Leucemia acuta linfoide

A cura di:

Ematologia, Dipartimento di Medicina Traslazionale e di Precisione, Università Sapienza, Roma

Ematologia, Dipartimento di Medicina Traslazionale e di Precisione, Università Sapienza, Roma

Ematologia, Dipartimento di Medicina Traslazionale e di Precisione, Università Sapienza, Roma

Professore Emerito di Ematologia, Università Sapienza, Roma

Print Friendly, PDF & Email

 

INTRODUZIONE

 

La leucemia acuta linfoide (LAL) è una malattia eterogenea con aspetti clinici e biologici differenti, caratterizzata dalla proliferazione e dall’accumulo di cellule immature della linea linfoide nel midollo osseo, nel sangue periferico, nei tessuti linfoidi e in altre sedi.

 

EPIDEMIOLOGIA

 

La LAL rappresenta la neoplasia più frequente nei bambini, mentre è relativamente rara nell’età adulta. Presenta un andamento bimodale con un picco precoce tra i 2 e i 5 anni di età ed un successivo incremento oltre i 65 anni (Sallan SE, 2006) (Figura I). Esiste una modesta predominanza nel sesso maschile, con un rapporto uomo-donna di ~2:1. Questo fenomeno è particolarmente evidente nella fascia d’età tra i 14 e i 40 anni, con un’inversione di tendenza dalla 5ta decade in poi per una prevalenza del sesso femminile dopo i 50 anni, suggerendo che vi sia un effetto protettivo degli ormoni sessuali femminili (Chiaretti S et al, 2013a (Figura II).

 

Figura I. Incidenza per età (da Sallan SE, 2006)

 

Figura II. Incidenza per sesso nelle differenti fasce d’età (da Chiaretti S et al, 2013a)

 

Anche se nella grande maggioranza delle LAL non si riconoscono cause genetiche o ambientali, probabilmente la leucemia si sviluppa per una combinazione tra cause ambientali, una suscettibilità genetica e l’azione di oncogeni tumorali (Kinlen LJ, 2004; Redaelli A et al, 2005; Gao F et al, 2005; Greaves M, 2006). La maggiore incidenza in pazienti con sindrome di Down o di Klinefelter fa supporre una relazione fra anomalie genetiche e leucemia. L’aumentata incidenza in bambini con sindrome di Fanconi o di Bloom, oppure con immunodeficienze primarie come la sindrome di Wiskott-Aldrich o l’atassia-teleangectasia, è un altro sostegno a questa ipotesi. L’idea che vi sia un’influenza di fattori ereditari si basa anche sulla dimostrazione della comparsa di una forma leucemica in fratelli in cui un gemello monocoriale ha sviluppato una leucemia; si ipotizza un passaggio del clone leucemico tramite il sangue placentare. L’ opinione che casi di LAL si possano sviluppare direttamente nell’utero materno è anche legata alla dimostrazione della presenza di un riarrangiamento clonale dei geni delle immunoglobuline (Ig) o del T-cell receptor (TR), o della sequenza di un gene di fusione leucemico nel sangue prelevato alla nascita in bambini che hanno in seguito sviluppato una leucemia; è tuttavia probabile che per lo sviluppo della stessa sia necessaria la presenza di altri cofattori (Taub JW et al, 2002; Cazzaniga G et al, 2011; Li X et al, 2014). Inoltre, è stata evidenziata un’associazione tra alcune varianti polimorfiche a carico dei geni IKZF1, ARID5B, CEBPE, CDKN2A e PAX5 e lo sviluppo di leucemia, tanto nel bambino quanto nell’adulto (Inaba H et al, 2013; Burmeister T et al, 2014; Inaba H, Mullighan CG, 2020; Klco JM, Mullighan CG, 2020).
Sebbene alcuni virus, in particolare i retrovirus, siano in grado di provocare tumori negli animali, non c’è evidenza che ciò avvenga anche nell’uomo; tuttavia, alla forma di LAL a cellule B mature (definita anche “Burkitt type”) si può associare la presenza del virus di Epstein-Barr (Burkitt DP, 1983).

Tra le cause ambientali sono riconosciute come fattori di rischio:
– l’esposizione ad alte dosi di radiazioni (ad esempio: l’esplosione di una bomba atomica, gli incidenti legati a reattori nucleari o alcune forme di radioterapia);
– vivere in prossimità di insediamenti industriali (ad esempio: l’esposizione a sostanze come il benzene) (Heck JE et al, 2013).

Sopravvissuti, di giovane età, alla bomba atomica in Giappone e bambini esposti a radiazioni in utero hanno mostrato un’aumentata incidenza di leucemie. L’esposizione ad agenti esterni quali solventi, radiazioni, sostanze chimiche, pesticidi e farmaci è stata correlata allo sviluppo di leucemie infantili. Anche l’esposizione in utero a radiazioni o solventi chimici può dar luogo allo sviluppo di una leucemia, anche se la latenza nell’insorgenza della stessa fa ipotizzare la necessità di altri eventi leucemogeni. Il fumo e l’esposizione a campi elettromagnetici o a basse dosi di radiazioni rappresentano a tutt’oggi dei fattori di rischio ancora da dimostrare, anche se una recente meta-analisi riporta un’associazione tra esposizione a campi magnetici > 0.2 µT e lo sviluppo di leucemia in età infantile (Zhao L et al, 2014).
Pertanto, quando uno o più di questi fattori provocano un’alterazione del processo fisiologico di maturazione della cellula linfoide in senso neoplastico, i linfoblasti perdono la capacità di dare origine a cellule normalmente maturanti, continuano ad espandersi e ad accumularsi, inizialmente nel midollo osseo e successivamente nel sangue periferico ed in altri organi e tessuti dando luogo alla comparsa della leucemia.

 

PATOGENESI

 

Gli eventi patogenetici precisi che portano allo sviluppo di una LAL sono sconosciuti, anche se nel corso degli ultimi decenni sono aumentate le evidenze che indicano che difetti cromosomici ed anomalie molecolari sono consistentemente presenti nei pazienti affetti da LAL (Armstrong SA, Look AT, 2005; Pui CH, 2008). È ad oggi noto che queste anomalie inducono una perdita del controllo esercitato dagli anti-oncogeni, una attivazione di oncogeni o la formazione di nuove proteine chimeriche con capacità oncogenica. Si ritiene che la LAL tragga origine dall’accumulo e dalla cooperazione di molteplici lesioni genetiche che si verificano nei progenitori emopoietici già diretti al differenziamento in cellule di linea B o T, incluse le mutazioni che conferiscono la capacità di auto-rinnovamento illimitato e quelle che portano ad un arresto dello sviluppo in una fase-specifica (Inaba H et al, 2013). Le cellule leucemiche presentato riarrangiamenti clonali nei geni delle Ig o del TR. La caratterizzazione di traslocazioni cromosomiche ricorrenti ha permesso l’identificazione di geni fondamentali per il processo di leucemogenesi (Rowley JD, 1998; Greaves M F, Wiemels J, 2003). L’utilizzo delle analisi di espressione genica per caratterizzare le differenze tra leucemie con varie aberrazioni cromosomiche ha rafforzato l’idea che specifiche anomalie cromosomiche definiscano specifiche leucemie (Yeoh EJ et al, 2002; Haferlach T et al, 2005; Chiaretti S et al, 2005; Haferlach T et al, 2010). Queste lesioni genetiche sono importanti per dare inizio ad un evento leucemico, ma da sole non sono sufficienti per generare un fenotipo leucemico completo; ciò sta ad indicare che è necessario l’intervento di altri potenziali eventi patogenetici (Mullighan CG et al, 2007). Inoltre, studi di epigenetica hanno evidenziato una correlazione tra il grado di metilazione del DNA ed alcuni sottotipi di LAL, sottolineando come cambiamenti nella metilazione del DNA possano giocare un ruolo importante nella determinazione del fenotipo del blasto leucemico (Figueroa ME et al, 2013).

Il tema dominante della ricerca contemporanea nella patogenesi della LAL è mirato ad identificarenuove alterazioni genetiche e di comprenderne le conseguenze, in termini di effetti sulla proliferazione, sul differenziamento e sulla sopravvivenza cellulare (Figura III). Queste lesioni genetiche ed i loro prodotti proteici costituiscono altresì bersagli potenziali per lo sviluppo di strategie terapeutiche, che colpiscano in maniera selettiva la cellula tumorale.

 

Figura III. Potenziali eventi patogenetici nello sviluppo di una LAL B (da Inaba H et al, 2013)

 

SINTOMATOLOGIA

 

Non esistono sintomi o segni clinici specifici della malattia; i sintomi sono ad insorgenza improvvisa, diversi da paziente a paziente, possono essere variamente associati, e sono complessivamente simili tra pazienti adulti e pediatrici. In genere, viene riferita una breve storia di astenia, febbre, sudorazione notturna, calo ponderale e talvolta dolori ossei, e manifestazioni emorragiche; questi sintomi sono il risultato della proliferazione delle cellule leucemiche nel midollo osseo e nel sangue, e della possibile compromissione di altri organi e sistemi come fegato, milza, linfonodi, mediastino e sistema nervoso centrale (SNC); meno frequenti sono le localizzazioni a livello delle ossa e delle articolazioni, della cute, dei reni e del polmone. Sono diretta espressione dell’insufficienza midollare l’astenia, il pallore o la tachicardia come conseguenza dell’anemia, le infezioni ricorrenti o prolungate a causa della neutropenia, la comparsa di manifestazioni emorragiche diverse (petecchie, gengivorragia, epistassi) dovute alla piastrinopenia. Possono essere presenti sintomi come nausea, cefalea o vomito come segno di compromissione del SNC, che si riscontra alla diagnosi nel 5-10% dei casi sia nei bambini che negli adulti. Un quadro particolare è quello rappresentato dalla localizzazione testicolare, spesso monolaterale, presente in percentuale maggiore nei bambini rispetto agli adulti, e la cui diagnosi va posta tramite biopsia con esame istologico; questo tipo di localizzazione è molto più frequente al momento della recidiva rispetto all’esordio della malattia.

L’esame emocromocitometrico può mostrare parametri come anemia, leucopenia o leucocitosi, piastrinopenia, che possono essere comuni con altre patologie di natura ematologica. Nei bambini, molto più che negli adulti, vi è spesso una leucopenia. Anche le altre analisi di laboratorio possono mostrare risultati anomali aspecifici (Tabella I).

Importante l’osservazione dello striscio periferico che può mostrare la presenza di blasti. L’indagine da eseguire, se il quadro clinico e l’emocromo portano ad un sospetto di una leucemia acuta, è l’agoaspirato midollare che consente l’esecuzione della maggior parte delle indagini che portano ad un corretto inquadramento diagnostico-prognostico della LAL. Una volta posta la diagnosi di LAL, è importante eseguire anche una rachicentesi che consiste nel prelievo, tramite un ago molto sottile inserito tra due vertebre lombari, del liquido cefalorachidiano per la ricerca di eventuali cellule leucemiche, segno di compromissione del SNC.

 

Foa_LEUCEMIA_ACUTA_LINFOIDE_Tabella_1

Tabella I. Indagini di laboratorio e dati clinici

 

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO E CLASSIFICAZIONE

 

La diagnosi e la classificazione della LAL si basano su di una procedura “multistep” che comprende l’analisi della morfologia, della citochimica, dell’immunofenotipo, della citogenetica classica e della genetica molecolare, talvolta, anche del riarrangiamento dei geni delle Ig e del TR (Jabbour EJ et al, 2005; Vitale A et al, 2006; Faderl S et al, 2010; Chiaretti S et al, 2014a). L’ integrazione tra queste diverse metodiche consente non solo un corretto inquadramento clinico-biologico della leucemia, ma anche una stratificazione prognostica (identificazione di fasce di rischio) e guida anche le scelte terapeutiche (Figura IV).

 

Foa_LEUCEMIA_ACUTA_LINFOIDE_Figura_2

Figura IV. Inquadramento diagnostico

 

Morfologia e citochimica

 

Il primo “step” nell’iter diagnostico di una LAL è rappresentato dall’osservazione al microscopio ottico degli strisci di sangue periferico e di sangue midollare preparati secondo la metodica di colorazione di May-Grunwald-Giemsa. La LAL è caratterizzata dalla presenza nel midollo osseo di elementi immaturi della linea linfoide in una quota uguale o superiore al 30%, secondo la classificazione proposta dal “French-American-British (FAB) cooperative group” (distinguendoli morfologicamente in L1, L2 e L3), o al 20%, secondo la ”World Health Organization (WHO)” (Figura V). La suddivisione morfologica tra forme L1 e L2 non viene quasi più utilizzata, poiché non ha ruolo prognostico; fanno eccezione le forme L3 che rappresentano un’entità a parte sia come caratterizzazione biologico-clinica, che come trattamento terapeutico e prognosi (vedi LAL-B mature) (Bennett JM et al, 1976; Harris Nl, et al, 1999; Jaffe ES et al, 2001; Thomas DA et al, 2006; Hoelzer D et al, 2014).

 

Foa_LEUCEMIA_ACUTA_LINFOIDE_Figura_3

Figura V. Aspetti morfologici delle LAL

 

Per la LAL non esiste un test di citochimica specifico. Tuttavia, per definizione, la cellula linfoide leucemica è negativa al test per la mieloperossidasi (MPO). Le altre reazioni citochimiche, come la colorazione con l’acido periodico di Schiff (PAS) o il test per l’esterasi non-specifica, possono essere positive in alcuni sottogruppi di LAL, ma non sono specifiche, essendo presenti anche in casi di leucemia acuta mieloide (LAM).

 

Immunofenotipo

 

Lo studio dell’immunofenotipo rappresenta un momento fondamentale nel “percorso” diagnostico di una LAL e ha un’importante valenza anche nella valutazione della malattia minima residua (MMR) (vedi oltre). Infatti, la cellula leucemica esprime antigeni di superficie ed intracitoplasmatici, la cui caratterizzazione consente di determinare la linea di appartenenza, il livello di differenziazione, e di maturazione, e le aberrazioni che la identificano (Szczepanski T et al, 2006; Orfao A et al, 2006). Nelle LAL il blasto leucemico presenta, nella quasi totalità dei casi, un immunofenotipo che non muta nel tempo e che permette l’individuazione della cellula leucemica anche quando è presente in quote piccolissime. Lo studio dell’immunofenotipo si esegue con tecniche citofluorimetriche utilizzando combinazioni (fino a 12) di anticorpi monoclonali coniugati a fluorocromi che consentono l’analisi contemporanea dei differenti antigeni espressi. Lo strumento utilizzato per l’analisi è il citofluorimetro; convenzionalmente, per considerare come positivo un determinato antigene su una cellula leucemica si richiede che sia espresso su almeno il 20% delle cellule, se di superficie, o il 10%, se intracitoplasmatico. Un altro parametro da valutare nella caratterizzazione immunologica delle LAL è rappresentato dall’intensità di fluorescenza dell’anticorpo monoclonale che consente di distinguere non solo la cellula leucemica dalla sua controparte normale, ma anche di “quantificarla” per il monitoraggio della MMR durante e dopo la terapia, anche quando è presente in piccolissimi numeri (sensibilità pari a 10-4). È possibile quantizzare l’espressione di un antigene mediante:

• MIF (Mean Intensity Fluorescence): valore fornito dal citofluorimetro che rappresenta il rapporto tra la fluorescenza del campione e quella dell’isotipo;
• ABC (Antibodies Bound per Cell): valore che si ottiene confrontando l’espressione di un antigene con una curva di riferimento con rapporti noti tra molecole di antigene/valore di fluorescenza.

Esistono anticorpi monoclonali che servono ad individuare e differenziare le cellule linfoidi della linea B (ad es. CD10, CD19, CD79a e CD22), da quelle della linea T (ad es. CD1a, CD3, CD7, cCD3) e da quelle della linea mieloide (ad es. MPO, CD13, CD33); esistono, inoltre, anticorpi non linea-specifici (ad es. il CD34). In base alla positività o meno con i diversi anticorpi monoclonali, è possibile distinguere le forme a fenotipo B, che rappresentano la maggioranza delle LAL (l’80-85% dei casi) e le forme a fenotipo T (il 15-20% dei casi), la cui incidenza aumenta, seppur lievemente, tra i 10 e 50 anni (Chiaretti S et al, 2013a) (Figura VI).

 

Figura VI. Incidenza delle LAL in base al fenotipo nelle diverse fasce d’età (da Chiaretti S et al, 2013a)

 

La presenza di schemi classificativi consente una precisa definizione immunologica della LAL (Bene MC et al, 1995; Bene MC, 2005). Sia le forme B che T vengono distinte in quattro gruppi in base all’espressione di determinati antigeni di superficie ed intracitoplasmatici che rispecchiano il grado di differenziazione del linfocita; le forme T vengono ulteriormente classificate per la presenza dell’antigene TR specifico (α/β e γ/δ) (Tabella II).

 

Tabella II. Classificazione immunologica delle LAL

 

L’ ultima revisione della classificazione WHO (Arber DA et al, 2016) ha inoltre aggiunto come entità provvisoria (provisional) nell’ambito delle LAL-T le “early T precursor” (LAL-ETP). Le LAL-ETP rappresentano un sottogruppo contraddistinto da un profilo trascrizionale simile alla cellula staminale e da un immunofenotipo caratterizzato dalla positività del cCD3 e del CD7, dall’assenza o dalla debole espressione del CD5 (meno del 75% dei blasti), dalla negatività del CD1a e CD8, e dall’espressione di almeno un antigene della linea mieloide o della cellula staminale (CD13 e/o CD33, CD11b, CD65, CD34, HLA-DR e CD117) (Coustan-Smith E et al, 2009; Chopra A et al, 2013). Come discusso in seguito (vedi LAL “early T precursor” (ETP)), il riconoscimento di questo sottogruppo ha importanti ricadute cliniche poiché è stata riportata una prognosi sfavorevole nei pazienti trattati con una chemioterapia non intensiva.

Mentre è relativamente facile differenziare le LAL a fenotipo B da quelle a fenotipo T, in una piccola percentuale di casi è difficile distinguere tra forme linfoidi e mieloidi. Questi casi possono coesprimere antigeni linfoidi e mieloidi sulla stessa cellula (leucemia bifenotipica) o su popolazioni differenti (leucemia ibrida); non c’è consenso per quanto riguarda i criteri diagnostici da utilizzare in questi casi. L’“European Group for the Immunological Characterization of Leukemias (EGIL)” ha suggerito di usare un sistema a “score”, basato sull’assegnazione di un preciso punteggio ad antigeni di linea B, T o mieloidi e sulle loro associazioni (Bene MC et al, 1995). Secondo questo rigoroso sistema di punteggio, possono essere identificati quattro gruppi; il gruppo più comune è quello che coesprime sui blasti antigeni mieloidi e linfoidi B, meno comune è il gruppo che coesprime antigeni mieloidi e linfoidi T. Infine, rari sono i casi che esprimono antigeni di linea B e T, ed i casi con coespressione trilineare (mieloidi, linfoidi B e T). Una revisione di tale classificazione fatta nel 2008 dalla WHO (Vardiman JW et al, 2009) ha apportato alcuni cambiamenti nella diagnosi e classificazione delle leucemie di difficile assegnazione di linea. Le leucemie in precedenza designate come “ibride” e “bifenotipiche” sono ora considerate globalmente come “mixed phenotype acute leukemias (MPAL)” ed i casi senza marcatori di linea come “acute undifferentiated leukemias (AUL)”. I criteri che definiscono le componenti mieloidi, linfoidi B e T delle MPAL sono stati significativamente modificati e sono riassunti nella Tabella III.

 

Tabella III. Marcatori utilizzati nella classificazione WHO 2008 per la diagnosi di MPAL (da Vardiman JW et al, 2009) ed ulteriormente ridotti nella classificazione WHO 2016 (da Arber DA et al, 2016)

 

Altri marcatori sono utilizzati per identificare il livello di maturazione delle cellule leucemiche ed eventualmente stabilire fenotipi atipici o aberranti che possono, talvolta, essere indicativi di una specifica lesione genetica. Infine, alcuni antigeni possono suggerire la presenza di una lesione genetico-molecolare specifica; due esempi in tal senso sono rappresentati dall’espressione del CD66c nei casi che presentano il trascritto BCR-ABL1 e dalla positività dell’antigene NG2 nei casi che presentano riarrangiamenti a carico del gene KMT2A (alias MLL1) (Tang GS et al, 2015; Zangrando A et al, 2008). Una quota variabile di LAL esprime marcatori apparentemente non linea-associati, come ad esempio gli antigeni mieloidi ed il CD34. L’incidenza delle LAL dell’adulto che presentano l’espressione di antigeni mieloidi varia dal 15% al 35%, mentre nelle LAL pediatriche varia dal 4% al 15%. Tale ampio range può essere correlato al numero degli antigeni utilizzati, alla sensibilità degli anticorpi monoclonali usati, al livello di cut-off stabilito e a fattori tecnici (ad es. dalla sensibilità della tecnica di citofluorimetria o dalla strategia di “gating”). La positività dei blasti leucemici per gli antigeni mieloidi non rappresenta più un fattore prognostico sfavorevole (Vitale A et al, 2007); può però risultare utile per il monitoraggio immunologico della MMR. Il CD34 è l’antigene più comunemente utilizzato per definire il progenitore emopoietico immaturo; infatti, è presente solo nell’1% delle cellule midollari, non è linea-ristretto e può essere espresso sia nelle LAL che nelle LAM. Circa il 70% delle LAL esprime il CD34 ed è molto più frequente nelle LAL-B (70-80%) che nelle LAL-T (20-30%); è presente in un’alta percentuale nelle LAL-B con cromosoma Philadelphia (LAL Ph+).

La quantificazione dell’espressione di determinati antigeni nella popolazione leucemica può avere implicazioni terapeutiche. Gli anticorpi monoclonali, infatti, rappresentano, ad oggi, un importante cardine terapeutico nelle malattie linfoproliferative. Ciò vale in particolare per gli anticorpi diretti contro il CD19, CD20, CD22 ed in minor misura il CD52 ed il CD33, che possono essere espressi sui blasti linfoidi. La percentuale di positività ed il grado di espressione della popolazione leucemica – tanto alla diagnosi che alla recidiva – sono rilevanti per un loro potenziale utilizzo clinico. Un lavoro del nostro gruppo (Raponi S et al, 2011) ha mostrato che l’espressione degli antigeni CD19, CD20, CD22 e CD33 è variabile, e può associarsi ai diversi stadi di differenziazione ed alla presenza di anomalie molecolari.

 

Citogenetica e biologia molecolare

 

L’analisi citogenetica rappresenta un passo ulteriore nella caratterizzazione delle LAL. La citogenetica convenzionale consente di identificare le alterazioni del cariotipo solo in una parte dei pazienti affetti da LAL per la difficoltà del blasto linfoide ad andare in mitosi. Le nuove tecnologie, sviluppate su base molecolare, consentono di identificare la presenza di anomalie cariotipiche prima non individuabili (Speicher MR, Carter NP, 2005). E’ importante riuscire a valutarne la presenza poiché è dimostrato il loro valore nella prognosi della malattia (Mancini M et al, 2005; Moorman AV et al, 2007; Pullarkat V et al, 2008).

Per la ricerca delle anomalie cromosomiche si possono ora utilizzare numerose tecniche (Tabella IV).

Tra queste, le più utilizzate sono:

  • citogenetica convenzionale
  • fluorescence in situ hybridization (FISH)
  • single nucleotide polymorphism (SNP) arrays
  • multiplex ligation-dependent probe amplification (MLPA).

La citogenetica convenzionale rimane il test di base per la diagnosi di LAL. Tuttavia, la necessità di studiare metafasi rappresentative del clone leucemico e l’incapacità di evidenziare piccole anomalie cromosomiche sottolineano la necessità di un’integrazione con test addizionali per rilevare anomalie citogenetiche criptiche (Moorman AV, 2012a).

 

Tabella IV. Principali tecniche di citogenetica ed analisi molecolare utilizzate nella diagnosi delle LAL (da Moorman AV, 2012a)

 

Le alterazioni citogenetiche possono essere di struttura, di numero o di entrambi:

• di struttura:
– traslocazioni
– delezioni
– inversioni

• di numero:
– ipodiploidie (<46 cromosomi)
– iperdiploidie (>46 cromosomi)

La maggior parte delle anomalie cromosomiche sono strutturali: le più frequenti sono le traslocazioni, mentre sono più rare le inversioni, le delezioni o le duplicazioni. Il risultato finale di tali anomalie è rappresentato da 1) una perdita del controllo esercitato dagli anti-oncogeni, 2) un’attivazione di oncogeni, 3) un’attivazione di nuove proteine con potenziale attività di trascrizione.

Meno frequenti sono le anomalie di numero. Le iperdiploidie sono presenti nel 5-10% dei casi adulti e l’associazione con una migliore prognosi è meno evidente che nei bambini (presenti in circa 25% dei casi). Al contrario, la presenza di ipodiploidia (2-4% delle LAL) è associata, tanto nei bambini che negli adulti, ad una prognosi sfavorevole. Studi recenti evidenziano che i casi ipodiploidi sono caratterizzati da lesioni genetiche specifiche (Holmfeldt L et al, 2013; Mühlbacher V et al, 2014; Safavi S et al, 2017).

Molte delle più comuni traslocazioni vengono studiate a livello molecolare utilizzando le tecniche di “Reverse-Transcriptase Polymerase Chain Reaction” (RT-PCR) e varianti (Chomczynski P et al, 1987; Beillard E et al, 2003; Elia L et al, 2003). Più in particolare:

• le analisi tramite RT-PCR qualitativa:
– individuano la presenza di trascritti di fusione all’esordio di malattia e durante il follow-up clinico: es. BCR-ABL1, riarrangiamenti di KMT2A (in particolar modo KMT2A/AFF1), TCF3-PBX1, SIL-TAL1, ecc, mentre la nested-RT-PCR può essere utilizzata durante il follow-up clinico
– non definiscono “quantitativamente” l’entità della malattia;

• le analisi tramite RT-PCR quantitativa (RT-qPCR):
– consentono di “quantificare” la malattia all’esordio e durante il follow-up clinico analizzando quei marcatori molecolari identificati con la PCR qualitativa.

Oltre ai trascritti di fusione, che vengono identificati nel 30-40% dei casi, le LAL sono caratterizzate dalla presenza di un riarrangiamento clonale, paziente-specifico, dei geni delle Ig e/o TR che consente di differenziarle dalle proliferazioni linfoidi reattive e aiuta, in casi dubbi, a definire la linea di appartenza del clone neoplastico (Van Dongen JJ et al, 2003; Brüggemann M et al, 2004). Sequenziando il DNA estratto dalle cellule leucemiche è possibile identificare tali riarrangiamenti all’esordio della malattia e disegnare sonde idiotipiche, specifiche per il singolo paziente, che possono essere utilizzate nei successivi controlli per valutare la risposta alla terapia tramite la tecnica dell’allele-specific oligonucleotide (ASO)-qPCR.

In termini molecolari, i riarrangiamenti cromosomici o i loro equivalenti submicroscopici sono di due tipi: quelli in cui il “breakpoint” (punto di rottura) avviene entro i geni coinvolti, portando alla produzione di un trascritto di fusione e ad una proteina chimerica (cambiamento qualitativo), e quelli che rappresentano errori del riarrangiamento Ig/TR (cambiamento quantitativo).

Le anomalie qualitative predominano nelle LAL-B; gli “errori” di riarrangiamento sono, invece, molto più frequenti nelle LAL-T, dove rappresentano la maggioranza delle alterazioni molecolari. Nell’ambito delle LAL-B le anomalie qualitative più frequenti sono:

  • la traslocazione t(9;22)(q34;q11), che forma il gene di fusione BCR-ABL1, classicamente chiamato cromosoma Philadelphia (cromosoma Ph);
  • la traslocazione t(1;19)(q23;p13), che forma il gene di fusione TCF3-PBX1;
  • la traslocazione t(v;11q23), che coinvolge il gene MLL (alias KMT2A) e diversi partners tra cui il più frequente è AFF1 (alias AF4) localizzato nella regione cromosomica 4q21;
  • la traslocazione t(12;21)(p13;q22), che forma il gene di fusione ETV6-RUNX1.

Il numero dei riarrangiamenti in costante aumento grazie all’introduzione delle metodiche di sequenziamento di nuova generazione (next generation sequencing, NGS) (vedi BCR-ABL1-like).

Le anomalie quantitative più comuni sono invece determinate da riarrangiamenti che giustappongono l’enhancer delle catene pesanti delle immunoglobuline (IgH) ad oncogeni quali CEBPA, ID4, EPOR, IL3 e CRLF2 determinandone una deregolazione dell’espressione. Tali riarrangiamenti sono più frequenti nei giovani adulti, dove sono riscontrati in circa l’11% dei casi (Moorman AV et al, 2012b; Russell LJ et al, 2014).

In particolare, tra i riarrangiamenti associati ad una deregolazione di oncogeni, ricordiamo quelli a carico di CRLF2, un gene localizzato nella regione pseudoautosomica (PAR1) dei cromosomi X ed Y che codifica per una proteina transmembrana che, associata alla catena IL7R, costituisce il recettore della linfopoietina timica stromale (TLSP). Il recettore attivato trasmette segnali di proliferazione cellulare attraverso la via di segnalazione JAK/STAT. CRLF2 è coinvolto in due diversi tipi di riarrangiamenti: quello con il locus per la catena pesante delle immunoglobuline (IgH), che dà luogo al trascritto IGH-CRLF2, oppure con il primo introne di P2RY8 in seguito a delezioni interstiziali della regione PAR1. In entrambi i casi si verifica una iperespressione di CRLF2 e conseguente attivazione della via di segnalazione di JAK/STAT (O’Reilly J et al, 2013). Le alterazioni a carico di CRLF2 si riscontrano nel 5-10% delle LAL-B, e sono più frequenti nel sottogruppo dei BCR-ABL1-like (vedi oltre). Inoltre, il riarrangiamento IGH-CRLF2 si riscontra in circa il 50% dei casi con sindrome di Down (Mullighan CG et al, 2009a; Russel LJ et al, 2009; Cario G et al, 2010; Harvey RC et al, 2010a; Hertzberg L et al, 2010; Yoda A et al, 2010). Sono spesso associate a mutazioni a carico di JAK2 e JAK1, e/o delezioni di IKZF1. Recenti studi hanno dimostrato che l’iperespressione di CRLF2 correla con una prognosi infausta sia nel bambino che nell’adulto (Chiaretti S et al, 2016a).

Nelle LAL-B pediatriche sono state descritte le amplificazioni intracromosomiche del cromosoma 21 (iAMP21), caratterizzate dalla presenza di multiple regioni di inversione, delezione, duplicazione ed amplificazione lungo l’intera lunghezza di questo cromosoma (Li Y et al, 2014; Harvey RC, et al 2010b). Si riscontrano in circa il 2-5% dei bambini, soprattutto ipoleucocitari, mentre sono rare negli adulti (Moorman AV et al, 2010a; Harrison CJ, et al. 2014). Questa alterazione è ora considerata nell’ultima classificazione WHO come un’entità distinta nel gruppo delle LAL. In diversi report sembra che i pazienti con iAMP21 presentino una sopravvivenza libera da eventi e una sopravvivenza globale significativamente inferiore con un tasso di recidiva più elevato rispetto ad altri pazienti con LAL-B, soprattutto se trattati come rischio standard (Moorman AV et al, 2010; Moorman AV, 2012a: Schrappe M et al, 2018). Nello studio UKALL2003, i pazienti con iAMP21 sono stati trattati con schemi di trattamento ad alto rischio, con miglioramenti significativi dell’EFS a 5 anni, del rischio di ricaduta e dell’OS (Moorman AV et al, 2013). Questi risultati sono stati confermati anche dal Children’s Oncology Group (COG) (Heerema NA et al, 2013).

Per ciò che concerne le LAL-T, le anomalie quantitative sono prevalentemente legate ai riarrangiamenti del TR, e generalmente giustappongono gli enhancers, o promotori, del TR a fattori di trascrizione coinvolti nel differenziamento cellulare, determinandone un’espressione aberrante nei progenitori T linfocitari ed una deregolazione dell’emopoiesi. I fattori di trascrizione più comunemente coinvolti sono: TAL1, TAL2, LMO1, LMO2, TLX1, TLX3, NKX2.1, NKX2.2, NKX2.5, i geni del gruppo HOXA, MYC, MYB e NOTCH1; tuttavia, il numero di geni con cui il TR può combinarsi sta aumentando (Ferrando AA et al, 2002; Graux C et al, 2006; Grabher C et al, 2006; Le Noir et. al, 2012).

Alcuni di questi fattori di trascrizione possono essere attivati anche in seguito a riarrangiamenti alternativi. Per esempio, TLX3 è comunemente attivato in seguito ad un riarrangiamento con BCL11B. Inoltre, piccole delezioni intracromosomiche nella regione 1p32 sono responsabili della formazione di SIL-TAL1, mentre delezioni criptiche nel cromosoma 11p13 possono portare all’attivazione di LMO2. Diversi studi hanno dimostrato che queste microdelezioni avvengono in corrispondenza di sequenze che vengono riconosciute come segnali di ricombinazione, analogamente a quanto avviene per i geni del TR (Larmonie NS et, 2013; Mendes RD et al, 2014).

Le fusioni che producono una proteina chimerica con attività oncogenica sono invece meno frequenti: queste possono coinvolgere MLL e MLLT10, le nucleoporine NUP98 e NUP214, e le tirosin-chinasi (TK), come il riarrangiamento NUP214-ABL1, riscontrato nel 6% dei casi, ed EML1-ABL1 (De Keersmaecker K et al, 2005; Chiaretti S et al, 2007; Gorello P et al, 2010). In rari casi sono stati descritti riarrangiamenti del gene MYC anche nelle LAL-T con un comportamento estremamente aggressivo, al pari delle LAL-B mature t(8;14)/MYC+ (Lange BJ et al, 1992; Parolini M et al, 2014). Spesso si riscontrano anche delezioni di CDKN2A e CDKN2B, come nelle LAL-B, e le amplificazioni di MYB (Lahortiga I, et al, 2007).

Le principali anomalie genetiche nelle LAL-B e T sono riportate nelle Tabelle V e VI. Per il momento solo per una quota di queste traslocazioni è stato possibile associare delle caratteristiche biologiche, cliniche e prognostiche ben definite.

 

Tabella V. Principali traslocazioni nelle LAL B e lesioni genetiche più frequentemente associate (adattata da Messina M et al, 2016)

 

Tabella VI. Principali sottotipi molecolari delle LAL-T e lesioni genetiche più frequentemente associate (Messina M et al, 2016)

 

L’ incidenza di alcuni trascritti è diversa tra adulto e bambino (Harrison CJ, 2009; Chiaretti S et al, 2013a) (Figura VII). Ad esempio, la presenza del trascritto BCR-ABL1 si osserva nel 25-30% degli adulti ed incrementa con il progredire dell’età (circa il 50% delle LAL diagnosticate dalla sesta decade di vita in avanti presentano il trascritto BCR-ABL1) mentre è presente nei bambini solo nel 2-5% dei casi. Al contrario, il trascritto TEL-AML1 (alias ETV6-RUNX1) è presente in meno dell’1% dei pazienti adulti e nel 20-30% dei casi pediatrici con andamento decrescente nelle successive fasce d’età. Infine il riarrangiamento SIL-TAL1 è presente nel 5-10% degli adulti e nel 10-20% dei bambini con LAL-T. Il trascritto KMT2A/AFF1 presenta, invece, un particolare andamento. Infatti, si riscontra in circa il 60-70% dei casi con età inferiore ad un anno; è virtualmente assente al di sotto degli 1-5 anni e mostra un lieve incremento fino ai 50 anni per poi ridursi. E’ interessante notare come la fascia d’età degli adolescenti/giovani adulti (AYA) era, in precedenza, caratterizzata da un numero di lesioni genetiche relativamente scarso: questo scenarioè cambiato nel corso dell’ultima decade, poiché lenuove alterazioni genetiche e/o i nuovi sottogruppi (ad esempio BCR/ABL1-like ed ETP) prevalgono proprio in questa fascia di pazienti.

 

Figura VII. Distribuzione per età delle maggiori anomalie citogenetico-molecolari (da Harrison CJ, 2009)

 

Caratterizzazione genica

 

Le tecniche di studio del profilo genico – intendendo non solo il profilo trascrizionale, ma anche gli SNPs arrays e più recentemente analisi di NGS – stanno consentendo di comprendere in modo più approfondito i meccanismi sottostanti la trasformazione leucemica, di identificare nuovi sottogruppi prognostici e possibili bersagli terapeutici. Con il miglioramento delle conoscenze, è auspicabile che l’iter diagnostico, prognostico e terapeutico dei pazienti con LAL alla diagnosi e in recidiva possa essere ulteriormente raffinato e personalizzato.
Il profilo di espressione genica ha – sul finire degli anni ’90 – consentito di chiarire che nell’ambito della LAL, vi sono due gruppi separati e ben definiti che sono le forme a cellule B e quelle a cellule T. Ulteriori analisi hanno identificato un profilo genico distinto correlabile ai casi con trascritto TCF3-PBX1 e KMT2A/AFF1. Inoltre, un’analisi integrata tra le LAL dell’adulto e pediatriche ha consentito di evidenziare una stretta somiglianza genica tra le forme che presentano lo stesso riarrangiamento molecolare indipendentemente dall’età (Yeoh EJ et al, 2002; Chiaretti S et al, 2005; Kuchinskaya E et al, 2005). Successivamente, l’introduzione degli SNP arrays ha consentito di identificare delezioni ed amplificazioni a livello submicroscopico, e di evidenziare – nell’ambito delle LAL-B – la presenza di alterazioni ricorrenti a carico di geni coinvolti nel differenziamento linfoide, nel ciclo cellulare e nell’apoptosi (Irving JA et al, 2005; Kuiper RP et al, 2007; Mullighan CG et al, 2007; Kawamata N et al, 2008; Paulsson K et al, 2008).

Infine, negli ultimi anni, le tecniche di NGS hanno consentito di rilevare alterazioni specifiche e di approfondire le basi molecolari di particolari sottogruppi. Ad esempio, uno studio di casi con ipodiploidia (Holmfeldt et al, 2013) ha permesso di riscontrare un’alta percentuale di lesioni specifiche coinvolgenti i recettori delle TK, il pathway di RAS e le mutazioni di TP53 con un’incidenza variabile a seconda del grado di aneuploidia. Inoltre, l’analisi di pazienti refrattari o recidivati (R/R) ha portato ad identificare mutazioni a carico del gene NT5C2, che codifica un enzima coinvolto nella defosforilazione di farmaci analoghi dei nucleosidi. Tali mutazioni, più frequenti nelle LAL-T, conferiscono resistenza ai farmaci comunemente usati durante il mantenimento, come la 6-mercaptopurina, e si riscontrano, pertanto, soprattutto alla recidiva (Meyer et al, 2013; Tzoneva G et al, 2013).

Altri gruppi, identificati tramite il profilo d’espressione genica ed ampiamente valutati mediante la tecnica di NGS, sono rappresentati dai casi BCR-ABL1-like ed ETP, che verranno discussi in dettaglio sotto.

Globalmente, le alterazioni più frequenti nell LAL-B colpiscono i geni coinvolti nel differenziamento del linfocita B (IKZF1, PAX5, EBF1, VPREB1, BTG1) (Figura VIII). Tra queste, rivestono particolare significato biologico e clinico le delezioni e/o mutazioni a carico di IKZF1 che codifica il fattore di trascrizione IKAROS (Martinelli G et al, 2009; Mullighan CG et al, 2009b): esse possono essere riscontrate nella maggior parte dei casi con riarrangiamento di BCR-ABL1 e nel sottogruppo dei BCR-ABL1-like. Inizialmente, era stata riportata un’associazione tra le delezioni di IKZF1 ed una prognosi sfavorevole (Martinelli G et al, 2009; Kuiper RP et al, 2010; Moorman AV et al, 2012b; Van der Veer A et al, 2013; Van der Veer A et al, 2014). Mentre questa osservazione è stata confermata da numerosi gruppi in ambito pediatrico (Olsson L et al, 2015a; Olsson L, 2015b; Asai D et al, 2013; Dörge P et al, 2018: Tran TH et al, 2018 Vrooman LM et al, 2018; Steeghs EMP et al, 2019) e, in parte nei casi BCR-ABL1+ (Mullighan CG et al, 2008; Fedullo AL et al, 2019; Tang S et al, 2019), il ruolo prognostico di IKZF1 è ancora dibattuto negli adulti BCR-ABL1- (Zhang W et al, 2017; Messina M et al 2017; Ribera J et al, 2019). In particolare, sembrerebbe che il valore di IKZF1 sia dovuto alla compresenza di altre delezioni ad impatto prognostico negativo come quelle di CDKN2A (Messina M et al, 2017); inoltre, come discusso oltre, anche nelle LAL BCR-ABL1+, risultati recenti mostrano come il ruolo prognostico di IZKF1 sia sostenuto dalla concomitanza di altre lesioni genomiche, e fa suporre quindi che la peggiore prognosi sia ascrivibile ad una maggiore instabilità genomica (Fedullo AL et al, 2019).

Altri geni frequentemente interessati da delezioni e mutazioni sono quelli coinvolti nella regolazione del ciclo cellulare (CDKN2A/2B, RB1, TP53), della trascrizione (ETV6, TBL1XR1, ERG), della segnalazione linfoide (BTLA, CD200, TOX), nelle modificazioni epigenetiche (EZH2, CREBBP, SETD2, MLL2, NSD2) e nella cascata di trasduzione di RAS (NF1, KRAS, NRAS, PTPN11). Le mutazioni del pathway di RAS sembrano essere particolarmente rilevanti tanto alla diagnosi (Messina M et al, 2016) quanto alla recidiva: infatti, studi condotti in ambito pediatrico hanno dimostrato che tali lesioni (NRAS, KRAS e PTPN11) sono eventi frequenti alla recidiva di malattia (Irving J et al, 2014; Oshima K et al, 2016).

Alle lesioni sovracitate si aggiungono le lesioni dei recettori delle citochine e numerose TK (ABL1, ABL2, CRLF2, CSF1R, EPOR, FLT3, IL2RB, IL7R, JAK1/2, NTRK3, PDGFRB) (Mullighan CG et al, 2009c; Inaba H et al, 2013). Inoltre, un confronto tra pazienti pediatrici, adolescenti e adulti ha messo in evidenza una diversa incidenza delle mutazioni di geni appartenenti a vie del segnale fondamentali per la sopravvivenza cellulare (Messina M et al, 2016) (Figura IX). In particolare, le mutazioni a carico di KRAS e NRAS prevalgono nei pazienti pediatrici, mentre le mutazioni di FLT3 e dei geni appartenenti alla cascata JAK/STAT sono prevalentemente mutate nei casi di età superiore a 15 anni e correlano con un andamento clinico sfavorevole.

Diversi studi hanno, invece, dimostrato l’impatto prognostico sfavorevole delle mutazioni di TP53 sia in età pediatrica che adulta. Tuttavia, mentre nell’adulto tali mutazioni sono presenti all’esordio di malattia nell’8% dei casi, in età pediatrica si riscontrano soprattutto alla recidiva (6% delle LAL-T e 12% delle LAL-B) (Hof J et al, 2011; Krentz S et al, 2013; Chiaretti S et al, 2013b).

Per quanto riguarda le LAL-T, vengono frequentemente riscontrati riarrangiamenti cromosomici che giustappongono i geni homeobox (HOX) o fattori di trascrizione in posizioni adiacenti al locus del TR (circa il 91% dei casi), determinando un’espressione alterata dei fattori di trascrizione e un’espressione anormale dei geni coinvolti nella regolazione dello sviluppo delle cellule T (Liu Y et al, 2017; Tavakoli Shirazi P et al, 2020). I pathways molecolari più frequentemente alterati nelle LAL-T sono rappresentati dal pathway di NOTCH1 (60%), JAK-STAT (25%), PI3K- mTOR (29%) e RAS (14%) (Liu Y et al, 2017). Infatti, le mutazioni a carico di NOTCH1/FBXW7 e la delezione di CDKN2A/2B (9p21) rappresentano le lesioni più frequenti nelle LAL-T. Altre lesioni ricorrenti possono interessare le TK, i recettori di citochine o i geni della trasduzione del segnale (IL7R, JAK1, JAK3, STAT5B, PTPN2, PTPRC, PTEN, K/NRAS, NF1, FLT3). A queste possono aggiungersi alterazioni in geni coinvolti nella regolazione della trascrizione (ETV6, RUNX1, GATA3, LEF1, WT1, BCL11B) e delle modificazioni epigenetiche (PHF6, SUZ12, EZH2, TET2, H3F3A e KDM6A) (Belver L, Ferrando A, 2016). Sono state inoltre identificate lesioni che coinvolgono la sintesi ribosomiale, come RPL5 e RPL10, e la maturazione dell’mRNA come CNOT3 (De Keersmaecker K et al, 2013). Recenti studi hanno confermato come l’effetto sinergico di queste alterazioni genetiche e della deregolazione di specifici pathways molecolari siano alla base dell’insorgenza, l’evoluzione e la progressione delle LAL-T (La Starza R et al, 2020; Tavakoli Shirazi P et al, 2020).

L’identificazione di alcune di queste alterazioni molecolari sembra avere significato prognostico rilevante soprattutto nell’adulto. Il gruppo francese GRAAL ha proposto un modello prognostico che definisce a basso rischio i pazienti con mutazioni in NOTCH1 e FBXW7 e ad alto rischio i pazienti senza mutazioni in NOTCH1/FBXW7 o con concomitanti mutazioni in PTEN o K/NRAS (Trinquand A et al, 2013; Beldjord K et al, 2014). Controverso è invece l’impatto prognostico delle lesioni a carico della via del segnale di JAK/STAT, probabilmente dovuto a differenze negli schemi terapeutici ed alla cooperazione di lesioni aggiuntive (Flex E et al, 2008; Jeong EG et al, 2008; Asnafi V et al, 2010; Kleppe M et al, 2010; Shochat C et al, 2011; Bandapalli OR et al, 2014; Vicente C et al, 2015). Uno studio su pazienti trattati con schemi chemioterapici convenzionali ha recentemente dimostrato che le mutazioni a carico di JAK/STAT correlano con un maggior rischio di recidiva e con una OS più breve rispetto ai casi senza mutazioni (Gianfelici V et al, 2016).

 

Figura VIII. Distribuzione per età delle delezioni più frequenti nelle LAL-B senza trascritti molecolari comuni. *Lesioni la cui incidenza è statisticamente significativa rispetto al gruppo pediatrico (p<0.05) (da Messina M et al, 2016)

 

Figura IX. Distribuzione per età delle lesioni a carico delle vie del segnale di RAS e JAK/STAT nelle LAL-B senza trascritti molecolari comuni (Messina M et al, 2016)

 

MALATTIA MINIMA RESIDUA (MMR)

 

Lo studio della MMR consente una misurazione diretta della “quantità” di malattia residua durante e dopo il trattamento. Tale analisi ha assunto grande importanza poichè è ormai assodata la stretta correlazione tra la sopravvivenza libera da malattia (DFS) ed i livelli di MMR (Campana D, 2009; Bruggemann M et al, 2012a; Gökbuget N et al, 2012aRibera JM et al, 2014) (Figura X). Infatti, gli studi clinici, inizialmente pediatrici e successivamente riguardanti anche gli adulti, che hanno inserito la valutazione della MMR a tempi definiti durante il trattamento, hanno dimostrato come la sua riduzione, soprattutto se precoce, porti ad una migliore DFS e ad un minor rischio di recidiva (Bruggemann M et al, 2006; Borowitz MJ et al, 2008; Basso G et al, 2009; Bassan R et al, 2009; Stow P et al, 2010; Conter V et al, 2010; Gökbuget N et al, 2012a; Karsa M et al, 2013; Beldjord K et al, 2014). Va sottolineato che la clearance della MMR sembra verificarsi in modo più lento negli adulti rispetto ai bambini.

 

Figura X. Sopravvivenza a 5 anni nei pazienti adulti affetti da LAL (15-55 anni), BCR-ABL1-negativi, analizzati in base alla risposta molecolare al termine del consolidamento (Gökbuget N et al, 2012a)

 

Una delle più importanti sfide nel trattamento di una leucemia è rappresentata dalla possibilità di distinguere i pazienti che hanno necessità di un trattamento meno intensivo, e quindi meno tossico, da quelli che hanno invece necessità di trattamenti più aggressivi. La presenza o meno della MMR rappresenta un modo per poter definire queste due categorie di pazienti e di conseguenza somministrare il trattamento più adeguato. Alla luce di questo risultato ampiamente assodato, gli attuali protocolli clinici tanto pediatrici che adulti stratificano i pazienti sulla base del monitoraggio della MMR (Yeoh AE et al, 2012; Nagafuji K et al, 2013; Vora A et al, 2013; Ribera JM et al, 2014; Gandemer V et al, 2014; Bassan R et al, 2014; Berry DA et al, 2017 ).

Convenzionalmente, il criterio per definire un paziente con una leucemia in remissione completa (RC) si basa sull’esame morfologico al microscopio ottico del sangue midollare; un paziente è definito in RC quando la quota di cellule midollari leucemiche è inferiore al 5%. Questo dato, fondamentale nel passato, non è adeguato oggigiorno per le successive scelte terapeutiche che si avvalgono invece del monitoraggio della MMR durante il decorso clinico.

In generale, affinché la MMR abbia valore prognostico, deve essere “affidabile” e, perché questo sia vero, deve rispondere a requisiti di:

– Specificità: capacità di riconoscere le cellule normali da quelle leucemiche.
– Sensibilità: capacità di rilevare almeno una cellula leucemica in un contesto di ≥10.000 cellule normali.
– Riproducibilità: standardizzazione dei metodi.
– Applicabilità: eseguibile nella totalità, o almeno in una altissima percentuale, di casi.

Ad oggi, le tecniche più comunemente utilizzate per la quantificazione della MMR nelle LAL sono rappresentate dall’analisi immunofenotipica e dall’analisi molecolare per i geni delle Ig e del TR che, come già menzionato, sono paziente-specifici, e per i trascritti di fusione.

– La quantificazione fenotipica della MMR – eseguita mediante citofluorimetria a flusso – si avvale dell’identificazione della specifica espressione di antigeni e/o di combinazioni di essi, da parte delle cellule leucemiche al momento della diagnosi (Szczepanski T et al, 2006; Vidriales MB et al, 2003;  Theunissen P et al, 2017). Benchè questa metodica consenta di monitorizzare praticamente tutti i pazienti e di fornire risultati nell’arco di poche ore, essa presenta dei limiti: 1) Utilizzando combinazioni di 4-6 marcatori al citofluorimetro, la sensibilità non è superiore a 10-4 (1 cellula leucemica su 10.000 eventi). L’impiego di combinazioni di un numero maggiore di fluorocromi (fino a 12) sta in ovviando a questo limite. 2) Necessità di un numero di cellule congruo, non sempre ottenibili in campioni prelevati dopo la chemioterapia. 3) Durante la fase rigenerativa post-chemioterapia, può essere difficile distinguere i cosiddetti “ematogoni” dalle cellule leucemiche. 4) Richiede una profonda conoscenza della metodica. 5) I costi sono relativamente elevati. 6) I risultati ottenuti da laboratori diversi non sono facilmente confrontabili in quanto non esiste a tutt’oggi una standardizzazione della metodica e del pannello di anticorpi da utilizzare. Al fine di minimizzare queste problematiche, l’EuroFlow Consortium ha ottimizzato e standardizzato i protocolli di immunotipizzazione per la diagnosi, la classificazione e la stratificazione prognostica delle neoplasie ematologiche, nonché per lo studio della MMR durante il follow-up clinico. Tuttavia, è necessario sottolineare che l’esperienza dell’operatore è una condizione imprescindibile, e quindi può rappresentare un limite, per la corretta valutazione dei risultati di MMR (Dworzak MN et al, 2010; Kalina T et al, 2012; Kalina T et l, 2019).

– L’analisi molecolare tramite real-time quantitative PCR (qPCR) rappresenta un metodo affidabile e preciso per il monitoraggio della MMR (Beillard E et al, 2003; van der Velden VH et al, 2007). L’ASO-qPCR consente di quantificare la malattia attraverso l’uso di sonde paziente-specifiche disegnate sui riarrangiamenti clonali dei geni delle Ig e/o del TR nel 90-95% dei casi, con una sensibilità molto alta, che raggiunge i livelli di 10-5-10-6. Si tratta di una metodica largamente standardizzata e sottoposta a continui controlli di qualità. E’ il metodo più applicato per lo studio della MMR ed è stato ampiamente standardizzato all’interno dell’EuroMRD Consortium (precedentemente noto come European Study Group-ESG-MRD-ALL) che ha stabilito linee guida per l’analisi e l’interpretazione dei dati di qPCR (van der Velden VH et al, 2007). L’ASO-qPCR è una metodica laboriosa, che richiede una profonda conoscenza ed esperienza; anche se applicabile alla maggior parte dei pazienti, vi è una piccola percentuale di casi (fino al 5-7%), generalmente a fenotipo più immaturo, in cui non è possibile identificare un riarrangiamento; inoltre, in alcuni casi problemi tecnici possono compromettere l’identificazione del target molecolare. Un altro limite di questo approccio è rappresentato dall’evoluzione clonale dei riarrangiamenti Ig/TR nel corso della malattia ed alla recidiva, che può verificarsi nei casi con riarrangiamenti oligoclonali, presenti già alla diagnosi e non identificati, diversi dal clone principale, che possono portare a risultati di MMR falsi negativi (Szczepański T et al, 2003). La quantità di DNA diagnostico è un altro fattore limitante, poiché la quantificazione della MMR durante il follow-up è espressa in relazione alla diagnosi e di conseguenza ogni esperimento prevede la simultanea quantificazione del materiale dell’esordio. Infine, la qPCR non è in grado di definire con precisione la quantità di malattia residua nei casi con livelli di MMR molto bassi. Questi casi vengono definiti “positivi-non quantificabili” (PNQ) e la loro quantificazione rappresenta oggi un problema aperto nella pratica clinica, soprattutto quando le decisioni di trattamento sono basate sul monitoraggio della MMR.

Inoltre, la “real-time quantitative reverse transcription PCR” (RT-qPCR) permette di monitorare i pazienti che all’esordio di malattia presentano un trascritto di fusione. È una metodica molto sensibile (10-5-10-6) e facile da eseguire. Complessivamente, oltre il 40% dei pazienti con LAL presenta traslocazioni cromosomiche che generano riarrangiamenti genici: questi sono target ideali per la valutazione della MMR poiché sono eventi drivers, sono espressi in tutte le cellule leucemiche e sono estremamente stabili durante il decorso della malattia. L’accuratezza di questo test può essere ostacolata dalla variabilità della quantità e dalla qualità dell’RNA ottenuta come conseguenza della cellularità del campione analizzato. Nel corso degli anni, grazie al lavoro del gruppo Europeo, EuroMRD Consortium, si è giunti ad un processo di standardizzazione del metodo di quantificazione dei diversi geni di fusione presenti nelle LAL (BCR/ABL1, KMT2A e SIL/TAL1, etc) che ha uniformato i criteri per lo studio della MMR (van Dongen JJ et al, 1999; Gabert J et al, 2003).

Le caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi di ogni singola metodologia, sono riassunti nella Tabella VII.

 

Tabella VII. Vantaggi e svantaggi nell’analisi della MMR

 

Il livello di cut-off di positività della MMR è 10-4 per l’immunofenotipo e 10-6 per le tecniche di biologia molecolare.La figura XI riassume l’importanza clinica della MMR.

 

Figura XI. Schematizzazione dei livelli della MMR e conseguenze funzionali; è inoltre riportato il confronto tra le varie metodiche (da Brüggemann M et al, 2012b)

 

Le metodiche fino ad ora descritte presentano dei limiti; pertanto, la comunità scientifica sta valutando la fattibilità di tecniche alternative per la determinazione e quantificazione della MMR, come la citometria a flusso di nuova generazione (NGF), la NGS e la digital droplet PCR (ddPCR) (Tabella VIII).

 

Tabella VIII. Comparazione tecnica dei nuovi metodi per lo studio della MMR

 

La NGF si avvale di procedure innovative recentemente sviluppate dall’EuroFlowConsortium per la preparzione dei campioni, le combinazioni di anticorpi e l’identificazione delle cellule B precursor (BCP) nel midollo osseo, che consente di definire il grado di deviazione immunofenotipica delle cellule di LAL-BCP da quelle BCP normali (anche nel midollo osseo rigenerante). Anche per la LAL-T viene utilizzata una strategia comparabile per ottenere combinazioni anticorpali affidabili (basate sull’evidenza), al fine di discriminare il patologico da vari tipi di cellule T normali e da altre cellule (van Dongen JJ et al, 2012; Pedreira CE et al, 2013). In generale, la NGF può raggiungere una sensibilità vicina a 10-6, quindi maggiore di 2 logaritmi rispetto alla citometria convenzionale (10-4-10-5) (Flores-Montero J et al, 2017; Della Starza I et al, 2019).

Le tecniche di NGS utilizzano primers universali per amplificare i riarrangiamenti delle Ig e del TR, e si avvalgono di piattaforme ed analisi bioinformatiche per identificare e quantificare cellule T o B clonali (Wu D et al, 2012; Faham M et al, 2012; Ladetto M et al, 2013). Queste metodiche potrebbero rappresentare delle valide alternative in quanto: 1) non richiedono reagenti paziente-specifici; 2) permettono l’identificazione di un marcatore in tutti i casi; 3) presentano una sensibilità molto elevata, che raggiunge i livelli di 10-6 sebbene richiedano un quantitativo relativamente elevato di materiale (circa 1,5 milioni di cellule); 4) sono in grado di evidenziare la presenza di oligocloni e subcloni all’interno dello stesso campione. Al momento, non ci sono protocolli standardizzati ed applicabili di MMR basati su NGS; il consorzio Euroclonality-NGS sta lavorando per indicare le linee guida per l’analisi e l’interpretazione dei dati.

Infine, la ddPCR è considerata una PCR di terza generazione in grado di integrare la qPCR e di superare molti limiti dell’analisi per la MMR (Della Starza I et al, 2019). Infatti, è in grado di quantificare in maniera accurata e sensibile la presenza di cellule neoplastiche residue senza richiedere una curva standard di riferimento, ovviando qindi alla necessità di materiale dell’esordio, che in alcuni casi (midollo ipocellulare, punctio sicca, etc) può essre un elemento limitante. Inoltre, questa metodica sembra essere in grado di quantificare in maniera più precisa i livelli di MMR (Della Starza I et al, 2016). Studi recenti hanno stabilito parametri analitici per indagare l’applicabilità della ddPCR per lo studio della MMR e hanno concluso che la ddPCR ha una sensibilità, un’accuratezza ed una riproducibilità quantomeno comparabili a quelle della RQ-PCR (Drandi D et al, 2015; Della Starza I et al, 2016; Cavalli M et al, 2017, Drandi D et al, 2020). Per quanto riguarda le valutazioni della MMR, sono state osservate alcune discordanze a livelli molto bassi di malattia; in questo contesto, la ddPCR ha mostrato una buona efficenza analitica per quantificare i campioni PNQ in PCR quantitativa o per identificare i casi di MMR falsi positivi. Finora non sono state definite linee guida per l’analisi e l’interpretazione della MMR in ddPCR. Un importante sforzo di standardizzazione è in corso all’interno dell’EuroMRD Consortium.

Attraverso l’integrazione di queste innovazioni tecnologiche, nel futuro saremo in grado di integrare rapidamente tutte le informazioni necessarie per una valutazione più precisa della risposta al trattamento nei pazienti con LAL. La ddPCR e la NGS sembrano essere metodi promettenti per la valutazione della MMR, che possono aiutare a classificare i casi in cui la RQ-PCR non è in grado di rilevare o quantificare la malattia (vedi approfondimento “Nuove metodiche per la valutazione della MMR”).

 

FATTORI DI RISCHIO E PROGNOSI

 

L’evoluzione continua delle tecnologie permette strategie sempre più raffinate per la caratterizzazione delle cellule leucemiche e, attraverso un approccio diagnostico integrato clinico-biologico, è possibile una stratificazione prognostica dei pazienti, con la possibilità di modificare il trattamento terapeutico sulla base del livello di rischio (Foà R, Vitale A, 2002; Schultz KR et al, 2007; Brüggemann M et al, 2012b; Hoelzer D et al, 2016).

La suddivisione per “livello di rischio” si basa su: a) caratteristiche cliniche quali l’età, il numero dei globuli bianchi, il coinvolgimento di organi e/o sistemi (mediastino, fegato, milza, sistema nervoso centrale, ed altro), il tempo intercorso per ottenere la RC, e b) caratteristiche biologiche quali la presenza di alterazioni citogenetico/molecolari considerate a prognosi sfavorevole (es. BCR-ABL1 o riarrangiamenti a carico di KMT2A) e la presenza di un fenotipo a cellule più immature (pro-T/ETP, pro-B) o T-mature (Tabella IX). Dal punto di vista clinico, l’età ed i globuli bianchi rappresentano i fattori di rischio più importanti; i pazienti con oltre 60 anni di età sono considerati come un gruppo a prognosi sfavorevole, mentre gli adolescenti ed i giovani adulti (meno di 35-40 anni) hanno una prognosi più favorevole se trattati con protocolli ‘simil-pediatrici’ (vedi oltre). Per quanto riguarda i globuli bianchi, vengono considerati due valori diversi per le LAL-B (>30 x 109/l) e per le LAL-T (>100 x 109/l). Anche la risposta/non risposta alla pre-fase steroidea (vedi sotto), usata sia nei protocolli pediatrici che degli adulti, ha implicazioni prognostiche. Dal punto di vista biologico, la presenza di traslocazioni come la t(9;22) e t(4;11) e dei loro corrispettivi riarrangiamenti molecolari (BCR-ABL1 e riarrangiamenti a carico di KMT2A) rappresentano di per sè un fattore prognostico sfavorevole. Dal punto di vista citogenetico alterazioni come l’ipodiploidia (<30-39 cromosomi) o la del6q sono considerate anch’esse a prognosi sfavorevole. Anche l’ottenimento della remissione in tempi brevi (3-5 settimane), e cioè entro il primo ciclo di chemioterapia, è un fattore prognostico importante. I pazienti che vanno in remissione precocemente hanno una sopravvivenza migliore.

Pertanto, combinando le caratteristiche cliniche e biologiche, le LAL dell’adulto sono convenzionalmente divise in due gruppi: a) a rischio standard; b) ad alto rischio, ovvero con caratteristiche genetico/molecolari ed immunofenotipiche sfavorevoli, ed iperleucocitosi. Quest’ultima categoria comprende anche casi definiti “very high risk”, aventi un numero di globuli bianchi >100.000 x 109/l a prescindere dalla linea di appartenenza (LAL-B o LAL-T). Inoltre, come già ricordato, l’utilizzo di NGS e di tecniche molecolari integrate ha portato all’identificazione di specifici sottogruppi e di lesioni genetiche correlate con un andamento clinico sfavorevole, come ad esempio la presenza di uno stato Ph-like (vedi oltre) e le mutazioni a carico dei geni del pathway di RAS e di JAK/STAT.

La valutazione della risposta alla terapia sulla base del monitoraggio della MMR durante il decorso clinico (vedi sopra) in questi ultimi anni si è sempre più integrata nei protocolli di trattamento delle LAL degli adulti (oltre che dei bambini)in quanto la sua presenza/assenza rappresenta un importante indicatore prognostico e terapeutico. In generale, il cut-off attualmente utilizzato nei protocolli clinici è di 10-4, mentre il “time point” per definire la stratificazione prognostica è ancora oggetto di discussione: senza dubbio, una valutazione precoce alla fine dell’induzione/consolidamento consente di intervenire tempestivamente dal punto di vista terapeutico. Complessivamente quindi, tanto nel bambino che nell’adulto, una prognosi favorevole è associata ad una buona (e precoce) risposta alla terapia, documentabile mediante l’analisi della MMR (Patel B et al, 2010; Gökbuget N et al, 2012a; Ribera JM et al, 2014a; Berry DA et al, 2017; Bassan R et al, 2019; Gökbuget N et al, 2019). Lo studio della MMR eseguita a tempi ben definiti sulla base dell’accurata caratterizzazione biologica effettuata alla diagnosi, permette una valutazione individuale precoce della risposta al trattamento e una possibilità d’intervento quando la massa tumorale è ancora minima, consentendo quindi di modulare la terapia e di utilizzare, qualora necessarie, terapie specifiche. Di fatto, una mancata negativizzazione della MMR è un fattore prognostico altamente sfavorevole, al punto che l’endpoint primario dei protocolli clinici per pazienti di tutte le età è l’ottenimento di una negatività della MMR (vedi sotto).

 

Tabella IX. Fattori prognostici sfavorevoli nei pazienti adulti affetti da LAL secondo le linee guida ESMO (adattata da Hoelzer D et al, 2016)

 

È stato, infine, dimostrato che aumentando l’intensità della chemioterapia si migliorano le percentuali di sopravvivenza, sebbene l’età rimanga un fattore prognostico importante.

Negli anni si è osservato un netto miglioramento (Seibel NL et al, 2008; Pulte D et al, 2009) delle curve di sopravvivenza libera da malattia (DFS) nella LAL in età pediatrica (Figura XII): ad oggi nei bambini le percentuali di guarigione sono nell’ordine dell’85%. Negli adulti, anche se l’intensificazione della chemioterapia ha portato ad un aumento delle percentuali di RC fino al 85-95% dei casi, la sopravvivenza globale (OS) e la DFS a 5 anni rimangono intorno al 45-55% a seconda della fascia di rischio e della clearance della MMR (Goldstone AH et al, 2008; Bassan R et al, 2009; Huguet F et al, 2009; Gökbuget N et al, 2012a; Huguet F et al, 2018; Bassan R et al, 2020) (Figura XIII); migliore è la prognosi dei giovani adulti se trattati con schemi simil-pediatrici con ottenimento di percentuali di OS e DFS superiori al 60-65% (DeAngelo DJ et al, 2015; Toft N et al, 2018; Stock W et al, 2019; Ribera JM et al, 2020; Testi AM et al, 2020) (Figura XIV). I motivi che portano a questa diversità di risultati tra bambini ed adulti sono molteplici. I protocolli pediatrici si basano su regimi terapeutici più intensivi, mentre gli adulti – proprio per l’età e per la possibile presenza di comorbilità ad essa legate – ricevono generalmente trattamenti meno intensivi, e possono manifestare una minore tolleranza alla chemioterapia. Un altro motivo può essere dovuto ad una “aderenza” al trattamento più frequente nel gruppo pediatrico. Infine, alcuni fattori biologici potrebbero giustificare una minore risposta al trattamento. Infatti, come già menzionato, l’incidenza di lesioni considerate a prognosi sfavorevole (es. BCR/ABL1, MLL-AF4 e lesioni a carico di JAK/STAT) aumenta con l’età, mentre altre, considerate a prognosi favorevole (come l’iperdiploidia ed ETV6-RUNX1) diminuiscono. Inoltre, un campo a tutt’oggi aperto è quello delle alterazioni ricorrenti nel guppo degli adolescenti/giovani adulti: sta chiaramente emergendo come sottogruppi a prognosi più sfavorevole (BCR/ABL1-like ed ETP) siano maggiormente rappresentati proprio in questa fascia d’età (Herold T et al, 2014, Ribera JM et al, 2014b).

 

Figura XII. Miglioramento della sopravvivenza a cinque anni nei pazienti pediatrici (<15 anni) e andamento clinico in base all’età (adattata da Siebel NL et al, 2008 e Chiaretti S et al, 2013a)

 

Figura XIII. OS a 5 anni nei pazienti adulti (16-65 anni) analizzati in base alla fascia di rischio (Bassan R et al, 2009). SR: rischio standard, HR: alto rischio; VHR: rischio molto alto

 

Figura XIV. OS e DFS a 4.5 anni nei giovani adulti (18-50 anni, età mediana 28 anni) trattati con schemi simil-pediatrici (adattata da DeAngelo DJ et al, 2015)

 

TERAPIA 

 

Chemioterapia

 

Il trattamento di una LAL è tipicamente suddiviso in più fasi: prefase steroidea, induzione, consolidamento, mantenimento e profilassi del SNC (Pui CH et al, 2006; Fielding A et al, 2008; Rowe JM, 2009). Nonostante l’eterogeneità dei vari protocolli clinici, dovuta alla variabilità dei fattori prognostici utilizzati, i principi generali sono finalizzati all’ eradicazione delle cellule leucemiche dal midollo osseo, preservando, laddove possibile, i progenitori normali. L’uso di farmaci attivi, con meccanismi d’azione diversi, somministrati alla dose massimale, e l’approccio terapeutico intensivo permette di ridurre rapidamente la massa tumorale e di evitare fenomeni di resistenza indotta. Al fine di eradicare il clone leucemico, viene utilizzato un trattamento precoce (di induzione), seguito da una fase di consolidamento. La fase di induzione ha lo scopo di ottenere una remissione completa morfologica in poche settimane, in altre parole una normalizzazione del mielogramma. Virtualmente in tutti i protocolli nazionali ed internazionali, tanto pediatrici che adulti, la fase di induzione è preceduta da una pre-fase steroidea di una settimana: gli steroidi più comunemente utilizzati sono il prednisone o il desametasone. Il loro impiego consente un “debulking” della malattia, poiché gli steroidi hanno un effetto linfotossico; inoltre, la settimana di trattamento con gli steroidi permette di completare l’inquadramento diagnostico-prognostico, indispensabile per un’adeguata scelta terapeutica, in particolar modo per i casi Ph+ che giovano di un trattamento personalizzato (vedi sotto). Infine, il grado di risposta alla pre-fase steroidea ha una valenza prognostica.
Successivamente, viene instaurata una terapia di mantenimento che permetta di limitare il rischio di recidiva, sebbene non ci sia ancora accordo fra i vari gruppi di studio internazionali sulle modalità e la durata del mantenimento. Viene inoltre attuata una profilassi cerebro-meningea durante la fase d’induzione, consolidamento e mantenimento. I protocolli ai fattori prognostici come, ad esempio, i pazienti con LAL di età inferiore ad 1 anno, con iperleucocitosi, o i pazienti ad alto rischio per caratteristiche citogenetiche e/o molecolari (ad es. la presenza del trascritto BCR-ABL1 o KMT2A-AFF1).

Alla luce di quanto detto sopra (vedi MMR), gli attuali protocolli clinici prevedono per i pazienti con persistenza della MMR una ulteriore intensificazione, e quindi l’indicazione alle procedure trapiantologiche (vedi sotto). E’ importante sottolineare come nella maggior parte dei protocolli clinici, la terapia è modulata/intensificata sulla base della MMR.

In linea generale, la “spina dorsale” della terapia d’induzione è classicamente costituita dall’associazione di più farmaci che include vincristina, prednisone ed antracicline (daunorubicina o idarubicina o adriamicina); è comune associare a questi farmaci anche l’uso di L-asparaginasi. Le dosi e la combinazione dei farmaci sono diverse in base ai protocolli di terapia che vengono utilizzati ed al fatto che si tratti di protocolli pediatrici o per adulti.

Nella terapia di consolidamento si utilizzano farmaci come la citosina-arabinoside e il methotrexate ad alto dosaggio sfruttandone anche la capacità di passare la barriera ematoencefalica per la profilassi del SNC. Inoltre, sebbene L-asparaginasi non possa passare la barriera ematoencefalica, è stato dimostrato che la sua somministrazione ripetuta durante l’induzione ed il consolidamento porta ad una temporanea deplezione dei livelli di asparagina – essenziale per il metabolismo e la vitalità dei blasti leucemici – non solo nel plasma ma anche nel liquido cefalorachidiano (Ahlke E et al, 1997).

La terapia di mantenimento standard è costituita dall’uso di farmaci come la 6-mercaptopurina ed il methotrexate associati a reinduzioni mensili con vincristina e prednisone per la durata complessiva di 2-3 anni.

La profilassi del SNC inizia già durante la fase di induzione con l’esecuzione di punture lombari che prevedono l’introduzione di farmaci come il methotrexate e/o la citosina-arabinoside e/o il prednisone nel canale vertebrale, e continua con l’esecuzione delle stesse durante la fase di consolidamento e mantenimento (vedi oltre).

Per i pazienti valutati ad alto rischio – ad esempio per la presenza alla diagnosi di un numero elevato di globuli bianchi,  o di riarrangiamenti coinvolgenti KMT2A, per la mancata risposta alla terapia d’induzione e, soprattutto, per la persistenza della MMR molto spesso i pazienti sono avviati a procedure trapiantologiche con cellule staminali da donatore compatibile, da diverse fonti (fratello compatibile, donatore da registro, o più raramente da cordone ombelicale e da donatore aploidentico). Laddove non sia possibile effettuareun trapianto allogenico e qualora si ottenga una eradicazione della MMR, è auspicabile pianificare un trapianto di cellule staminali autologhe (Larson RA et al, 1995; Gökbuget N et al, 2000; Annino L et al, 2002; Takeuchi J et al, 2002; Thomas X et al, 2004; Kantarjian H et al, 2004; Rowe JM et al, 2005; Larson S, Stock W, 2008; Ribera JM, 2011; Bassan R, Hoelzer D, 2011; Kato H et al, 2014).

Sebbene quanto descritto valga in linea generale, alcune forme, come le LAL Ph+ e la LAL a cellule B mature richiedono trattamenti diversificati (vedere sotto e relativi approfondimenti) mentre è prevedibile che l’applicazione di terapie mirate e di studi clinici multicentrici definiranno quale sia il trattamento ottimale per particolari sottogruppi come la LAL BCR/ABL1 like e la LAL-ETP descritti nei successivi paragrafi.

Infine, particolare attenzione spetta alle leucemie bifenotipiche o MPAL. Infatti, il loro significato clinico non è ben definito e vi è una mancanza di uniformità nel trattamento; per esempio, non vi è accordo se la terapia d’induzione debba prevedere l’utilizzo di farmaci anti-blasti linfoidi e/o mieloidi. Alcuni studi suggeriscono che terapie basate su protocolli utilizzati nelle LAL diano risultati migliori rispetto a quelli utilizzati nelle LAM, comunque con percentuali di risposta a lungo termine globalmente insoddisfacenti. Data la prognosi sfavorevole di queste forme, è auspicabile l’utilizzo di chemioterapie intensive, utilizzando una combinazione di farmaci comunemente impiegati nel trattamento delle LAM e LAL, seguiti da un trapianto allogenico di cellule staminali (allo-SCT) quanto prima possibile (Weinberg OK, Arber DA, 2010; Yan L et al, 2012; Wolach O, Stone RM, 2017). È doveroso inoltre sottolineare che in circa il 30% dei casi di MPAL è possibile osservare un riarrangiamento BCR-ABL1, nel 18% mutazioni di WT1 e, più raramente, mutazioni di FLT3, che probabilmente possono beneficiare di terapie mirate (Heesch S et al, 2013). Infine, è stato recentemente riportato come i riarrangiamenti di ZNF384 siano le lesioni più frequenti nelle MPAL (Alexander TB et al, 2020). Solo l’ampliamento della casistica di queste rare forme, realizzabile tramite studi multicentrici, consentirà di definire quale sia il trattamento ottimale.

 

Trapianto

 

L’allo-SCT è la forma più intensiva di terapia per una LAL. Quali siano i pazienti che possano maggiormente giovarsi del trapianto e quali siano i tempi giusti per eseguirlo sono importanti aspetti ancora in parte da definire. Il ruolo dell’allo-SCT in prima remissione nei sottogruppi di pazienti ad alto rischio e nei casi con scarsa risposta iniziale al trattamento è largamente accettato. Il trapianto migliora anche il risultato della LAL dell’adulto con la t(4;11), ma i suoi benefici nei bambini con questo genotipo sono controversi. Mentre nel passato un’indicazione indiscubitile all’effettuazione del trapianto era rappresentata dalla presenza del riarrangiamento BCR-ABL1+, con l’introduzione dei TKI, l’accurata valutazione della MMR e, più recentemente, l’impiego dell’immunoterapia, il ruolo di tale procedura è stato messo in discussione (Litzow MR, 2018). Un aiuto per definire meglio quali siano i pazienti che devono essere sottoposti ad allo-SCT può venire dalla valutazione della MMR: un paziente con MMR persistentemente positiva dovrebbe essere avviato ad allo-SCT in prima RC (Doney K et al, 2003; Bar M et al, 2014; Zhou Y et al, 2014; Dhédin N et al, 2015; Gökbuget N et al, 2019). Tuttavia, dato il tema tradizionalmente contenzioso del trapianto rispetto alla chemioterapia, i pareri continuano ad essere non uniformi (Popat U et al, 2003; Hahn T et al, 2006; Larson RA, 2008 ; Fielding AK, Goldstone AH, 2008; Goldston AH, Rowe JM, 2009; Bassan R et al, 2009; Forman SJ, 2009a; Paulson K et al, 2011; Ribera JM, 2011; Lussana F e Rambaldi A, 2014; Seftel MD, et al, 2016; Giebel S et al, 2019). Inoltre, in considerazione della morbilità e mortalità associati a tali procedure e all’ampliamento dell’armamentario terapeutico (vedi oltre), la necessità di un allo-SCT deve essere rivalutata in continuazione. Ciononostante, in un paziente con LAL, è indispensabile e doveroso effettuare la tipizzazione HLA con i familiari già alla diagnosi in modo da identificare rapidamente un possibile donatore o altrimenti avviare una ricerca da un donatore da registro, nel caso il paziente si dimostrasse per caratteristiche biologiche e/o cliniche ad alto rischio. Poiché circa il 60-70% dei pazienti non ha un donatore familiare compatibile, la ricerca ed il conseguente impiego di fonti alternative di cellule staminali è fortemente attiva: da donatore non-consanguineo (matched unrelated donors (MUD)), da sangue di cordone ombelicale (umbilical cord blood (UCB)), da familiare aploidentico (Valcárcel D et al, 2011; Wang Y et al, 2012; Wang L et al, 2013). Il trapianto aploidentico oggi consente risultati sovrapponibili a quello del trapianto da MUD, con ridotta incidenza di GVHD, tanto che alcuni autori ipotizzano questo tipo di procedura anche per LAL a rischio standard (Yan CH et al, 2014). Il vantaggio del trapianto aploidentico è la disponibilità del donatore. Ciò significa che il trapianto può essere effettuato nel momento più indicato, senza attese. Negli ultimi anni, sono stati pubblicati i risultati di allo-SCT con regimi di condizionamento ad intensità ridotta (RIC). Sono riportati bassi tassi di mortalità riguardante il trapianto e percentuali discrete di sopravvivenza globale a 3 anni, suggerendo che il RIC sia una modalità promettente per pazienti fragili, per i quali sono controindicati i regimi di condizionamento tradizionali (Stein AS et al, 2009; Forman SJ, 2009b; Marks DI et al, 2010b; Mohty M et al, 2010; Nishiwaki S et al, 2011; Eom KS et al, 2013; Wu X et al, 2013; El-Jawahri A et al, 2016; Rosko A et al, 2017; Leonard JT and Hayes-Lattin B, 2018).

Infine, il trapianto autologo nella terapia della LAL è stato recentemente riconsiderato in quanto la possibilità di valutare la MMR sta permettendo di riservare questa procedura a pazienti MMR negativi – tanto a livello del midollo osseo che nella raccolta aferetica – considerati ad alto rischio, ma che per età, morbilità o mancanza di un donatore compatibile non possono eseguire un trapianto allogenico (Doubek M et al, 2009; Giebel S et al, 2010; Wetzler M et al, 2014; Giebel S et al, 2014; Kato H et al, 2014; Gorin NC et al, 2015; Giebel et al, 2018; Capria S et al, 2019).

 

Adolescenti e giovani adulti

 

È ormai evidente che gli adolescenti e giovani adulti (AYA) rappresentano un sottogruppo distinto di pazienti affetti da LAL che ben risponde a trattamenti chemioterapici più intensivi, una volta definiti come “pediatric like”. L’idea di trattamenti più intensivi è nata inizialmente dal confronto in questo sottogruppo di pazienti tra i risultati ottenuti utilizzando protocolli pediatrici (in reparti pediatrici) oppure protocolli per gli adulti (in reparti per adulti). Tale analisi ha evidenziato una sopravvivenza migliore a vantaggio dei protocolli pediatrici (Boissel N et al, 2003; de Bont JM et al, 2004; Testi AM et al, 2004; Hallbook H et al, 2006; Ramanujachar R et al, 2007; Stock W et al, 2008; Ribera JM and Oriol A, 2009; McNeer J, Raetz EA, 2012; Pole JD et al, 2012; Lukenbill J, Advani AS, 2013), che è stata poi confermata in studi successivi e/o metanalisi della letteratura (Ribera JM and Oriol A, 2009; Huguet F et al, 2009; McNeer J, Raetz EA, 2012; Pole JD et al, 2012; Lukenbill J, Advani AS, 2013; Ribera JM et al, 2014b; Burke PW, Douer D, 2014). Il confronto tra le caratteristiche dei sottogruppi di pazienti adulti e pediatrici trattati con protocolli diversi non ha evidenziato differenze tali da giustificarne il diverso esito; le possibili ragioni che possono spiegare tale differenza sono verosimilmente dovute al tipo di approccio terapeutico. Gli schemi pediatrici sono più intensivi, utilizzano dosi più elevate di chemioterapici non-mieloablativi, una profilassi del SNC più precoce e frequente, una terapia di mantenimento più prolungata, con sistemi di supporto e “compliance” familiare molto più presente (Schiffer CA, 2003). Sebbene vi sia accordo tra i vari gruppi di studio internazionali nel definire come AYA la fascia di età che parte dai 15 anni, resta aperto il quesito di quale sia il limite di età (40-55 anni) fino al quale poter estendere tale approccio simil-pediatrico. Infatti, mentre alcuni studi hanno mostrato come una maggiore tossicità si ha nei pazienti con più di 40 anni trattati con un protocollo simil-pediatrico (Haïat S et al, 2011Dombret H et al, 2014; Ribera JM et al, 2014b); il Dana Farber Cancer Institute (DFCI) ha applicato l’approccio pediatrico fino a 50 anni con risultati molto promettenti, anche se va sottolineato che in quest’ultimo studio l’età mediana era di 28 anni (DeAngelo DJ et al, 2015).

Studi più recenti hanno evidenziato, inoltre, come questo sottogruppo di pazienti mostri caratteristiche biologiche distinte che riguardano sia alterazioni citogenetico-molecolari che immunofenotipiche: infatti è presente una maggiore frequenza del fenotipo a cellule T, di cariotipi complessi, ipoploidie e riarrangiamenti cromosomici a prognosi sfavorevole (BCR-ABL1 e KMT2A-AFF1) che si osservano con l’avanzare dell’età (Harvey RC et al, 2010a; Chiaretti S et al, 2013a; Advani AS, 2013a). È stata documentata un’aumentata incidenza di ETP e di casi BCR/ABL-like (Herold T et al, 2014, Ribera JM et al, 2014b). Tali caratteristiche si associano ad una prognosi meno favorevole rispetto a quanto osservato nei bambini; oltre a ciò si è osservata anche una diversa clearance e un differente metabolismo dei farmaci, che possono contribuire ad una maggiore tossicità legata al trattamento (McNeer J, Raetz EA, 2012). Il trattamento degli adolescenti e dei giovani adulti con protocolli “pediatric-like” ha permesso un aumento delle percentuali di remissione, della sopravvivenza, con tassi di OS variabili tra il 60-70% ed una tossicità indotta dai chemioterapici accettabile (Barry E et al, 2007; DeAngelo DJ et al, 2007b ; Ribera JM et al, 2008; Huguet F et al, 2009; Haïat S et al, 2011; Ram R et al, 2012; Advani AS et al, 2013b; Toft N et al, 2018; Ribera JM et al, 2020; Testi AM et al, 2020).

 

Anziani

 

La gestione dei pazienti anziani affetti da LAL resta una sfida terapeutica assai difficile. La prima sfida è rappresentata dalla definizione stessa di “anziani”, il range di età cansiderato varia nei diversi studi così come il performance status è variabile tra individui della stesa età. La presenza di comorbidità, di alterazioni citogenetiche e caratteristiche biologiche sfavorevoli, pone notevoli sfide per il successo del trattamento utilizzando i programmi di chemioterapia convenzionale. I pazienti anziani, definiti come tali con età >55 o >60 o >65 anni – a seconda dei protocolli e dei gruppi di studio – hanno una prognosi più sfavorevole rispetto ai pazienti più giovani quando sottoposti alle stesse terapie intensive. Sebbene le percentuali di remissione varino notevolmente, la loro probabilità di sopravvivenza a lungo termine è <20% considerando che l’intensificazione della chemioterapia da una parte riduce l’incidenza di resistenza, ma dall’altra aumenta la mortalità in RC per le complicazioni legate alla mielosoppressione (Figura XV) (Larson RA, 2005; Hoelzer D, Gökbuget N, 2005; Marks DI et al, 2010b; Gokbuget N, 2013). In questo sottogruppo di pazienti, le terapie devono essere poco intensive e, a volte, sono raccomandati approcci di chemioterapia palliativa per la presenza di patologie concomitanti come il diabete, le patologie cardiache, l’insufficienza renale o altro. Poichè le frequenti comorbidità, la più alta tossicità, il ritardo del trattamento sono spesso causa di un fallimento terapeutico, è necessaria un’attenta valutazione del performance status e della scala geriatrica prima di pianificare una chemioterapia ed è inoltre indispensabile un’adeguata terapia di supporto, comprensiva dell’uso di fattori di crescita (Chiaretti et al, 2019b). I fattori prognostici generalmente applicati alla LAL sono validi anche per gli anziani: la conta dei globuli bianchi, il tempo necessario per ottenere la RC, la persistenza della MMR e le aberrazioni genetiche. Quindi è importante eseguire anche una attenta valutazione biologica, comprendente le analisi dell’immunofenotipo, della citogenetica e della biologia molecolare, al fine di consentire non solo un migliore inquadramento diagnostico, ma anche una migliore scelta terapeutica (Gokbuget N, 2013). Infatti, nei pazienti anziani il riarrangiamento BCR-ABL1 si riscontra in in circa il 50% delle forme a cellule B (Figure XVI e XVII) (Burmeister T et al, 2008; Chiaretti S et al, 2013a). Nel passato, il riscontro di tale riarragiamento, costituiva un fattore prognostico nettamente sfavorevole per la sopravvivenza. L’introduzione dei TKI ha completamente rivoluzionato la terapia e la prognosi di questi pazienti in tutte le fasce di età (vedi oltre) (Vignetti M et al, 2007; Ottmann OG et al, 2007; Foà R et al, 2011; Rousselot P et al, 2016; Chiaretti S et al 2016b; Martinelli G et al, 2017b; Foà R et al, 2020). Paradossalmente, oggigiorno la presenza del cromosoma Ph non ha più un impatto prognostico negativo ed i pazienti BCR-ABL1-positivi ottengono percentuali di OS e sopravvivenza libera dall’evento (EFS) simili o migliori di quelle osservate nei pazienti Ph-negativi (Ribera JM, Garcıa O et al, 2012, Miller KC et al, 2019), soprattutto negli anziani. È quindi imperativo in un paziente anziano affetto da LAL eseguire un’immediata ricerca del riarrangiamento per BCR-ABL1.

La gestione degli anziani con LAL Ph-negativa si basa su un backbone simile a quello della LAL degli adulti, con riduzioni della dose per evitare tossicità eccessive: tuttavia, i decessi in induzione correlati al trattamento rappresentano un evento frequente, compreso tra il 7 % e il 40% e sono per lo piu da ascrivere a complicanze infettive.

Pochi sono gli studi pubblicati che trattano specificamente di questa categoria di pazienti (Robak T et al, 2004; Sancho JM et al, 2006a; O’Brien S et al, 2008; Shin D-Y et al, 2011; Sive JI et al, 2012; Ribera JM et al, 2016; Gokbuget N, 2016). Uno studio randomizzato (Hunault-Berger M et al, 2011) sull’utilizzo della daunorubicina liposomiale ha mostrato un miglioramento della fase di citopenia con una minore incidenza di infezioni, ma non ha dimostrato differenze riguardo alla sopravvivenza nei confronti del braccio che utilizzava la daunorubicina non liposomiale. È stato altresì osservato come l’utilizzo dell’asparaginasi in induzione nei pazienti anziani provochi un aumento della tossicità senza aumentare le percentuali di remissione (Schwartz P et al, 2013). Da questi studi si evidenzia l’importanza di una terapia d’induzione modulata sulle caratteristiche biologiche del paziente, con un aggiustamento della dose di antracicline, se necessario, seguiti da una terapia di consolidamento più intensiva ed una terapia di mantenimento, ed è anche consigliabile un utilizzo non eccessivamente prolungato di corticosteroidi (Landsburg DJ et al, 2013; Gokbuget N, 2013).
Infatti, l’obiettivo deve essere non solo il raggiungimento di una RC, ma anche un grado di tossicità accettabile che possa consentire a questi pazienti una discreta qualità di vita. Inoltre un’attenta ed omogenea caratterizzazione clinico-biologica alla diagnosi ed una valutazione della MMR nel follow-up; potrebbe consentire di considerare la possibilità di un allo-SCT in casi selezionati (Barba P et al, 2015). L’MD Anderson Cancer Center (MDACC) ha riportato un’analisi retrospettiva monocentrica su 122 pazienti anziani (>60 anni) con LAL trattati secondo schema hyper-CVAD, e 34 pazienti che avevano ricevuto regimi di trattamento meno intensivi, mostrando un miglioramento dei tassi di sopravvivenza e di risposta nella coorte trattata in maniera piu intensiva, ma con un alto tasso di decessi in RC, per lo più legati a infezioni (34%) (O’Brien S et al, 2008); risultati simili sono stati ottenuti nello studio MRC UKALL XII/ECOG2993 che ha arruolato 100 pazienti anziani (Sive JI et al, 2012). Il GMALL (German Multicenter Study Group for Adult ALL) ha trattato 268 casi con un regime di ispirazione pediatrica dose-adjusted e ha riportato un tasso di remissione del 76% con un tasso di mortalità precoce del 14%, e il fattore predittivo più importante per l’outcome è risultato essere la fascia di età del paziente (Gokbuget N et al, 2012c).

Lo sviluppo di nuove formulazioni farmacologiche, quali la vincristina e la citarabina liposomiali, ed ancora più l’uso clinico di anticorpi monoclonali – blinatumomab, inotuzumab, rituximab (vedi sotto) – rappresentano nuovi armamentari terapeutici promettenti, data la buona efficacia e la scarsa tossicità (Jabbour E et al, 2014; Jabbour E et al, 2015a; Jabbour EJ et al, 2019). Sebbene gli studi volti a valutare l’efficacia di questi farmaci nella popolazione anziana siano pochi, è stato recentemente riportato, come l’impiego dell’inotuzumab in prima linea, in combinazione con uno schema di mini-hyperCVAD, sia efficace, con una PFS a due anni del 59% (95% CI 43-72) (Kantarjian H et al, 2018) in assenza di decessi in induzione. L’MDACC ha anche valutato l’utilizzo dell’inotuzumab con il mini-hyperCVAD in associazione o meno a blinatumomab (Jabbour EJ et al, 2019), i risultati aggiornati di questo studio sono stati recentemente riportati sotto forma di abstract mostrando un tasso di risposta globale del 98% e una OS a 4 anni del 50%: tuttavia, il tasso di mortalità in RC per i pazienti al di sopra dei 70 anni si è mantenuto alto, ed è stato necessario un emendamento al protocollo per togliere la chemioterapia in questa vategoria piú fragile (Short NJ et al, 2020).

Anche il blinatumomab è stato testato frontline in questo setting di pazienti: risultati preliminari di uno studio di fase II dello SWOG (Southwest Oncology Group) pubblicato sotto forma di abstract hanno evidenziato una buona tollerabilità e un alto tasso di risposta (Advani AS et al, 2018).

L’impiego sistematico e in prima linea di questo gruppo di farmaci porterà probabilmente ad un netto miglioramento della prognosi di questi pazienti.

 

Figura XV. Confronto dell’outcome tra tre fasce di età (da Larson RA, 2005)

 

Figura XVI. Frequenza per età delle LAL Ph+ (da Burmeister T et al, 2008)

 

Figura XVII. Distribuzione per età delle maggiori anomalie citogenetico-molecolari (da Chiaretti S et al, 2013a)

 

RECIDIVA

 

La recidiva di malattia rappresenta un evento frequente nella LAL, soprattutto in età adulta; infatti, nonostante le percentuali di RC raggiungano ormai l’85-95%, la sopravvivenza libera da malattia è ancora relativamente bassa. Circa un terzo dei pazienti adulti con LAL a rischio standard e due terzi ad alto rischio vanno incontro a recidiva. Inoltre, la possibilità di cura per i pazienti R/R, specie se precocemente, è scarsa. Quindi, la recidiva rappresenta ancor oggi la principale problematica terapeutica e una LAL in recidiva è spesso considerata come una malattia difficilmente curabile. Possiamo trovarci di fronte a recidive ematologiche (o midollari) o extramidollare (i.e SNC, gonadi) o entrambe.

Diversi possono essere i fattori predittivi del fallimento di un trattamento terapeutico, sia clinici che biologici. Tra questi:
• il numero di globuli bianchi alla diagnosi
• l’età alla diagnosi
• l’estensione della malattia
• l’interessamento del sistema nervoso centrale
• la presenza di un fenotipo a cellule più immature
• il tempo per ottenere la RC (>di 4 settimane)
• il ritardo nell’esecuzione della terapie legato a problemi di tossicità
• la presenza di un’alterazione citogenetica/molecolare considerata sfavorevole (ad es. KMT2A-AFF1) e, in parte, del riarrangiamento BCR/ABL1 o anomalie aggiuntive
• la persistenza di MMR

Tra le cause sottostanti la recidiva vanno annoverate:
• la comparsa di resistenza ai farmaci utilizzati, oppure
• la selezione di una sottopopolazione resistente dopo aver eliminato con le terapie tutte le cellule leucemiche sensibili, oppure ancora l’induzione di mutazioni somatiche che rendono la cellula neoplastica resistente alle terapie stesse o ancora il ritardo nell’esecuzione della stessa legato a problemi di tossicità
• la comparsa di mutazioni somatiche che rendono la cellula neoplastica resistente alle terapie stesse

Si può ottenere una seconda remissione, ma raramente il trattamento post-recidiva dà buoni risultati in termini di sopravvivenza a lungo termine (Fielding AK et al, 2007; Tavernier E et al, 2007; Oriol A et al, 2010; Faderl S et al, 2011; Gökbuget N et al, 2012b). L’utilizzo di nuovi e vecchi farmaci con nuove formulazioni può contribuire ad aumentare le percentuali di ottenimento di una seconda remissione (Faderl S et al, 2005; DeAngelo DJ et al, 2007a; Topp MS et al, 2011; Faderl S et al, 2013; Kebriaei P et al, 2013; Pathak P et al, 2014; Frey NV et al, 2015) (Figura XVIII). Come discusso oltre, le terapie basate su anticorpi monoclonali e/o su approcci di immunoterapia, stanno fornendo risultati promettenti. In ogni caso, non vi è dubbio che la migliore opzione terapeutica per una LAL in recidiva, dopo il conseguimento di una seconda remissione e a prescindere dai fattori di rischio al momento della diagnosi, è rappresentata dall’allo-SCT se l’età del paziente, il performance status e la disponibilità di un donatore lo permettono (Popat U et al, 2003; Doney K, 2003; Gökbuget N et al, 2012a; Gökbuget N et al, 2012b). Tuttavia, anche dopo un trapianto la sopravvivenza a lungo termine si aggira intorno al 20% (Duval M et al, 2010; Gökbuget N et al, 2012b). Pertanto, al fine di scongiurare l’eventualità di una ricaduta, è necessario attuare un trattamento intensivo, sia in fase d’induzione che post-remissionale. Inoltre, come già menzionato, è necessario effettuare uno stretto monitoraggio della MMR. In considerazione di ciò, è attualmente in uso il termine di “recidiva molecolare” come indicazione per un intervento terapeutico precoce.

 

Sistema nervoso centrale (SNC)

 

L’interessamento del SNC è un evento che deve essere preso sempre in considerazione, tanto all’esordio che alla recidiva di malattia; al momento della diagnosi di LAL ha un’incidenza variabile dal 5 all’ 8% (Fiere D et al, 1993; Cortes J et al, 1995; Kantarjian HM et al, 2000; Lazarus HM et al, 2006; Jabbour E et al, 2010). Un recente report (Del Principe MI et al, 2021) ha evidenziato come lo studio immunofenotipico eseguito sul liquor alla diagnosi può dimostrare la presenza di malattia nel SNC non rilevabile morfologicamente ed è indice di prognosi sfavorevole. La maggioranza dei protocolli delle LAL prevede la valutazione di una compromissione del SNC tramite l’esecuzione della rachicentesi diagnostica. Si dimostra l’interessamento del SNC dalla presenza nel liquor dei blasti linfoidi e dalla presenza di disfunzioni neurologiche a carico dei nervi cranici (isolate o in combinazione). La profilassi e il trattamento dell’interessamento del SNC possono consistere nella terapia intratecale (punture lombari medicate) con methotrexate da solo o in associazione con citarabina e prednisone, in un trattamento sistemico con alte dosi di citarabina e/o methotrexate e nella radioterapia craniale. Una volta che i pazienti hanno raggiunto la sterilizzazione del coinvolgimento del SNC, non vi è alcuna prova che ci siano regimi terapeutici superiori alla terapia standard delle LAL (Thomas X et al, 2004; Lazarus HM et al, 2006); peraltro, questi pazienti sono spesso considerati ad alto rischio ed avviati a procedure trapiantologiche. In ogni caso, i pazienti con positività del SNC hanno una prognosi leggermente inferiore rispetto a quelli senza coinvolgimento del SNC.

Poiché la recidiva nel SNC continua ad essere una importante complicazione nel trattamento di pazienti con LAL, una adeguata profilassi del SNC fin dalla diagnosi è sicuramente un aspetto importante nel trattamento di una LAL. Inoltre, prevenire nuovi episodi di coinvolgimento del SNC è una sfida terapeutica importante (Sancho JM et al, 2006b; Gökbuget N et al, 2011a). Le terapie degli adulti sono state mutuate sul modello delle terapie pediatriche, che utilizzano modalità di trattamento multiple, comprese la radioterapia, la terapia sistemica, la terapia intratecale e le loro combinazioni. La radioterapia cranica è efficace, ma è controbilanciata da una notevole tossicità e anche da sequele neurologiche ed è al momento, in tutti i protocolli, limitata ai casi di coinvolgimento del SNC fin dalla diagnosi. La chemioterapia sistemica, soprattutto con citarabina e methotrexate, ha dimostrato di essere in grado di ridurre le recidive nel SNC, ma i livelli terapeutici dei farmaci nel liquido cerebrospinale non vengono mantenuti. La chemioterapia intratecale con o senza alte dosi di terapia sistemica è l’approccio più comune per la profilassi del SNC. La citarabina liposomiale, disponibile oggi per utilizzo clinico, conferisce prolungati livelli di citarabina libera nel liquor, un requisito fondamentale per la profilassi del SNC (Jabbour E et al, 2007; Valentin A et al, 2013).

 

 

Fig XVIII. Possibili opzioni terapeutiche per le LAL Ph neg (da Frey NV et al, Blood 2015)

 

SOTTOGRUPPI SPECIFICI

 

LAL Ph+    

 

La LAL Ph+ è un sottotipo particolare di leucemia acuta , con una prognosi storicamente sfavorevole. La frequenza del cromosoma Ph aumenta con l’età, da circa il 2-5% nei bambini/adolescenti, al 22% tra i pazienti adulti di età compresa tra 21-50 anni ed intorno al 50% nei pazienti di età superiore a 50 anni, rappresentando quindi la più comune anomalia genetica tra le LAL dell’adulto (Figure XV e XVI) (Secker-Walker LM et al, 1991; Uckun FM et al, 1998; Burmeister T et al, 2008; Chiaretti S et al, 2013b). Prima dell’avvento dei TKI, solo il 10% dei pazienti con LAL Ph+ sottoposti alla sola chemioterapia standard aveva una sopravvivenza a lungo termine. Poichè le percentuali di recidiva erano elevate ed era frequente lo sviluppo di resistenza ai farmaci, (Dombret H et al, 2002; Gleissner B, 2002; Kantarjian H et al, 2004), l’unica reale probabilità di guarigione era legata alla possibilità di effettuare un allo-SCT (Avivi I & Goldstone AH, 2003; Laport GG et al, 2008; Fielding AK et al, 2009).

Negli ultimi anni, in seguito allo sviluppo delle terapie mirate, le possibilità terapeutiche nella LAL Ph + si sono evolute rapidamente e hanno migliorato i risultati in questo particolare sottogruppo di pazienti. Gli inbitori delle tirosi chinasi (TKI) rappresentano probabilmente l’evento terapeutico più importante in oncologia e certamente nella terapia delle LAL di tutto l’ultimo decennio (Gruber F et al, 2009; Vignetti M et al, 2007; Ottmann OG et al, 2009; Fielding AK, 2010; Foà R et al, 2011; Chiaretti S et al, 2016b). Il primo inibitore utilizzato in clinica è stato l’imatinib (Glivec®), che inibisce la TK associata al gene di fusione BCR-ABL1 e non solo (inibisce anche il c-Kit ed il PDGF-R); inibitori di seconda generazione, come il dasatinib (Sprycel®) o il nilotinib (Tasigna®) sono approvati per il trattemento di seconda linea (resistenza e/o intolleranza all’imatinib) e nell’ambito di protocolli clinici. Molti gruppi cooperativi utilizzano la somministrazione di un inibitore di TKI(di prima o seconda generazione) nel trattamento d’induzione in associazione alla chemioterapia  convenzionale. Tuttavia, questa associazione non è priva di tossicità ed i vari studi riportano percentuali di morti in induzione intorno al 5% (Wassmann B et al, 2006; Yanada M et al, 2006; de Labarthe A et al, 2007; Bassan R et al, 2010; Ravandi F et al, 2013; Fielding AK et al, 2014; Ravandi F et al, 2015). Il gruppo GIMEMA, utilizzando l’imatinib in associazione con i soli steroidi, ha ottenuto una RC in tutti i pazienti anziani (>60 anni), senza il riscontro di tossicità maggiori (Vignetti M et al, 2007); dato confermato anche da altri gruppi  (Ottmann OG et al, 2007).
La somministrazione in induzione di imatinib in associazione con i soli steroidi e punture lombari terapeutiche si è dimostrata efficace anche negli adulti più giovani (<60 anni) (Chiaretti S et al, 2016a). Tuttavia, un trattamento di consolidamento è necessario per ridurre e, possibilmente, eradicare la MMR (Chiaretti S, Foà R, 2015a; Chiaretti S et al, 2016b). Lo studio sequenziale GIMEMA LAL0904 con imatinib (più steroidi) seguito da chemioterapia per adulti fino a 60 anni ha dimostrato una DFS e una OS a 5 anni del 45.8% e del 48.8%, rispettivamente (Chiaretti S et al, 2016a).
Il gruppo PETHEMA utilizzando in induzione imatinib in associazione ad una chemioterapia ad intensità ridotta rispetto al precedente protocollo che associava una chemioterapia intensiva ha riportato il 100% di RC in una coorte di 29 pazienti ed un miglioramento dell’EFS a 2 anni (63% vs. 37%) (Ribera JM et al, 2012). Il gruppo GRAALL ha pubblicato i risultati di uno studio randomizzato su 268 pazienti adulti trattati con imatinib in associazione a chemioterapia ad intensità ridotta o intensiva riportando percentuali di RC migliori nel braccio ad intensità ridotta per il minor numero di morti in induzione, senza differenze significative in termini di risposte molecolari maggiori, EFS ed OS a 5 anni (Chalandon Y et al, 2015).

Il dasatinib, inibitore di seconda generazione, è stato utilizzato in diversi studi cooperativi con buoni risultati, anche se l’associazione con la chemioterapia ha provocato una maggiore tossicità ed importanti effetti collaterali (Ravandi F et al 2010; Rousselot P et al, 2016). Nella nostra esperienza (GIMEMA) utilizzando il dasatinib da solo con gli steroidi come trattamento di prima linea dei pazienti adulti con LAL Ph + (inclusi gli anziani) si possono ottenere percentuali di RC nel 100% dei pazienti valutabili, con una buona tollerabilità e nessun decesso in induzione (Foà R et al, 2011; Chiaretti S et al, 2021). Sebbene non vi siano confronti diretti tra l’imatinib ed il dasatinib, è doveroso notare che una percentuale di pazienti può ottenere negativizzazioni molecolari persistenti con il solo impiego del dasatinib.

Infine è stato dimostrato che il TKI di terza generazione ponatinib (Iclusig®) è in grado di indurre ottime percentuali di risposta nei pazienti BCR-ABL1+, incluse le leucemie mieloidi croniche,  che hanno sviluppato resistenza agli altri TKI, o presentano la mutazione di ABL1 T315I (Cortes JE et al, 2012; Cortes JE et al, 2013; Shamroe CL et al, 2013). Il gruppo dell’MD Anderson Cancer Center ha riportato i dati relativi all’impiego del ponatinib in prima linea, in associazione con chemioterapia intensiva in una coorte di 37 casi (Jabbour E et al, 2015b). Complessivamente, i risultati sono stati molto promettenti, considerando che l’EFS e l’OS a 2 anni sono dell’81% e dell’80%, rispettivamente, con solo 2 pazienti recidivati. Inoltre, nei pazienti rispondenti, l’allo-SCT (eseguito in 9 pazienti) non ha migliorato l’OS. Tuttavia, va sottolineato che si sono verificati 6 decessi in remissione per cui sono necessari ulteriori studi per valutare l’incidenza e la severità degli eventi avversi riscontrati (in particolare eventi tromboembolici). I successivi aggiornamenti pubblicati di questo sudio confermano i risultati sopradescritti (EFS a 3 anni del 70%, OS a 3 anni del 76%) (Jabbour E et al, 2018). Il GIMEMA ha completato uno studio con ponatinib e steroidi, senza chemioterapia sistemica, per pazienti >60 anni o unfit: dopo 6 settimane di trattamento, il 95% dei pazienti era in remissione ematologica e dopo 24 settimane il 60% di pazienti era in remissione molecolare. L’OS a un anno è dell’80% (Martinelli G et al, 2017). Tuttavia, va ricordato che il ponatinib, avendo diversi target, non è scevro da importanti effetti collaterali, rappresentati soprattutto da eventi trombotici e cardiovascolari che richiedono un’attenta ed accurata gestione del paziente. In ogni caso, bisognerà considerare i risultati dopo un periodo più lungo di valutazione.

Un altro approccio può essere basato sulla combinazione di TKI con strategie immunoterapeutiche, in particolare il blinatumomab. L’anticorpo bispecifico è stato testato in pazienti con LAL-B Ph+ R/R (studio ALCANTARA), con risultati promettenti (Martinelli G et al, 2017a). Il GIMEMA ha disegnato e portato a termine un protocollo terapeutico che contempla l’uso del blinatumomab come terapia di consolidamento in prima linea: lo studio D-ALBA (GIMEMA LAL 2116), per pazienti adulti (>18 anni, senza limite d’età) con LAL Ph+ di nuova diagnosi, in cui, dopo una fase di induzione con dasatinib e steroidi, i pazienti ricevono almeno 2 cicli di blinatumomab, a prescindere dalla risposta alla terapia d’induzione. All’endpoint primario (fine del 2° ciclo), il 60,4% aveva ottenuto una risposta molecolare. Ad un follow-up mediano di 18 mesi, l’OS e la DFS sono state del 95% and 88%, rispettivamente (Foà R et al, 2020); i dati aggiornati (follow-up mediano: 27,8 mesi) confermano i risultati preliminari, con un OS e DFS dell’87,8% e 79,8%, rispettivamente (Chiaretti S et al, 2021). I risultati a lungo termine di questo studio verranno valutati nello studio ancillare osservazionale attualmente in corso GIMEMA LAL 2217.

Come nella LAL Ph-, nella LAL Ph+ la MMR ha un ruolo importante nella gestione di questa malattia. Il GIMEMA ha chiaramente dimostrato che il grado di riduzione della MMR è correlato ad una migliore DFS, indipendentemente dall’inibitore utilizzato (Foà R et al, 2011; Chiaretti S et al, 2016b; Foà R et al, 2020). Lee e colleghi (2012) hanno dimostrato che anche la tempistica della clearance della MMR è importante per la stratificazione dei pazienti: i pazienti che presentano una clearance molto precoce hanno una prognosi significativamente migliore. È pertanto indispensabile valutare attentamente la MMR durante il follow-up, per eventuali decisioni terapeutiche; una persistente positività e/o la sua ricomparsa può essere sostenuta dalla presenza di mutazioni esistenti già alla diagnosi (Soverini S et al, 2011) o insorgenza di nuove mutazioni resistenti alla terapia con TKI; tra queste, le più deleterie sono la mutazione T315I e le cosiddette “compound mutations” (Zabriskie MS et al, 2014). Quindi, l’aumento della MMR deve essere seguito obbligatoriamente dalla ricerca di cloni mutati, mediante Sanger sequencing – che ad oggi rappresenta la metodica standard – o in alternativa mediante metodiche di NGS (Soverini S et al, 2019).

Complessivamente questi dati indicano che: 1) la terapia di induzione deve includere un TKI, da solo o in associazione a trattamenti chemioterapici ad intensità ridotta per ridurre le tossicità maggiori; 2) dopo l’ottenimento della RC, è necessario un trattamento di consolidamento che varia a seconda dei gruppi ma che generalmente include alte dosi di chemioterapia, al fine di ridurre ulteriormente, e, possibilmente, eradicare la MMR; 3) la terapia con TKI può rappresentare un “ponte” al trapianto per i pazienti idonei (Ottmann OG et al, 2009; Fielding AK, 2010Fielding AK et al, 2014; Yoon JH et al, 2016). 4) l’utilizzo del blinatumomab in associazione ai TKI sembra essere una strategia estremamente efficace ed il prossimo studio GIMEMA valuterà se alcuni pazienti con LAL Ph+ potranno giovarsi in futuro di un approccio del tutto chemo-free.

L’ allo-SCT è spesso considerato l’unico trattamento curativo per i pazienti, soprattutto se giovani (Brissot E, et al 2015). Tuttavia, è sempre più dibattuto il ruolo del trapianto nei pazienti che ottengono una risposta molecolare completa, soprattutto se precoce, e persistente (Chiaretti S, Foà R, 2015a).

Inoltre, l’efficacia della terapia con TKI sta consentendo di rivalutare anche il ruolo del trapianto autologo, soprattutto nei pazienti con comorbidità e che ottengono delle risposte molecolari complete (Wetzler M et al, 2014; Giebel S et al, 2014; Giebel S et al, 2018). Restano comunque aperte alcune problematiche come l’insorgenza di una resistenza primaria agli inibitori o la comparsa di mutazioni, quale sia l’approccio migliore alla profilassi del SNC considerando anche la scarsa penetrabilità dei TKI nel SNC, e quando e per quanto tempo proseguire la terapia di mantenimento con TKI post-trapianto.

Infine, la presenza di alterazioni genomiche aggiuntive può avere un impatto sulla prognosi. Come già menzionato, le delezioni di IKZF1 sono state associate ad una maggior tasso di recidive (Martinelli G et al, 2009); tuttavia, sta emergendo che la concomitante presenza di più lesioni genomiche, comprendenti IKZF1, abbia un impatto sulla sopravvivenza a lungo termine (Ribera J et al, 2015; ; Motlló C et al 2017; Pfeiffer H et al, 2018: Fedullo AL et al, 2019; Foà R et al, 2020). Due studi (Pfeiffer H et al, 2018; Fedullo AL et al, 2019) hanno chiaramente dimostrato come la presenza di lesioni a carico di IKZF1, CDKN2A e/o PAX5 si associ ad una prognosi significativamente peggiore rispetto a pazienti senza le suddette alterazioni; l’impatto prognostico di queste lesioni non è abrogato dal trapianto e pertanto questi pazienti rappresentano un sottogruppo per cui è necessario disegnare nuove strategie terapeutiche.

Come per altri sottogruppi di LAL, quando si verifica una recidiva, la prognosi è decisamente sfavorevole. Anche se si otteniene una seconda remissione, non vi è consenso su quale sia il trattamento più appropriato nei pazienti con LAL Ph+ resistenti ai TKI. L’impiego degli anticorpi monoclonali, i.e blinatumomab e inotuzumab ozogamicin, ha permesso di ottenere nel 36% di casi la RC, aprendo la possibilità a procedure trapiantologiche (Martinelli G et al, 2017a; Kantarjian H et al, 2017).

In conclusione, un’ottimale gestione del paziente con LAL Ph+ deve ad oggi comprendere la valutazione di lesioni genomiche aggiuntive alla diagnosi, la valutazione della MMR e la ricerca di mutazioni in caso di incremento dei livelli di MMR, associate all’impiego di TKI con terapie target (i.e. immunoterapia) al fine di garantire una corretta stratificazione terapeutica. Questi principi si applicano tanto all’adulto che all’anziano.

 

LAL-B mature

 

La LAL a cellule B-mature (FAB L3) o linfoma “Burkitt type (BL)” (LAL-B/BL) è un’entità rara che rappresenta tra l’1 e il 5% delle LAL o dei linfomi linfoblastici dei bambini e degli adulti. La classificazione WHO (Jaffe ES et al, 2001) riconosce le fasi di linfoma e di leucemia come una singola entità, ovvero come sottotipo di linfoma di Burkitt/leucemia a cellule di Burkitt. Questo sottogruppo di LAL mostra caratteristiche cliniche e biologiche definite: a) clinicamente, sono presenti importanti masse tumorali e, spesso, coinvolgimento del SNC; b) dal punto di vista biologico, hanno un aspetto morfologico caratteristico, un immunofenotipo a cellule B mature e nell’80% dei casi circa sono presenti le traslocazioni che coinvolgono la regione 8q24 ed il locus delle IgH nella regione 14q32, o, più raramente, il locus delle catene leggere (2p12 o 22q11) (Blum KA et al, 2004; Burmeister T et al, 2005). Tali riarrangiamenti determinano una deregolazione ed una iperespressione del protooncogene c-MYC che influenza la trascrizione di numerose proteine coinvolte nella regolazione del ciclo cellulare, apoptosi, crescita cellulare, adesione cellulare e differenziazione. Un approfondito inquadramento alla diagnosi è essenziale per una valutazione uniforme della MMR; la citogenetica e la FISH, consentono di identificare la traslocazione t(8;14) e le sua varianti, e la long distance PCR (LD-PCR) identifica il riarrangiamento c-myc/IgH, ma ciò è possibile solo per quei pazienti che presentano tale alterazione. Nella quota di pazienti (20-25%) che non presenta la traslocazione t(8;14) si può studiare la MMR mediante l’analisi del riarrangiamento delle Ig. Utilizzando queste tre metodiche è pertanto possibile valutare la MMR in tutti i pazienti con LAL-B/BL. La prognosi della LAL- B/BL era, nel passato, sfavorevole. Infatti, l’alta frazione di crescita è responsabile dello sviluppo di resistenza alle terapie convenzionali. L’applicazione di regimi terapeutici composti da cicli di chemioterapia intensiva e di una importante profilassi intratecale hanno reso questo tipo di LAL una neoplasia curabile (Patte C et al, 2002; Thomas DA et al, 2006; Kenkre VP et al, 2009; Barnes JA et al, 2011). L’estrema chemiosensibilità di queste forme aggressive, con massa bulky, può determinare in coincidenza con l’inizio del trattamento, l’insorgenza di una sindrome da lisi tumorale, conseguenza della citolisi massiva; pertanto è indicato eseguire un trattamento preventivo mediante iper-idratazione con diuresi forzata, alcalinizzazione delle urine e somministrazione di farmaci uricosurici. La terapia di mantenimento non ha dimostrato benefici e non viene pertanto consigliata/utilizzata. Il ruolo del trapianto allogenico o autologo in questa patologia è ancora da definire (Linch DC, 2012). Un ulteriore miglioramento è stato ottenuto grazie all’aggiunta dell’anticorpo monoclonale anti-CD20 (rituximab) in combinazione alla chemioterapia (Hoelzer D et al, 2014; Ribrag V et al, 2016) (vedi approfondimentoLAL B-mature ).

 

LAL BCR-ABL1-like

 

La LAL BCR-ABL1-like è stata inizialmente evidenziata mediante il profilo di espressione genica (vedi approfondimentoLAL BCR-ABL1-like ). Infatti, in due lavori (Haferlach T et al, 2005; Chiaretti S et al, 2005) che analizzavano le LAL-B dell’adulto, si era identificato un piccolo numero di casi (circa il 15% di tutte le LAL-B) che, pur non presentando il trascritto BCR-ABL1, avevano un profilo di espressione simile. In seguito, in ambito pediatrico è stato possibile evidenziare lo stesso fenomeno, con un’incidenza simile anche nei piccoli pazienti (Mullighan CG et al, 2009a; Den Boer ML et al, 2009; Harvey RC et al, 2010a). La successiva caratterizzazione, mediante SNP arrays inizialmente, e più recentemente mediante NGS, ha consentito di definire meglio questo sottogruppo. Le caratteristiche genetiche tipiche di questi casi sono rappresentate dal profilo trascrizionale simil-BCR-ABL1, dalla presenza di alterazioni a carico di chinasi e recettori di citochine e di anomalie numeriche a carico del cromosoma 9 e del cromosoma 7 (Den Boer ML et al, 2009), dove è localizzato IKZF1, (deleto nel 40% circa di questi casi), dalla frequente – ma non univoca – deregolazione di CRLF2 (16% dei casi) (Van der Veer A et al, 2013). Tra i riarrangiamenti più comuni ricordiamo quelli a carico di ABL1, EPOR, JAK2, PDGFRB, NTRK3 e CSF1R (i.e. NUP214-ABL1, RANBP2-ABL1, BCR-JAK2, STRN3-JAK2, EBF1-PDGFRB) (Roberts KG et al, 2013; Iacobucci I et al, 2016). Sono, inoltre, frequenti le mutazioni a carico dei geni delle vie della trasduzione del segnale JAK/STAT (JAK1, JAK2, IL7R, CRLF2, SH2B3, IL2RB) e RAS (FLT3, K/N-RAS).

La definizione delle lesioni sottostanti questo fenotipo, e la produzione di modelli murini, ha consentito di chiarire che questo sottogruppo di pazienti potrebbe beneficiare, alla stregua dei casi BCR-ABL1+, dell’impiego clinico di inibitori delle TK (Roberts et al, 2012; Maude SL et al, 2012; Roberts KG et al, 2014; Chiaretti S et al, 2019a).

Le LAL Ph-like rappresentano circa il 20% di tutti i casi di LAL-B, e sono riscontrate esclusivamente nei casi che non presentano riarriangiamenti moleculari noti (i.e. BCR/ABL1, KT2MA-r e TCF3/PBX1). In generale, l’incidenza di questo sottogruppo è maggiore nell’adolescente piuttosto che nel bambino, e si attesta intorno al 25%.
Sebbene questo dato circa l’incidenza sia ormai assodato, è altresì vero che, con il crescente numero di studi su questi pazienti, vi sono evidenze che suggeriscono un incremento dell’incidenza con il progredire dell’età, alla stregua di quanto osservato nelle LAL Ph+ (Herold T et al, 2014 e 2017; Roberts KG et al, 2017; Jain N et al, 2017; Chiaretti S et al, 2018; Chiaretti S et al, 2020). Le LAL Ph-like sono di difficile gestione clinica, per diverse ragioni; il background genetico è estremamente eterogeneo e variabile e, in virtù dell’eterogenità genetica di questi pazienti, non esiste un test diagnostico unico. Infatti la diagnosi necessita dell’integrazione di numerose metodiche: per sopperire a questa difficoltà oggettiva, è stata riportata la validità del “BCR/ABL1-like predictor”, un test basato sulla valutazione in PCR di 10 geni, che vengono utilizzati per definire in maniera rapida (entro 7 giorni dalla diagnosi) se il paziente è Ph-like (Chiaretti S et al, 2018).

Clinicamente, questi pazienti sono spesso adolescenti, di sesso maschile, e presentano quadri caratterizzati da iperleucocitosi, scarsa risposta alla terapia di induzione, alta incidenza di recidive che si traduce in ridotte percentuali di OS (Herold T et al, 2014 e 2017; Roberts KG et al, 2017; Jain N et al, 2017; Chiaretti S et al, 2018, Chiaretti S et al, 2019a; Stock W et al, 2019). Da un recente lavoro che ha utilizzato il “BCR/ABL1-like predictor” per l’identificazione dei pazienti Ph-like, è emerso come questi ultimi presentino un tasso di RC significativamente più basso, una EFS e DFS peggiori, così come una maggiore persistenza della MMR anche quando trattati con protocolli terapeutici intensivi pediatric-like e guidati dalla MMR, sottolineando come il riconoscimento precoce di una LAL Ph-like sia cruciale per una migliore stratificazione del rischio e per migliorare le strategie terapeutiche (Chiaretti S et al, 2020).

Riconoscere questi pazienti il prima possibile permette di instaurare terapie alternative che possono includere trattamenti mirati, per esempio TKI. Diversi sono gli approcci proposti (Tasian Sk et al, 2017; Maese L et al, 2017; Boer Jm et al, 2017; Chiaretti S et al, 2019a): il primo è basato sul targeting della lesione genetica sottostante ed include il trattamento con TKI per i pazienti con lesioni che coinvolgono geni della classe di ABL e con inibitori di JAK2, in particolare il ruxolitinib, nei casi che presentano lesioni del pathway di JAK/STAT. Purtroppo, il trattamento con ruxolitinib si è dimostrato inefficace nel setting clinico. Un secondo approccio si basa sull’impiego del ponatinib in tutti i pazienti: il razionale per questo approccio risiede nell’evidenza in vitro dell’efficacia del ponatinib in tutti i casi Ph-like, a prescindere dalla lesione sottostante e da casi sporadici riportati presenti in letteratura (Colette Y et al, 2015; Lunghi M et al, 2020). Sono stati recentemente riportati i risultati di una esperienza real-life in una coorte di pazienti Ph-like con riarrangiamento della chinasi della classe di ABL trattati con TKI in prima linea o in recidiva, che ha evidenziato tassi di risposte ematologiche e molecolari promettenti (Tanasi I et al, 2019).

Infine, il ruolo degli anticorpi monoclonali, i.e. blinatumomab e inotuzumab, è in corso di valutazione. Ad oggi, la migliore strategia terapeutica dovrebbe basarsi su un trattamento combinato di chemioterapia e trattamento targeted, seguito quanto prima da trapianto.

Possiamo dire che l’identificazione dei casi di LAL Ph-like può essere considerata come un successo delle applicazioni di genomica avanzata.

 

LAL “early T precursor” (ETP)

 

La LAL-ETP è un sottotipo di LAL-T definito da un immunofenotipo (vedi sopra) e da un profilo di espressione genica caratteristico (Chiaretti S et al, 2010; Neumann M et al, 2012; Haydu JE and Ferrando AA, 2013). Questa forma di leucemia deriva da un precursore delle cellule T, un timocita che migra dal midollo osseo al timo e presenta caratteristiche simili ad una cellula staminale, potenzialmente in grado di differenziarsi sia in senso mieloide che linfoide T. L’immunofenotipo è caratterizzato dall’assenza del CD1a ed CD8, dalla debole espressione del CD5 e dall’espressione di almeno un marcatore della linea mieloide o della cellula staminale quali: CD117, CD34, HLA-DR, CD13, CD33, CD11b, e CD65. L’incidenza delle LAL-ETP varia tra il 5-16% di tutte le LAL-T; dal punto di vista clinico sembrano essere molto poco responsive alle terapie, con una scarsa risposta alla pre-fase steroidea, un basso di tasso di RC ed alti livelli di MMR. I pazienti affetti da LAL-ETP hanno una prognosi sfavorevole, sia nell’ambito adulto che pediatrico (Coustan-Smith E et al, 2009; Inukai T et al, 2012; Ma M et al, 2012; Haydu JE and Ferrando AA, 2013; Jain N et al, 2016). Il profilo di espressione genica delle LAL-ETP, nell’adulto inizialmente definito myeloid-like (Chiaretti S et al, 2010), è caratterizzato dall’iperespressione di numerosi fattori di trascrizione della linea mieloide (inclusi CEBPA, CEBPB, CEBPD), e dall’iperespressione del miR-221, -222, e -223 (Chiaretti S et al, 2010; Coskun E et al, 2013). Inoltre, questi casi sono caratterizzati da un’elevata instabilità genetica. Infatti, gli studi di NGS hanno rivelato la presenza di diversi riarrangiamenti intracromosomici, delezioni ed inserzioni, ed un’alta frequenza di mutazioni che attivano geni che regolano i recettori delle citochine e la via del segnale di RAS (NRAS, KRAS, FLT3, IL7R, JAK3, JAK1, SH2B3 e BRAF), mutazioni inattivanti fattori di trascrizione coinvolti nello sviluppo ematopoietico (GATA3, ETV6, RUNX1 ed IKZF1) e geni che modificano l’istone (EZH2, EED, SUZ12, SETD2 e EP300) (Van Vlierberghe P et al, 2011; Zhang J et al, 2012; Neumann M et al, 2013). Si riscontrano spesso mutazioni tipiche delle LAM (IDH1, IDH2, DNMT3A, FLT3 e NRAS), mentre sono meno frequenti quelle tipiche delle LAL-T (delezione di CDKN2A/B, mutazioni di NOTCH1).

Complessivamente, la somiglianza del profilo di espressione genica con la cellula staminale, l’iperespressione di fattori di trascrizione mieloidi e di mutazioni tipiche delle LAM suggeriscono come le LAL-ETP si trovino in una sorta di zona grigia tra le LAL-T e le LAM. Neumann M et al (Neumann M et al, 2012) hanno mostrato in questo sottogruppo un’alta percentuale (35% circa) di casi con mutazioni di FLT3 (sia ITD che TKD) e DNMT3A, ipotizzando un ruolo degli inibitori di FLT3 in queste forme di LAL.

Maude et al. (Maude SL et al, 2015) hanno dimostrato che le cellule di pazienti con LAL-ETP presentano una attivazione aberrante della via del segnale di JAK/STAT che è indipendente dalla presenza di mutazioni, dimostrando altresì l’efficacia in modelli murini del ruxolitinib nel ridurre la massa leucemica. Alla luce di questi risultati, gli inibitori della via del segnale di JAK/STAT e RAS potrebbero rappresentare delle interessanti opzioni terapeutiche per questo sottogruppo di pazienti.

Inoltre, il gruppo GRAALL ha descritto nei pazienti con LAL-ETP un’alta incidenza di casi con iperespressione dei geni della famiglia HOXA (Bond J, et al. 2016) dimostrando che la prognosi peggiore si riscontra nei – ed è confinata ai – casi con fenotipo ETP e concomitante iperespressione degli HOXA per i quali sarebbe necessario un trattamento più intensivo, che contempli un allo-SCT (Bond J et al, 2017).

Infine, due gruppi di ricerca hanno riportato in modo indipendente che le LAL-ETP sembrano esprimere alti livelli della proteina BCL2 rispetto ai casi non-ETP, con conseguente maggiore suscettibilità alla soppressione di Bcl2 con farmaci target come l’ABT-199 (venetoclax) (Peirs S et al, 2014; Chonghaile TN et al, 2014). In una piccola casistica è stata riportata l’esperienza di 3 pazienti con LAL-ETP R/R trattati con venetoclax-bortezomib, con risposte in tutti e 3 i pazienti, e ha permesso di indirizzare 2 pazienti eleggibili ad allo-SCT (La Starza R et al, 2019).

 

“NUOVE” TERAPIE

 

È fin troppo evidente l’importanza di sviluppare nuove strategie terapeutiche al fine di migliorare la prognosi a lungo termine delle LAL, soprattutto nell’ambito della popolazione adulta (Thomas DA et al, 2002; Pui CH et al, 2007; Bassan R, Hoelzer D, 2011; Bassan R et al, 2018). Una nuova generazione di “targeted therapies” (oltre a quanto fino ad ora fatto nelle LAL Ph+), dirette verso “pathways” di segnale che controllano il ciclo cellulare, la trascrizione del gene, la mobilità cellulare, l’apoptosi ed il metabolismo cellulare, sta emergendo (Figura XIX). Da valutare altresì l’uso di nuovi farmaci in ulteriori sottogruppi di LAL definiti sulla base delle caratteristiche genetiche.

 

Figura XIX. Schema semplificato dei potenziali siti “bersaglio” per nuovi agenti terapeutici (da Pui CH et al, 2007)

 

Inoltre, esistono delle nuove formulazioni di farmaci già noti che ne hanno migliorato l’efficacia e ridotta la tossicità. Di seguito sono riassunti gli sviluppi in corso.

A) Farmaci cosiddetti “standard” in nuove formulazioni con aumentata tollerabilità e attività farmacologica. Esempi di tali farmaci sono rappresentati da:

– Pegylated asparaginase (PEG-L-asparaginase, Oncaspar®): è una preparazione dell’asparaginasi derivata dall’E. Coli, che ha una ridotta immunogenicità ed una emivita di eliminazione più lunga; ciò consente il suo uso come singola dose durante la chemioterapia di induzione ed è ormai stabilmente inserita nei nuovi protocolli di chemioterapia. Il farmaco, efficace nel migliorare la sopravvivenza, è tuttavia gravato da tossicità soprattutto a livello epatico, pancreatico e coagulativo. Un’attenta valutazione del performance status dei pazienti nonché la valutazione del cosiddetto body-mass index (BMI) e della stenosi epatica sono utili per una migliore gestione del farmaco (Balsat M et al, EHA 2016; Kamal N et al, 2019).

– Agenti liposomiali: le preparazioni liposomiali di composti chemioterapici alterano le proprietà farmacologiche e la tossicità della parte attiva del composto, aumentandone l’efficacia e riducendone la tossicità. Esempi di tali farmaci sono rappresentati dalla vincristina liposomiale (O’Brien S et al, 2013; Shah NN et al, 2016; Douer D, 2016; Schiller GJ et al, 2018), dalla daunorubicina liposomiale e dalla citarabina liposomiale (Depocyte®).

La vincristina liposomiale è stata impiegata in casistiche comprendenti LAL pediatriche ed adulte già sottoposte a numerose linee di trattamento: nell’adulto, sono state ottenute remissioni cliniche nel 20% di casi e una piccola frazione di pazienti è stata sottoposta a procedure trapiantologiche (O’Brien S et al, 2013). Nelle coorti pediatriche, uno studio di fase I, condotto su 23 pazienti, ha indicato che la dose di 2,25 mg/m2 è ben tollerata, e ha messo in evidenza un’efficacia del farmaco con negativizzazione della MMR in 1 caso e malattia steabile in 9 casi (Shah NN et al, 2016).
Più recentemente, lo stesso farmaco è stato testato singolarmente o in associazione ai corticosteroidi in uno studio di fase II nel setting degli adolescenti e giovani adulti con LAL R/R, mostrando un tasso di ORR del 39% e con un profilo di sicurezza comparabile a quello della vincristina standard (Schiller GJ et al, 2018).

La daunorubicina liposomiale è stata impiegata in combinazione con la fludarabina e a la citarabina (FLAD) in uno studio comprendente 79 pazienti affetti da LAL o da LAM: tale approccio, ben tollerato, ha indotto una percentuale complessiva di RC del 59% (De Astis E et al, 2014).

Infine, diversi studi hanno dimostrato l’efficacia della somministrazione intratecale in caso di recidive a carico del SNC (Phuphanich S et al. 2007; Gökbuget N et al, 2011a; Parasole R et al, 2015). Tuttavia, la frequente ed importante neurotossicità, in parte ridotta dall’aggiunta di desametasone intratecale, ne limita la sua applicazione nella profilassi primaria del SNC (Jabbour E et al, 2007). Inoltre, due diversi studi randomizzati non hanno dimostrato un miglioramento della sopravvivenza a lungo termine nel gruppo di pazienti che avevano ricevuto citarabina liposomiale intratecale rispetto al gruppo di pazienti che aveva ricevuto citarabina e metotrexate intratecali (Bassan R et al, 2015; Levinsen M et al, 2016). Attualmente alcuni studi stanno valutando l’efficacia del CPX-351, una formulazione liposomiale di una associazione fissa di daunorubicina e citarabina in rapporto molare 1:5, già approvato nel trattamento della leucemia mieloide acuta ad alto rischio (NCT03575325).

B) Chemioterapici  con meccanismi di azione diversi da quelli in uso. Ne esistono diversi ed alcuni, dopo una prima fase di studio, sono già utilizzati nella pratica clinica.

– Nelarabina (2-amino-9-B-D-arabinosyl-6-methoxy-9H-guanione; GW Compound 506U78): inibitore dell’enzima PNP (purine-nucleoside-phosphorylase), metabolizzata in ara-G (9-B-D-arabinofuranosilguanina), e dopo fosforilazione tramite la deossicitidina-chinasi, induce apoptosi mediante l’accumulo di dGPT nei linfoblasti a fenotipo T, attualmente è approvata per il trattamento delle recidive delle LAL-T, ma recentemente diversi studi stanno valutando la sua efficacia anche in prima linea (DeAngelo DJ et al, 2007b; Cooper TM et al, 2007; Gökbuget N et al, 2011b; Jain P et al, 2014; Abaza Y et al, 2018). In prima linea, la nelarabina è stata valutata in combinazione con Hyper-CVAD dal gruppo dell’MD Anderson Cancer Center: in questo studio non è stato trovato alcun miglioramento significativo nel tasso di RC o in di OS rispetto al confronto con i controlli storici che avevano ricevuto solo Hyper-CVAD (Abaza Y et al, 2018). Diversamente, il Children Oncology Group (COG) nello studio AALL0434, ha aggiunto la nelarabina allo standard di trattamento con miglioramento della DFS a 4 anni rispetto a chi faceva solo chemioterapia dall’83,3% all’88,9% (Dunsmore KP et al, 2018).

Nel setting dei R/R, un recente studio in un’ampia coorte di pazienti con LAL T R/R ha dimostrato che la nelarabina rappresenta un trattamento di salvataggio efficace con una ORR del 50% e un tasso di RC del 36%; inoltre, il 40% dei pazienti dopo la terapia di salvataggio ha potuto eseguire un allo-SCT (Candoni et al, 2020).

– Clofarabina (2-chloro-2’fluoro-deoxy-9-beta-D-arabinofuranosyladenine): il meccanismo d’azione comprende sia l’inibizione della ribonucleotide-reduttasi (RnR) che della DNA polimerasi, con importanti effetti anti-tumorali; si è dimostrata attiva sia singolarmente sia in modulazione con altri farmaci come la citarabina o la ciclofosfamide (Faderl S et al, 2005; Jeha S et al, 2006; Vitale A et al, 2009; Faderl S et al, 2013; Shukla N et al, 2014). Nelle LAL R/R, il GIMEMA ha recentemente dimostrato come la clofarabina sia attiva nel reindurre risposte ematologiche nel 57,6% dei casi permettendo di avviare a trapianto il 47% dei pazienti rispondenti (Bassan R et al, 2019).

C) Terapie “mirate” capaci di inibire uno specifico elemento molecolare o cellulare biologicamente importante per un definito sottogruppo di pazienti (Thomas DA et al, 2002; Pui CH, Jeha S, 2007; Mathisen MS et al, 2014; Portell CA, Advani AS, 2014). Sono molteplici e interessano meccanismi di azione differenti coinvolti nella patogenesi della leucemia:

– TKI ed inibitori delle chinasi: oltre alle LAL BCR-ABL1+ (vedi sopra), i TKI potrebbero essere efficaci anche in altri sottogruppi – sia di LAL-B che di LAL-T – caratterizzati da mutazioni o riarrangiamenti a carico di TK. Studi in vitro e in modelli di xenograft hanno infatti dimostrato l’efficacia del dasatinib o dell’imatinib su cellule primarie provenienti da pazienti BCR-ABL1-like con fusioni di ABL1, ABL2, CSF1R, e PDGFRB o su linee cellulari di LAL-T NUP214-ABL1 o EML1-ABL1 positive (De Keersmaecker K et al, 2005; Quintás-Cardama A et al, 2008; Roberts KG et al, 2017, Chiaretti S et al, 2019a). Diversi sono gli approcci proposti per le LAL BCR-ABL1-like (Tasian Sk et al, 2017; Maese L et al, 2017; Boer Jm et al, 2017; Chiaretti S et al, 2019a): il primo è basato sul targeting della lesione genetica sottostante con dasatinib o imatibi per i pazienti con mutazioni dei geni della classe di ABL o con inibitori di JAK2, in particolare il ruxolitinib, nei casi che presentano lesioni del pathway di JAK/STAT. Un secondo approccio si basa sull’impiego dell’inibitore pan-TKI, ponatinib, in tutti i pazienti a prescindere dalla lesione sottostante (Colette Y et al, 2015; Lunghi M et al, 2020).

Gli inibitori di MEK (come selumetinib), di mTOR (i.e. rapamicina ed i suoi derivati) o di mTOR/PI3K (come BEZ235) potrebbero essere efficaci in pazienti con mutazioni a carico di K/N-RAS o PTEN, come dimostrato da studi in vitro (Irving J et al, 2014; Messina M et al, 2016; Gianfelici V et al, 2016).

– Gli antagonisti di BCL2 potrebbero rappresentare una valida opzione terapeutica per specifici sottogruppi. Infatti, diversi lavori hanno dimostrato l’efficacia dell’ABT-199 (venetoclax) su cellule primarie di LAL-T iperesprimenti TLX3 o HOXA e, più in generale, nelle forme più immature (Peirs S et al, 2014), mentre, nell’ambito delle LAL-B, un recente lavoro ne ha dimostrato l’efficacia su linee cellulari e modelli murini con t(4;11) (Benito JM et al, 2015). Inoltre, studi in vitro hanno evidenziato che l’ABT-263 (navitoclax) è in grado di inibire la proliferazione cellulare di cellule con mutazioni a carico di STAT5B (Bandapalli OR et al, 2014).

– Inibitori di NOTCH1. L’elevata frequenza delle mutazioni a carico di NOTCH1 ed il loro ruolo nella patogenesi delle LAL-T hanno portato allo sviluppo di diversi farmaci bersaglio; tuttavia la tossicità, soprattutto a livello intestinale ne hanno limitato l’impiego. Recentemenre, è in corso uno studio clinico di fase I/IIa, con l’inibitore CB-103 (NCT03422679), che sta attualmente reclutando pazienti.

D) Anticorpi monoclonali: la superficie delle cellule leucemiche esprime una varietà di antigeni come CD20, CD19, CD22, CD33 e CD52 che possono servire come “bersaglio” per un trattamento con anticorpi monoclonali. Tali agenti possono essere utilizzati come singolo farmaco o in combinazione con chemioterapici, come “purging” pre-trapianto e come terapia post-trapianto, e possono risultare particolarmente efficaci in casi con evidenza di MMR (Gokbuget N, Hoelzer D, 2003; Castillo J et al, 2008; D’Argouges S et al, 2009; Hoelzer D et al, 2011; Hoelzer D, 2013; Kochuparambil TS and Litzow RM, 2014; Ai J and Advani A, 2015; Jabbour E et al, 2015b). Diversi sono gli anticorpi monoclonali disponibili per l’uso clinico. Tra questi:

– Anti-CD20 (rituximab, ofatumumab), anticorpo chimerico il cui utilizzo è inserito ormai nei protocolli per il trattamento all’esordio della LAL-Burkitt type con eccellenti risultati. Si è dimostrato altrettanto efficace nelle forme di LAL pre-B non Burkitt, anche se in alcuni studi ne viene indicato l’utilizzo solo nei casi con espressione del CD20 maggiore del 20%. Uno studio dell’MD Anderson Cancer Center ha dimostrato l’efficacia dell’aggiunta del rituximab in associazione alla chemioterapia nei pazienti adolescenti ed adulti (età ≤60 anni) CD20-positivi con LAL-B de novo. La OS a 3 anni è risultata significativamente superiore nei pazienti che avevano ricevuto il rituximab rispetto a coloro che avevano ricevuto la sola chemioterapia (75% vs 47%, p=0,003), con negativizzazioni della MMR nell’81% dei casi (Thomas DA et al, 2010). Il gruppo GRAALL (CT.gov:NCT00327678) ha Il dimostrato – nell’ambito di uno studio randomizzato che paragonava la combinazione immunochemioterapica vs la sola chemioterapia – che l’aggiunta del rituximab durante tutto l’iter terapeutico in pazienti affetti da LAL-B CD20+ di età compresa tra 18 e 59 anni è in grado di incrementare il tasso di casi che effettuano un allo-SCT, migliorare l’EFS (65% vs 52%, p=0,038) e l’OS a 2 anni, quest’ultima solo censorizzando per trapianto (74% vs 63%, p=0,018) (Maury S et al, 2016).

Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio di fase 2 che ha utilizzato l’ofatumumab, un anti-CD20 con maggiore attività citotossica mediata da complemento, in associazione all’hyper-CVAD in pazienti con LAL B CD20+ di nuova diagnosi, dimostrandosi efficace e sicuro con un tasso di ORR del 98%, un’EFS e OS a 4 anni del 59% e 88%, rispettivamente (Jabbour E et al, 2020).

— L’anticorpo bispecifico CD19-CD3 (blinatumomab, Blincyto®) di cui già abbiamo parlato, è un farmaco che “lega” i linfociti B CD19+ ai linfociti T, attivando questi ultimi ed inducendo in ultimo, una lisi selettiva delle cellule CD19+. Il blinatumomab ha dato buoni risultati sia nelle LAL-B in RC ematologica con persistenza o ricomparsa della MMR, che in pazienti con recidiva morfologica e questo è stato osservato sia negli adulti – inclusi pazienti anziani – che nei bambini (Topp MS et al, 2011; Handgretinger R et al, 2011; Bassan R, 2012; Topp MS et al, 2012; Zugmaier G et al, 2013; Topp MS et al, 2014; Topp MS et al, 2015; Zugmaier G et al, 2015; Kantarjian H et al, 2016a; von Stackelberg A, 2016) che ha portato all’approvazione del farmaco per i pazienti con LAL B R/R è stato il TOWER che ha paragonato il blinatumomab alla chemioterapia di salvataggio standard (SOC). I risultati conclusivi dello studio hanno riportato un’OS mediana di 7,7 mesi nel braccio blinatumomab vs 4,0 mesi nel braccio chemioterapia, confermato anche dopo censorizzazione per allo-SCT. Nei pazienti arruolati in primo salvataggio, l’OS mediana è stata di 11,1 mesi nel gruppo blinatumomab vs 5,3 mesi nel braccio di controllo. Tra i pazienti che avevano raggiunto la RC, la negatività della MMR è stata ottenuta nel 76% dei pazienti nel braccio blinatumomab vs il 48% nel braccio standard di cura (Kantarjian H et al, 2017).

Complessivamente, quindi, il blinatumomab può essere considerato un’ottima terapia “ponte” per i pazienti in recidiva ematologica candidati ad un allo-SCT (Portell CA et al, 2013); più controverso è il ruolo di un successivo allo-SCT nei pazienti trattati in prima recidiva molecolare, dove apparentemente non vi sono vantaggi significativi (Topp MS et al, 2012), anche nel follow-up a lungo termine (Gökbuget N et al, 2017).

Il blinatumomab è stato inoltre testato in pazienti affetti da LAL-B Ph+ R/R (studio ALCANTARA) con risultati promettenti (Martinelli G et al, 2017). Infatti, il 36% dei pazienti trattati – inclusi 4 pazienti con la mutazione T315I – hanno ottenuto una CR o CRh (con recupero parziale dei valori emocromocitometrici) entro i primi due cicli di trattamento. Nell’88% dei casi si è ottenuta una negativizzazione molecolare della MMR ed il 55% è stato successivamente sotto¬posto ad allo-SCT. La PFS e la OS sono risultate di 6,7 e 7,1 mesi, rispettivamente. Nell’ambito delle LAL dell’adulto (>18 anni senza limite di età) il blinatumomab è stato inizialmente testato in pazienti con MMR persistente o in incremento, un sottogruppo ad alto rischio di recidiva (Topp MS et al, 2011). Il blinatumomab, somministrato in infusione continua per 4 settimane ha indotto una negativizzazione molecolare della MMR nell’80% dei pazienti entro i 4 cicli, nella maggior parte dei casi dopo il primo ciclo, ed una DFS a 33 mesi del 61%, all’ultimo aggiornamento. Il 45% dei pazienti è stato successivamente sottoposto ad allo-SCT. Alla luce dei risultati ottenuti con questo primo studio, è stato disegnato e pubblicato uno studio multicentrico (BLAST trial, NCT01207388): il 78% dei casi ha ottenuto la negativizzazione della MMR dopo il 1° ciclo di trattamento, a conferma dei dati già riportati; inoltre ha confermato l’importanza della negativizzazione della MMR dopo il 1° ciclo di blinatumomab. La RFS mediana non è stata raggiunta per i pazienti trattati in prima RC che hanno ottenuto la negatività delle MMR, a suggerire che questo sia il setting migliore per l’impiego del blinatumomab (Gökbuget N et al, 2017). L’ultimo update dello studio ha evidenziato come siano possibili risposte durature in pazienti che hanno negativizzato la MMR durante il trattamento con blinatumomab con una OS mediana non raggiunta dopo 5 anni di follow up (Gökbuget N et al, 2020). Di particolare interesse è la remissione a 5 anni ottenuta dopo blinatumomab da 7/36 pazienti su 36 che non hanno eseguito allo-SCT di consolidamento; tutti e 7 i pazienti sono in vita e in remissione. Sulla base dei risultati di questo studio, il blinatumomab, è stato approvato da FDA per il trattamento della LAL dell’adulto e del bambino in remissione ma ancora positivi per MMR, e più recentemente anche da EMA (2019) per il trattamento dei pazienti adulti con LAL MMR+.

Recentemente sono state riportate diverse esperienze di real-world sull’uso del blinatumomab nei pazienti con LAL B R/R con dati di efficacia e sicurezza sovrapponibili a quelli degli studi clinici (Apel A et al, 2020; Badar T et al, 2020, Boissel N et al, 2019).

Sono stati recentemente chiusi all’arruolamento due studi di associazione con la chemioterapia come trattamento di prima linea. Il primo è lo studio D-ALBA (GIMEMA LAL2116), disegnato per pazienti adulti con LAL Ph+ di nuova diagnosi (senza limiti di età), in cui, dopo una fase di induzione con dasatinib e steroidi, era prevista la somministrazione di almeno 2 cicli di blinatumomab (vedi sopra) (Foà R et al, 2020). Il secondo studio (GIMEMA LAL2317) è rivolto a pazienti adulti affetti da LAL-B Ph- (età: 18-65 anni), in cui ad uno schema chemioterapico pediatric-oriented e MRD-driven, vengono somministrati 2 cicli di blinatumomab. I risultati preliminari sembrano molto promettenti, soprattutto in termini di MMR (Bassan R et al, 2021). Sono stati recentemente riportati sotto forma di abstract i primi risultati di uno studio di fase II che prevedeva l’uso sequenziale di hyper-CVAD e blinatumomab in pazienti adulti con LAL-B Ph- di nuova diagnosi. Dei 27 pazienti trattati, tutti hanno raggiunto la RC ed il 96% presentava una MMR negativa (in citofluorimetria), con un tasso di RFS e di OS ad un anno del 76% e del 89%, rispettivamente (Richard-Carpentier G et al, 2019). Uno studio di fase III dell’NCI volto a valutare la chemioterapia con o senza blinatumomab nella LAL B Ph- di nuova diagnosi è attualmente in corso (NCT02003222).

Altri anticorpi anti-CD19 come SAR3419 e SGN-CD19A, sono in fase di studio per l’utilizzo nelle forme recidivate/refrattarie di LAL-B R/R.

– Inotuzumab ozogamicin (InO), è un anticorpo monoclonale anti-CD22 coniugato a calicheamicina, in grado di legarsi ai linfociti B negli stati precoci dello sviluppo, causando danni al DNA e apoptosi. Fra i chemioimmunoterapici, l’InO è il più ampiamente impiegato. L’InO è stato inizialmente impiegato in monoterapia, in pazienti con LAL-B R/R (Kantarjian HM et al, 2012b): i tassi di risposta globale sono stati del 57% (28/49 pazienti), i pazienti rispondenti hanno ottenuto la risposta precocemente, entro i primi due cicli di terapia. La MMR è stata valutata in 27 pazienti ed il 63% è risultato negativo (17/27); il 45% (22/49) dei pazienti è stato sottoposto ad allo-SCT. Sebbene questo studio abbia dimostrato come il farmaco sia efficace anche come bridge al trapianto, il 59% dei pazienti trapiantati è deceduto per infezione o malattia veno-occlusiva epatica (VOD: 30% dei decessi). Alla luce dell’alta incidenza di VOD, la dose di InO è stata successivamente ridotta ed è ormai assodato che il numero massimo di cicli per i pazienti per i quali è previsto un allo-SCT non deve essere superiore a due (Jabbour E et al, 2015; Kantarjan HM et al, 2017b). Lo studio che ha portato all’approvazione dell’InO per il trattamento delle LAL R/R è quello di fase III INO-VATE (NCT 01564784), volto a paragonare l’efficacia di InO vs SOC (Kantarjan HM et al, 2016b). Lo studio ha dimostrato un tasso di remissioni complete dell’80,7% nei pazienti trattati con InO, associate ad una negatività della MMR, valutata in citofluorimeteria, nel 78,4% dei rispondenti, compresi pazienti con LAL Ph+, ma non in quelli con riarriangiamento di KMT2A. La durata della RC è risultata significativamente più lunga per i pazienti trattati con InO (4,6 vs 3,1 mesi, p=0,03) così come la PFS (5 vs 1,8 mesi, p=0,001). Inoltre, un numero maggiore di pazienti trattati con InO ha effettuato un allo-SCT (41% vs 11%). Il beneficio sulla OS è stato invece meno evidente (7,7 mesi vs 6,7, p=0,04). È doveroso sottolineare che la maggiore efficacia osservata nei pazienti che hanno ricevuto InO è verosimilmente sostenuta dell’anticorpo stesso e dalla possibilità di effettuare un allo-SCT. Infatti, le maggiori differenze nella OS tra i due regimi terapeutici sono stati evidenti dal quindicesimo mese in avanti. Come già osservato, la tossicità epatica di grado III o IV è stata più frequente nei pazienti trattati con InO. In particolare, è stata descritta una maggiore incidenza di VOD durante o subito dopo la sospensione del trattamento con InO rispetto ai casi trattati con la chemioterapia (11% vs 1%); la VOD è stata particolarmente frequente (21%) dopo allo-SCT. L’ultimo follow-up dello studio ha riportato tassi di OS a 2 anni del 22,8% per i pazionti trattati con InO vs 10% per i pazienti SOC (Kantarjian HM et al, 2019). Il farmaco è attualmente approvato da FDA ed EMA per il trattamento dei pazienti con LAL B R/R Ph+ e Ph-. I dati sull’efficacia nella pratica clinica globalmente risultano non dissimili da quelli degli studi clinici effettuati per quanto riguarda il tasso di risposte, ma non è stato osservato alcunun beneficio in termini di sopravvivenza dal consolidamento con l’allo-SCT, probabilmente a causa della coorte in esame che risultava più pesantemente pre-trattata rispetto a quella considerata per lo studio INO-VATE (Badar T et al, 2020). Infine, uno studio del GIMEMA (LAL 2418, NCT03610438) sta valutando l’efficacia dell’InO in pazienti, sia Ph+ che Ph-, con MMR: lo studio è in corso di reclutamento.

L’InO è stato utilizzato in uno studio di fase 2 in combinazione con il mini hyper-CVAD in pazienti R/R al fini di migliorare l’outcome e ridurre gli eventi avversi (Jabbour E et al, 2018).

Attualmente i dati disponibili in termini di sicurezza ed efficacia per l’utilizzo di InO nei pazienti pediatrici sono scarsi. Recentemente sono stati pubblicati i risultati del trattamento di 51 bambini con LAL R/R trattati con InO in uso compassionevole. In questa coorte fortemente pretrattata (66% aveva eseguito 4-6 linee di terapia), la RC è stata raggiunta nel 67% dei pazienti. La maggioranza (71%) dei pazienti responsivi presentava una MMR negativa. Le risposte sono state osservate indipendentemente dal sottotipo citogenetico o dal numero o dal tipo di regimi di trattamento precedenti. InO complessivamente è stato ben tollerato. Nessun paziente ha sviluppato una VOD durante la terapia con InO; tuttavia, 11 dei 21 (52%) pazienti sottoposti ad allo-SCT ha sviluppato una VOD (Bhojwani D et al, 2019). Risultati simili sono stati ottenuti dal gruppo francese in una casistica piu piccola (Calvo C et al, 2020).

Un altro anticorpo monoclonale diretto contro il CD22 è l’epratuzumab del quale di cui è stato studiato l’utilizzo da solo ed in associazione a chemioterapici nelle forme di LAL-B R/R con risultati parziali.

Altri anticorpi monoclonali sono potenzialmente utilizzabili in clinica, come ad esempio:

– Anti-CD38 daratumumab è stato approvato per il trattamento di pazienti affetti da mieloma multiplo mentre altri anti-CD38 come isatuximab e MOR202 sono in fase di studio (van de Donk NW et al, 2016). Studi preclinici hanno dimostrato l’efficacia degli anti-CD38 nel ridurre sia la crescita di linee cellulari di LAL-B e LAL-T con alta espressione di CD38, sia la massa tumorale in modelli murini (Deckert J et al, 2014; Doshi P et al, EHA 2014; Bride KL et al, 2018); sono in corso studi di fase II per valutarne l’efficacia. Alcuni case reports in pazienti con LAL R/R ne testimoniano l’efficacia anche in recidive post allo-SCT in assenza di effetti collaterali gravi (Ofran Y et al, 2020; Zhang Y et al, 2020).

 

CAR-T

 

Oggigiorno le stesse cellule di un paziente possono essere modificate in modo da esprimere un TR manipolato contro uno specifico antigene tumore-associato, dando luogo ai cosidetti CAR (chimeric antigen receptor). Infatti, i linfociti T del paziente, prelevati attraverso una procedura di leucaferesi, possono essere ingegnerizzati tramite l’utilizzo di vettori oncoretrovirali o lentivirali, con recettori chimerici per l’antigene (CAR), costituiti da un dominio di riconoscimento antigenico fuso a domini di trasduzione del segnale derivati dal complesso TR. Questo tipo di struttura combina la specificità del riconoscimento anticorpale MHC-indipendente con le potenzialità anti-tumorali dei linfociti T, che vengono in questo modo “armati” contro uno specifico antigene espresso dalle cellule tumorali. Nel contesto delle LAL-B, sono stati sviluppati linfociti T autologhi ingegnerizzati con recettori CAR diretti contro l’antigene CD19, fortemente espresso dalle cellule leucemiche, e contro l’antigene CD22. Tali linfociti una volta espansi in vitro vengono reinfusi nel paziente previo trattamento di linfodeplezione mediante la somministrazione di ciclofosfamide in associazione o meno a fludarabina.

Il primo studio di fase II, denominato ELIANA, ha utilizzato un CAR-T anti-CD19 di II generazione in quanto il costrutto CAR comprendeva anche il dominio co-stimolatorio 41BB, definito CLT019 o tisagenlecleucel. Nello studio sono stati arruolati pazienti pediatrici e giovani adulti fino a 25 anni con LAL-B R/R dopo allo-SCT o dopo almeno due linee di chemioterapia. A 3 mesi di follow-up il tasso di remissioni cliniche è stato dell’81% e tutti coloro che avevano ottenuto una remissione clinica risultavano anche con MMR negativa (Maude SL et al, 2014). L’EFS e l’OS a 6 mesi sono state, rispettivamente, del 73% e del 90%, e del 50% e 76% a 12 mesi, e la durata mediana della remissione non è stata raggiunta (Maude SL et al, 2018). Tali risultati hanno permesso la rapida approvazione da parte di FDA, prima, e di EMA, dopo, della terapia cellulare con tisagenlecleucel nei pazienti pediatrici e giovani adulti fino a 25 anni di età affetti da LAL-B R/R dopo allo-SCT o dopo almeno due linee di chemioterapia.

Anche negli adulti con LAL R/R è stato riportato uno studio sull’efficacia e la sicurezza delle CAR-T anti-CD19 (Park JH et al, 2018). Ottantatre pazienti sono stati arruolati: di questi, 53 sono stati trattati. Il tasso di RC è stato dell’83%. Dei 48 valutabili per la MMR, il 67% risultava negativo. Ad un follow-up di 29 mesi, l’EFS e l’OS mediana sono state di 6,1 mesi e di 12,9 mesi. I pazienti con una bassa quota di malattia (<5% di blasti nel midollo osseo) prima del trattamento hanno avuto una durata della remissione e una sopravvivenza notevolmente superiori, con una EFS di 10,6 mesi e OS di 20,1 mesi. I pazienti con un maggiore carico di malattia (> 5% di blasti nel midollo osseo o malattia extramidollare) hanno avuto una maggiore incidenza di CRS e di eventi neurotossici, e risposte a lungo termine e sopravvivenza inferiori rispetto ai pazienti con un basso tumor burden.

Nonostante l’iniziale elevato tasso di risposte complete, anche molecolari, il 30-60% dei pazienti recidivano dopo le CAR-T e tra queste il 10-20% sono recidive CD19-negative, quindi diventa fondamentale comprendere i meccanismi di resistenza a questo trattamento. Le recidive più precoci sono per la maggior parte dei casi CD19-positive e sono soprattutto dovute alla clearance precoce del clone CAR-T: in tal senso, un rapido recupero del compartimento cellulare B è suggestivo di una probabile recidiva. È quindi essenziale cercare di migliorare l’efficacia del trattamento che si associ ad una espansione e persistenza più duratura del clone CAR-T; infatti, le nuove generazioni di CAR-T e le CAR-T totalmente umanizzate sono caratterizzate da una più lunga persistenza in vivo delle CAR-T infuse. Inoltre, studi finalizzati a caratterizzare lo studio sulla qualità dei linfociti T raccolti potrebbero migliorare l’efficacia del prodotto CAR-T.

Per le recidive CD19-negative, numerosi trial clinici in corso stanno sperimentando nuovi prodotti CAR-T disegnati contro due o più target contemporaneamente (i.e. dual o multitarget CAR-T) (Ruella M et al, 2016; Gardner RA et al, 2018, Dai H et al, 2020), oppure sviluppando nuove tecnologie di ingegnerizzazione per aiutare a prevenire la perdita dell’antigene o la resistenza.

Il ruolo del trapianto allogenico come consolidamento post-CAR-T rimane ancora un punto dibattuto. In alcuni studi, i pazienti che hanno eseguito un trapianto allogenico dopo CAR-T hanno presentato una risposta piu duratura nel tempo rispetto a chi non lo ha eseguito; tuttavia, non si sono osservate differenze statisticamente significative in termini di OS soprattutto perché il follow-up di molti pazienti è ancora limitato, così come le casistiche (Davila ML et al, 2014; Graham C et al, 2018; Park JH et al, 2018). Mentre nei pazienti pediatrici sembra che le CAR-T possano dare risposte durature nel tempo, i pazienti adulti vanno piu frequentemente andare incontro ad una recidiva (Park JH et al, 2018). Per tale motivo per molti pazienti adulti la strategia di utilizzare le CAR-T come bridge ad un allo-SCT sembra indicata.

Va, infine, sottolineato come gli effetti collaterali piu tipici del trattamento con CAR-T, la sindrome da rilascio di citochine e la neurotossicità, siano strettamente dipendenti dal “tumor burden”; pertanto, l’utilizzo delle CAR-T potrebbe avere uno sviluppo soprattutto nei casi di LAL con MMR positiva (Grupp SA et al, 2013; Maude SL et al, 2014). È stato ipotizzato come ripetute infusioni di CAR-T potrebbero essere utilizzate in quei pazienti che presentano controindicazioni ad un trapianto allogenico; tuttavia, sono stati recentemente pubblicati risultati contrastanti riguardo questa ipotesi. Saranno pertanto necessari studi ulteriori per chiarire questo punto (Brentjens RJ and Curran KJ, 2012; Brentjens RJ et al, 2013; Grupp SA et al, 2013; Maude SL et al, 2014; Lee DW et al, 2015; Lorentzen CL et al, 2015).

Recentemente, è stata pubblicata una esperienza di real-life derivante dai dati del registro post-marketing del Center for International Blood and Marrow Transplant Research (CIBMTR) in 96 pazienti pediatrici/giovani adulti con LAL R/R che riporta risultati paragonabili a quelli dei precedenti studi clinici, con l’89% di pazienti che ha raggiunto una RC e la negatività della MMR in tutti i pazienti rispondenti (82% dei pazienti) (Pasquini M et al, 2020); il tasso di sopravvivenza libera da leucemia è del 66% e l’OS dell’89% a 6 mesi.

Attualmente, sono in corso studi volti a valutare la fattibilità di tale procedura impiegando linfociti prelevati da donatori sani ingenierizzati per esprimere il recettore CAR, e ulteriormente modificati per ridurne l’alloreattività. Le CAR-T allogeniche rappresenterebbero un prodotto “pronto all’uso” e supererebbero il problema dell’attesa della manifattura dei prodotti autologhi (Graham C et al, 2017; Qasim W et al, 2017, Graham C et al, 2018). Recentemente sono stati pubblicati i risultati del trattamento della LAL B R/R del bambino e dell’adulto con UCART19, un particolare prodotto CAR-T allogenico con specificità anti-CD19 knock out per il TCR, al fine di ridurre il rischio di graft versus host disease, e per il CD52, per indurre resistenza all’alemtuzumab, anticorpo monoclonale anti CD-52, utilizzato nel regime di linfodeplezione (Benjiamin R et al, 2020). Dei 21 pazienti trattati, 14 (67%) hanno ottenuto una RC, con una MMR negativa nel 71% dei rispondenti. Tuttavia, questo prodotto ha una ridotta persistenza e alto tasso di recidiva, potrebbe quindi essere utile considerare le CAR-T allogeniche come terapia cellulare di pronto utilizzo da impiagare come bridge per un allo-SCT. Altri gruppi stanno esplorando le cellule CAR-NK nelle LAL B come strategie di trattamento cellulare efficace ma non alloreattivo (Mehta RS et al, 2018) (vedi approfondimento “CAR-T “).

 

Terapia di supporto

 

Con questo termine sono indicati tutti i tipi di terapia diversi da quella somministrata con l’intento di curare la malattia, ma non per questo risultano meno importanti. Comprende le trasfusioni di  emazie concentrate (per migliorare l’anemia), di piastrine (per prevenire o curare emorragie), gli antibiotici, i farmaci anti-fungini ed anti-virali somministrati per prevenire o curare infezioni in atto; i farmaci somministrati per ridurre la leucopenia; la nutrizione parenterale in caso di impossibilità a nutrirsi spontaneamente, spesso a causa delle complicanze della chemioterapia; la terapia antidolorifica; il supporto psicologico, ecc.

Nei più recenti protocolli di cura la terapia di supporto farmacologica è sempre più integrata negli schemi di terapia. Ad esempio il fattore di crescita è inserito in modo preciso, tale da indicare sia il momento per iniziarlo che quello per sospenderlo. Anche per la profilassi anti-infettiva (anti-virale, anti-batterica e anti-fungina) viene indicato il momento dell’inizio della stessa, le modalità di somministrazione ed il momento della sospensione.

Ovviamente tutto ciò comporta e comporterà una sempre più attenta valutazione delle possibili interazioni tra farmaci sia intesa come potenziamento dell’efficacia che come riduzione della stessa.

La terapia di supporto consente quindi un migliore uso dei farmaci anti-neoplastici e consente di attenuare o prevenire alcuni degli effetti collaterali più gravi, rendendo possibile la continuazione a cicli periodici della terapia vera e propria e l’applicazione di trattamenti intensivi.

In molti centri l’assistenza domiciliare garantisce una serie di interventi medici, infermieristici, psico-sociali e riabilitativi utili per il benessere del paziente durante le varie fasi della malattia. Infatti, offre la continuità assistenziale ai pazienti più giovani che hanno eseguito una chemioterapia intensiva permettendo di anticipare le dimissioni, evitare ricoveri impropri ed il rischio di sviluppare infezioni opportunistiche mentre consente ai pazienti anziani e/o con una fase di malattia avanzata di essere trattati a domicilio migliorando la qualità di vita degli stessi e dei familiari che se ne prendono cura.

Infine, l’ottimizzazione delle terapie deve tener conto anche delle tossicità a lungo termine in modo da assicurare ai lungo sopravviventi una qualità di vita ottimale. Ciò è importante soprattutto nei bambini e nei giovani pazienti guariti da una LAL in cui l’allungamento della sopravvivenza pone la necessità di un allungamento dei follow-up al fine di controllare e curare eventuali tossicità tardive.

 

CONSIDERAZIONI FINALI

 

Oggi, un approccio diagnostico combinato che unisce le analisi di citomorfologia alla citometria a flusso multiparametrica, le analisi cromosomiche a quelle molecolari, è indispensabile per la diagnosi di una LAL: obbligatoria è la ricerca immediata – in pazienti di ogni età – del cromosoma Ph+ e/o del relativo trascritto BCR-ABL1, in quanto questa alterazione porta ad un approccio terapeutico completamente diverso e mirato, fin dall’inizio del trattamento. Una diagnosi corretta è essenziale non solo per la classificazione di questo eterogeneo insieme di disordini, ma anche per la stratificazione del rischio individuale e per le decisioni terapeutiche. Infatti, una diagnosi corretta è essenziale non solo per la classificazione di questo eterogeneo insieme di disordini, ma, in aggiunta, svolge un ruolo centrale per la stratificazione del rischio individuale e per le decisioni terapeutiche. L’intensificazione del consolidamento, l’impiego di terapie mieloablative associate alla infusione di precursori emopoietici, le migliorate terapie di supporto hanno permesso negli anni un progressivo miglioramento dei risultati. Si stanno evidenziando nuove possibilità terapeutiche grazie all’impiego non solo di terapie mirate e di anticorpi monoclonali, ma anche della migliore stratificazione dei pazienti in fasce di rischio basate sia sulle caratteristiche clinico-biologiche della malattia che sulla valutazione precoce della risposta al trattamento con studi di MMR.

Negli anni abbiamo acquisito una profonda conoscenza degli eventi genetici che conducono alla trasformazione tumorale e delle peculiari vie metaboliche attivate nelle cellule neoplastiche in confronto alla loro controparte normale. Questi geni ed i loro prodotti proteici costituiscono adesso bersagli potenziali per lo sviluppo di strategie terapeutiche tese a colpire specificamente la cellula tumorale trasformata. Pertanto, le strategie terapeutiche future dovrebbero prevedere lo sviluppo di protocolli di trattamento della LAL comprendenti l’uso di nuovi farmaci, agenti biologici ed altro ancora, tutti diretti ad aumentare la percentuale di cura di tale patologia. Sicuramente le sempre più sofisticate tecniche di NGS oggi disponibili, ed in via di costante miglioramento, permetteranno di identificare nuove alterazioni genetiche che potranno avere implicazioni sia prognostiche che terapeutiche; è. È, infine, auspicabile che il disegno di strategie sempre più personalizzate porti non solo ad un incremento dell’aspettativa di vita ma anche ad un miglioramento della sua qualità. In quest’ottica, e alla luce degli avanzamenti discussi sopra, sono verosimilmente ipotizzabili in un futuro prossimo per alcuni sottogruppi di LAL stategie terapeutiche chemo- e transplant-free basate sull’impiego di terapie targeted, anticorpi monoclonali e terapie cellulari.

 

BIBLIOGRAFIA

 

  • Abaza Y, M Kantarjian H, Faderl S, et al. Hyper-CVAD plus nelarabine in newly diagnosed adult T-cell acute lymphoblastic leukemia and T-lymphoblastic lymphoma. Am J Hematol. 2018;93:91-99.
  • Advani AS. Biology and treatment of acute lymphocytic leukemia in adolescents and young adults. Asco Educational Book. 2013a:285-289.
  • Advani AS, Sanford B, Luger S, et al. Frontline-treatment of acute lymphoblastic leukemia (ALL) in older adolescents and young adults (AYA) using a pediatric regimen is feasible: Toxicity results of the prospective US Intergroup Trial C10403 (Alliance). Blood. 2013b (ASH Annual Meeting Abstracts) Abstract 3903.
  • Advani AS, Moseley A, O’Dwyer KM, et al. Results of SWOG 1318: A phase 2 trial of blinatumomab followed by POMP (prednisone, vincristine, methotrexate, 6-mercaptopurine) maintenance in elderly patients with newly diagnosed philadelphia chromosome negative B-cell acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2018;132(Suppl_1):33.
  • Ahlke E, Nowak-Göttl U, Schulze-Westhoff P, et al. Dose reduction of asparaginase under pharmacokinetic and pharmacodynamic control during induction therapy in children with acute lymphoblastic leukaemia. Br J Haematol. 1997;96:675-681.
  • Ai J, Advani A. Current status of antibody therapy in ALL. Br J Haematol. 2015;168:471-480.
  • Alexander TB, Gu Z, Iacobucci I, et al. The genetic basis and cell of origin of mixed phenotype acute leukaemia. Nature. 2018;562:373-379.
  • Annino L, Vegna ML, Camera A, et al. Treatment of adult acute lymphoblastic leukemia (ALL): long-term follow-up of the GIMEMA ALL 0288 randomized study. Blood. 2002; 99:863-871.
  • Apel A, Ofran Y, Wolach O, et al. Safety and efficacy of blinatumomab: a real world data. Ann Hematol. 2020;99:835-838.
  • Arber DA, Orazi A, Hasserjian R, et al. The 2016 revision to the World Health Organization classification of myeloid neoplasms and acute leukemia. Blood. 2016;127:2391-2405.
  • Armstrong SA, Look AT. Molecular genetics of acute lymphoblastic leukemia. J Clin Oncol. 2005;23:6306-6315.
  • Asai D, Imamura T, Suenobu S, et al. IKZF1 deletion is associated with a poor outcome in pediatric B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia in Japan. Cancer Med. 2013;2:412-419.
  • Asnafi V, Le Noir S, Lhermitte L, et al: JAK1 mutations are not frequent events in adult T-ALL: a GRAALL study. Br J Haematol. 2010;148:178-179.
  • Avivi I & Goldstone AH. Bone marrow transplant in Ph+ ALL patients. Bone Marrow Transplantation. 2003;31:623-632.
  • Badar T, Szabo A, Advani A et al. Real-world outcomes of adult B-cell acute lymphocytic leukemia patients treated with blinatumomab. Blood Adv. 2020;4:2308-2316.
  • Badar T, Szabo A, Wadleigh M, et al. Real-World Outcomes of Adult B-Cell Acute Lymphocytic Leukemia Patients Treated With Inotuzumab Ozogamicin. Clin Lymphoma Myeloma Leuk. 2020;20:556-560.e2.
  • Balsat M, Hunault M, Cacheux V, et al. Tolerance, compliance and efficacy of l-asparaginase during induction phase in adult philadelphia-negative acute lymphoblastic leukemia: experience of the GRAALL-2005. EHA Annual Meeting Abstract. Haematologica. 2016;101:P166.
  • Bandapalli OR, Schuessele S, Kunz JB, et al. The activating STAT5B N642H mutation is a common abnormality in pediatric T-cell acute lymphoblastic leukemia and confers a higher risk of relapse. Haematologica. 2014;99:e188-192.
  • Bar M, Wood BL, Radich JP, et al. Impact of minimal residual disease, detected by flow cytometry, on outcome of myeloablative hematopoietic cell transplantation for acute lymphoblastic leukemia. Leuk Res Treatment. 2014;421723.
  • Barba P, Martino R, Martinez-Cuadron D, et al. Impact of transplant eligibility and availability of a human leukocyte antigen-identical marche related donor on outcome of older patients with acute lymphoblastic leukemia. Leuk Lymphoma. 2015;56:2812-2818.
  • Barnes JA, La Casce AS, Feng Y, et al. Evaluation of the addition of rituximab to CODOX-M/IVAC for Burkitt’s lymphoma: a retrospective analysis. Ann Oncol. 2011;22:1859-1864.
  • Barry E, DeAngelo DJ, Neuberg D, et al. Favorable outcome for adolescents with acute lymphoblastic leukemia treated on Dana Farber Cancer Institute ALL Consortium protocols. J Clin Oncol. 2007;25:813-819.
  • Bassan R, Spinelli O, Oldani E, et al. Improved risk classification for risk-specific therapy based on the molecular study of MRD in adult ALL. Blood. 2009;113:4153-4162.
  • Bassan R, Rossi G, Pogliani EM, et al. Chemotherapy-phased Imatinib pulses improve long-term outcome of adult patients with Philadelphia chromosome positive acute lymphoblastic leukemia: Northern Italy Leukemia Group Protocol 09/00. J Clin Oncol. 2010;28:3644-3652.
  • Bassan R. and Hoelzer D. Modern therapy of acute lymphoblastic leukemia. J Clin Oncol. 2011;29:532-543.
  • Bassan R. Toward victory in adult ALL: blinatumomab joins in. Blood. 2012;120:5094-5095.
  • Bassan R, Spinelli O, Oldani E, et al. Different molecular levels of post-induction minimal residual disease may predict hematopoietic stem cell transplantation outcome in adult Philadelphia-negative acute lymphoblastic leukemia. Blood Cancer J. 2014;4:e225.
  • Bassan R, Bourquin JP, DeAngelo DJ, Chiaretti S. New Approaches to the Management of Adult Acute Lymphoblastic Leukemia. J Clin Oncol. 2018:JCO2017773648.
  • Bassan R, Fumagalli M, Chiaretti S, et al. Phase II trial with sequential clofarabine and cyclophosphamide for refractory and relapsed philadelphia-negative adult acute lymphoblastic leukemia. Results of the GIMEMA LAL 1610 protocol. Leuk Lymphoma. 2019;12:1-11.
  • Bassan R, Brüggemann M, Radcliffe HS, et al. A systematic literature review and meta-analysis of minimal residual disease as a prognostic indicator in adult B-cell acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2019;104:2028-2039.
  • Bassan R, Pavoni C, Intermesoli T, et al. Updated risk-oriented strategy for acute lymphoblastic leukemia in adult patients 18-65 years: NILG ALL 10/07. Blood Cancer J. 2020;10:119.
  • Bassan R, Chiaretti S, Della Starza I, et al. Preliminary results of the GIMEMA LAL2317 sequential chemotherapy-blinatumomab front-line trial for newly diagnosed adult Ph-negative B-lineage ALL patients. EHA virtual meeting, 2021, abstract S114.
  • Basso G, Veltroni M, Valsecchi MG, et al. Risk of relapse of childhood acute lymphoblastic leukemia is predicted by flow cytometric measurement of residual disease on day 15 bone marrow. J Clin Oncol. 2009;27:5168-5174.
  • Beillard E, Pallisgaard N, van der Velden VH, et al. Evaluation of candidate control genes for diagnosis and residual disease detection in leukemic patients using ‘realtime’ quantitative reverse-transcriptase polymerase chain reaction (RQ-PCR) – a Europe against cancer program. Leukemia. 2003;17:2474-2486.
  • Beldjord K, Chevret S, Asnafi V, et al. Oncogenetics and minimal residual disease are independent outcome predictors in adult patients with acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2014;123:3739-3749.
  • Bene MC, Castoldi G, Knapp W, et al. Proposals for the immunological classification of acute leukemias. European Group for the Immunological Characterization of Leukemias (EGIL). Leukemia. 1995;9:1783-17
  • Bene MC. Immunophenotyping of acute leukemias. Immunol Lett. 2005;98:9-21.
  • Benito JM, Godfrey L, Kojima K, et al. MLL-Rearranged Acute Lymphoblastic Leukemias Activate BCL-2 through H3K79 Methylation and Are Sensitive to the BCL-2-Specific Antagonist ABT-199. Cell Rep.2015;13:2715-2727.
  • Benjamin R, Graham C, Yallop D, et al. Genome-edited, donor-derived allogeneic anti-CD19 chimeric antigen receptor T cells in paediatric and adult B-cell acute lymphoblastic leukaemia: results of two phase 1 studies. Lancet. 2020;396:1885-1894
  • Bennett JM, Catovsky D, Daniel MT, et al. Proposals for the classification of the acute leukaemias. French-American-British (FAB) co-operative group. Br J Haematol. 1976; 33:451-458.
  • Berry DA, Zhou S, Higley H, et al. Association of minimal residual disease with clinical outcome in pediatric and adult acute lymphoblastic leukemia: a meta-analysis. JAMA Oncol. 2017;3:e170580.
  • Blum KA, Lozanski G, Byrd JC. Adult Burkitt leukemia and lymphoma. Blood. 2004;104:3009-3020.
  • Bhojwani D, Sposto R, Shah NN, et al. Inotuzumab ozogamicin in pediatric patients with relapsed/refractory acute lymphoblastic leukemia. Leukemia. 2019 ;33:884-892.
  • Boer JM and den Boer ML. BCR.-ABL1-like acute lymphoblastic leukaemia: from bench to bedside. Eur J Cancer 2017;82:203-2018.
  • Boissel N, Auclerc MF, Lheritier V, et al. Should adolescents with acute lymphoblastic leukemia be treated as old children or young adults? Comparison of the French FRALLE-93 and LALA-94 trials. J Clin Oncol. 2003;21:774-780.
  • Boissel N, Ribera JM, Chiaretti S, et al. Treatment of Adults with Relapsed/Refractory Philadelphia Chromosome Negative Acute Lymphoblastic Leukemia with Blinatumomab in a Real-World Setting: Results from the Neuf Study. Blood. 2019;134(Suppl_1):2627.
  • Bond J, Marchand T, Touzart A, et al. An early thymic precursor phenotype predicts outcome exclusively in HOXA-overexpressing adult T-cell acute lymphoblastic leukemia: a Group for Research in Adult Acute Lymphoblastic Leukemia study. Haematologica. 2016;101:732-740.
  • Bond J, Graux C, Lhermitte L, et al. Early response-based therapy stratification improves survival in adult early thymic precursor acute lymphoblastic leukemia: a Group for Research on Adult Acute Lymphoblastic Leukemia Study. J Clin Oncol. 2017;35:2683-2691.
  • Borowitz MJ, Devidas M, Hunger SP, et al. Clinical significance of minimal residual disease in childhood acute lymphoblastic leukemia and its relationship to other prognostic factors. A Children’s Oncology Group Study. Blood. 2008;111:5477-5485.
  • Brentjens RJ, Curran KJ. Novel cellular therapies for leukemia: CAR-modified T cells targeted to the CD19 antigen. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2012;2012:143-151.
  • Brentjens RJ, Davila ML, Riviere I, et al. CD19-targeted T cells rapidly induce molecular remissions in adults with chemotherapy-refractory acute lymphoblastic leukemia. Sci Transl Med. 2013;5:177.
  • Bride KL, Vincent TL, Im SY, et al. Preclinical efficacy of daratumumab in T-cell acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2018; 131:995–999.
  • Brissot E, Labopin M, Beckers MM, et al. Tyrosine kinase inhibitors improve long-term outcome of allogeneic hematopoietic stem cell transplantation for adult patients with Philadelphia chromosome positive acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2015;100:392-399.
  • Brüggemann M, van der Velden VH, Raff T, et al. Rearranged T-cell receptor beta genes represent powerful targets for quantification of minimal residual disease in childhood and adult T-cell acute lymphoblastic leukemia.Leukemia. 2004;18:709-719.
  • Brüggemann M, Raff T, Flohr T, et al. Clinical significance of minimal residual disease quantification in adult patients with standard-risk acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2006;107:1116-1123.
  • Brüggemann M, Schrauder A, Raff T et al. Standardized MRD quantification in European ALL trials: Proceedings of the Second International Symposium on MRD assessment in Kiel, Germany, 18–20 September 2008. Leukemia. 2010;24:521-535.
  • Brüggemann M, Gökbuget N, Kneba M. Acute Lymphoblastic Leukemia: Monitoring Minimal Residual Disease as a Therapeutic Principle. Semin Oncol. 2012a;39:47-57.
  • Brüggemann M, Raff T, Kneba M. Has MRD monitoring superseded other prognostic factors in adult ALL? Blood. 2012b;120:4470-4481.
  • Burke PW, Douer D. Acute lymphoblastic leukemia in adolescents and young adults. Acta Haematol 2014; 132:264-273.
  • Burkitt DP. The discovery of Burkitt’s lymphoma. Cancer. 1983;51:1777-1786.
  • Burmeister T, Schwartz S, Horst HA, et al: Molecular heterogeneity of sporadic adult Burkitt-type leukemia/lymphoma as revealed by PCR and cytogenetics: Correlation with morphology, immunology and clinical features. Leukemia. 2005;19:1391-1398.
  • Burmeister T, Schwartz S, Bartram CR, et al. Patients’ age and BCR-ABL frequency in adult B-precursor ALL: a retrospective analysis from the GMALL study group. Blood. 2008;112:918-919.
  • Burmeister T, Bartels G, Gröger D, et al. Germline variants in IKZF1, ARID5B, and CEBPE as risk factors for adult-onset acute lymphoblastic leukemia: an analysis from the GMALL study group. Haematologica. 2014;99:e23-25.
  • Calvo C, Cabannes-Hamy A, Adjaoud D, et al. Inotuzumab ozogamicin compassionate use for French paediatric patients with relapsed or refractory CD22-positive B-cell acute lymphoblastic leukaemia. Br J Haematol. 2020;190:e53-e56.
  • Campana D. Role of Minimal residual disease monitoring in adult and pediatric acute lymphoblastic leukemia. Hematol Oncol Clin N Am. 2009;23:1083-1098.
  • Candoni A, Lazzarotto D, Ferrara F, et al. Nelarabine as salvage therapy and bridge to allogeneic stem cell transplant in 118 adult patients with relapsed/refractory T-cell acute lymphoblastic leukemia/lymphoma. A CAMPUS ALL study. Am J Hematol. 2020;95:1466-1472.
  • Capria S, Pepe S, Trisolini SM, et al. Autologous stem cell transplant in acute lymphoblastic leukemia: prognostic impact of pre-transplant minimal residual disease. Leuk Lymphoma. 2019;60:274-276.
  • Cario G, Zimmermann M, Romey R, et al. Presence of the P2RY8-CRLF2 rearrangement is associated with a poor prognosis in non-high-risk precursor B-cell acute lymphoblastic leukemia in children treated according to the ALL-BFM 2000 protocol. Blood. 2010;115:5393-5397.
  • Castillo J, Winer E, and Quesenberry P. Newer monoclonal antibodies for hematological malignancies. Exp Hematol. 2008;36:755-768.
  • Cavalli M, De Novi LA, Della Starza I, et al. Comparative analysis between RQ-PCR and digital droplet PCR of BCL2/IGH gene rearrangement in the peripheral blood and bone marrow of early stage follicular lymphoma. Br J Haematol. 2017;177:588-596.
  • Cazzaniga G, van Delft FW, Lo Nigro L, et al. Developmental origins and impact of BCR-ABL1 fusion and IKZF1 deletions in monozygotic twins with Ph+ acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2011;118:5559-5564.
  • Chalandon Y, Thomas X, Hayette S, et al Randomized study of reduced-intensity chemotherapy combined with imatinib in adults with Ph-positive acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2015; 125:3711-3719.
  • Cheok MH, Pottier N, Kager L, et al. Pharmacogenetics in acute lymphoblastic leukemia. Semin Hematol. 2009;46:39-51.
  • Chiaretti S, Li X, Gentleman R, et al. Gene expression profiles of B-lineage adult acute lymphocytic leukemia reveal genetic patterns that identify lineage derivation and distinct mechanisms of transformation. Clin Cancer Res. 2005;11:7209-7219.
  • Chiaretti S, Tavolaro S, Ghia EM, et al: Characterization of ABL1 expression in adult T-cell acute lymphoblastic leukemia by oligonucleotide arrays analysis. Haematologica. 2007;92:619-626.
  • Chiaretti S, Messina M, Tavolaro S, et al. Gene expression profiling identifies a subset of adult T-cell acute lymphoblastic leukemia with myeloid-like gene features and over-expression of miR-223. Haematologica. 2010;95:1114-1121.
  • Chiaretti S, Vitale A, Cazzaniga G, et al. Clinico-biological features of 5202 patients with acute lymphoblastic leukemia enrolled in the Italian AIEOP and GIMEMA protocols and stratified in age cohorts. Haematologica. 2013a;98:1702-1710.
  • Chiaretti S, Brugnoletti F, Tavolaro S, et al: TP53 mutations are frequent in adult acute lymphoblastic leukemia cases negative for recurrent fusion genes and correlate with poor response to induction therapy. Haematologica. 2013b;98:59-61.
  • Chiaretti S, Zini G, Bassan R. Diagnosis and subclassification of acute lymphoblastic leukemia. Mediterr J Hematol Infect Dis. 2014a;6:e2014073.
  • Chiaretti S, Vitale A, Elia L, et al. First results of the multicenter total therapy GIMEMA LAL 1509 protocol for de novo adult Philadelphia chromosome positive (Ph+) acute lymphoblastic leukemia (ALL) patients. ASH Annual Meeting Abstract. Blood.2014b;124:797.
  • Chiaretti S, Foà R. Management of adult Ph-positive acute lymphoblastic leukemia. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2015a;2015:406-413.
  • Chiaretti S, Brugnoletti F, Messina M, et al. CRLF2 overexpression identifies an unfavourable subgroup of adult B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia lacking recurrent genetic abnormalities. Leuk Res. 2016a;41:36-42.
  • Chiaretti S, Vitale A, Vignetti M, et al. A sequential approach with imatinib, chemotherapy and transplant for adult Ph+ acute lymphoblastic leukemia. Final results of the GIMEMA LAL 0904 study. Haematologica. 2016b;101:1554-1552.
  • Chiaretti S, Messina M, Grammatico S, et al. Rapid identification of BCR/ABL1-like acute lymphoblastic leukaemia patients using a predictive statistical model based on quantitative real time-polymerase chain reaction: clinical, prognostic and therapeutic implications. Br J Haematol 2018;181:642-652.
  • Chiaretti S, Messina M and Foà R. BCR/ABL1-like acute lymphoblastic leukemia: How to diagnose and treat? Cancer 2019a;125:194-204.
  • Chiaretti S, Cesini L, Di raimondo F et al. Geriatric assessment-based treatment of elderly philadelphia-negative acute lymphoblastic leukemia patients. results of the gimema lal1104 protocol. EHA Annual Meeting. 2019b:PF174.
  • Chiaretti S, Messina M, Della Starza I, at al. Philadelphia-like acute lymphoblastic leukemia is associated with minimal residual disease persistence and poor outcome. First report of the minimal residual disease-oriented GIMEMA LAL1913. Haematologica. 2020. Epub.
  • Chiaretti S, Bassan R, Vitale A, et al. Updated results of the GIMEMA LAL2116, D-ALBA trial, for newly diagnosed adults with Ph+ ALL. EHA virtual meeting, 2021, abstract S112.
  • Chomczynski P, Sacchi N. Single step method of RNA isolation by acid guanidium thiocyanate–phenol–chloroform extraction. Anal Biochem. 1987;162:156-159.
  • Chopra A, Bakhshi S, Pramanik SK, et al. Immunophenotypic analysis of T-acute lymphoblastic leukemia. A CD5-based ETP-ALL perspective of non-ETP T-ALL. Eur J Haematol. 2014;92:211-218.
  • Chonghaile TN, Roderick JE, Glenfield C, et al. Maturation stage of T-cell acute lymphoblastic leukemia determines BCL-2 versus BCL-XL dependence and sensitivity to ABT-199. Cancer Discov. 2014;4:1074–1087.
  • Collette Y, Prébet T, Goubard A, et al. Drug response profiling can predict response to ponatinib in a patient with t(1;9)(q24;q34)-associated B-cell acute lymphoblastic leukemia. Blood Cancer J. 2015;5:e292.
  • Conter V, Bartram CR, Valsecchi MG, et al. Molecular response to treatment redefines all prognostic factors in children and adolescents with B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia: results in 3184 patients of the AIEOP-BFMALL 2000 study. Blood 2010; 115: 3206-3214.
  • Cooper TM. Role of nelarabine in the treatment of T-cell acute lymphoblastic leukemia and T-cell lymphoblastic lymphoma. Ther Clin Risk Manag. 2007;3:1135-1141.
  • Cortes J, O’Brien SM, Pierce S, et al: The value of high-dose systemic chemotherapy and intrathecal therapy for central nervous system prophylaxis in different risk groups of adult acute lymphoblastic leukemia. Blood. 1995;86:2091-2097.
  • Cortes JE, Kantarjian H, Shah NP, et al. Ponatinib in refractory Philadelphia chromosome-positive leukemias. N Engl J Med. 2012;367:2075-2088.
  • Cortes JE, Kim DW, Pinilla-Ibarz J, et al. A phase 2 trial of ponatinib in Philadelphia chromosome-positive leukemias. N Engl J Med. 2013;369:1783-1796.
  • Coskun E, Neumann M, Schlee C, et al. MicroRNA profiling reveals aberrant microRNA expression in adult ETP-ALL and functional studies implicate a role for miR-222 in acute leukemia. Leukemia Research 2013;37:647-656.
  • Coustan-Smith E, Mullighan CG, Onciu M, et al. Early T-cell precursor leukaemia: a subtype of very high-risk acute lymphoblastic leukaemia. Lancet Oncol 2009;10:147-156.
  • D’Argouges S, Wissing S, Brandl C, et al. Combination of rituximab with blinatumomab (MT103/MEDI-538), a T cell-engaging CD19-/CD3-bispecific antibody, for highly efficient lysis of human B lymphoma cells. Leukemia Research. 2009;33:465-473.
  • Dai H, Wu Z, Jia H, Tong C, et al. Bispecific CAR-T cells targeting both CD19 and CD22 for therapy of adults with relapsed or refractory B cell acute lymphoblastic leukemia. J Hematol Oncol. 2020;13:30.
  • Davila ML, Riviere I, Wang X, et al. Efficacy and toxicity management of 19-28z CAR T cell therapy in B cell acute lymphoblastic leukemia. Sci Transl Med. 2014;6:224ra25.
  • DeAngelo DJ, Yu D, Johnson JL, et al. Nelarabine induces complete remissions in adults with relapsed or refractory T-lineage acute lymphoblastic leukemia or lymphoblastic lymphoma: Cancer and Leukemia Group B study 19801. Blood. 2007b;109:5136-5142.
  • DeAngelo DJ, Stevenson KE, Dahlberg SE, et al. Long-term outcome of a pediatric-inspired regimen used for adults aged 18-50 years with newly diagnosed acute lymphoblastic leukemia. Leukemia. 2015;29:526-534.
  • De Astis E, Clavio M, Raiola AM, et al. Liposomal daunorubicin, fludarabine, and cytarabine (FLAD) as bridge therapy to stem cell transplant in relapsed and refractory acute leukemia. Ann Hematol. 2014;93:2011-2018.
  • de Bont JM, van der Holt B, Dekker AW, et al. Significant difference in outcome for adolescents with acute lymphoblastic leukemia treated on pediatric vs adult protocols in the Netherlands. Leukemia. 2004;18:2032-2035.
  • De Keersmaecker K, Graux C, Odero MD, et al. Fusion of EML1 to ABL1 in T-cell acute lymphoblastic leukemia with cryptic t(9;14)(q34;q32).Blood. 2005;105:4849-4852.
  • De Keersmaecker K, Atak ZK, Li N, et al. Exome sequencing identifies mutation in CNOT3 and ribosomal genes RPL5 and RPL10 in T-cell acute lymphoblastic leukemia. Nat Genet. 2013 ;45:186-190.
  • de Labarthe A, Rousselot P, Huguet-Rigal F, et al. Imatinib combined with induction or consolidation chemotherapy in patients with de novo Philadelphia chromosome–positive acute lymphoblastic leukemia: results of the GRAAPH-2003 study. Blood. 2007;109:1408-1413.
  • Deckert J, Wetzel MC, Bartle LM, et al. SAR650984, a novel humanized CD38-targeting antibody, demonstrates potent antitumor activity in models of multiple myeloma and other CD38+ hematologic malignancies. Clin Cancer Res. 2014;20:4574-4583.
  • Del Principe MI, Buzzatti E, Piciocchi A, et al. Clinical significance of occult central nervous system disease in adult acute lymphoblastic leukemia. A multicenter report from the Campus ALL Network. Haematologica. 2021;106:39-45.
  • Della Starza I, Nunes V, Cavalli M, et al. Comparative analysis between RQ-PCR and digital-droplet-PCR of Immunoglobulin/T-cell gene rearrangement to minimal residual disease in acute lymphoblastic leukaemia. Br J Haematol. 2016;174:541-549.
  • Della Starza I, Chiaretti S, De Propris MS, et al. Minimal Residual Disease in Acute Lymphoblastic Leukemia: Technical and Clinical Advances. Front Oncol. 2019;9:726.
  • Den Boer ML, van Slegtenhorst M, De Menezes RX, et al. A subtype of childhood acute lymphoblastic leukaemia with poor treatment outcome: a genome-wide classification study. Lancet Oncol. 2009; 10:125-134.
  • Dhédin N, Huynh A, Maury S, et al. Role of allogeneic stem cell transplantation in adult patients with Ph-negative acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2015;125:2486-2496.
  • Dombret H, Gabert J, Boiron JM, et al. Outcome of treatment in adults with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia–results of the prospective multicenter LALA-94 trial. Blood. 2002;100:2357-2366.
  • Dombret H, Cluzeau T, Huguet F, Boissel N. Pediatric-like therapy for adults with ALL.Curr Hematol Malig Rep. 2014;9:158-164.
  • Doney K, Hägglund H, Leisenring W, et al. Predictive factors for outcome of allogeneic hematopoietic cell transplantation for adult acute lymphoblastic leukemia. Biol Blood Marrow Transplant. 2003;9:472-481.
  • Dörge P, Meissner B, Zimmermann M, et al. IKZF1 deletion is an independent predictor of outcome in pediatric acute lymphoblastic leukemia treated according to the ALL-BFM 2000 protocol. Haematologica. 2013;98:428-432.
  • Doshi P, Sasser AK, Axel A, Lammerts van Bueren J. Daratumumab treatment alone or in combination with vincristine results in the inhibition of tumor growth and long term survival in preclinical models of acute lymphocytic leukemia. EHA Annual Meeting Abstract. Haematologica. 2014;99:P109.
  • Doubek M, Folber F, Koristek Z, et al. Autologous hematopoietic stem cell transplantation in adult acute lymphoblastic leukemia: still not out of fashion. Ann Hematol. 2009;88:881-887.
  • Douer D. Efficacy and Safety of Vincristine Sulfate Liposome Injection in the Treatment of Adult Acute Lymphocytic Leukemia. Oncologist. 2016;21:840-847.
  • Drandi D, Kubiczkova-Besse L, Ferrero S, et al. Minimal residual disease detection by droplet digital PCR in multiple myeloma, mantle cell lymphoma and follicular lymphoma: a comparison with real-time PCR. J Mol Diagn. 2015;17:652-660.
  • Drandi D, Alcantara M, Benmaad I, et al. Droplet Digital PCR quantification of mantle Cell lymphoma follow-up samples from four prospective trials of the european MCL Network. Hemasphere. 2020;4:e347.
  • Dunsmore KP, Winter S, Devidas M, et al. COG AALL0434: a randomized trial testing nelarabine in newly diagnosed t-cell malignancy. J Clin Oncol. 2018;36:10500.
  • Duval M, Klein JP, He W, et al. Hematopoietic stem-cell transplantation for acute leukemia in relapse or primary induction failure. J Clin Oncol. 2010;28:3730-3738.
  • Dworzak MN, Gaipa G, Schumich A, et al. Modulation of antigen expression in B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia during induction therapy is partly transient: evidence for a drug-induced regulatory phenomenon. Results of the AIEOP-BFM-ALL-FLOW-MRD-Study group. Cytometry B Clin Cytom. 2010;78:147-153.
  • Eom KS, Shin SH, Yoon JH, et al. Comparable long-term outcome after reduced-intensity conditioning versus myeloablative conditioning allogeneic stem cell transplantation for adult high-risk acute lymphoblastic leukemia in complete remission. Ann J Hematol.2013;88:634-641.
  • Elia L, Mancini M, Moleti L, et al. A multiplex reverse transcriptase-polymerase chain reaction strategy for the diagnostic molecular screening of chimeric genes: a clinical evaluation on 170 patients with acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2003;8:275-279.
  • El-Jawahri A, Li S, Ballen KK, et al. Phase II trial of reduced-intensity busulfan/clofarabine conditioning with allogeneic hematopoietic stem cell transplantation for patients with acute myeloid leukemia, myelody­splastic syndromes, and acute lymphoid leukemia. Biol Blood Marrow Transplant. 2016;22:80-5.
  • Faderl S, et al. Results of a phase 1-2 study of clofarabine in combination with cytarabine (ara-C) in relapsed and refractory acute leukemias. Blood. 2005;105: 940-947.
  • Faderl S, O’Brien S, Pui CH, et al. Adult Acute Lymphoblastic Leukemia: Concepts and Strategies. Cancer. 2010;116:1165-117.
  • Faderl S, Thomas DA, O’Brien S, et al. Augmented hyper-CVAD based on dose-intensified vincristine, dexamethasone, and asparaginase in adult acute lymphoblastic leukemia salvage therapy. Clin Lymphoma Myeloma Leuk. 2011;11:54-59.
  • Faderl S, Balakrishnan K, Thomas DA, et al. Phase I and extension study of clofarabine plus cyclophosphamide in patients with relapsed/refractory acute lymphoblastic leukemia. Clin Lymphoma Myeloma Leuk. 2013;13:2152-2650.
  • Faham M, Zheng J, Moorhead M, et al. Deep-sequencing approach for minimal residual disease detection in acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2012;120: 5173-5180.
  • Fedullo AL, Messina M, Elia L, et al. Prognostic implications of additional genomic lesions in adult Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2019;104:312-318.
  • Ferrando AA, Neuberg DS, Staunton J, et al. Gene expression signatures define novel oncogenic pathways in T cell acute lymphoblastic leukemia. Cancer Cell. 2002;1:75-87.
  • Fielding AK, Richards SM, Chopra R, et al. Outcome of 609 adults after relapse of acute lymphoblastic leukemia (ALL); an MRC UKALL12/ECOG 2993 study. Blood. 2007;109:944-950.
  • Fielding AK. The treatment of adults with acute lymphoblastic leukemia. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2008a:381-389.
  • FieldingAK and Goldstone AH. Allogeneic haematopoietic stem cell transplant in Philadelphia-positive acute lymphoblastic leukaemia. Bone Marrow Transplantation. 2008b; 41:447-453.
  • Fielding AK, Rowe JM, Richards SM, et al. Prospective outcome data on 267 unselected adult patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia confirms superiority of allogeneic transplantation over chemotherapy in the pre-Imatinib era: results from the International ALL Trial MRC UKALLXII/ECOG2993. Blood. 2009; 113:4489-4496.
  • Fielding AK. How I treat Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2010;116:3409-3417.
  • Fielding AK, Rowe JM, Buck G, et al. UKALLXII/ECOG2993: addition of imatinib to a standard treatment regimen enhances long-term outcomes in Philadelphia positive acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2014;123:843-850.
  • Fiere D, Lepage E, Sebban C, et al. Adult acute lymphoblastic leukemia: a multicentric randomized trial testing bone marrow transplantation as post remission therapy. The French Group on Therapy for Adult Acute Lymphoblastic Leukemia. J Clin Oncol. 1993;11:1990-2001.
  • Figueroa ME, Chen SC, Andersson AK, et al. Integrated genetic and epigenetic analysis of childhood acute lymphoblastic leukemia. J Clin Invest. 2013;123:3099-3111.
  • Flex E, Petrangeli V, Stella L, et al. Somatically acquired JAK1 mutations in adult acute lymphoblastic leukemia.J Exp Med. 2008;205:751-758.
  • Flores-Montero J, Sanoja-Flores L, Paiva B, et al. Next Generation Flow for highly sensitive and standardized detection of minimal residual disease in multiple myeloma. Leukemia. 2017;31:2094-2103.
  • Foà R, Vitale A. Towards an integrated classification of adult acute lymphoblastic leukemia. Rev Clin Exp Hematol. 2002;6:181-199.
  • Foà R, Vitale A, Vignetti M, et al. Dasatinib as first-line treatment for adult patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2011;118:6521-6528.
  • Foà R, Bassan R, Vitale A, et al. Dasatinib-Blinatumomab for Ph-Positive Acute Lymphoblastic Leukemia in Adults. N Engl J Med. 2020;383:1613-1623.
  • Forman SJ. Allogeneic Hematopoietic Cell Transplantation for acute lymphoblastic leukemia in adults. Hematol Oncol Clin N Am. 2009a; 23:1011-1031.
  • Forman SJ. Role of reduced intensity transplant in adult patients with acute lymphoblastic leukemia: If and when? Best Pract Res Clin Haematol. 2009b;22:557-566.
  • Frey NV, Luger SM. How I treat adults with relapsed or refractory Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2015;126:589-96.
  • Gabert J, Beillard E, van der Velden VH, et al. Standardization and quality control studies of ‘real-time’ quantitative reverse transcriptase polymerase chain reaction of fusion gene transcripts for residual disease detection in leukemia – a Europe Against Cancer program. Leukemia. 2003;17:2318-2357.
  • Gandemer V, Pochon C, Oger E, et al Clinical value of pre-transplant minimal residual disease in childhood lymphoblastic leukaemia: the results of the French minimal residual disease-guided protocol. Br J Haematol. 2014;165:392-401.
  • Gao F, Nordin P, Krantz I, et al. Variation in the seasonal diagnosis of acute lymphoblastic leukemia: evidence from Singapore, the United States, and Sweden. Am J Epidemiol. 2005;162:753-763.
  • Gardner RA, Annesley C, Finney O, et al. Early Clinical Experience of CD19 x CD22 Dual Specific CAR T Cells for Enhanced Anti-Leukemic Targeting of Acute Lymphoblastic Leukemia. Blood;2018;132:278.
  • Gianfelici V, Chiaretti S, Demeyer S, et al. RNAseq unravels the genetics of refractory/relapsed T-cell acute lymphoblastic leukemia. Prognostic and therapeutic implications. Haematologica. 2016; 101:941-950.
  • Giebel S, Stella-Holowiecka B, Krawczyk-Kulis M, et al. Status of minimal residual disease determines outcome of autologous hematopoietic SCT in adult ALL. Bone Marrow Transpl. 2010;45:1095-1101.
  • Giebel S, Labopin M, Gorin NC, et al. Improving results of autologous stem cell transplantation for Philadelphia-positive acute lymphoblastic leukaemia in the era of tyrosine kinase inhibitors: a report from the Acute Leukaemia Working Party of the European Group for Blood and Marrow Transplantation.Eur J Cancer. 2014;50:411-417.
  • Giebel S, Labopin M, Potter M, et al. Comparable results of autologous and allogeneic haematopoietic stem cell transplantation for adults with Philadelphia-positive acute lymphoblastic leukaemia in first complete molecular remission: An analysis by the Acute Leukemia Working Party of the EBMT. Eur J Cancer. 2018;96:73-81.
  • Giebel S, Boumendil A, Labopin M, et al. Trends in the use of hematopoietic stem cell transplantation for adults with acute lymphoblastic leukemia in Europe: a report from the Acute Leukemia Working Party of the European Society for Blood and Marrow Transplantation (EBMT). Ann Hematol. 2019;98:2389-2398.
  • Gleissner B, Gokbuget N, Bartram CR, et al. Leading prognostic relevance of the BCR-ABL translocation in adult acute Blineage lymphoblastic leukemia: a prospective study of the German Multicenter Trial Group and confirmed polymerase chain reaction analysis. Blood. 2002;99:1536-1543.
  • Gökbuget N, Hoelzer D, Arnold R, et al. Treatment of adult ALL according to protocols of the German Multicenter Study Group for Adult ALL (GMALL). Hematol Oncol Clin North Am. 2000;14:1307-1325.
  • Gökbuget N, Hoelzer D. Treatment with monoclonal antibodies in acute lymphoblastic leukemia: current knowledge and future prospects. Ann Hematol. 2003;83:201-205.
  • Gökbuget N, Hartog CM, Bassan R, et al. Liposomal cytarabine is effective and tolerable in the treatment of central nervous system relapse of acute lymphoblastic leukemia and very aggressive lymphoma. Haematologica. 2011a;96:238-244.
  • Gökbuget N, Basara N, Baurmann H, et al. High single drug activity of nelarabine in relapsed T-lymphoblastic leukemia/lymphomas offers curative option with subsequent stem cell transplantation. Blood. 2011b;118:3540-3511.
  • Gökbuget N, Kneba M, Raff T, et al. Adult patients with acute lymphoblastic leukemia and molecular failure display a poor prognosis and are candidates for stem cell transplantation and targeted therapies. Blood. 2012a;120:1868-1876.
  • Gökbuget N, Stanze D, Beck J, et al. Outcome of relapsed adult lymphoblastic leukemia depends on response to salvage chemotherapy, prognostic factors, and performed of stem cell transplantation. Blood b. 2012b;120:2032-2041.
  • Gökbuget N, Beck J, Brüggemann M, et al. . Moderate intensive chemotherapy including CNS-prophylaxis with liposomal cytarabine is feasible and effective in older patients with Ph-negative acute lymphoblastic leukemia (ALL): results of a prospective trial from the German Multicenter Study Group for Adult ALL (GMALL). Blood. 2012c;120(21):1493.
  • Gökbuget N. How I treat older patients with ALL. Blood. 2013;122:1366-1375.
  • Gökbuget N. Treatment of older patients with acute lymphoblastic leukemia. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2016:573-579.
  • Gökbuget N, Zugmaier G, Klinger M, et al. Long-term relapse-free survival in a phase 2 study of blinatumomab for the treatment of patients with minimal residual disease in B-lineage acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2017;102:e132-e135.
  • Gökbuget N, Dombret H, Giebel S, et al. Minimal residual disease level predicts outcome in adults with Ph-negative B-precursor acute lymphoblastic leukemia. Hematology. 2019;24:337-348.
  • Gökbuget N, Zugmaier G, Dombret H, et al. Curative outcomes following blinatumomab in adults with minimal residual disease B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia. Leuk Lymphoma. 2020;61:2665-2673.
  • Goldstone AH, Richards SM, Lazarus HM, et al. In adults with standard-risk acute lymphoblastic leukemia, the greatest benefit is achieved from a matched sibling allogeneic transplantation in first complete remission, and an autologous transplantation is less effective than conventional consolidation/maintenance chemotherapy in all patients: final results of the International ALL Trial (MRC UKALL XII/ECOG E2993). Blood. 2008; 111:1827-1833.
  • Goldstone AH, Rowe JM. Transplantation in adult ALL. Haematology Am Soc hematol Educ Program. 2009;593-601.
  • Gorello P, La Starza R, Varasano E, et al. Combined interphase fluorescence in situ hybridization elucidates the genetic heterogeneity of T-cell acute lymphoblastic leukemia in adults. Haematologica. 2010;95:79-86.
  • Gorin NC, Giebel S, Labopin M, et al. Autologous stem cell transplantation for adult acute leukemia in 2015: time to rethink? Present status and future prospects. Bone Marrow Transplant. 2015;50:1495-502
  • Grabher C, von Boehmer H, Look AT. Notch 1 activation in the molecular pathogenesis of T-cell acute lymphoblastic leukaemia. Nat Rev Cancer. 2006;6:347-359.
  • Graham C, Yallop D, Jozwik A, et al. Preliminary results of UCART19, an allogeneic anti-CD19 CAR T-cell product, in a first-in-human trial (CALM) in adult patients with CD19þ relapsed/refractory B-cell acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2017;130:887.
  • Graham C, Jozwik A, Pepper A, Benjamin R. Allogeneic CAR-T Cells: More than Ease of Access?. Cells. 2018;7:E155
  • Graux C, Cools J, Michaux L, Vandenberghe P, Hagemeijer A. Cytogenetics and molecular genetics of T-cell acute lymphoblastic leukemia: from thymocyte to lymphoblast. Leukemia. 2006;20:1496-1510.
  • Greaves MF, Wiemels J. Origins of chromosome translocations in childhood leukaemia. Nature Rev Cancer. 2003;3:639-649.
  • Greaves M. Infection, immune responses and aetiology of childhood leukaemia. Nat Rev Cancer. 2006;6:193-203.
  • Grupp SA, Kalos M, Barrett D, et al. Chimeric antigen receptor-modified T cells for acute lymphoid leukemia. N Engl J Med. 2013;368:1509-1518.
  • Gruber F, Mustjoki S, Porkka K. Impact of tyrosine kinase inhibitors on patient outcomes in Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukaemia. Br J Haematol. 2009;145:581-597.
  • Haferlach T, Kohlmann A, Schnittger S, et al. Global approach to the diagnosis of leukemia using gene expression profiling. Blood. 2005;106:1189-1198.
  • Haferlach T, Kolhmann A, Wieczorek L, et al. Clinical utility of microarray-based gene expression profiling in the diagnosis and subclassification of leukemia: report from the International Microarray Innovation in Leukemia Study Group. J Clin Oncol. 2010;28:2529-2537.
  • Hahn T, Wall D, Camitta B, et al. The role of cytotoxic therapy with hematopoietic stem cell transplantation in the therapy of acute lymphoblastic leukemia in adults: an evidence-based review. Biol Blood Marrow Transplant. 2006;12:1-30.
  • Haïat S, Marjanovic Z, Lapusan S, et al. Outcome of 40 adults aged from 18 to 55 years with acute lymphoblastic leukemia treated with double-delayed intensification pediatric protocol. Leuk Res. 2011;35:66-72.
  • Hallbook H, Gustafsson G, Smedmyr B, et al, Swedish Adult Acute Lymphocytic Leukemia Group, Swedish Childhood Leukemia Group. Treatment outcome in young adults and children >10 years of age with acute lymphoblastic leukemia in Sweden: a comparison between a pediatric protocol and an adult protocol. Cancer. 2006;107:1551-1561.
  • Handgretinger R, Zugmaier G, Henze G et al. Complete remission after Blinatumomab-induced donor T-cell activation in three pediatric patients with post-transplant relapsed acute lymphoblastic leukemia. Leukemia 2011;25:181-184.
  • Harris NL, Jaffe ES, Diebold J, et al. World Health Organization classification of neoplastic diseases of the hematopoietic and lymphoid tissues: report of the Clinical Advisory Committee meeting-Airlie House, Virginia, November 1997. J Clin Oncol. 1999;17:3835-3849.
  • Harrison CJ. Cytogenetics of paediatric and adolescent acute lymphoblastic leukaemia. Br J Haematol. 2009;144:147-156.
  • Harrison CJ, Moorman AV, Schwab C, et al. An international study of intrachromosomal amplification of chromosome 21 (iAMP21): cytogenetic characterization and outcome. Leukemia. 2014;28:1015-1021.
  • Harvey RC, Mullighan CG, Chen IM, et al. Rearrangement of CRLF2 is associated with mutation of JAK kinases, alteration of IKZF1, Hispanic/L atino ethnicity, and a poor outcome in pediatric B-progenitor acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2010a;115:5312-5321.
  • Harvey RC, Mullighan CG, Wang X, et al. Identification of novel cluster groups in pediatric high-risk B-precursor acute lymphoblastic leukemia with gene expression profiling: correlation with genome-wide DNA copy number alterations, clinical characteristics, and outcome. Blood 2010b; 116:4874-4884.
  • Haydu JE and Ferrando AA. Early T-cell precursor acute lymphoblastic leukemia (ETP TALL). Curr Opin Hematol. 2013;20:369-373.
  • Heck JE, Park AS, Qiu J, et al. Risk of leukemia in relation to exposure to ambient air toxics in pregnancy and early childhood. Int J Hyg Environ Health. 2014;662-668.
  • Heesch S; Neumann M, Schwartz S, et al. Acute leukemias of ambiguous lineage in adults: molecular and clinical characterization. Ann Hematol. 2013;92:747-758.
  • Heerema NA, Carroll AJ, Devidas M, et al. Intrachromosomal amplification of chromosome 21 is associated with inferior outcomes in children with acute lymphoblastic leukemia treated in contemporary standard-risk children’s oncology group studies: a report from the children’s oncology group. J Clin Oncol. 2013;31:3397–3402.
  • Herold T, Baldus CD, Gökbuget N. Ph-like acute lymphoblastic leukemia in older adults. N Engl J Med. 2014;371:2235.
  • Herold T, Schneider S, Metzeler KH, et al. Adult with Philadelphia Chromosome-like cute lymphoblastic leukemia frequently have IGH-CRLF2 and Jak2 mutations, persistence of minimal residual disease and poor prognosis. Haematologica. 2017;102:130-138.
  • Hertzberg L, Vendramini E, Ganmore I, et al. Down syndrome acute lymphoblastic leukemia, a highly heterogeneous disease in which aberrant expression of CRLF2 is associated with mutated JAK2: a report from the International BFM Study Group. Blood 2010;115:1006-1117.
  • Hoelzer D, Gökbuget N. Treatment of elderly patients with acute lymphoblastic leukemia. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2005;2005:533-539.
  • Hoelzer D. Novel antibody-based therapies for acute lymphoblastic leukemia. Hematology Am Soc Hematol Educ program. 2011; 2011:243-249.
  • Hoelzer D. Targeted therapy with monoclonal antibodies in acute lymphoblastic leukemia. Curr Opin Oncol. 2013;25:701-706.
  • Hoelzer D, Walewski J, Dohner H, et al. Improved outcome of adult Burkitt lymphoma/leukemia with rituximab and chemotherapy: report of a large prospective multicenter trial. Blood. 2014;124:3870-3879.
  • Hoelzer D, Bassan R, Dombret H, et al. Acute lymphoblastic leukaemia in adult patients: ESMO Clinical Practice Guidelines for diagnosis, treatment and follow-up. Ann Oncol. 2016;27:v69-v82.
  • Hof J, Krentz S, van Schewick, et al. Mutations and deletions of the TP53 gene predict nonresponse to treatment and poor outcome in first relapse of childhood acute lymphoblastic leukemia. J Clin Oncol. 2011;29:3185-3193.
  • Holmfeldt L, Wei L, Diaz-Flores E, et al. The genomic landscape of hypodiploid acute lymphoblastic leukemia. Nat Genet. 2013; 45:242-252.
  • Huguet F, Raffoux E, Thomas X, et al. Pediatric inspired therapy in adults with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia: the GRAALL/2003 study. J Clin Oncol. 2009;27:911-918.
  • Huguet F, Chevret S, Leguay T, et al. Intensified therapy of acute lymphoblastic leukemia in adults: report of the randomized GRAALL-2005 clinical trial. J Clin Oncol. 2018;36:2514-2523.
  • Hunault-Berger M, Leguay T, Thomas X et al. A randomized study of pegylated liposomal doxorubicin versus continuous-infusion doxorubicin in elderly patients with acute lymphoblastic leukemia: the GRAALL-SA1 study. Haematologica. 2011;96:245-252.
  • Iacobucci I, Li Y, Roberts KG, et al. Truncating Erythropoietin Receptor Rearrangements in Acute Lymphoblastic Leukemia. Cancer Cell. 2016;29:186-200.
  • Inaba H, Greaves M, Mullighan CG. Acute lymphoblastic leukemia. Lancet. 2013;381:1943-1955.
  • Inaba H, Mullighan CG. Pediatric acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2020;105:2524-2539.
  • Inukai T, Kiyokawa N, Campana D, et al. Clinical significance of early T-cell precursor acute lymphoblastic leukaemia: results of the Tokyo Children’s Cancer Study Group Study L99-15. Br J Haematol. 2012;156:358–365.
  • Irving JA, Bloodworth L, Bown NP, et al. Loss of heterozygosity in childhood acute lymphoblastic leukemia detected by genome-wide microarray single nucleotide polymorphism analysis. Cancer Res. 2005;65:3053-3058.
  • Irving J, Matheson E, Minto L, et al. Ras pathway mutations are prevalent in relapsed childhood acute lymphoblastic leukemia and confer sensitivity to MEK inhibition. 2014;124:3420-3430.
  • Jabbour EJ, Faderl S, Kantarjian HM. Adult Acute lymphoblastic leukemia. Mayo Clin Proc. 2005;80:1517-1527.
  • Jabbour E, O’Brien S, Kantarjian H, et al. Neurologic complications associated with intrathecal liposomal cytarabine given prophylactically in combination with high-dose methotrexate and cytarabine to patients with acute lymphocytic leukemia. Blood. 2007;109:3214-3218.
  • Jabbour E, Thomas D, Cortes J, et al. Central nervous system prophylaxis in adults with acute lymphoblastic leukemia: current and emerging therapies. Cancer. 2010;116:2290-2300.
  • Jabbour E, O’Brien S, Nitin J, et al. Inotuzumab ozogamicin (IO) in combination with low-intensity chemotherapy as front-line therapy for older patients and as salvage therapy for adult with relapse/refractory acute lymphoblastic leukemia. ASCO Annual Meeting Abstract. J Clin Oncol. 2014;32:7019.
  • Jabbour E, O’Brien S, Ravandi F et al. Monoclonal antibodies in acute lymphoblastic leukemia. Blood.2015;125:4010-4016.
  • Jabbour E, Kantarjian H, Ravandi F, et al. Combination of hyper-CVAD with ponatinib as first-line therapy for patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukaemia: a single-centre, phase 2 study. Lancet Oncol. 2015b;16:1547-1555.
  • Jabbour E, O’Brien S, Huang X, et al. Prognostic factors for outcome in patients with refractory and relapsed acute lymphocytic leukemia treated with inotuzumab ozogamicin, a CD22 monoclonal antibody. Am J Hematol. 2015c;90:193-196.
  • Jabbour E, Short NJ, Ravandi F, et al. Combination of hyper-CVAD with ponatinib as first-line therapy for patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukaemia: long-term follow-up of a single-centre, phase 2 study. Lancet Haematol. 2018;5:e618-e627.
  • Jabbour EJ, Sasaki K, Ravandi F, et al. Inotuzumab ozogamicin in combination with low-intensity chemotherapy (mini-HCVD) with or without blinatumomab versus standard intensive chemotherapy (HCVAD) as frontline therapy for older patients with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia: A propensity score analysis. Cancer. 2019;125(15):2579-2586.
  • Jabbour E, Richard-Carpentier G, Sasaki Y, et al. Hyper-CVAD regimen in combination with ofatumumab as frontline therapy for adults with Philadelphia chromosome-negative B-cell acute lymphoblastic leukaemia: a single-arm, phase 2 trial. Lancet Haematol. 2020;7:e523-e533.
  • Jain P, Kantarjian H, Ravandi F et al. The Combination of Hyper-CVAD plus Nelarabine as Frontline Therapy in Adult T-Cell Acute Lymphoblastic Leukemia and T-Lymphoblastic Lymphoma: MD Anderson Cancer Center Experience. Leukemia. 2014;28:973-975.
  • Jain N, Lamb AV, O’Brien S, et al. Early T-cell precursor acute lymphoblastic leukemia/lymphoma (ETP-ALL/LBL) in adolescents and adults: a high-risk subtype. Blood. 2016;127:1863-1869.
  • Jaffe ES, Harris NL, Stein H, Vardiman J, eds. World Health Organization Classification of Tumours. Pathology and Genetics of Tumours of Haematopoietic and Lymphoid Tissues. Lyon, France: IARC Press; 2001:181-184.
  • Jeha S, Gaynon PS, Razzouk BI, et al. Phase II study of clofarabine in pediatric patients with refractory or relapsed acute lymphoblastic leukemia. J Clin Oncol. 2006;24:1917-1923.
  • Jeong EG, Kim MS, Nam HK, et al: Somatic mutations of JAK1 and JAK3 in acute leukemias and solid cancers. Clin Cancer Res. 2008;14:3716-3721.
  • Kalina T, Flores-Montero J, van der Velden VH, et al. EuroFlow standardization of flow cytometer instrument settings and immunophenotyping protocols. Leukemia. 2012;26:1986-1910.
  • Kalina T, Brdickova N, Glier H, et al. Frequent issues and lessons learned from EuroFlow QA. J Immunol Methods. 2019;475:112520.
  • Kamal N, Koh C, Samala N, et al. Asparaginase-induced hepatotoxicity: rapid development of cholestasis and hepatic steatosis. Hepatol Int. 2019;13:641-648.
  • Kantarjian HM, O’Brien S, Smith TL, et al. Results of treatment with hyper-CVAD, a dose-intensive regimen, in adult acute lymphocytic leukemia. J Clin Oncol. 2000;18,547-561.
  • Kantarjian H, Thomas D, O’Brien S, et al. Long-term follow-up results of hyperfractionated cyclophosphamide, vincristine, doxorubicin, and dexamethasone (Hyper-CVAD), a dose-intensive regimen, in adult acute lymphocytic leukemia. Cancer. 2004;101:2788-2801.
  • Kantarjian HM, Thomas D, Jorgensen J, et al. Inotuzumab ozogamicin, an anti-CD22-calecheamicin conjugate, for refractory and relapsed acute lymphocytic leukaemia: a phase 2 study. Lancet Oncol. 2012; 13:403-411.
  • Kantarjian H, Stein A, Bargou R, et al. Blinatumomab treatment of older adults with relapsed/refractory B-precursor acute lymphoblastic leukemia: Results from 2 phase 2 studies. Cancer. 2016a;122:2178-2185.
  • Kantarjian HM, DeAngelo DJ, Stelljes M, et al. Inotuzumab ozogamicin versus standard therapy for acute lymphoblastic leukemia. N Engl J Med. 2016b;375:740-753.
  • Kantarjian H, Stein A, Gökbuget N, et al, Blinatumomab vs. chemotherapy in advanced acute lymphoblastic leukemia. N Engl J Med. 2017a;376:836-847.
  • Kantarjian HM, DeAngelo DJ, Advani AS, et al. Hepatic adverse event profile of inotuzumab ozogamicin in adult patients with relapsed or refractory acute lymphoblastic leukaemia: results from the open-label, randomised, phase 3 INO-VATE study Lancet Haematol. 2017b;4:e387-e398.
  • Kantarjian H, Ravandi F, Short NJ, et al. Inotuzumab ozogamicin in combination with low-intensity chemotherapy for older patients with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukaemia: a single-arm, phase 2 study. Lancet Oncol. 2018;19:240-248.
  • Kantarjian HM, DeAngelo DJ, Stelljes M, et al. Inotuzumab ozogamicin versus standard of care in relapsed or refractory acute lymphoblastic leukemia: Final report and long-term survival follow-up from the randomized, phase 3 INO-VATE study. Cancer. 2019;125:2474-2487.
  • Karsa M, Dalla Pozza L, Venn NC, et al. Improving the identification of high risk precursor B acute lymphoblastic leukemia patients with earlier quantification of minimal residual disease. PLoS One. 2013;8:e76455.
  • Kato H, Kawase T, Kako S et al. Analysis of outcomes following autologous stem cell transplantation in adult patients with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia during first complete remission. Haematologica. 2014;99:e228-30.
  • Kawamata N, Ogawa S, Zimmermann M, et al: Molecular allelokaryotyping of pediatric acute lymphoblastic leukemias by high-resolution single nucleotide polymorphism oligonucleotide genomic microarray. Blood. 2008;111:776-784.
  • Kebriaei P, Wilhelm K, Ravandi F, et al. Feasibility of allografting in patients with advanced acute lymphoblastic leukemia after salvage therapy with inotuzumab ozogamicin. Clin Lymphoma Myeloma Leuk. 2013;13:296-301.
  • Kenkre VP, Stock W. Burkitt lymphoma/leukemia: improving prognosis. Clin Lymphoma Myeloma. 2009;9:S231-238.
  • Kinlen LJ. Infections and immune factors in cancer: the role of epidemiology. Oncogene. 2004;23:6341-6348.
  • Klco JM, Mullighan CG. Advances in germline predisposition to acute leukaemias and myeloid neoplasms. Nat Rev Cancer. 2021;21:122-137.
  • Kleppe M, Lahortiga I, El Chaar T, et al. Deletion of the protein tyrosine phosphatase gene PTPN2 in T-cell acute lymphoblastic leukemia. Nat Gen. 2010;42:530-535.
  • Kochuparambil ST, Litzow RM. Novel Antibody Therapy in Acute Lymphoblastic Leukemia. Curr Hematol Malig Rep. 2014;9:165-173.
  • Krentz S, Hof J, Mendioroz A, et al: Prognostic value of genetic alterations in children with first bone marrow relapse of childhood B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia. Leukemia. 2013; 27:295-304.
  • Kuchinskaya E, Heyman M, Grander D, et al. Children and adults with acute lymphoblastic leukaemia have similar gene expression profiles. Eur J Haematol. 2005;74:466-480.
  • Kuiper RP, Schoenmakers EF, van Reijmersdal SV, et al. High-resolution genomic profiling of childhood ALL reveals novel recurrent genetic lesions affecting pathways involved in lymphocyte differentiation and cell cycle progression. Leukemia. 2007;21:1258-1266.
  • Kuiper RP, Waanders E, van der Velden VH, et al. IKZF1 deletions predict relapse in uniformly treated pediatric precursor B-ALL. Leukemia. 2010;24:1258-1264.
  • Ladetto M, Brüggemann M, Monitillo L, et al. Next-generation sequencing and real-time quantitative PCR for minimal residual disease detection in B-cell disorders. Leukemia. 2014;28:1299-307.
  • Lahortiga I, De Keersmaecker K, Van Vlierberghe P, et al. Duplication of the MYB oncogene in T cell acute lymphoblastic leukemia. Nat Genet. 2007;39:593-595.
  • Landsburg DJ, Stadtmauer E, Loren A, et al. Receipt of maintenance therapy is most predictive of survival in older acute lymphoblastic leukemia patients treated with intensive induction chemotherapy regimens Am. J. Hematol. 2013;88:657-660.
  • Lange BJ, Raimondi SC, Heerema N, et al. Pediatric leukemia/lymphoma with t(8;14)(q24;q11) Leukemia.1992;6:613–618.
  • Laport GG, Alvarnas JC, Palmer JM, et al. Long-term remission of Philadelphia chromosome positive acute lymphoblastic leukemia after allogeneic hematopoietic cell transplantation from matched sibling donors: a 20-year experience with the fractionated total body irradiation-etoposide regimen. Blood. 2008;112:903-909.
  • Larmonie NS, Dik WA, Meijerink JP, et al. Breakpoint sites disclose the role of the V(D)J recombination machinery in the formation of T-cell receptor (TCR) and non-TCR associated aberrations in T-cell acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2013;98:1173-1184.
  • Larson RA, Dodge RK, Burns CP, et al. A five-drug remission induction regimen with intensive consolidation for adults with acute lymphoblastic leukemia: Cancer and Leukemia Group B study 8811. Blood. 1995;85:2025-2037.
  • Larson RA. Acute lymphoblastic leukemia: older patients and newer drugs. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2005;131-136.
  • Larson RA. Allogeneic hematopoietic cell transplantation for adults with ALL. Bone Marrow Transpl. 2008;42: S18-24.
  • Larson S, Stock W. Progress in the treatment of adults with acute lymphoblastic leukemia. Curr Opin Hematol. 2008;15:400-407.
  • La Starza R, Cambò B, Pierini A, et al. Venetoclax and Bortezomib in Relapsed/Refractory Early T-Cell Precursor Acute Lymphoblastic Leukemia. JCO Precis Oncol. 2019;3:PO.19.00172.
  • La Starza R, Pierini V, Pierini T, et al. Design of a comprehensive fluorescence in situ hybridization assay for genetic classification of T-cell acute lymphoblastic leukemia. J Mol Diagn. 2020;22:629-639.
  • Lazarus HM, Richards SM, Chopra R, et al. Central nervous system involvement in adult acute lymphoblastic leukemia at diagnosis: Results from the international ALL trial MRC UKALL XII/ECOG E2993. Blood. 2006;108:465-472.
  • Lee DW, Kochenderfer JN, Stetler-Stevenson M et al. T cells expressing CD19 chimeric antigen receptors for acute lymphoblastic leukaemia in children and young adults: a phase 1 dose-escalation trial. Lancet. 2015;385:517-528.
  • Lee S, Kim D-W, Cho B-S, et al. Impact of minimal residual disease kinetics during imatinib-based treatment on transplantation outcome in Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Leukemia. 2012;26:2367-2374.
  • Levinsen M, Harila-Saari A, Grell K, et al. Efficacy and Toxicity of Intrathecal Liposomal Cytarabine in First-line Therapy of Childhood Acute Lymphoblastic Leukemia. J Pediatr Hematol Oncol. 2016;38:602-609.
  • Le Noir S, Ben Abdelali R, Lelorch M, et al. Extensive molecular mapping of TCRα/δ- and TCRβ-involved chromosomal translocations reveals distinct mechanisms of oncogene activation in T-ALL. Blood. 2012;120:3298-3309.
  • Leonard JT, Hayes-Lattin B. Reduced intensity conditioning allogeneic hematopoietic stem cell transplantation for acute lymphoblastic leukemia; current evidence, and improving outcomes going forward. Curr Hematol Malig Rep. 2018;13:329-340.
  • Li Y, Schwab C, Ryan SL, et al. Constitutional and somatic rearrangement of chromosome 21 in acute lymphoblastic leukaemia. Nature. 2014;508:98-102.
  • Li X, Sun N, Huang X, Ju X. Two Pairs of Monozygotic Twins With Concordant Acute Lymphoblastic Leukemia (ALL): Case Report. J Pediatr Hematol Oncol. 2014;36:299-303.
  • Linch DC. Burkitt lymphoma in adults. Br J Haematol. 2012; 156:693-703.
  • Litzow MR. Allogeneic transplantation for patients with Philadelphia chromosome positive acute lymphoblastic leukemia: Is it imperative in the tyrosine kinase inhibitor era? Best Pract Res Clin Haematol. 2018;3:357-360.
  • Liu Y, Easton J, Shao Y, et al. The genomic landscape of pediatric and young adult T-lineage acute lymphoblastic leukemia. Nat Genet. 2017;49:1211-1218.
  • Lorentzen CL, Straten PT. CD19-Chimeric Antigen Receptor T Cells for Treatment of Chronic Lymphocytic Leukaemia and Acute Lymphoblastic Leukaemia. Scand J Immunol. 2015;82:307-319.Lukenbill J & Advani AS. The treatment of adolescents and young adults with acute lymphoblastic leukemia. Curr Hematol Malig Rep. 2013;8:91-97.
  • Lunghi M, Patriarca A, Greco M, et al. Ponatinib for the treatment of Ph-like acute lymphoblastic leukemia. Leuk Lymphoma. 2020:1-3.
  • Lussana F, Rambaldi A. Role of allogeneic hematopoietic stem cell transplantation in adult patients with acute lymphoblastic leukemia. Mediterr J Hematol Infect Dis. 2014. 6:e2014065.
  • Ma M, Wang X, Tang J et al. Early T-cell precursor leukemia: a subtype of high risk childhood acute lymphoblastic leukemia. Front Med. 2012;6:416-420.
  • Maese L, Tasian SK and Raetz EA. How is the Ph-like signature being incorporated into ALL therapy? Best Pract Res Clin Haematol. 2017;30:222-228.
  • Mancini M, Scappaticci D, Cimino G, et al. A comprehensive genetic classification of adult acute lymphoblastic leukemia (ALL): analysis of the GIMEMA 0496 protocol. Blood. 2005;105:3434-3441.
  • Marks DI, Wang T, Pérez WS, et al. The outcome of full intensity and reduced-intensity conditioning matched sibling or unrelated donor transplantation in adults with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia in first and second complete remission. Blood. 2010a;116:366-374.
  • Marks DI. Treating the “older” adult with acute lymphoblastic leukemia. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2010b;13-20.
  • Martinelli G, Iacobucci I, Storlazzi CT, et al. IKZF1 (Ikaros) deletions in BCR-ABL1-positive acute lymphoblastic leukemia are associated with short disease-free survival and high rate of cumulative incidence of relapse: a GIMEMA AL WP report. J Clin Oncol. 2009;27:5202-5207.
  • Martinelli G, Boissel N, Chevallier P, et al. Complete Hematologic and Molecular Response in Adult Patients With Relapsed/Refractory Philadelphia Chromosome-Positive B-Precursor Acute Lymphoblastic Leukemia Following Treatment With Blinatumomab: Results From a Phase II, Single-Arm, Multicenter Study. J Clin Oncol. 2017;35:1795-1802.
  • Martinelli G, Piciocchi A, Papayannidis C, et al. First report of the GIMEMA LAL1811 phase II prospective study of the combination of steroids with ponatinib as frontline therapy of elderly or unfit patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2017b;130: 99.
  • Mathisen MS, Kantarjian HM, Jabbour EJ. Emerging drugs for acute lymphocytic leukemia. Expert Opin Emerg Drugs. 2014;19:37-50.
  • Maude SL, Tasian SK, Vincent T, et al. Targeting JAK1/2 and mTOR in murine xenograft models of Ph-like acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2012;120:3510-318.
  • Maude SL, Frey N, Shaw PA et al. Chimeric antigen receptor T cells for sustained remissions in leukemia. N Engl J Med. 2014;371:1507-1517.
  • Maude SL, Laetsch TW, Buechner J, et al. Tisagenlecleucel in children and young adults with B-cell lymphoblastic leukemia. N Engl J Med. 2018; 378:439–448.
  • Maude SL, Dolai S, Delgado-Martin C, et al. Efficacy of JAK/STAT pathway inhibition in murine xenograft models of early T-cell precursor (ETP) acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2015;125:1759-1767.
  • Maury S, Chevret S, Thomas X, et al. Rituximab in B-Lineage adult acute lymphoblastic Leukemia. N Engl J Med. 2016; 375:1044-1053.
  • McNeer J and Raetz EA. Acute lymphoblastic leukemia in young adults: which treatment? Curr Opin Oncol. 2012;24:487-494.
  • Mehta RS, Rezvani K. Chimeric antigen receptor expressing natural killer cells for the immunotherapy of cancer. Front Immunol. 2018;9:283.
  • Mendes RD, Sarmento LM, Canté-Barrett K, et al. PTEN microdeletions in T-cell acute lymphoblastic leukemia are caused by illegitimate RAG-mediated recombination events. Blood. 2014;124:567-578.
  • Messina M, Chiaretti S, Wang J, et al. Prognostic and therapeutic role of targetable lesions in B-lineage acute lymphoblastic leukemia without recurrent fusion genes. Oncotarget. 2016;7:13886-13901.
  • Messina M, Chiaretti S, Fedullo AL, et al. Clinical significance of recurrent copy number aberrations in B-lineage acute lymphoblastic leukaemia without recurrent fusion genes across age cohorts. Br J Haematol. 2017;178:583-587.
  • Meyer C, Hofmann J, Burmeister T, et al. The MLL recombinome of acute leukemias in 2013. Leukemia. 2013;27:2165-2176.
  • Meyer JA, Wang J, Hogan LE, et al. Relapse-specific mutations in NT5C2 in childhood acute lymphoblastic leukemia. Nat Genet. 2013;45:290-294.
  • Miller KC, Al-Kali A, Shah MV et al. Elderly acute lymphoblastic leukemia: a Mayo Clinic study of 124 patients. Leuk Lymphoma. 2019;60:990-999
  • Mohty M, Labopin M, Volin L, et al. Reduced-intensity versus conventional myeloablative conditioning allogeneic stem cell transplantation for patients with acute lymphoblastic leukemia: a retrospective study from the European Group for Blood and Marrow Transplantation. Blood. 2010;116:4439-4443.
  • Moorman AV, Harrison CJ, Buck GA, et al. Karyotype is an independent prognostic factor in adult acute lymphoblastic leukemia (ALL): analysis of cytogenetic data from patients treated on the Medical Research Council (MRC) UKALLXII/Eastern Cooperative Oncology Group (ECOG) 2993 trial. Blood. 2007;109:3189-3197.
  • Moorman AV, Chilton L, Wilkinson J, et al. A population-based cytogenetic study of adults with acute lymphoblastic leukemia. Blood 2010a:115:206-14.
  • Moorman AV, Ensor HM, Richards SM, et al. Prognostic effect of chromosomal abnormalities in childhood B-cell precursor acute lymphoblastic leukaemia: results from the UK Medical Research Council ALL97/99 randomised trial. Lancet Oncol 2010b;11:429–438.
  • Moorman AV. The clinical relevance of chromosomal and genomic abnormalities in B-cell precursor acute lymphoblastic leukaemia Blood Rev. 2012a;26:123-135.
  • Moorman AV, Schwab C, Ensor HM, et al. [email protected] translocations, CRLF2 deregulation, and microdeletions in adolescents and adults with acute lymphoblastic leukemia J Clin Oncol. 2012b; 30:3100-3108.
  • Moorman AV, Robinson H, Schwab C, et al. Risk-directed treatment intensification significantly reduces the risk of relapse among children and adolescents with acute lymphoblastic leukemia and intrachromosomal amplification of chromosome 21: a comparison of the MRC ALL97/99 and UKALL2003 trials. J Clin Oncol 2013; 31:3389-3396.
  • Motlló C, Ribera JM, Morgades M, et al. Frequency and prognostic significance of additional cytogenetic abnormalities to the Philadelphia chromosome in young and older adults with acute lymphoblastic leukemia. Leuk Lymph 2017:1-9.
  • Mühlbacher V, Zenger M, Schnittger S, et al. Acute lymphoblastic leukemia with low hypodiploid/near triploid karyotype is a specific clinical entity and exhibits a very high TP53 mutation frequency of 93%. Genes Chromosomes Cancer. 2014;53:524-536.
  • Mullighan CG, Goorha S, Radtke I, et al. Genome-wide analysis of genetic alterations in acute lymphoblastic leukaemia. Nature. 2007;446:758-764.
  • Mullighan CG, Miller CB, Radtke I,et al. BCR-ABL1 lymphoblastic leukaemia is characterized by the deletion of Ikaros. Nature. 2008;453:110-4.
  • Mullighan CG, Collins-Underwood JR, Phillips LA, et al: Rearrangement of CRLF2 in B-progenitor and Down syndrome-associated acute lymphoblastic leukemia. Nat Genet. 2009a;41:1243-1246.
  • Mullighan CG, Su X, Zhang J, et al. Deletion of IKZF1 and prognosis in acute lymphoblastic leukemia. N Engl J Med. 2009b;360:470-480.
  • Mullighan CG, Zhang J, Harvey RC, et al. JAK mutations in high-risk childhood acute lymphoblastic leukemia. Proc Natl Acad Sci USA. 2009c;106:9414-9718.
  • Nagafuji K, Miyamoto T, Eto T, et al. Monitoring of minimal residual disease (MRD) is useful to predict prognosis of adult patients with Ph-negative ALL: results of a prospective study (ALL MRD2002 Study). J Hematol Oncol. 2013;6:14.
  • Neumann M, Heesch S, Gokbuget N, et al. Clinical and molecular characterization of early T-cell precursor leukemia: a high-risk subgroup in adult T-ALL with a high frequency of FLT3 mutations. Blood Cancer. 2012;2:e55.
  • Neumann M, Heesch S, Schlee C et al. Whole-exome sequencing in adult ETP-ALL reveals a high rate of DNMT3A mutations. Blood. 2013;121:4749-4752.
  • Nishiwaki S, Inamoto Y, Imamura M, et al. Reduced-intensity versus conventional myeloablative conditioning for patients with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia in complete remission. Blood. 2011;117:3698-3699.
  • O’Brien S, Thomas DA, Ravandi F, et al. Results of the hyperfractionated cyclophosphamide, vincristine, doxorubicin, and dexamethasoe regimen in elderly patients with acute lymphocytic leukemia. Cancer. 2008;113:2097-2101.
  • O’Brien SM, Thomas DA, Jorgensen JL, et al. Experience with 2 dose schedules of inotuzumab ozogamicin, single dose, and weekly, in refractory-relapsed acute lymphocytic leukemia (ALL). ASH Annual Meeting Abstract. Blood. 2012;120:614.
  • O’Brien S, Schiller G, Lister J, et al. High-dose vincristine sulfate liposome injection for advanced, relapsed, and refractory adult Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia. J Clin Oncol. 2013;31:676-683.
  • O’Reilly J, Russell LJ, Cooney J, et al. Unravelling the prognostic effect of IKZF1 deletions and [email protected] in adult acute lymphoblastic leukaemia. Pathology. 2013;45:609-612.
  • Ofran Y, Ringelstein-Harlev S, Slouzkey I, et al. Daratumumab for eradication of minimal residual disease in high-risk advanced relapse of T-cell/CD19/CD22-negative acute lymphoblastic leukemia. Leukemia. 2020;34:293-295.
  • Olsson L, Ivanov Öfverholm I, Norén-Nyström U, et al. The clinical impact of IKZF1 deletions in paediatric B-cell precursor acute lymphoblastic leukaemia is independent of minimal residual disease stratification in Nordic Society for Paediatric Haematology and Oncology treatment protocols used between 1992 and 2013. Br J Haematol. 2015a;170:847-858.
  • Olsson L, Johansson B. Ikaros and leukaemia. Br J Haematol. 2015b;169:479-91.
  • Orfao A, Lopez A, Flores J, et al. Diagnosis of hematological malignancies: new applications for flow cytometry. Hematology. EHA Educ Program. 2006;2: 6-13.
  • Oriol A, Vives S, Hernández-Rivas JM, et al. Outcome after relapse of acute lymphoblastic leukemia in adult patients included in four consecutive risk-adapted trials by the PETHEMA Study Group. Haematologica. 2010;95:589-596.
  • Oshima K, Khiabanian H, da Silva-Almeida AC, et al. Mutational landscape, clonal evolution patterns, and role of RAS mutations in relapsed acute lymphoblastic leukemia. Proc Natl Acad Sci U S A. 2016;113:11306-11311.
  • Ottmann OG, Wassmann B, Pfeifer H, et al. Imatinib compared with chemotherapy as front-line treatment of elderly patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia (Ph+ALL). Cancer. 2007;109:2068-2076.
  • Ottmann OG, Pfeifer H. Management of Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia (Ph+ ALL). Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2009:371-381.
  • Parasole R, Petruzziello F, Messina C, et al. Toxicity and efficacy of intrathecal liposomal cytarabine in children with leukemia/lymphoma relapsing in the central nervous system: a retrospective multicenter study. Leuk Lymphoma. 2015;56:650-655.
  • Park JH, Riviere I, Gonen M, et al. Long-term follow- up of CD19 CAR therapy in acute lymphoblastic leu- kemia. N Engl J Med. 2018;378:449-459.
  • Parolini M, Mecucci C, Matteucci C, et al. Highly aggressive T-cell acute lymphoblastic leukemia with t(8;14)(q24;q11): extensive genetic characterization and achievement of early molecular remission and long-term survival in an adult patient. Blood Cancer J. 2014;4:e176.
  • Pasquini MC, Hu ZH, Curran K, et al. Real-world evidence of tisagenlecleucel for pediatric acute lymphoblastic leukemia and non-Hodgkin lymphoma. Blood Adv. 2020;4:5414-5424.
  • Patel B, Rai L, Buck G, et al. Minimal residual disease is a significant predictor of treatment failure in non T-lineage adult acute lymphoblastic leukaemia: final results of the international trial UKALL XII/ECOG2993. Br J Haematol. 2010;148:80-89.
  • Pathak P, Hess R, Weiss MA. Liposomal vincristine for relapsed or refractory Ph-negative acute lymphoblastic leukemia: a review of literature. Ther Adv Hematol. 2014;5:18-24.
  • Patte C. Treatment of mature B-ALL and high grade B-NHL in children. Best Pract Res Clin Haematol. 2002;15:695-711.
  • Paulsson K, Cazier JB, Macdougall F, et al. Microdeletions are a general feature of adult and adolescent acute lymphoblastic leukemia: Unexpected similarities with pediatric disease. Proc Natl Acad Sci. U S A 2008;105:6708-6713.
  • Paulson K, Szwajcer D, Seftel MD. The role of allogeneic stem cell transplantation for adult acute lymphoblastic leukemia. Transfus Apher Sci. 2011;44:197-203.
  • Pedreira CE, Costa ES, Lecrevisse Q, et al. EuroFlow Consortium. Overview of clinical flow cytometry data analysis: recent advances and future challenges. Trends Biotechnol. 2013;31:415-425.
  • Peirs S, Matthijssens F, Goossens S, et al. ABT-199 mediated inhibition of BCL-2 as a novel therapeutic strategy in T-cell acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2014;124:3738-3747.
  • Pfeifer H, Raum K, Markovic S, et al. Genomic CDKN2A/2B deletions in adult Ph+ ALL are adverse despite allogeneic stem cell transplantation. Blood. 2018;131:1464-1475.
  • Phuphanich S, Maria B, Braeckman R, Chamberlain M. A pharmacokinetic studyof intra-CSF administered encapsulated cytarabine (DepoCyt) for the treatment of neoplastic meningitis in patients with leukemia, lymphoma, or solid tumors as part of a phase III study. J Neurooncol. 2007;81:201-208.
  • Pole JD, Alibhai SM, Ethier MC, et al. Adolescents with acute lymphoblastic leukemia treated at pediatric versus adult hospitals. Ann Oncol. 2013;24:801-806.
  • Portell CA, Wenzell CM, Advani AS. Clinical and pharmacologic aspects of blinatumomab in the treatment of B-cell acute lymphoblastic leukemia. Clinical Pharmacology: Advances and Applications. 2013;5:5-11.
  • Portell CA, Advani AS. Novel targeted therapies in acute lymphoblastic leukemia. Leuk Lymphoma. 2014;55:737-748.
  • Popat U, Carrum G, Heslop HE. Haemopoietic stem cell transplantation for acute lymphoblastic leukemia. Cancer Treat Rev. 2003;29:3-10.
  • Pui CH, Relling MV, Evans WE. Role of pharmacogenomics and pharmacodynamics in the treatment of acute lymphoblastic leukemia. Best Pract Res Clin Haematol. 2003;15:741-756.
  • Pui CH, Williams WE. Treatment of acute lymphoblastic leukemia. N Engl J Med. 2006;354:166-178.
  • Pui CH, Jeha S. New therapeutic strategies for the treatment of acute lymphoblastic leukaemia. Nat Rev Drug Discov. 2007;6:149-165.
  • Pui CH, Robison LL, Look AT. Acute lymphoblastic leukaemia. Lancet. 2008;371:1030-1043.
  • Pullarkat V, Slovak ML, Kopecky KJ, et al. Impact of cytogenetics on the outcome of adult acute lymphoblastic leukemia: results of Southwest Oncology Group 9400 study. Blood. 2008;111:2563-2572.
  • Pulte D, Gondos A, Brenner H. Improvement in survival in younger patients with acute lymphoblastic leukemia from the 1980s to the early 21st century. Blood. 2009;113:1408-1411.
  • Quarello P, Berger M, Rivetti E, et al. FLAG-liposomal doxorubicin (Myocet) regimen for refractory or relapsed acute leukemia pediatric patients. J Pediatr Hematol Oncol. 2012;34:208-16.
  • Qasim W, Ciocarlie O, Adams S, et al. Preliminary results of UCART19, an allogeneic anti-CD19 CAR T- cell product in a first-in-human trial (PALL) in pediat- ric patients with CD19þ relapsed/refractory B-cell acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2017;130:1271.
  • Quintás-Cardama A, Tong W, Manshouri T, et al. Activity of tyrosine kinase inhibitors against human NUP214-ABL1-positive T cell malignancies. Leukemia. 2008;22:1117-1124.
  • Ram R, Wolach O, Vidal L, et al. Adolescents and young adults with acute lymphoblastic leukemia have a better outcome when treated with pediatric-inspired regimens: systematic review and meta-analysis. Am J Hematol. 2012;87:472-478.
  • Ramanujachar R, Richards S, Hann I, et al. Adolescents with acute lymphoblastic leukaemia: outcome on UK national paediatric (ALL97) and adult (UKALL XII/E2993) trials. Pediatr Blood Cancer. 2007;48:254-261.
  • Raponi S, De Propris MS, Intoppa S, et al. Flow cytometric study of potential target antigens (CD19, CD20, CD22, CD33) for antibody-based immunotherapy in acute lymphoblastic leukemia: analysis of 552 cases. Leuk Lymphoma. 2011;52:1098-1107.
  • Ravandi F, O’Brien S, Thomas D, et al. First report of phase II study of Dasatinib with hyperCVAD for the frontline treatment of pazients with Philadelphia chromosome positive (Ph+) acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2010;116:2070-2077.
  • Ravandi F, O’Brien SM, Cortes JE, et al. Long-term follow-up of a phase 2 study of chemotherapy plus dasatinib for the initial treatment of patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Cancer. 2015;121:4158-4164.
  • Real PJ, Tosello V, Palomero T, et al. Gamma-secretase inhibitors reverse glucocorticoid resistance in T cell acute lymphoblastic leukemia. Nat Med. 2009;15:50-58.
  • Redaelli A, Laskin BL, Stephens JM, et al. A systematic literature review of the clinical and epidemiological burden of acute lymphoblastic leukaemia (ALL). Eur J Cancer Care. 2005;14:53-62.
  • Ribera JM, Oriol A, Sanz MA, et al. Comparison of the results of the treatment of adolescents and young adults with standard-risk acute lymphoblastic leukemia with the pediatric-based protocol PETHEMA ALL-96. J Clin Oncol. 2008;26:1843-1849.
  • Ribera JM, Oriol A. Acute lymphoblastic leukemia in adolescents and young adults. Hematol Oncol Clin N Am. 2009;23:1033-1042.
  • RiberaJM. Allogeneic stem cell transplantation for adult acute lymphoblastic leukemia: when and how. Haematologica. 2011; 96:1083-1086.
  • Ribera JM, Garcıa O, Fernandez-Abellan P, et al. Lack of negative impact of Philadelphia chromosome in older patients with acute lymphoblastic leukaemia in the thyrosine kinase inhibitor era: comparison of two prospective parallel protocols. Br J Haematol. 2012;159 480-495.
  • Ribera JM, García O, Montesinos P, et al. Treatment of young patients with Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukaemia using increased dose of imatinib and deintensified chemotherapy before allogeneic stem cell transplantation. Br J Haematol. 2012;159:78-81.
  • Ribera JM, Ribera J, Genescà E. Treatment of adolescent and young adults with acute lymphoblastic leukemia. Mediterr J Hematol Infect Dis. 2014a;6:e2014052.
  • Ribera JM, Oriol A, Morgades M, et al. Treatment of high-risk Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia in adolescents and adults according to early cytologic response and minimal residual disease after consolidation assessed by flow cytometry: final results of the PETHEMA ALL-AR-03 trial. J Clin Oncol. 2014b;32:1595-1604.
  • Ribera JM, Oriol A, Morgades M, et al. Treatment of High-Risk Philadelphia Chromosome-Negative Acute Lymphoblastic Leukemia in Adolescents and Adults According to Early Cytologic Response and Minimal Residual Disease After Consolidation Assessed by Flow Cytometry: Final Results of the PETHEMA ALL-AR-03 Trial. J Clin Oncol. 2014b;32:1595-1604.
  • Ribera J, Morgades M, Zamora L, et al.Prognostic significance of copy number alterations in adolescent and adult patients with precursor B acute lymphoblastic leukemia enrolled in PETHEMA protocols. Cancer. 2015;121:3809-3817.
  • Ribera JM, García O, Oriol A, et al; PETHEMA Group, Spanish Society of Hematology. Feasibility and results of subtype-oriented protocols in older adults and fit elderly patients with acute lymphoblastic leukemia: results of three prospective parallel trials from the PETHEMA group. Leuk Res. 2016;41:12-20.
  • Ribera J, Zamora L, Morgades M, et al. Molecular profiling refines minimal residual disease-based prognostic assessment in adults with Philadelphia chromosome-negative B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia. Genes Chromosomes Cancer. 2019;58:815–819.
  • Ribera JM, Morgades M, Montesinos P, et al. A pediatric regimen for adolescents and young adults with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia: Results of the ALLRE08 PETHEMA trial. Cancer Med. 2020;9:2317-2329.
  • Ribera JM, Morgades M, Montesinos P, et al. A pediatric regimen for adolescents and young adults with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia: Results of the ALLRE08 PETHEMA trial. Cancer Med. 2020;9:2317-2329.
  • Richard-Carpentier G, Kantarjian H, Short NJ, et al. Updated results from the Phase II study of hyper-CVAD in sequential combination with blinatumomab in newly diagnosed adults with B-Cell Acute Lymphoblastic Leukemia (B-ALL). Blood. 2019;134(Suppl 1):3807.
  • Robak T, Szmigielska-Kapłon A, Wrzesień-Kuś A, et al. Acute lymphoblastic leukemia in elderly: the Polish Adult Leukemia Group (PALG) experience. Ann Hematol. 2004; 83:225-231.
  • Roberts KG, Morin RD, Zhang J, et al. Genetic alterations activating kinase and cytokine receptor signaling in high-risk acute lymphoblastic leukemia. Cancer Cell. 2012;22:153-166.
  • Roberts KG, Li Y, Payne-Turner D, et al. Targetable kinase-activating lesions in Ph-like acute lymphoblastic leukemia. N Engl J Med. 2014;371:1005-1015.
  • Roberts KG, Gu Z, Payne-Turner D, et al. High frequency and poor outcome of Philadelphia chromosome-like acute lymphoblastic leukemia in adults. J Clin Oncol 2017;35:394-401.
  • Rosko A, Wang HL, de Lima M, et al. Reduced intensity conditioned allograft yields favorable survival for older adults with B-cell acute lymphoblastic leukemia. Am J Hematol. 2017;92:42-49.
  • Roti G, Carlton A, Ross KN, et al. Complementary genomic screens identify SERCA as a therapeutic target in NOTCH1 mutated cancer. Cancer Cell.2013;23:390-405.
  • Rousselot P, Coudé MM, Gokbuget N, et al. Dasatinib and low-intensity chemotherapy in elderly patients with Philadelphia chromosome-positive ALL. Blood. 2016 128:774-782.
  • Rowe JM, Buck G, Burnett AK, et al. Induction therapy for adults with acute lymphoblastic leukemia: results of more than 1500 patients from the international ALL trial: MRC UKALL XII/ECOG E2993. Blood. 2005;106:3760-3767.
  • Rowe JM. Optimal management of adults with ALL. Br J Haematol. 2009;144:468-483.
  • Rowley JD: The critical role of chromosome translocations in human leukemias. Annu Rev Genet. 1998;32:495-519.
  • Ruella M, Barrett DM, Kenderian SS, et al. Dual CD19 and CD123 targeting prevents antigen-loss relapses after CD19-directed immunothe- rapies. J Clin Invest. 2016;126:3814-3826.
  • Russell LJ, Capasso M, Vater I, et al. Deregulated expression of cytokine receptor gene, CRLF2, is involved in lymphoid transformation in B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2009;114:2688-2698.
  • Russell LJ, Enshaei A, Jones L, et al. [email protected] translocations are prevalent in teenagers and young adults with acute lymphoblastic leukemia and are associated with a poor outcome. J Clin Oncol. 2014;32:1453-1462.
  • Safavi S, Paulsson K. Near-haploid and low-hypodiploid acute lymphoblastic leukemia: two distinct subtypes with consistently poor prognosis. Blood. 2017;129:420-423.
  • Sallan SE. Myths and lessons from the adult/pediatric interface in acute lymphoblastic leukemia. Hematology Am Soc Hematol Educ Program 2006;128-132.
  • Sancho JM, Ribera JM, Xicoy B, et al. Results of the PETHEMA ALL-96 trial in elderly patients with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia. Eur J Haematol. 2006a;78:102-110.
  • Sancho JM, Ribera JM, Oriol A, et al. Central nervous system recurrence in adult patients with acute lymphoblastic leukemia: Frequency and prognosis in 467 patients without cranial irradiation for prophylaxis. Cancer. 2006b;106:2540-2546.
  • Schiffer CA. Differences in outcome in adolescents with acute lymphoblastic leukemia: a consequence of better regimens? Better doctors? Both? J Clin Oncol. 2003;21:760-761.
  • Schiller GJ, Damon LE, Coutre SE, et al. High-dose vincristine sulfate liposome injection, for advanced, relapsed, or refractory Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia in an adolescent and young adult subgroup of a Phase 2 Clinical Trial. J Adolesc Young Adult Oncol. 2018;7:546-552.
  • Schrappe M, Bleckmann K, Zimmermann M, et al. Reduced-intensity delayed intensification in standard-risk pediatric acute lymphoblastic leukemia defined by undetectable minimal residual disease: results of an international randomized trial (AIEOP-BFM ALL 2000). J Clin Oncol. 2018;36:244-253
  • Schultz KR, Pullen DJ, Sather HN, et al. Risk- and response-based classification of childhood B-precursor acute lymphoblastic leukemia: a combined analysis of prognostic markers from the Pediatric Oncology Group (POG) and Children’s Cancer Group (CCG). Blood. 2007;109:926-935.
  • Schwartz P, Hunault-Berger M, Chevallier P, et al. French results with the EWALL chemotherapy backbone in older patients with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia. A GRAALL report. EHA Annual Meeting Abstract. Haematologica. 2013;98:463. Abstract S1124.
  • Secker-Walker LM, Craig JM, Hawkins JM, Hoffbrand AV. Philadelphia positive acute lymphoblastic leukemia in adults: age distribution, BCR breakpoint and prognostic significance. Leukemia. 1991;5:196-199.
  • Seftel MD, Neuberg D, Zhang MJ, et al. Pediatric-inspired therapy compared to allografting for Philadelphia chromosome-negative adult ALL in first complete remission. Am J Hematol. 2016;91:322-329.
  • Seibel NL, Steinherz PG, Sather HN, et al. Early post induction intensification therapy improves survival for children and adolescents with high-risk acute lymphoblastic leukemia: a report from the Children’s Oncology Group. Blood. 2008;111:2548-2555.
  • Shah NN, Merchant MS, Cole DE, et al. Vincristine Sulfate Liposomes Injection (VSLI, Marqibo®): Results From a Phase I Study in Children, Adolescents, and Young Adults With Refractory Solid Tumors or Leukemias. Pediatr Blood Cancer. 2016;63:997-1005.
  • Shamroe CL, Comeau JM. Ponatinib: A new tyrosine kinase inhibitor for the treatment of chronic myeloid leukemia and Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Ann Pharmacother. 2013;47:1540-1546.
  • Shin D-Y, Kim I, Kim K-H, et al. Acute lymphoblastic leukemia in elderly patients: A single institution’s experience. Korean J Intern Med 2011;26:328-339.
  • Shochat C, Tal N, Bandapalli OR, et al. Gain-of-function mutations in interleukin-7 receptor-α (IL7R) in childhood acute lymphoblastic leukemias. J Exp Med 2011;208:1333.
  • Short N, Kantarjian HM, Ravandi F, et al. Reduced-Intensity Chemotherapy with Mini-Hyper-CVD Plus Inotuzumab Ozogamicin, with or without Blinatumomab, in Older Adults with Newly Diagnosed Philadelphia Chromosome-Negative Acute Lymphoblastic Leukemia: Results from a Phase II Study. Blood. 2020;136:15-17.
  • Shukla N, Kobos R, Renaud T, et al. Phase II trial of clofarabine with topotecan, vinorelbine, and thiotepa in pediatric patients with relapsed or refractory acute leukemia.Pediatr Blood Cancer. 2014;61:431-435.
  • Sive JI, Buck G, Fielding A, et al. Outcomes in older adults with acute lymphoblastic leukaemia (ALL): results from the international MRC UKALL XII/ECOG2993 trial. Br J Haematol. 2012;157:463-471.
  • Soverini S, Vitale A, Poerio A, et al. Philadelphia-positive acute lymphoblastic leukemia patients already harbor BCR-ABL kinase domain mutations at low levels at the time of diagnosis. Haematologica. 2011;96:552-557.
  • Soverini S, Bassan R, Lion T. Treatment and monitoring of Philadelphia chromosome-positive leukemia patients: recent advances and remaining challenges. J Hematol Oncol. 2019;12:39.
  • Speicher MR, Carter NP. The new cytogenetics: blurring the boundaries with molecular biology. Nat Rev Genet. 2005;6:782-792.
  • von Stackelberg A, Locatelli F, Zugmaier G, et al. Phase I/Phase II Study of Blinatumomab in Pediatric Patients With Relapsed/Refractory Acute Lymphoblastic Leukemia. JCO 2016;34:4381-4389.
  • Steeghs EMP, Boer JM, Hoogkamer AQ, et al. Copy number alterations in B-cell development genes, drug resistance, and clinical outcome in pediatric B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia. Sci Rep. 2019;9:4634.
  • von Stackelberg A, Locatelli F, Zugmaier G, et al. Phase I/Phase II Study of Blinatumomab in Pediatric Patients With Relapsed/Refractory Acute Lymphoblastic Leukemia. JCO 2016, Epub
  • Stein AS, Palmer JM, O’Donnell MR, et al. Reduced-intensity conditioning followed by peripheral blood stem cell transplantation for adult patients with high-risk acute lymphoblastic leukemia. Biol Blood Marrow Transplant. 2009;5:1407-1414.
  • Stock W, La M, Sanford B, et al. What determines the outcomes for adolescents and young adults with acute lymphoblastic leukemia treated on cooperative group protocols? A comparison of Children’s Cancer Group and Cancer and Leukemia Group B studies. Blood. 2008;112:1646-1654.
  • Stock W, Luger SM, Advani AS, et al. A pediatric regimen for older adolescents and young adults with acute lymphoblastic leukemia: results of CALGB 10403. Blood. 2019;133:1548-1559.
  • Stow P, Key L, Chen X, et al. Clinical significance of low levels of minimal residual disease at the end of remission induction therapy in childhood acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2010;115:4657-4663.
  • Szczepański T, van der Velden VH, Raff T, et al. Comparative analysis of T-cell receptor gene rearrangements at diagnosis and relapse of T-cell acute lymphoblastic leukemia (T-ALL) shows high stability of clonal markers for monitoring of minimal residual disease and reveals the occurrence of second T-ALL. Leukemia. 2003;17:2149-2156.
  • Szczepanski T, van der Velden VH, van Dongen JJM, et al. Flow cytometric immunophenotyping of normal and malignant lymphocytes. Clin Chem Lab Med. 2006;44:775-796.
  • Takeuchi J, Kyo T, Naito K, et al. Induction therapy by frequent administration of doxorubicin with four other drugs, followed by intensive consolidation and maintenance therapy for adult acute lymphoblastic leukemia: the JALSG-ALL93 study. Leukemia. 2002;16:1259-1266.
  • Tanasi I, Ba I, Sirvent N, et al. Efficacy of tyrosine kinase inhibitors in Ph-like acute lymphoblastic leukemia harboring ABL-class rearrangements. 2019;134:1351-1355.
  • Tang GS, Wu J, Liu M, et al. BCR-ABL1 and CD66c exhibit high concordance in minimal residual disease detection of adult B-acute lymphoblastic leukemia. Am J Transl Res. 2015;7:632-639.
  • Tang S, Shen H, Qu C, et al. Ikaros family zinc-finger 1 mutation is an independent factor for the poor prognosis of adult B-cell acute lymphoblastic leukemia, and allogeneic hematopoietic stem cell transplantation can improve clinical outcomes. Bone Marrow Transplant. 2019;54:236-243.
  • Tasian SK, Loh ML, Hunger SP. Philadelphia chromosome-like acute lymphoblastic leukemia. Blood 2017;130:2064-2072.
  • Taub JW, Konrad MA, Ge Y, et al. High frequency of leukemic clones in newborn screening blood samples of children with B-precursor acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2002;99:2992-2996.
  • Tavakoli Shirazi P, Eadie LN, Heatley SL, et al.The effect of co-occurring lesions on leukaemogenesis and drug response in T-ALL and ETP-ALL. Br J Cancer. 2020;122:455-464.
  • Tavernier E, Boiron JM, Huguet F, et al. Outcome of treatment after first relapse in adults with acute lymphoblastic leukemia initially treated by the LALA-94 trial. Leukemia. 2007;21:1907-1914.
  • Testi AM, Valsecchi MG, Conter V, et al. Difference in outcome of adolescents with acute lymphoblastic leukemia (ALL) enrolled in pediatric (AIEOP) and adult (GIMEMA) protocols. ASH Annual Meeting Abstract. Blood. 2004;104:1954.
  • Testi AM, Canichella M, Vitale A, et al. Adolescent and young adult acute lymphoblastic leukemia. Final results of the phase II pediatric-like GIMEMA LAL-1308 trial. Am J Hematol. 2020; Epub.
  • Theunissen P, Mejstrikova E, Sedek L, et al. EuroFlow Consortium. Standardized flow cytometry for highly sensitive MRD measurements in B-cell acute lymphoblastic leukemia. Blood. 2017;129:347-357.
  • Thomas DA, Kantarjian H, Smith TL, et al. Primary refractory and relapsed adult acute lymphoblastic leukemia: characteristics, treatment results, and prognosis with salvage therapy. Cancer. 1999;86:1216-1230.
  • Thomas DA, Cortes J, Kantarjian HM. New agents in the treatment of acute lymphocytic leukaemia. Best Pract Res Clin Haematol. 2002;15:771-790.
  • Thomas DA, Faderl S, O’Brien S, et al. Chemoimmunotherapy with hyper-CVAD plus rituximab for the treatment of adult Burkitt and Burkitt-type lymphoma or acute lymphoblastic leukemia. Cancer. 2006;106:1569-1580.
  • Thomas DA, Brien S, Faderl S, et al. Chemoimmunotherapy with a mo­dified hyper-CVAD and rituximab regimen improves outcome in de novo Philadelphia chromosome-negative precursor B-lineage acute lymphobla­stic leukemia. J Clin Oncol. 2010; 28: 3880-9.
  • Thomas X, Boiron JM, Huguet F, et al. Outcome of treatment in adults with acute lymphoblastic leukemia: analysis of the LALA-94 trial. J Clin Oncol. 2004;22:4075-4086.
  • Toft N, Birgens H, Abrahamsson J, at al. Results of NOPHO ALL2008 treatment for patients aged 1-45 years with acute lymphoblastic leukemia. Leukemia. 2018;32:606-615
  • Topp MS, Kufer P, Gökbuget N, et al. Targeted therapy with the T-cell-engaging antibody blinatumomab of chemotherapy-refractory minimal residual disease in B-lineage acute lymphoblastic leukemia patients results in high response rate and prolonged leukemia-free survival. J Clin Oncol. 2011;29:2493-2498.
  • Topp MS, Gökbuget N, Zugmaier G, et al. Phase II trial of the anti-CD19 bispecific T cell-engager blinatumomab shows hematologic and molecular remissions in patients with relapsed or refractory B-precursor acute lymphoblastic leukemia. J Clin Oncol. 2014;32:4134-4140.
  • Topp MS, Gökbuget N, Stein AS, et al. Safety and activity of blinatumomab for adult patients with relapsed or refractory B-precursoracute lymphoblastic leukaemia: a multicentre, single-arm, phase 2 study. Lancet Oncol. 2015;16:57-66.
  • Topp MS, Stein A, Gökbuget N, et al. Blinatumomab improved overall survival in patients with relapsed or refractory philadelphia negative b-cell precursor acute lymphoblastic leukemia in a randomized, open-label phase 3 study (Tower). Haematologica. 2016; 135182.
  • Toft N, Birgens H, Abrahamsson J, at al. Results of NOPHO ALL2008 treatment for patients aged 1-45 years with acute lymphoblastic leukemia. Leukemia. 2018;32:606-615.
  • Tran TH, Harris MH, Nguyen JV, et al. Prognostic impact of kinase-activating fusions and IKZF1 deletions in pediatric high-risk B-lineage acute lymphoblastic leukemia. Blood Adv. 2018;2:529-533.
  • Trinquand A, Tanguy-Schmidt A, Ben Abdelali R, et al. Toward a NOTCH1/FBXW7/RAS/PTEN-based oncogenetic risk classification of adult T-cell acute lymphoblastic leukemia: a Group for Research in Adult Acute Lymphoblastic Leukemia study. J Clin Oncol. 2013;31:4333-4342.
  • Tzoneva G, Perez-Garcia A, Carpenter Z, et al. Activating mutations in the NT5C2 nucleotidase gene drive chemotherapy resistance in relapsed ALL. Nat Med. 2013;19:368-71.
  • Uckun FM, Nachman JB, Sather HN, et al. Clinical significance of Philadelphia chromosome positive pediatric acute lymphoblastic leukemia in the context of contemporary intensive therapies: a report from the Children’s Cancer Group. Cancer. 1998;83:2030-2039.
  • Valcárcel D, Sierra J, Wang T, et al. One-antigen mismatched related versus HLA-matched unrelated donor hematopoietic stem cell transplantation in adults with acute leukemia: Center for International Blood and Marrow Transplant Research results in the era of molecular HLA typing. Biol Blood Marrow Transplant. 2011;17:640-648.
  • Valentin A, Troppan K, Pfeilstöcker M, et al. Safety and tolerability of intrathecal liposomal cytarabine as central nervous system prophylaxis in patients with acute lymphoblastic leukemia. Leuk Lymphoma. 2014;55:1739-1742.
  • van der Veer A, Waanders E, Pieters R, et al. Independent prognostic value of BCR-ABL1-like signature and IKZF1 deletion, but not high CRLF2 expression, in children with B-cell precursor ALL. Blood. 2013;122:2622-2629.
  • van der Veer A, Zaliova M, Mottadelli F, et al. IKZF1 status as a prognostic feature in BCR-ABL1-positive childhood ALL. Blood. 2014; 123:1691-1698.
  • van der Velden VH, Hochhaus A, Cazzaniga G, et al. Detection of minimal residual disease in hematologic malignancies by real-time quantitative PCR: principles, approaches, and laboratory aspects. Leukemia. 2003;17:1013-1034.
  • van der Velden VH, Cazzaniga G, Schrauder A, et al. Analysis of minimal residual disease by IG/TCR gene rearrangements: guidelines for interpretation of realtime quantitative PCR data. Leukemia. 2007;21:604-611.
  • van de Donk NW, Janmaat ML, Mutis T, et al. Monoclonal antibodies targeting CD38 in hematological malignancies and beyond. Immunol Rev.2016;270:95-112.
  • van Dongen JJ, Langerak AW, Bruggemann M, et al. Design and standardization of PCR primers and protocols for detection of clonal immunoglobulin and T-cell receptor gene recombinations in suspect lymphoproliferations: report of the BIOMED-2 Concerted Action BMH4-CT98-3936. Leukemia. 2003;17:2257-2317.
  • van Dongen JJ, Macintyre EA, Gabert JA, et al. Standardized RT-PCR analysis of fusion gene transcripts from chromosome aberrations in acute leukemia for detection of minimal residual disease. Report of the BIOMED-1 Concerted Action: investigation of minimal residual disease in acute leukemia. Leukemia. 1999;13:1901-1928.
  • van Dongen JJ, Lhermitte L, Böttcher S, et al. EuroFlow Consortium (EU-FP6,LSHB-CT-2006-018708). EuroFlow antibody panels for standardized n-dimensional flow cytometric immunophenotyping of normal, reactive and malignant leukocytes. Leukemia. 2012;26:1908-75.
  • van Vlierberghe P, Ambesi-Impiombato A, Perez-Garcia A, et al. ETV6 mutations in early immature human T cell leukemias.J Exp Med. 2011;208:2571-2579.
  • Vardiman JW, Thiele J, Arber DA, et al. The 2008 revision of the World Health Organization (WHO) classification of myeloid neoplasms and acute leukemia: rationale and important changes. Blood. 2009;114:937-951.
  • Vicente C, Schwab C, Broux M, et al. Targeted sequencing identifies associations between IL7R-JAK mutations and epigenetic modulators in T-cell acute lymphoblastic leukemia. Haematologica. 2015;100:1301-1310.
  • Vidriales MB, San Miguel JF, Orfao A, et al. Minimal residual disease monitoring by flow cytometry. Best Pract Res Clin Haematol. 2003;16:599-612.
  • Vignetti M, Fazi P, Cimino G, et al. Imatinib plus steroids induces complete remissions and prolonged survival in elderly Philadelphia chromosome-positive patients with acute lymphoblastic leukemia without additional chemotherapy: results of the Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell’Adulto (GIMEMA) LAL0201-B protocol. Blood. 2007;109:3676-3368.
  • Vitale A, Guarini A, Chiaretti S, Foà R. The changing scene of adult acute lymphoblastic leukemia. Curr Opin Oncol. 2006;18:652-659.
  • Vitale A, Guarini A, Ariola C, et al. Absence of prognostic impact of CD13 and/or CD33 antigen expression in adult acute lymphoblastic leukemia. Results of the GIMEMA ALL 0496 trial. Haematologica. 2007;92:342-347.
  • Vitale A, Grammatico S, Capria S, et al. Advanced Philadelphia chromosome positive acute lymphoblastic leukemia patients relapsed after treatment with tyrosine-kinase inhibitors: successful response to clofarabine and cyclophosphamide. Haematologica. 2009;94:1471-1473.
  • Vora A, Goulden N, Wade R, et al. Treatment reduction for children and young adults with low-risk acute lymphoblastic leukaemia defined by minimal residual disease (UKALL 2003): a randomised controlled trial. Lancet Oncol. 2013;14:199-209.
  • Vrooman LM, Blonquist TM, Harris MH, et al. Refining risk classification in childhood B acute lymphoblastic leukemia: results of DFCI ALL Consortium Protocol 05-001. Blood Adv. 2018;2:1449-1458.
  • Wang Y, Liu DH, Xu LP, et al. Haploidentical/mismatched hematopoietic stem cell transplantation without in vitro T cell depletion for T cell acute lymphoblastic leukemia.Biol Blood Marrow Transplant. 2012;18:716-721.
  • Wang L, Wang Y, Tang W, et al. The superiority of allogeneic hematopoietic stem cell transplantation from unrelated donor over chemotherapy for adult patients with high- risk acute lymphoblastic leukemia in first remission. Int J Hematol.2013;98:569-577.
  • Wassmann B, Pfeifer H, Goekbuget N et al. Alternating versus concurrent schedules of Imatinib and chemotherapy as front-line therapy for Philadelphia-positive acute lymphoblastic leukemia (Ph positive ALL). Blood. 2006;108:1469-1477.
  • Weinberg OK and Arber DA. Mixed-phenotype acute leukemia: historical overview and a new definition. Leukemia. 2010;24:1844-1851.
  • Wetzler M, Watson D, Stock W, et al. Autologous transplantation for Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia achieves outcomes similar to allogeneic transplantation: results of CALGB Study 10001 (Alliance). Haematologica. 2014;99:111-115.
  • Wolach O, Stone RM. Mixed-phenotype acute leukemia: current challenges in diagnosis and therapy. Curr Opin Hematol. 2017;24:139-145.
  • Wu D, Sherwood A, Fromm JR, et al. High-throughput sequencing detects minimal residual disease in acute T lymphoblastic leukemia. Sci Transl Med. 2012;4:134ra63.
  • Wu X, He G, Fa Y, et al. Comparable outcomes of partially matched related and matched related allogeneic hematopoietic cell transplantation following reduced-intensity conditioning in adult patient with Philadelphia chromosome-negative acute lymphoblastic leukemia. Int J Hematol. 2013;98:456-462.
  • Yan CH, Jiang Q, Wang J, et al. Superior survival of unmanipulated haploidentical HSCT compared with chemotherapy alone used as post-remission therapy in adult standard-risk acute lymphoblastic leukemia in first complete remission.Biol Blood Marrow Transplant. 2014:1314-21.
  • Yan L, Ping N, Zhu M, et al. Clinical, immunophenotypic, cytogenetic, and molecular genetic features in 117 adult patients with mixed-phenotype acute leukemia defined by WHO-2008 classification.Haematologica. 2012;97:1708-1712.
  • Yanada M, Takeuchi J, Sugiura I, et al. High complete remission rate and promising outcome by combination of Imatinib and chemotherapy for newly diagnosed BCR-ABL positive acute lymphoblastic leukemia: a phase II study by the Japan Adult Leukemia Study Group. J Clin Oncol. 2006;24:460-466.
  • Yoda A, Yoda Y, Chiaretti S, et al. Functional screening identifies CRLF2 in precursor B-cell acute lymphoblastic leukemia. Proc Natl Acad Sci. U S A 2010;107:252-257.
  • Yeoh EJ, Ross ME, Shurtleff SA, et al. Classification, subtype discovery, and prediction of outcome in pediatric acute lymphoblastic leukemia by gene expression profiling. Cancer Cell. 2002;1:133-143.
  • Yeoh AE, Ariffin H, Chai EL, et al. Minimal residual disease-guided treatment deintensification for children with acute lymphoblastic leukemia: results from the Malaysia-Singapore acute lymphoblastic leukemia 2003 study. J Clin Oncol. 2012;30:2384-92.
  • Yoon JH, Yhim HY, Kwak JY, et al. Minimal residual disease-based effect and long-term outcome of first-line dasatinib combined with chemotherapy for adult Philadelphia chromosome-positive acute lymphoblastic leukemia. Ann Oncol. 2016;27:1081-1088.
  • Zabriskie MS, Eide CA, Tantravahi SK, et al. BCR-ABL1 compound mutations combining key kinase domain positions confer clinical resistance to ponatinib in Ph chromosome-positive leukemia. Cancer Cell. 2014;26:428-442.
  • Zangrando A, Intini F, te Kronnie G, Basso G. Validation of NG2 antigen in identifying BP-ALL patients with MLL rearrangements using qualitative and quantitative flow cytometry: a prospective study. Leukemia 2008;22:858-861
  • Zenatti PP, Ribeiro D, Li W, et al. Oncogenic IL7R gain-of-function mutations in childhood T-cell acute lymphoblastic leukemia. Nat Genet. 2011;43:932-939.
  • Zhang J, Ding L, Holmfeldt L, et al. The genetic basis of early T-cell precursor acute lymphoblastic leukaemia. Nature. 2012;481:157-163.
  • Zhao L, Liu X, Wang C, et al. Magnetic fields exposure and childhood leukemia risk: A meta-analysis based on 11,699 cases and 13,194 controls. Leuk Res 2014;38:269–274.
  • Zhou Y, Stack R, Jorgensen JL, et al. The effect of peritransplant minimal residual disease in adults with acute lymphoblastic leukemia undergoing allogeneic hematopoietic stem cell transplantation. Clin Lymphoma Myeloma Leuk. 2014;14:319-326.
  • Zugmaier G, Handgretinger R, Locatelli F, et al. A phase 1/2 study of Blinatumomab in pediatric patients with relapsed/refractory B-cell precursor acute lymphoblastic leukemia. ASH Annual Meeting Abstract. Blood. 2013;122:70.
  • Zugmaier G, Gökbuget N, Klinger M, et al. Long-term survival and T-cell kinetics in relapsed/refractory ALL patients who achieved MRD response after blinatumomab treatment. Blood. 2015;126:2578-2584.
×
Registrati

Iscrizione newsletter

Our monthly newsletter with a selection of the best posts

Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa

  • Print Friendly, PDF & Email

    Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione.

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

  • Print Friendly, PDF & Email

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress?

    Attenzione: Ematologia in Progress è strettamente riservato a un pubblico di addetti ai lavori:

    Medici, Specialisti, Specializzandi, Biologi, Studenti di Medicina.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifichi di appartenere a una delle suddette categorie.