Precision medicine treatment in AML using prospective genomic profiling: feasibility and preliminary efficacy of the Beat AML Master Trial 
10 Dicembre 2020
Prognostic and therapeutic impacts of mutant TP53 variant allelic frequency in newly diagnosed acute myeloid leukemia
12 Gennaio 2021

Lisocabtagene maraleucel (liso-cel). Un nuovo prodotto CAR-T in via di approvazione

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Attualmente la terapia cellulare basata sull’infusione delle cellule CAR-T è considerata tra le più promettenti ed interessanti, soprattutto nell’ambito delle neoplasie ematologiche derivanti dai linfociti B in recidiva o refrattarie (R/R), in particolare nelle leucemie acute linfoblastiche a fenotipo B (LAL- B) e nei linfomi non-Hodgkin (LNH) a cellule B.

Attualmente l’autorizzazione commerciale da parte della Food and Drug Administration (FDA) e della European Medicines Agency (EMA) è stata ottenuta per due prodotti CAR-T anti-CD19 di seconda generazione: tisagenlecleucel (tisa-cel, KymriahTM) e axicabtagene ciloleucel (axi-cel, YescartaTM). Entro la fine del 2020 è prevista l’approvazione da parte dell’FDA di un nuovo prodotto CAR-T: lisocabtagene maraleucel (liso-cel), prodotto chimerico a cellule T autologo con specificità anti-CD19 e un dominio co-stimolatorio 4-1BB, la cui somministrazione prevede due infusioni sequenziali di CAR-T CD8+ e CD4 + in rapporto 1:1.

Sono stati recentemente riportati su Lancet i risultati dello studio prospettico di fase I/II TRANSCEND NHL 001 (Abramson JS et al, 2020), in cui liso-cel è stato impiegato in un’ampia gamma di pazienti con LNH aggressivo a cellule B R/R. Rispetto agli studi ZUMA1 (Neelapu SS et al, 2017) e JULIET (Schuster SJ et al, 2019) che, rispettivamente, hanno portato all’approvazione di axi-cel e tisa-cel nel linfoma diffuso a grandi cellule B (DLBCL) R/R, lo studio TRASCEND prevedeva caratteristiche di arruolamento più ampie sia dal punto di vista dell’istologia del linfoma (erano infatti arruolabili pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B de novo o trasformato da qualsiasi linfoma indolente, linfomi ad alto grado double o triple hit, linfomi primitivi del mediastino e linfomi follicolari di grado 3B), sia dal punto di vista dell’età (inclusi pazienti con più di 65 anni) e della fitness del paziente (eleggibilità anche in presenza di ridotta funzionalità renale e cardiaca) e sia caratteristiche ad alto rischio come il coinvolgimento del sistema nervoso centrale (SNC).

Globalmente lo studio ha arruolato e sottoposto a procedura aferetica 344 pazienti; di questi, 269 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di liso-cel (per il livello 1D di dose erano previste due infusione a 50×10⁶ CAR-T). In 50 pazienti non è stato possibile infondere il farmaco, principalmente a causa di intercorso decesso per progressione di malattia (n= 33). Altre cause sono state: complicanze correlate al linfoma (n=6), perdita dei criteri di eleggibilità (n=5), fallimento nella manifattura delle cellule (n=2), ritiro del consenso informato (n=2) e motivi non specificati (n=2). Altri 25 pazienti hanno infuso un prodotto CAR-T che non rispettava la ratio 1:1 tra CD8+ e CD4+ e sono usciti dallo studio.

L’età mediana è stata di 63 anni (range: 18-86). È importante sottolineare che 112 pazienti (42%) presentavano un’età pari o superiore ai 65 anni e, in particolare, 27 (10%) un’età pari o superiore ai 75 anni, 181 (67%) avevano una malattia refrattaria alla chemioterapia e 7 (3%) presentavano un coinvolgimento secondario del sistema nervoso centrale (SNC). In 25 casi, inoltre, è stata possibile la somministrazione di liso-cel in regime ambulatoriale.

Dei 256 pazienti inclusi nell’analisi di efficacia, una risposta obiettiva è stata osservata in 186 (73%) e una risposta completa in 136 (53%), con un tempo mediano alla risposta di 1 mese.

Le risposte sembrano essere durevoli, con una durata stimata di risposta a 1 anno del 55% nei pazienti che avevano una risposta completa o parziale e del 65% in quelli che avevano ottenuto una risposta completa.

Gli eventi avversi più comuni di grado >3 sono stati quelli ematologici; in particolare, neutropenia nel 60% dei casi, anemia nel 37% e trombocitopenia nel 27%.

Per quanto riguarda le complicanze più temibili del trattamento con CAR-T, la sindrome da rilascio di citochine (CRS) e la tossicità neurologica di qualsiasi grado di severità, queste si sono verificate, rispettivamente, in 113/269 (42%) e 80/269 (30%) pazienti. La CRS e la tossicità neurologica di grado >3 si sono osservate rispettivamente in 6 (2%) e 27 (10%) pazienti. Nove pazienti (6%) hanno sviluppato una tossicità dose-limitante, incluso un paziente che è deceduto per danno alveolare acuto.

Sebbene il follow-up sia ancora breve, liso-cel sembra quindi avere un alto tasso di risposte oggettive del tutto comparabili a quelle ottenute nei precedenti studi registrativi ZUMA1 e JULIET, con una bassa incidenza di CRS ed eventi neurologici di grado ≥3. Importante ricordare l’inclusione in questo studio di pazienti con un ampio range di età, con comorbidità lievi e con fattori prognostici ad alto rischio come la presenza di coinvolgimento del SNC.

 

Fonte:

Abramson JS, Palomba ML, Gordon LI, et al. Lisocabtagene maraleucel for patients with relapsed or refractory large B-cell lymphomas (TRANSCEND NHL 001): a multicentre seamless design study. Lancet. 2020;396:839-852.

 

BIBLIOGRAFIA

  • Neelapu SS, Locke FL, Bartlett NL, et al. Axicabtagene ciloleucel CAR T-cell therapy in refractory large B-cell lymphoma. N Engl J Med 2017; 377: 2531–44.
  • Schuster SJ, Bishop MR, Tam CS, et al. Tisagenlecleucel in adult relapsed or refractory diffuse large B-cell lymphoma. N Engl J Med 2019; 380: 45–56.
Print Friendly, PDF & Email
  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    Print Friendly, PDF & Email
  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.

    Print Friendly, PDF & Email
  • ×
    Registrati

    Iscrizione newsletter

    Our monthly newsletter with a selection of the best posts

    Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa

    ×
    Sponsor