Le mutazioni del gene calreticulina – Alessandro Vannucchi
8 maggio 2014
Blinatumomab nella leucemia acuta linfoide
20 maggio 2014

Leucemia acuta linfoide a cellule B mature/Linfoma “Burkitt type”

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Definizione

La leucemia acuta linfoide (LAL) a cellule B mature o linfoma “Burkitt type” (BL) è un’entità rara che rappresenta tra l’1 ed il 5% delle LAL o dei linfomi non-Hodgkin (LNH) dei bambini e degli adulti. La classificazione WHO (Jaffe ES et al, 2001) riconosce le fasi di linfoma e di leucemia come una singola entità, sottotipo di linfoma di Burkitt/leucemia a cellule di Burkitt. La “vecchia” classificazione FAB (Bennett JM et al, 1976) PubMed indicava la forma leucemica come LAL L3.

Caratteristiche biologiche e approccio diagnostico

Un moderno approccio diagnostico di una LAL a cellule B mature/BL (LAL-B/BL) è rappresentato dall’integrazione di differenti indagini di laboratorio come l’esame morfologico del midollo osseo, l’analisi dell’immunofenotipo, la citogenetica convenzionale, la FISH, la biologia molecolare e può comprendere anche analisi di “gene expression profiling”. Questo sottogruppo di LAL mostra caratteristiche biologiche e cliniche definite.

Le LAL-B/BL hanno un aspetto morfologico caratteristico, dovuto alla presenza di cellule neoplastiche di medie dimensioni, di aspetto monomorfico, con nuclei rotondi e multipli nucleoli basofili; il citoplasma è moderatamente abbondante e molto basofilo, con vacuoli multipli evidenti alla colorazione di Giemsa o Wright dovuti alla presenza di lipidi (Figura I).

Foà_LEUCEMIA_ACUTA_LINFOIDE_a cellule_B_mature_Figura_1

Figura I: Aspetto morfologico di una LAL a cellule B mature o linfoma “Burkitt type”

Tipicamente, l’indice mitotico di queste cellule neoplastiche è molto elevato, assumendo un aspetto a “cielo stellato” derivante anche dalla presenza di numerosi macrofagi, fagocitanti i detriti apoptotici. Mostrano un immunofenotipo a cellule B mature – CD19+, CD20+, CD22+ e TdT- (per lo più) – per la presenza di immunoglobuline di superficie (sIg). Nel 75-80% dei casi circa sono presenti traslocazioni che coinvolgono il cromosoma 8. La più frequente è la traslocazione t(8;14)(q24;q32), che coinvolge il gene c-myc sul cromosoma 8 e il locus della catena pesante delle Ig (IgH) sul cromosoma 14; sono state descritte anche varianti più rare, come la t(2;8) (p12;q24) o la t(8;22)(q24;q11), che coivolgono c-myc e, rispettivamente, i loci delle catene leggere κ o λ delle Ig (Burmeister T et al, 2005 PubMedSmardova J et al, 2008 PubMedLundin C et al, 2013 PubMed). Queste traslocazioni portano ad una espressione inappropriata del proto-oncogene c-myc sulla banda 8q24; il c-myc influenza la trascrizione di una varietà di proteine ​​coinvolte nella regolazione del ciclo cellulare, apoptosi, crescita cellulare, adesione cellulare e differenziazione (Blum KA et al, 2004 PubMedYusteina JT, Dang CV, 2007 PubMed). L’analisi di citogenetica convenzionale e la FISH consentono di identificare le suddette traslocazioni. L’analisi molecolare permette di riconoscere la presenza del riarrangiamento c-myc/IgH, ma poiché tale riarrangiamento avviene a livello del DNA non da luogo ad un gene di fusione. E’ pertanto necessario utilizzare una particolare analisi molecolare chiamata “long-distance polymerase chain reaction (LD-PCR)” per evidenziarlo a livello genomico (Lovisa F et al, 2009) PubMed; l’analisi molecolare consente di mettere in evidenza breakpoint diversi nella traslocazione c-myc/IgH (Blum KA et al, 2004) PubMed. Come detto, non in tutti i pazienti è possibile identificare la traslocazione; in questo caso, può risultare utile eseguire lo studio del riarrangiamento delle Ig (presente nel 95% dei casi di tutte le LAL-B) mediante l’utilizzo di ASO-primers (Lovisa F et al, 2009) PubMed.

L’analisi di “gene expression profile” ha mostrato come le LAL-B/BL presentano una “signature” ben definita e distinta (Dave SS et al, 2006 PubMedHummel M et al, 2006 PubMed) (Figura II).

Foà_LEUCEMIA_ACUTA_LINFOIDE_a cellule_B_mature_Figura_2

Figura II: Gene expression profile (adattata da Dave SS et al. N Engl J Med 2006)

Anche lo studio dei miRNA conferma che le LAL-B/BL rappresentano una forma clinico-biologica definita con solo differenze marginali nell’espressione di miRNA tra la variante endemica e sporadica (Lenze D et al, 2011) PubMed (Figura III).

Foà_LEUCEMIA_ACUTA_LINFOIDE_a cellule_B_mature_Figura_3

Figura III: miRNA profiling (adattata da Lenze D et al. Leukemia 2011)

Malattia minima residua

Un approfondito inquadramento alla diagnosi è anche essenziale per una valutazione uniforme della malattia minima residua (MMR) durante il decorso della malattia. La citogenetica, o meglio l’analisi mediante la FISH, consentono di identificare la traslocazione t(8:14) e le sua varianti, e la LD-PCR identifica il riarrangiamento c-myc/IgH, ma ciò è possibile solo per quei pazienti che presentano tale alterazione. Nella quota di pazienti (20-25%) che non presenta la traslocazione t(8:14), si può valutare la MMR mediante l’analisi del riarrangiamento delle Ig. Utilizzando queste tre metodiche è pertanto possibile valutare la MMR in tutti i pazienti con LAL-B/BL.

Caratteristiche cliniche

Clinicamente la leucemia a cellule di Burkitt, oltre alla compromissione midollare, presenta quasi sempre l’interessamento di molti organi e/o sistemi come linfonodi, fegato, milza, ossa, apparato digerente o urinario, ecc; spesso è presente anche il coinvolgimento del sistema nervoso centrale (SNC). Ha un andamento clinico rapido ed aggressivo e viene considerata come una emergenza clinica che richiede una diagnosi immediata ed un trattamento adeguato. I sintomi possono essere sistemici (ad esempio: febbre, calo ponderale, sudorazione notturna, ecc) o legati all’interessamento dei vari organi o entrambi. Dobbiamo ricordare che per il linfoma di Burkitt/leucemia a cellule di Burkitt esistono tre varianti cliniche (endemica o africana, sporadica o non-africana e HIV correlata), ma descrivendo la fase leucemica della patologia è l’interessamento midollare a dominare il quadro clinico.

Prognosi

La prognosi della LAL a cellule B mature o linfoma “Burkitt type”, fino a non molti anni orsono era assai sfavorevole; le percentuali di remissione completa (RC) con l’utilizzo di terapie convenzionali, variavano dal 30 al 70%, con tassi di guarigione dallo 0 al 30%. Gli attuali regimi terapeutici sono strutturati con cicli di chemioterapia intensiva e con un’importante profilassi intratecale, rendendo questo tipo di LAL una neoplasia curabile (Patte C, 2002 PubMedKenkre VP, Stock W, 2009 PubMed). Inoltre, l’aggiunta dell’anticorpo monoclonale anti-CD20 (rituximab) ha consentito di ottenere percentuali di RC che vanno dall’82 al 100% ed anche la sopravvivenza è in media intorno all’80% (Tabella I) (Hoelzer D, Gökbuget N, 2011) PubMed. Il miglioramento della prognosi si è ottenuto indipendentemente dall’età dei pazienti.

 

Foà_LEUCEMIA_ACUTA_LINFOIDE_Tabella_1

Tabella I: Trattamento della LAL-L3/LNH Burkitt type HIV+/- con chemioterapia intensiva +  anti-CD20 (adattata da: Hoelzer D, et al; Blood Rev 2011)

Terapia

Il trattamento di una LAL-B/BL è composto da una polichemioterapia che prevede l’utilizzo di farmaci alchilanti e ciclo-specifici che passano la barriera emato-encefalica; tale terapia deve essere effettuata il prima possibile e l’intero ciclo di trattamento va eseguito in pochi mesi. Negli ultimi anni è stato inserito nei vari protocolli di terapia l’anticorpo monoclonale anti-CD20 (rituximab) che ha migliorato in modo significativo le curve di sopravvivenza in tutti i pazienti, specialmente negli anziani (Thomas DA et al, 2006 PubMedHoelzer D et al, 2007Dunleavy K et al, 2007Oriol A et al, 2008 PubMedRizzieri DA et al, 2010Barnes JA et al, 2011 PubMedJain P et al, 2013Linch DC, 2012 PubMedRibera JM et al, 2013 PubMed). L’ultima generazione di anticorpi monoclonali anti-CD20, come l’ofatumumab, potrebbe sostituire il rituximab, mentre l’utilizzo di nuovi anticorpi monoclonali come l’inotuzumab dovrà essere considerato.

L’estrema chemiosensibilità di queste forme aggressive, con massa bulky, può determinare in coincidenza con l’inizio del trattamento, l’insorgenza di una sindrome da lisi tumorale, conseguenza della citolisi massiva; pertanto è indicato eseguire un trattamento preventivo mediante iper-idratazione con diuresi forzata, alcalinizzazione delle urine e somministrazione di farmaci uricosurici. La radioterapia craniale non viene utilizzata in profilassi, ma solo se è presente un interessamento del SNC all’esordio di malattia. La terapia di mantenimento non ha dimostrato benefici e non viene pertanto consigliata/utilizzata.

Il ruolo del trapianto allogenico o autologo in questa patologia è ancora da definire (Yusteina JT, Dang CV, 2007 PubMed; Linch DC, 2012 PubMed; Peniket AJ et al, 2003 PubMedVan Imhoff GW et al, 2005 PubMed). Si hanno dati limitati sull’utilizzo del trapianto allogenico nella fase leucemica della LAL-B/BL (Peniket AJ et al, 2003 PubMed); ne viene riportato l’utilizzo, come terapia di seconda linea, nei casi resistenti o recidivati. Il trapianto autologo è stato maggiormente utilizzato nella fase di linfoma (Van Imhoff GW et al, 2005) PubMed, anche se non sembrano esserci differenze nell’outcome rispetto ai pazienti trattati con terapia intensiva.

Comunque ad oggi non si può dire quale sia il trattamento migliore in quanto pur sussistendo diversi schemi terapeutici, non esistono protocolli randomizzati che mettono a confronto i vari regimi. Saranno necessari studi prospettici randomizzati e la collaborazione di più gruppi per stabilire la terapia ottimale.

 

Bibliografia

  • Barnes JA, LaCasce AS, Feng Y, et al. Evaluation of the addition of rituximab to CODOX-M/IVAC for Burkitt’s lymphoma: a retrospective analysis. Ann Oncol. 2011;22:1859–1864.
  • Bennett JM, Catovsky D, Daniel MT, et al. Proposals for the classification of the acute leukaemias. French-American-British (FAB) co-operative group. Br J Haematol. 1976;33:451-458.
  • Blum KA, Lozanski G, Byrd JC. Adult Burkitt leukemia and lymphoma. Blood. 2004;104:3009-3020.
  • Burmeister T, Schwartz S, Horst HA, et al. Molecular heterogeneity of sporadic adult Burkitt-type leukemia/lymphoma as revealed by PCR and cytogenetics: Correlation with morphology, immunology and clinical features. Leukemia. 2005;19:1391-1398.
  • Dave SS, Fu K, Wright GW, et al. Molecular diagnosis of Burkitt’s lymphoma.  N Engl J Med. 2006;354:2431–2442.
  • Dunleavy K, Healey Bird BR, Pittaluga S, et al. Efficacy and toxicity of dose-adjusted EPOCH-rituximab in adults with newly diagnosed Burkitt lymphoma. J Clin Oncol (ASCO Annual Meeting Proceedings). 2007;25: abstract 8035.
  • Hoelzer D, Gökbuget N. Chemoimmunotherapy in acute lymphoblastic leukemia. Blood Rev. 2011;26:25-32.
  • Hoelzer D, Hiddemann W, Baumann A, et al. High survival rate in adult Burkitt’s lymphoma/leukemia and diffuse large B-cell lymphoma with mediastinal involvement. Blood (ASH Annual Meeting Abstracts). 2007; 110: abstract 518.
  • Hummel M, Bentink S, Berger H, et al. A biologic definitionof Burkitt’s lymphoma from transcriptional and genomic profiling.  N Engl J Med. 2006;354:2419–2430.
  • Jaffe ES, Harris NL, Stein H, Vardiman J, eds. World Health Organization Classification of Tumours. Pathology and Genetics of Tumours of Haematopoietic and Lymphoid Tissues. Lyon, France: IARC Press; 2001:181–184.
  • Jain P, Kantarjian HM, Jorge E. CortesJE, et al. Long Term Follow-Up Of De Novo Or Minimally Treated Burkitt Lymphoma/Leukemia (BL/B-ALL) After Frontline Therapy Per The Hyper-CVAD Regimen With Or Without Rituximab:  20-Year Cumulative Experience. Blood (ASH Annual Meeting Abstracts). 2013;122:abstract 3917.
  • Kenkre VP, Stock W. Burkitt lymphoma/leukemia: improving prognosis. Clin Lymphoma Myeloma. 2009;9 Suppl 3:S231-238.
  • Lenze D, Leoncini L, Hummel M, et al. The different epidemiologic subtypes of Burkitt lymphoma share a homogenous micro RNA profile distinct from diffuse large B-cell lymphoma. Leukemia. 2011;25:1869–1876.
  • Linch DC. Burkitt lymphoma in adults. Br J Haematol. 2012; 156:693-703.
  • Lovisa F, Mussolin L, Lilia Corral L, et al. IGH and IGK gene rearrangements as PCR targets for pediatric Burkitt’s lymphoma and mature B-ALL MRD analysis. Lab Invest. 2009; 89:1182–1186.
  • Lundin C, Hjorth L, Behrendtz M, et al. Submicroscopic Genomic Imbalances in Burkitt Lymphomas/Leukemias: Association with Age and Further Evidence that 8q24/MYC Translocations Are Not Sufficient for Leukemogenesis. Genes, Chromosomes & Cancer. 2013; 52:370–377.
  • Oriol A, Ribera JM, Bergua J, et al. High-Dose Chemotherapy and immunotherapy in adult Burkitt lymphoma. Comparison of results in human immunodeficiency virus-infected and non infected patients. Cancer. 2008;113:117–125.
  • Patte C. Treatment of mature B-ALL and high grade B-NHL in children. Best Pract Res Clin Haematol. 2002;15:695-711.
  • Peniket AJ, Ruiz de Elvira MC, Taghipour G, et al. An EBMT registry matched study of allogeneic stem cell transplants for lymphoma: allogeneic transplantation is associated with a lower relapse rate but a higher procedure-related mortality rate than autologous transplantation. Bone Marrow Transpl. 2003;31:667–678.
  • Ribera JM, García O, Grande C, et al. Dose-Intensive Chemotherapy Including Rituximab in Burkitt’s Leukemia or Lymphoma Regardless of Human Immunodeficiency Virus Infection Status. Cancer. 2013; 119:1660-1668.
  • Rizzieri DA, Jeffrey L Johnson JL, Byrd JC, et al. Efficacy and toxicity of rituximab and brief duration, high intensity chemotherapy with filgrastim support for Burkitt or Burkitt-like leukemia/lymphoma: Cancer and Leukemia Group B (CALGB) study 10002. Blood (ASH Annual Meeting Abstracts). 2010;116:abstract 858.
  • Smardova J, Grochova D, Fabian P, et al. An unusual p53 mutation detected in Burkitt’s lymphoma: 30 bp duplication. Oncol Rep. 2008;20:773–778.
  • Thomas DA, Faderl S, O’Brien S, et al. Chemoimmunotherapy with Hyper-CVAD plus Rituximab for the Treatment of Adult Burkitt and Burkitt-Type Lymphoma or Acute Lymphoblastic Leukemia. Cancer. 2006;106:1569–1580.
  • Van Imhoff GW, Van der Holt B, MacKenzie MA, et al. Short intensive sequential therapy followed by autologous stem cell transplantation in adult Burkitt, Burkitt-like and lymphoblastic lymphoma. Leukemia. 2005;19:945–952.
  • Yusteina JT and Dang CV. Biology and treatment of Burkitt’s lymphoma. Curr Opin  Hematol. 2007;14:375–381.
×
Sponsor

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

×
Privacy & Cookie Policy

Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy

  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.