Smith LL, Wagner AJ, Raymond CA, Schaaf LJ, Phelps MA, Villalona-Calero MA, Grever MR, Byrd JC. Phase II study of flavopiridol in relapsed chronic lymphocytic leukemia demonstrating high response rates in genetically high-risk disease. J Clin Oncol. 2009 Dec 10;27(35):6012-8.
  • Mayr C, Speicher MR, Kofler DM, Buhmann R, Strehl J, Busch R, Hallek M, Wendtner CM. Chromosomal translocations are associated with poor prognosis in chronic lymphocytic leukemia. Blood. 2006; 107:742-51.
  • Mraz M, Pospisilova S, Malinova K, Slapak I, Mayer J. MicroRNAs in chronic lymphocytic leukemia pathogenesis and disease subtypes. Leuk Lymphoma. 2009;50:506-9.
  • O’Brien S, Furman RR, Coutre SE, Sharman JP, Burger JA, Blum KA, Grant B, Richards DA, Coleman M, Wierda WG, Jones JA, Zhao W, Heerema NA, Johnson AJ, Izumi R, Hamdy A, Chang BY, Graef T, Clow F, Buggy JJ, James DF, Byrd JC. Ibrutinib as initial therapy for elderly patients with chronic lymphocytic leukaemia or small lymphocytic lymphoma: an open-label, multicentre, phase 1b/2 trial. Lancet Oncol. 2014;15:48-58
  • O’Brien S, Jones JA, Coutre S,. Mato AR, Hillmen P, Tam C, et al. Efficacy and Safety of Ibrutinib in Patients with Relapsed or Refractory Chronic Lymphocytic Leukemia or Small Lymphocytic Leukemia with 17p Deletion: Results from the Phase II RESONATE™-17 Trial. ASH abstract book 2014, abs # 327
  • Pettitt AR, Jackson R, Carruthers S, Dodd J, Dodd S, Oates M, Johnson GG, Schuh A, Matutes E, Dearden CE, Catovsky D, Radford JA, Bloor A, Follows GA, Devereux S, Kruger A, Blundell J, Agrawal S, Allsup D, Proctor S, Heartin E, Oscier D, Hamblin TJ, Rawstron A, Hillmen P.
  • Alemtuzumab in combination with methylprednisolone is a highly effective induction regimen for patients with chronic lymphocytic leukemia and deletion of TP53: final results of the national cancer research institute CLL206 trial. J Clin Oncol. 2012; 30):1647-55
  • Rossi D, Khiabanian H, Spina V, Ciardullo C, Bruscaggin A, Famà R, Rasi S, Monti S, Deambrogi C, De Paoli L, Wang J, Gattei V, Guarini A, Foà R, Rabadan R, Gaidano G. Clinical impact of small TP53 mutated subclones in chronic lymphocytic leukemia. Blood 2014; 123:2139-47
  • Rossi S, Shimizu M, Barbarotto E, Nicoloso MS, Dimitri F, Sampath D, Fabbri M, Lerner S, Barron LL, Rassenti LZ, Jiang L, Xiao L, Hu J, Secchiero P, Zauli G, Volinia S, Negrini M, Wierda W, Kipps TJ, Plunkett W, Coombes KR, Abruzzo LV, Keating MJ, Calin GA. MicroRNA fingerprinting of CLL patients with chromosome 17p deletion identify a miR-21 score that stratifies early survival. Blood. 2010;116:945-52.
  • Schlette EJ, Admirand J, Wierda W, Abruzzo L, Lin KI, O’Brien S, Lerner S, Keating MJ, Tam C. p53 expression by immunohistochemistry is an important determinant of survival in patients with chronic lymphocytic leukemia receiving frontline chemo-immunotherapy. Leuk Lymphoma. 2009;50:1597-605.
  • Shanafelt TD, Rabe KG, Kay NE, Zent CS, Jelinek DF, Reinalda MS, Schwager SM, Bowen DA, Slager SL, Hanson CA, Call TG. Age at diagnosis and the utility of prognostic testing in patients with chronic lymphocytic leukemia. Cancer. 2010;116:4777-87.
  • Sharman JP, Coutre SE, Furman RR, Cheson BD, Pagel JM, Hillmen P.  Second Interim Analysis of a Phase 3 Study of Idelalisib (ZYDELIG®) Plus Rituximab (R) for Relapsed Chronic Lymphocytic Leukemia (CLL): Efficacy Analysis in Patient Subpopulations with Del(17p) and Other Adverse Prognostic Factors. ASH abstract book 2014, abs # 330
  • Sorror ML, Storer BE, Sandmaier BM, Maris M, Shizuru J, Maziarz R, Agura E, Chauncey TR, Pulsipher MA, McSweeney PA, Wade JC, Bruno B, Langston A, Radich J, Niederwieser D, Blume KG, Storb R, Maloney DG. Five-year follow-up of patients with advanced chronic lymphocytic leukemia treated with allogeneic hematopoietic cell transplantation after nonmyeloablative conditioning. J Clin Oncol. 2008; 26:4912-20.
  • Tam CS, Shanafelt TD, Wierda WG, Abruzzo LV, Van Dyke DL, O’Brien S, et al. De novo deletion 17p13.1 chronic lymphocytic leukemia shows significant clinical heterogeneity: the M. D. Anderson and Mayo Clinic experience. Blood. 2009;114:957-64.
  • Wierda WG, Kipps TJ, Mayer J, Stilgenbauer S, Williams CD, Hellmann A, Robak T, Furman RR, Hillmen P, Trneny M, Dyer MJ, Padmanabhan S, Piotrowska M, Kozak T, Chan G, Davis R, Losic N, Wilms J, Russell CA, Osterborg A; Hx-CD20-406 Study Investigators. Ofatumumab as single-agent CD20 immunotherapy in fludarabine-refractory chronic lymphocytic leukemia. J Clin Oncol. 2010;28:1749-55.
  • Zenz T, Döhner H, Stilgenbauer S. Genetics and risk-stratified approach to therapy in chronic lymphocytic leukemia. Best Pract Res Clin Haematol. 2007;20:439-53.
  • Zenz T, Eichhorst B, Busch R, Denzel T, Häbe S, Winkler D, Bühler A, Edelmann J, Bergmann M, Hopfinger G, Hensel M, Hallek M, Döhner H, Stilgenbauer S. TP53 mutation and survival in chronic lymphocytic leukemia. J Clin Oncol. 2010;28:4473-9.
  • Zenz T, Häbe S, Denzel T, Mohr J, Winkler D, Bühler A, Sarno A, Groner S, Mertens D, Busch R, Hallek M, Döhner H, Stilgenbauer S. Detailed analysis of p53 pathway defects in fludarabine-refractory chronic lymphocytic leukemia (CLL): dissecting the contribution of 17p deletion, TP53 mutation, p53-p21 dysfunction, and miR34a in a prospective clinical trial. Blood. 2009;114:2589-97.
  • Zenz T, Kröber A, Scherer K, Häbe S, Bühler A, Benner A et al. Monoallelic TP53 inactivation is associated with poor prognosis in chronic lymphocytic leukemia: results from a detailed genetic characterization with long-term follow-up. Blood. 2008; 112:3322-9.
Print Friendly, PDF & Email
×
Registrati

Iscriviti a Ematologia in Progress per ricevere la news letter e poter personalizzare la tua esperienza sul nostro sito.

×
Sponsor

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

×
Privacy & Cookie Policy

Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy

  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    Print Friendly, PDF & Email
  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.

    Print Friendly, PDF & Email