Obinutuzumab efficace in associazione con clorambucil nei pazienti con LLC e comorbidità
17 gennaio 2014
Citofluorimetria nelle SMD e nel MM
26 gennaio 2014

La leucemia acuta promielocitica nell’adulto

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

La leucemia acuta promielocitica (LAP) è un sottotipo distinto di leucemia acuta mieloide (LAM), caratterizzata da peculiari caratteristiche morfologiche, citogenetiche e biomolecolari. La malattia è più frequente tra i giovani e nella maggioranza dei casi esordisce con leucopenia e una tipica coagulopatia da consumo (CID, coagulazione intravascolare disseminata) che spesso domina il quadro clinico alla diagnosi (Ferrara F, Schiffer CA, 2013 PubMed ; Lo-Coco F et al, 2008 PubMed).  E’ una forma relativamente rara (10 % circa di tutte la LAM) ed è più frequentemente diagnosticata tra i latino-ispanici rispetto ai caucasici (Douer D, 2003 PubMed). Nella maggior parte dei casi la diagnosi può essere agevolmente effettuata già con il semplice esame morfologico del sangue periferico e/o del midollo osseo. Si osserva generalmente un quadro di leucopenia con presenza di promielociti anomali, il cui citoplasma è stipato di granuli azzurrofili spesso irregolari e agglomerati di corpi di Auer (Figura I, panel A). In una minoranza di pazienti con LAP definita “variante” (LAPv), all’esame morfologico si riscontra invece una preponderante popolazione di cellule patologiche caratterizzate da citoplasma ipo-granuloso e rarissimi o assenti corpi di Auer (Liso V, Bennett J, 2003 PubMed); il nucleo mostra contorno irregolare ed appare spesso bilobato, multi-lobato e/o reniforme (Figura I, panel B). A un’attenta osservazione il reperto di rari promielociti ipergranulari con corpi di Auer è quasi sempre evidenziabile anche nella LAPv, che è spesso associata ad iperleucocitosi e a complicanza da terapia con acido trans-retinoico (ATRA), in particolare pseudotumor cerebri (Ferrara F, 2010 PubMed; Tallman M et al, 2011 PubMedDimov ND et al, 2010 PubMed). Una tempestiva diagnosi morfologica è di fondamentale importanza nella LAP, poiché l’immediato avvio di una terapia con ATRA e intensivo supporto con plasma e concentrati piastrinici, già in base al solo sospetto morfologico e prima della conferma molecolare, è in grado di ridurre in maniera significativa la mortalità precoce per emorragia cerebrale. Per la diagnosi rapida di LAP, è disponibile un test in immunofluorescenza mediante un anticorpo monoclonale anti-PML che, in presenza della proteina anomala PML-RARalpha,  evidenza un caratteristico pattern di positività microgranulare (microspeckled).

 

Immunofenotipo della LAP

La LAP è stata oggetto di attiva investigazione immunofenotipica. Le cellule leucemiche mostrano tipicamente positività per CD13, CD33 a CD19, mentre DR è generalmente assente. Si può osservare bassa espressione di CD7, CD11b e CD14 e positività per CD2 e CD34 (Dong HY et al, 2011 PubMedDi Noto R et al, 2007 PubMed). Sebbene una rilevanza clinica dell’espressione dei diversi antigeni non sia chiaramente definita, alcuni autori hanno riportato una associazione tra positività per CD2 e LAPv e un certo grado di correlazione tra espressione di CD34 e immaturità cellulare (Lin P et al, 2004 PubMed ; Albano F et al, 2006 PubMed). Inoltre, l’espressione dell’antigene di adesione neuronale CD56 è stata correlata a risultati clinici sfavorevoli dopo trattamento con ATRA + chemioterapia (Ferrara F et al, 2000) PubMed . Più recentemente è stata riportata una corerelazione tra positività per CD2 e presenza di mutazioni FLT3/ITD oltre che elevate livelli di FLT3 mRNA (Takenokuchi M et al, 2012) PubMed.

 

Caratteristiche citogenetice e molecolari

Dal punto di vista citogenetico, la LAP è caratterizzata una traslocazione reciproca bilanciata tra i cromosomi 15 e 17, t(15;17)(q22;q21), che produce una fusione tra il gene PML (promyelocytic leukemia) e quello del recettore dell’acido retinoico (RARalpha), come indicato in Figura II. Poiché l’efficacia della terapia con ATRA e/o arsenico è strettamente correlata alla presenza del gene ibrido di fusione PML/RARalpha, la conferma della presenza della lesione genetica è assolutamente richiesta per una corretta diagnosi di LAP (Grimwade D et al, 2010 PubMed ; Mi JQ et al, 2012 PubMed ; Lo-Coco F, Ammatuna E, 2007 PubMed). Inoltre, il gene ibrido è di estrema importanza nel monitoraggio della risposta molecolare alla terapia; infatti, la LAP rappresenta un esempio unico nel campo delle LAM in quanto la remissione molecolare è indispensabile per l’ottenimento della sopravvivenza a lungo termine e/o guarigione (Cazzaniga G et al, 2006 PubMed ; Freeman SD et al, 2008 PubMed). E’ da sottolineare che la valutazione della risposta molecolare mediante real-time PCR (RT-PCR) va effettuata al termine della terapia di consolidamento, poiché in quel momento è realmente informativa sull’outcome successivo; inoltre,  la ricomparsa del trascritto ibrido in pazienti precedentemente negativi, dimostrata in due determinazioni successive a intervallo di un mese, è invariabilmente seguita dalla recidiva ematologica. E’ per questa ragione che nella LAP la recidiva molecolare rappresenta una indicazione assoluta alla terapia, non diversamente dalla recidiva ematologica (Grimwade D et al, 2010 PubMedMi JQ et al, 2012 PubMedLo-Coco F, Ammatuna E, 2007 PubMedCazzaniga G et al, 2006 PubMedFreeman SD et al, 2008 PubMedSanz MA, Lo-Coco F, 2011 PubMed).

 

Fattori prognostici

Sono stati proposti diversi fattori di prognosi, potenzialmente in grado di predire i risultati terapeutici della LAP. E’ stato riportato che la LAPv rispetto alla forma classica è associata a più alta percentuale di complicanze emorragiche e quindi di morte precoce, ma la differenza appare più correlata al numero di globuli bianchi all’esordio che non alla morfologia di per sé. Lo score proposto da Sanz e collaboratori considera tre gruppi di rischio in base ai valori di leucociti (WBC) e piastrine (PLT) all’esordio: rischio favorevole (WBC ≤10×109/L ePLT >40×109/L), rischio intermedio (WBC ≤10×109/L e PLT ≤40×109/L), rischio alto (WBC >10×109/L) (Sanz MA et al, 2000)[ilink url=”http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10942364″ style=”tick”]PubMed[/ilink] . I pazienti ad alto rischio sono gli unici nei quali è stato riportato un vantaggio in termini di percentuali di remissione completa (RC) e sopravvivenza con aggiunta di citarabina (ARA-C) in induzione, mentre nei rischi basso e intermedio la combinazione ATRA-antracicline costituisce la terapia ideale. La LAPv è comunque associata con più alta frequenza di mutazioni FLT3, che in alcuni studi hanno significato prognostico negativo (Gallagher RE et al, 2012 PubMed ; Kutny MA et al, 2012 PubMed ). Nel 12-38 % dei casi si tratta di mutazioni FLT3/ITD, mentre le mutazioni FLT3/TKD sono meno frequenti (2-20%). In generale, i pazienti con mutazioni FLT3 hanno una più elevata conta di globuli bianchi all’esordio di malattia e quindi più alta probabilità di morte precoce; mancano comunque a riguardo dati definitivi e differenti studi hanno prodotto risultati controversi, per cui negli abituali algoritmi prognostici della LAP, le mutazioni del gene FLT3 non vengono considerate (Schnittger S et al, 2011 PubMedBarragán E et al, 2011 PubMed ; Callens C et al, 2005 PubMedBeitinjaneh A et al, 2010 PubMed ). Altri parametri come il livello e la lunghezza delle mutazioni FLT3, il loro carico allelico ed il “load” di PML-RARalpha sono stati anche investigati, ma nella pratica clinica lo score di Sanz appare ancora oggi di indiscussa validità e viene anche considerato nei principali trials clinici.

 

Patogenesi della LAP

Sebbene diversi meccanismi molecolari alla base della patogenesi della LAP e della risposta alla terapia con ATRA e triossido di arsenico (ATO) siano stati ormai definitivamente chiariti, alcuni aspetti restano controversi. Il classico meccanismo patogenetico della LAP presuppone che il gene ibrido di fusione PML/RARalpha agisca come dominante negativo di RAR-alpha in grado di formare omodimeri reclutanti corepressori, a loro volta in grado di inibire funzioni di geni correlati alla differenzazione emopoietica e così di bloccarla a livello promielocitario. Inoltre, i prodotti di PML-RARalpha sono anche in grado di inibire la funzione di PML (un tumor suppressor gene) e quindi il gene ibrido agisce come dominante negativo sia di PML che RAR-alpha. PML è l’organizzatore di domini nucleari noti come PML nuclear bodies (NB). Concentrazioni farmacologiche di ATRA sono in grado di indurre una modifica della conformazione dei complessi multifunzionali connessi a PML-RARalpha, con il rilascio di specifici corepressori. Ciò restaura la normale funzione di PML-RARalpha con conseguente ripristino della normale differenziazione emopoietica (Ablain J, de The H, 2011) PubMed] . A sua volta, ATO induce degradazione di PML-RARalpha e ricostituzione dei nuclear bodies agendo prevelentemente sulla via PML con degradazione delle onco-proteine PML correlate (de Thé H et al, 2012) PubMed . Il sinergismo tra i due farmaci supporta l’idea che sia la degradazione di PML-RARalpha che la ricostituzione dei nuclear bodies contribuiscono alla restaurazione della normale differenziazione emopoietica e quindi alla remissione complete clinico-ematologica (Lo-Coco F, Ammatuna E, 2006) PubMed .

 

Terapia della LAP

Come già detto, la terapia con ATRA deve essere iniziata senza attendere la conferma genetica o citofluorimetrica della diagnosi nello stesso giorno in cui la diagnosi è sospettata nell’esame morfologico dello striscio di sangue periferico e/o del midollo osseo. Questa raccomandazione è giustificata dal favorevole rapporto rischio beneficio associato a questo tipo di approccio (Stein, Tallman MS, 2012) PubMed ; inoltre, è da escludere che l’ATRA possa aver avuto effetti negativi nel caso l’analisi genetica non confermasse la diagnosi di LAP in quanto ATRA non ha effetti collaterali severi e può essere somministrato senza alcuna complicazione a qualunque paziente con LAM. Al contrario, ci sono ipotesi sulla potenziale utilità di questo farmaco nella LAM associata a mutazione di NPM1 (Schlenk RF et al, 2004) PubMed . E’ noto che ATRA migliora in tempi rapidi i segni della coagulopatia da LAP, perciò l’inizio precoce di questa terapia può portare ad una diminuzione del rischio di emorragia severa. Nel complesso, il trattamento della LAP include le fasi di induzione, consolidamento e mantenimento. Esistono ancora oggi quesiti non risolti che riguardano la terapia di induzione ideale, la miglior terapia iniziale nei pazienti anziani, il sottogruppo di pazienti che hanno maggiori probabilità di beneficiare della terapia di mantenimento, ed il regime di salvataggio più efficace.

Terapia di induzione

Sebbene il trattamento con ATRA in monoterapia determini percentuali di RC > 85-90%, vi è consenso unanime che la terapia di induzione debba basarsi sulla combinazione di ATRA + chemioterapia. Vi sono due ragioni per questo atteggiamento: la prima riguarda la miglior qualità della RC ottenuta con ATRA + chemioterapia (i primi studi hanno infatti dimostrato che la maggior parte dei pazienti trattati con il solo ATRA alla fine recidivavano), la seconda è che la combinazione è più efficace nel controllo della leucocitosi indotta da ATRA, che spesso è un indice della insorgenza della sindrome da LAP (descritta successivamente). Il tasso di RC ottenuto con la combinazione simultanea è > 90% nei maggiori studi multicentrici. Da notare che la più frequente causa di fallimento terapeutico, probabilmente sottostimata negli studi clinici, è la morte precoce da emorragia cerebrale, mentre le infezioni secondarie alla neutropenia sono causa di fallimento dell’induzione in una ridottissima minoranza di pazienti (McClellan JS et al, 2012 PubMed ; Lehmann S et al, 2011 PubMedPark JH et al, 2011 PubMed ). Va sottolineato poi che la più alta percentuale di decessi è stata registrata in popolazioni di pazienti con LAP anziani (Lengfelder E et al, 2013 PubMed] ; Ferrara F et al, 2010 PubMed ). La refrattarietà alla terapia nella LAP è virtualmente assente e deve generare il sospetto di una diagnosi non corretta. L’aggiunta di ATRA è chiaramente associata ad una rilevante riduzione della mortalità secondaria alla coagulopatia da LAP, tanto che non vi è indicazione ad acido tranexamico, ma solo a terapia con concentrati piastrinici in modo da mantenere la conta piastrinica 30.000/mmc (Breen KA et al, 2012) PubMed. Uno dei quesiti ancora discussi concerne il tipo di chemioterapia da associare ad ATRA. Al di fuori degli studi clinici, il nostro approccio corrente si basa sull’utilizzo di idarubicina (IDA), indipendentemente dalla conta leucocitaria iniziale, avendo ottenuto nella nostra personale esperienza una percentuale di RC del 96% in una serie di 95 pazienti con LAP. Non è stata osservata nessuna differenza prendendo in considerazione i gruppi di rischio secondo Sanz. In letteratura, tassi di RC comparabili sono stati ottenuti utilizzando ATRA + daunorubicina e citarabina oppure ATRA + IDA, senza nessun apparente vantaggio determinato dall’aggiunta di ARA-C (Adès L et al, 2013) PubMed. Tuttavia, molti clinici (in particolare negli USA) ancora aggiungono l’ARA-C alla combinazione ATRA + antracicline (Ades L, Fenaux P, 2006) PubMed. Un recente studio randomizzato britannico ha recentemente dimostrato che l’ARA-C non è necessaria nell’induzione della LAP, qualsiasi sia il gruppo di rischio alla diagnosi (Burnett AK et al, 2013) PubMed[ . Per quel che riguarda il tipo di antraciclina, noi preferiamo IDA sebbene non vi sia nessun dato che confermi in maniera definitiva la sua superiorità rispetto alla daunorubicina. Mentre ATRA + chemioterapia somministrati simultaneamente rappresentano l’attuale gold standard nella LAP di nuova diagnosi, con percentuali di cura pari a circa l’80%, ATO in differenti combinazioni (± ATRA ± CHT) è in corso di valutazione come terapia front-line, con risultati incoraggianti in numerosi studi pilota ed in due studi di fase 3 condotti in Cina e negli USA (Breccia M, Lo Coco F, 2012b) PubMed . Un recente studio condotto in Italia e Germania ha per primo comparato ATO + ATRA vs. ATRA + IDA ed ha dimostrato in maniera definitiva che nei pazienti con LAP non ad alto rischio una terapia front-line ATO+ATRA, ossia senza aggiunta di alcuna chemioterapia, è almeno non inferiore in termini di event free survival (EFS) a due anni (Lo Coco F et al, 2013) PubMed , cosa che potrebbe portare ad uno nuovo standard terapeutico nei pazienti non ad alto rischio.

 

Terapia post-induzione

Come detto in precedenza, la RC molecolare deve sempre essere l’end point finale della terapia di induzione/consolidamento. L’approccio convenzionale è basato sulla somministrazione di due o tre cicli di chemioterapia con antracicline più o meno l’ARA-C. Poiché ogni ciclo di consolidamento induce sostanziale mielotossicità che a sua volta determina una prolungata pancitopenia, è stata presa in considerazione la possibilità della riduzione dell’intensità del consolidamento secondo un approccio “less is better” (Sanz MA et al, 2004) PubMed . Come per l’induzione, il ruolo della citarabina nel consolidamento rimane in qualche modo controverso, ma almeno per quel che riguarda i pazienti a rischio basso o intermedio, i rischi derivanti da un consolidamento più intensivo non sono bilanciati da alcun beneficio clinico; al contrario, un trend che raccomanda la somministrazione di citarabina è stato osservato nei pazienti ad alto rischio (Ades L et al, 2008) PubMed. La mia raccomandazione è di utilizzare solo le antracicline e di evitare l’ARA-C nei pazienti a rischio basso e intermedio, considerando la combinazione solo nei pazienti con conta iniziale di GB superiore ai 10000/mL, che sono quelli a maggior rischio di recidiva. Recentemente, i dati dal gruppo cooperativo italiano GIMEMA, hanno dimostrato una significativa riduzione del rischio di recidiva aggiungendo ATRA alla dose standard in combinazione con tre cicli di chemioterapia di consolidamento (Lo-Coco F et al, 2010) PubMed. Questo approccio è quello attualmente in uso nel nostro Istituto, con la somministrazione di ATRA a 45 mg/m2 per 15 giorni per ogni ciclo di consolidamento. Con lo scopo di evitare l’uso di chemioterapia e di rafforzare l’efficacia di ATRA, ATO è stao utilizzato come terapia post-induzione nella LAP. A parte alcuni piccoli studi di fase 2 con relativamente piccoli numeri di pazienti (Breccia M, Lo Coco F, 2012b) PubMed, l’utilizzo di ATO come terapia post-remissionale è confortato dai risultati di una grosso studio randomizzato del US Intergroup. In questo trial, i pazienti, prima del consolidamento standard con due ulteriori cicli di ATRA + daunorubicina, erano randomizzati a ricevere o no due cicli di 25 giorni con ATO (5 giorni alla settimana per 5 settimane) subito dopo l’ottenimento della RC (Powell BL et al, 2010) PubMed. L’uso di ATO ha determinato EFS e OS significativamente migliori, provvedendo ulteriori prove a supporto del suo possibile utilizzo in consolidamento. In ogni caso va detto che i pazienti del braccio di controllo hanno avuto una sopravvivenza relativamente più bassa rispetto ai risultati di altri studi che utilizzavano schedule con ATRA + antracicline.

Il problema della terapia di mantenimento nei pazienti con LAP in RC molecolare alla fine del consolidamento rappresenta ancora una questione irrisolta (Marzbani E, Estey E, 2012) PubMed . Due recenti studi randomizzati non ne hanno dimostrato beneficio, sia utilizzando ATRA + 6-mercaptopurina + methotrexate in combinazione (l’approccio italiano) sia usando 6 cicli di terapia intensificata (l’approccio giapponese) (Avvisati G et al, 2011 PubMedAsou N et al, 2007 PubMed). In più, nella nostra esperienza, la tolleranza alla chemioterapia è mediocre  e più della metà dei pazienti deve interrompere la terapia a causa di tossicità gastrointestinale o epatica. Il nostro approccio attuale è di somministrare ATRA per 15 giorni ogni tre mesi per due anni.

Terapia della recidiva

La recidiva si manifesta in circa il 5-30% dei pazienti con LAP ed è quasi esclusivamente limitato a quelli con malattia ad alto rischio alla diagnosi (Tallman MS, 2007) PubMed . Circa il 3-5% dei pazienti sviluppa una recidiva extramidollare. Nella maggior parte dei casi è coinvolto il SNC, ma possono essere coinvolti anche altri siti (Specchia G et al, 2001) PubMed . Infine, una piccola percentuale di pazienti (<3%) si presenta con una recidiva molecolare isolata in assenza di recidiva ematologica. Le opzioni terapeutiche dovrebbero tenere in considerazione diverse caratteristiche dei pazienti alla recidiva, a loro volta indipendenti dalla categorizzazione iniziale secondo Sanz. In particolare, vanno considerate la durata della prima RC, la conta leucocitaria, il numero delle precedenti recidive, e l’eventuale ottenimento della remissione molecolare dopo quella ematologica (Estey EH, 2003) PubMed. I pazienti che non presentano nessuno di questi fattori vanno considerati a basso rischio, tutti gli altri ad alto rischio. Nei pazienti trattati in induzione/consolidamento con ATRA + chemioterapia, non ci sono dubbi che ATO come singolo agente rappresenta la terapia di scelta (Lengfelder E et al, 2012) PubMed. I dati dello studio multicentrico USA mostrano una percentuale di RC del 85% e di remissione molecolare del 78%, evidenziando in maniera chiara che ATO è il più potente induttore della remissione molecolare (Soignet SL et al, 2001) PubMed . Noi proponiamo due o tre cicli addizionali di terapia dopo l’ottenimento della RC. I pazienti ad alto rischio con età < 45-50 anni potrebbero essere presi in considerazione per un trapianto allogenico di cellule staminali (allo-SCT), mentre quelli che non hanno un donatore e quelli con età superiore ai 50 anni potrebbero essere candidati al trapianto autologo (ASCT) una volta ottenuta la remissione molecolare e confermata la negatività delle staminali raccolte (Yanada M et al, 2013 PubMed ; Ferrara F et al, 2004 PubMed ; Thirugnanam R et al, 2009 PubMed ). L’ovvia obiezione a questo tipo di approccio è che non esistono studi randomizzati che dimostrano che l’ASCT sia davvero utile nei pazienti in seconda remissione molecolare e quindi potenzialmente guariti già prima del trapianto. Tuttavia la nostra esperienza è molto favorevole nei pazienti in recidiva trattati con ASCT (assenza di mortalità trapianto-relata e sopravvivenza a lungo termine superiore al 80% (Ferrara F et al, 2010c) PubMed . Per quel che riguarda l’allo-SCT, vi è unanime consenso a ritenere che esso non ha nessun ruolo nei pazienti con LAP in prima remissione molecolare (Kharfan-Dabaja MA et al, 2007 PubMed ; Sanz MA et al, 2007 PubMed). L’unica indicazione ad allo-SCT è nei pazienti che non hanno ottenuto la remissione molecolare alla fine del consolidamento (5% o meno) o in quelli che hanno una recidiva precoce (durata della prima RC inferiore a 18-24 mesi). Come è ovvio l’allo-SCT va considerato anche nei pazienti in seconda o successiva recidiva. Le possibili opzioni terapeutiche per la LAP sono riassunte nella Tabella I.

 

Sindrome da differenziazione

La sindrome da differenziazione (SD), precedentemente nota come sindrome da acido retinoico, è una complicazione frequente ma non prevedibile che può presentarsi in corso di somministrazione di ATRA e/o ATO nei pazienti con LAP (Rogers JE, Yang D, 2012) PubMed . La SD è riportata nel 2,5-30% dei pazienti con LAP che ricevono terapia di induzione con ATRA e/o ATO, mentre non viene mai osservata né in consolidamento, né in mantenimento pur utilizzando uno dei due composti; la DS non compare neanche durante il trattamento con ATRA per altre neoplasie non LAP, il che implica un ruolo cruciale delle cellule leucemiche della LAP nello sviluppo della sindrome (Montesinos P, Sanz MA, 2011) PubMed . L’ampio range di incidenza dipende probabilmente dai differenti criteri utilizzati per la sua diagnosi e dalla severità dei sintomi considerati Inoltre, poiché nessuno dei sintomi osservabili è patognomonico della sindrome – e potrebbe essere secondario ad altre condizioni come batteriemia, sepsi, polmonite, emorragia polmonare, scompenso cardiaco congestizio – la SD potrebbe essere stata sotto- o sovrastimata. Da un punto di vista clinico, la sindrome va sospettata quando ci si trovi in presenza di uno dei seguenti sintomi o segni: dispnea, febbre non spiegabile con altre cause, aumento ponderale, edemi periferici, ipotensione non spiegabile con altre cause, insufficienza renale acuta o scompenso cardiaco congestizio, ed in particolare quando una radiografia toracica dimostri degli infiltrati polmonari interstiziali multipli o versamento pleuropericardico. I fattori di rischio per lo sviluppo della SD non sono del tutto definiti, ma dovrebbero includere alta conta e/o rapido aumento di leucociti, e l’espressione di specifici antigeni di superficie (Zuckerman T et al, 2012 PubMed). Nei pazienti trattati con la combinazione di ATRA + IDA, un indice di massa corporea aumentata correla con l’incidenza della SD (Breccia M et al, 2012) PubMed . La sindrome viene riconosciuta come una complicanza distinta dalle altre e rappresenta una complicanza potenzialmente letale. Per tale motivo, siamo soliti utilizzare una terapia specifica con desametasone ev a 10 mg al giorno quando uno dei sintomi è presente. In presenza di alta conta di GB (>100×109/L), la nostra abitudine è di somministrare una dose di ARA-C 500 mg, anche se ciò aumenta in maniera sostanziale il rischio di mielotossicità. Una temporanea interruzione di ATRA e/o ATO è indicata nei casi di SD severa, in particolare in presenza di insufficienza renale acuta o sindrome da distress respiratorio necessitante il ricovero in unità di terapia intensiva.

 

Indicazioni ad approcci “individualizzati” nella terapia della LAP

 

L’inclusione in un trial clinico rappresenta la migliore scelta terapeutica per I pazienti con LAP; vi sono però specifiche situazioni nelle quali i criteri di inclusione/esclusione degli studi non consentono l’arruolamento dei pazienti. Inoltre, per differenti ragioni (performce status compromesso, età avanzata, severe malattie concomitanti, gravidanza), la combinazione ATRA/antracicline, che rappresenta il corrente standard della terapia di induzione ed un consolidamento standard possono essere controindicati. In questi casi, la terapia va adattata alla situazione specifica in accordo al migliore rapporto rischio/beneficio.

 

LAP in gravidanza

Dato il potenziale teratogeno dell’ATRA e dell’ATO, ogni decisione terapeutica in gravidanza dovrebbe considerare la possibilità di un aborto terapeutico, sopratutto se la diagnosi viene effettuata nel primo trimestre. In questo caso, il nostro approccio è di indurre la RC con ATRA + idarubicina e poi procedure all’interruzione di gravidanza. Dopo l’aborto, il consolidamento va somministrato in base alla categoria di rischio secondo Sanz, indipendentemente dalla situazione precedente. In caso di rifiuto da parte della paziente di interrompere la gravidanza per ragioni religiose e/o di altra natura, ATO e ATRA vanno evitati e l’induzione deve basarsi solo su antracicline, preferibilmente daunorubicina, in quanto i dati disponibili ne indicano l’efficacia e la letteratura a sostegno è più estesa (Ganzitti L et al, 2010 PubMedSanz MA et al, 2009 PubMed). Ovviamente la paziente va informata sull’aumentato rischio emorragico e di mortalità dovuta al mancato impiego di ATRA. Per le LAP che insorgono nel secondo o terzo trimestre, non vi sono raccomandazioni particolari e la terapia va condotta secondo i criteri standard. E’ comunque raccomandabile uno stretto follow-up del feto ed un estrema attenzione alle possibili complicanza dovute all’impiego dell’ATRA.

 

LAP nel paziente anziano

A differenza degli altri sottotipi di LAM, la LAP dell’anziano mostra caratteristiche biologiche e cliniche simili a quelle dei pazienti giovani-adulti e la sensibilità ad ATRA, ATO e antracicline non è differente. Ciò nonostante, la prognosi della malattia peggiora progressivamente con l’età e in un numero non trascurabile di pazienti la terapia di induzione più efficace, in particolare le antracicline, possono essere contraindicate per cardiomiopatie o altre severe compromissioni di organo  antecedenti alla diagnosi (Ferrara F et al, 2010b PubMed ; Lengfelder E et al, 2013 PubMed). Inoltre, la possibilità di morte precoce per emorragia cerebrale come dimostrato da due recenti studi di “real life” condotti in Svezia (Lehmann S et al, 2011) PubMed e negli Stati Uniti (Park JH et al, 2011) PubMed è significativamente più elevata nell’anziano. In particolare, nello studio svedese la mortalità precoce era 29 % in una serie di 104 pazienti consecutivi e del 50 % nella popolazione con età superiore a 60 anni (Park JH et al, 2011) PubMed. Va inoltre considerato che la terapia di consolidamento è a sua volta associata a maggiore morbidità e mortalità nei pazienti anziani (Sanz MA et al, 2004) PubMed . In generale, I pazienti “fit”, in grado di soddisfare i criteri di inclusione dei trials hanno un outcome sovrapponibile a quello dei soggetti più giovani (Mandelli F et al, 2003 PubMedPrebet T, Gore SD, 2011 PubMed), per cui appare opportuno offrire in questi casi una terapia standard con attenuazione delle dosi in base a singole situazioni. Al contrario, per i pazienti non in grado di ricevere chemioterapia l’approccio ideale dovrebbe basarsi su ATO come agente singolo, poiché la combinazione ATRA/ATO, pur maggiormente attiva, è associata a rischio più elevato di insorgenza di DS. Dopo l’ottenimento della RC, la terapia di consolidamento dovrebbe essere impostata in base ai risultati del monitoraggio molecolare. Gemtuzumab-ozogamicin (GO), un anticorpo monoclonale anti-CD33 coniugato con l’agente citotossico chalieceamicina, potrebbe avere un ruolo importante nella terapia di questa fase della LAP (Breccia M, Lo-Coco F, 2011) PubMed .

 

LAP “treatment related” (LAP-t)

E’ ben noto che le forme di LAM che insorgono dopo chemio e/o radioterapia per precedente neoplasia si associano a prognosi peggiore rispetto alle LAM “de novo” (Godley LA, Larson RA, 2008) PubMed.  Per quanto riguarda le LAP-t, l’incidenza è maggiore dopo chemioterapia per tumore della mammella in seguito a uso estensivo di inibitori delle topoisomerasi-2 (epirubicina, mitoxantrone); la LAP-t può anche insorgere dopo terapia per linfoma (più spesso non-Hodgkin), mentre è rara dopo trattamento di altri tumori (Duffield AS et al, 2012) PubMed. Negli anni recenti sono stati segnalati diversi casi di LAP-t secondaria a terapia con mitoxantrone per sclerosi multipla (Ammatuna E et al, 2011) PubMed . In generale le caratteristiche biologiche e cliniche delle LAP-t non sono differenti dalle forme de novo, per cui vanno distinte dalle altre LAM secondary (Duffield AS et al, 2012) PubMed, anche perché non vi è una reale differenza prognostica. Per questa ragione i pazienti con LAP-t devono ricevere un trattamento standard, con la sola eccezione di quelli pretrattati con dosi massive di antracicline nei quali un approccio di combinazione ATRA/ATO va senz’altro considerato.

 

Conclusioni

La LAP rappresenta un paradigma di efficace “targeted therapy” in ematologia clinica; ciononostante, i correnti risultati terapeutici possono ulteriormente essere migliorati.  E’ ormai tempo di trattare i pazienti a rischio basso/intermedio con ATRA/ATO in induzione e consolidamento, evitando la chemioterapia. In questi casi particolare attenzione va rivolta alla sindrome DS, indipendentemente dalla comparsa o meno di leucocitosi. Per i pazienti ad alto rischio, che restano a rischio significativo di recidiva, l’induzione deve comprendere ATRA e chemioterapia seguita da 2-3 corsi di ARA-C associata ad antraciclina.  Recentemente peraltro il gruppo MRC ha dimostrato che anche nell’alto rischio non vi sono benefici dell’aggiunta dell’ARA-C, che determina invece significativamente maggiore mielosoppressione e peggiore qualità di vita. L’agente singolo più efficace nella terapia della LAP rimane al momento l’ATO, il cui ruolo va esplorato anche come agente singolo in futuri trials e va sicuramente riconsiderato il ruolo del GO, sopratutto nella terapia di consolidamento dei pazienti “frail”. Una delle sfide più rilevanti nella terapia della LAP è oggi la riduzione della mortalità precoce che nella real life è ancora superiore al 10 % anche nei paesi avanzati. Un altro aspetto rilevante, sopratutto alla luce di terapie future che eviteranno la chemioterapia, è quello della sindrome DS. La diagnosi di tale sindrome è spesso insidiosa e può confondersi con altre complicanza quali sepsi e/o tossicità da ATRA; in ogni caso nel sospetto di DS, l’avvio tempestivo della terapia steroidea va considerato. Infine vanno sottolineati gli sforzi recenti di migliorare i risultati terapeutici della LAP nei pazienti in aree poco industrializzate, specie in America Latina, dove la malattia è molto più frequente. Recentemente, un consorzio internazionale di esperti è riuscito a implementare un interscambio di conoscenze che ha portato a sensibili miglioramenti dei risultati clinici con riduzione della mortalità precoce di oltre il 50 %  e della sopravvivenza di circa il 30 % (Rego EM et al, 2013) PubMed .

 

BIBLIOGRAFIA

  • Ablain J, de The H. Revisiting the differentiation paradigm in acute promyelocytic leukemia. Blood. 2011;117:5795-802
  •  Adès L, Chevret S, Raffoux E et al. Long-term follow-up of European APL 2000 trial, evaluating the role of cytarabine combined with ATRA and Daunorubicin in the treatment of nonelderly APL patients. Am J Hematol 2013; 88(7): 556-9
  • Ades L, Fenaux P. Is cytarabine required in the treatment of acute promyelocytic leukemia? Updated experience and review of the literature. Clin Adv Hematol Oncol 2006;4:678-82
  • Ades L, Sanz MA, Chevret S, et al. Treatment of newly diagnosed acute promyelocytic leukemia (APL): a comparison of French-Belgian-Swiss and PETHEMA results. Blood 2008;111:1078-84
  • Albano F, Mestice A, Pannunzio A, et al. The biological characteristics of CD34+ CD2+ adult acute promyelocytic leukemia and the CD34 CD2 hypergranular (M3) and microgranular (M3v) phenotypes. Haematologica. 2006;91:311–6
  • Ammatuna E, Montesinos P, Hasan SK et al. Presenting features and treatment outcome of acute promyelocytic leukemia arising after multiple sclerosis. Haematologica. 2011;96:621-5
  • Asou N, Kishimoto Y, Kiyoi H, et al. A randomized study with or without intensified maintenance chemotherapy in patients with acute promyelocytic leukemia who have become negative for PML-RAR_transcript after consolidation therapy: the Japan Adult Leukemia Study Group (JALSG) APL97 study. Blood 2007;110:59-66
  • Avvisati G, Lo-Coco F, Paoloni FP et al. AIDA 0493 protocol for newly diagnosed acute promyelocytic leukemia: very long-term results and role of maintenance. Blood. 2011;117:4716-25
  • Barragán E, Montesinos P, Camos M et al. Prognostic value of FLT3 mutations in patients with acute promyelocytic leukemia treated with all-trans retinoic acid and anthracycline monochemotherapy. Haematologica. 2011;96:1470-7
  • Beitinjaneh A, Jang S, Roukoz H, Majhail NS. Prognostic significance of FLT3 internal tandem duplication and tyrosine kinase domainmutations in acute promyelocytic leukemia: A systematic review. Leuk Res. 2010;34:831–836.
  • Breccia M, Lo Coco F. Arsenic trioxide for management of acute promyelocytic leukemia: current evidence on its role in front-line therapy and recurrent disease. Expert Opin Pharmacother. 2012b;13:1031-43
  • Breccia M, Lo-Coco F. Gemtuzumab ozogamicin for the treatment of acute promyelocytic leukemia: mechanisms of action and resistance, safety and efficacy. Expert Opin Biol Ther. 2011;11:225-34
  • Breccia M, Mazzarella L, Bagnardi V et al. Increased BMI correlates with higher risk of disease relapse and differentiation syndrome in patients with acute promyelocytic leukemia treated with the AIDA protocols. Blood. 2012;119:49-54
  • Breen KA, Grimwade D, Hunt BJ. The pathogenesis and management of the coagulopathy of acute promyelocytic leukaemia. Br J Haematol. 2012;156:24-36
  • Burnett AK, Hills RK, Grimwade D et al. Inclusion of chemotherapy in addition to anthracycline in the treatment of acute promyelocytic leukaemia does not improve outcomes: results of the MRC AML15 trial.  Leukemia. 2013;27:843-51.
  • Callens C, Chevret S, Cayuela JM, et al. Prognostic implication of FLT3 and Ras gene mutations in patients with acute promyelocytic leukemia (APL): A retrospective study from the European APL Group. Leukemia. 2005;19:1153–1160
  • Cazzaniga G, Gaipa G, Rossi V, Biondi A. Monitoring of minimal residual disease in leukemia, advantages and pitfalls. Ann Med. 2006;38:512-21
  • de Thé H, Le Bras M, Lallemand-Breitenbach V. The cell biology of disease: Acute promyelocytic leukemia, arsenic, and PML bodies. J Cell Biol. 2012;198:11-21.
  • Di Noto R, Mirabelli P, Del Vecchio L. Flow cytometry analysis of acute promyelocytic leukemia: the power of ‘surface hematology’. Leukemia. 2007;21:4-8
  • Dimov ND, Medeiros LJ, Kantarjian HM et al. Rapid and reliable confirmation of acute promyelocytic leukemia by immunofluorescence staining with an antipromyelocytic leukemia antibody: the M. D. Anderson Cancer Center experience of 349 patients. Cancer. 2010 ;116:369-76
  • Dong HY, Kung JX, Bhardwaj V, McGill J. Flow cytometry rapidly identifies all acute promyelocytic leukemias with high specificity independent of underlying cytogenetic abnormalities. Am J Clin Pathol. 2011;135:76-84
  • Douer D. The epidemiology of acute promyelocytic leukaemia. Best Pract Res Clin Haematol. 2003;16:357-67
  • Duffield AS, Aoki J, Levis M, Cowan K et al. Clinical and pathologic features of secondary acute promyelocytic leukemia. Am J Clin Pathol. 2012;137:395-402
  • Estey EH. Treatment options for relapsed acute promyelocytic leukaemia. Best Pract Res Clin Haematol 2003;16:521-34
  • Ferrara F, Finizio O, D’Arco A, Mastrullo L, Cantore N, Musto P. Acute promyelocytic leukemia in patients aged over 60 years: multicenter experience of 34 consecutive unselected patients. Anticancer Res. 2010;30:967-71.
  • Ferrara F, Finizio O, D’Arco A, Mastrullo L, Cantore N, Musto P. Acute promyelocytic leukemia in patients aged over 60 years: multicenter experience of 34 consecutive unselected patients. Anticancer Res. 2010b;30:967-71.
  • Ferrara F, Finizio O, Izzo T et al. Autologous stem cell transplantation for patients with acute promyelocytic leukemia in second molecular remission. Anticancer Res. 2010c;30:3845-9.
  • Ferrara F, Morabito F, Martino B, et al. CD56 expression is an indicator of poor clinical outcome in patients with acute promyelocytic leukemia treated with simultaneous all-trans-retinoic acid and chemotherapy. J Clin Oncol. 2000;18:1295–300
  • Ferrara F, Palmieri S, Annunziata M, et al. Prolonged molecular remission after autologous stem cell transplantation in relapsed acute promyelocytic leukemia. Haematologica 2004;89:621-2
  • Ferrara F, Schiffer CA. Acute myeloid leukaemia in adults. Lancet 2013;381:484-95
  • Ferrara F. Acute promyelocytic leukemia: what are the treatment options? Expert Opin Pharmacother. 2010;11:587-96
  • Freeman SD, Jovanovic JV, Grimwade D. Development of minimal residual disease-directed therapy in acute myeloid leukemia. Semin Oncol. 2008;35:388-400
  • Gallagher RE, Moser BK, Racevskis J et al. Treatment-influenced associations of PML-RARα mutations, FLT3 mutations, and additional chromosome abnormalities in relapsed acute promyelocytic leukemia.  Blood. 2012;120:2098-10
  • Ganzitti L, Fachechi G, Driul L, Marchesoni D. Acute promyelocytic leukemia during pregnancy. Fertil Steril. 2010;94:2330.e5-6
  • Godley LA, Larson RA. Therapy-related myeloid leukemia. Semin Oncol 2008;35:418-29
  • Grimwade D, Mistry AR, Solomon E, Guidez F. Acute promyelocytic leukemia: a paradigm for differentiation therapy. Cancer Treat Res. 2010;145:219-35
  • Kharfan-Dabaja MA, Abou Mourad YR, Fernandez HF, et al. Hematopoietic cell transplantation in acute promyelocytic leukemia: a comprehensive review. Biol Blood Marrow Transplant 2007;13:997-1004
  • Kutny MA, Moser BK, Laumann K et al. FLT3 mutation status is a predictor of early death in pediatric acute promyelocytic leukemia: a report from the Children’s Oncology Group. Pediatr Blood Cancer. 2012;59:662-7
  • Lehmann S, Ravn A, Carlsson L et al. Continuing high early death rate in acute promyelocytic leukemia: a population-based report from the Swedish Adult Acute Leukemia Registry. Leukemia. 2011 Jul;25:1128-34
  • Lengfelder E, Hanfstein B, Haferlach C et al. Outcome of elderly patients with acute promyelocytic leukemia: results of the German Acute Myeloid Leukemia Cooperative Group. Ann Hematol. 2013;92:41-52
  • Lengfelder E, Hanfstein B, Haferlach C et al. Outcome of elderly patients with acute promyelocytic leukemia: results of the German Acute Myeloid Leukemia Cooperative Group. Ann Hematol. 2013;92:41-52
  • Lengfelder E, Hofmann WK, Nowak D. Impact of arsenic trioxide in the treatment of acute promyelocytic leukemia. Leukemia. 2012;26:433-42
  • Lin P, Hao S, Medeiros LJ, et al. Expression of CD2 in acute promyelocytic leukemia correlates with short form of PML-RARalpha transcripts and poorer prognosis. Am J Clin Pathol. 2004;121:402–7.
  • Liso V, Bennett J. Morphological and cytochemical characteristics of leukaemic promyelocytes. Best Pract Res Clin Haematol. 2003;16:349-55
  •  Lo Coco F, Avvisati G, Vignetti M et al. Retinoic acid and arsenic trioxide for acute promyelocytic leukemia. N Engl J Med. 2013 11;369:111-21
  • Lo-Coco F, Ammatuna E, Montesinos P, Sanz MA. Acute promyelocytic leukemia: recent advances in diagnosis and management. Semin Oncol. 2008;35:401-9
  • Lo-Coco F, Ammatuna E. Front line clinical trials and minimal residual disease monitoring in acute promyelocytic leukemia. Curr Top Microbiol Immunol. 2007;313:145-56
  • Lo-Coco F, Ammatuna E. The biology of acute promyelocytic leukemia and its impact on diagnosis and treatment. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2006:156-61
  • Lo-Coco F, Avvisati G, Vignetti M et al. Front-line treatment of acute promyelocytic leukemia with AIDA induction followed by risk-adapted consolidation for adults younger than 61 years: results of the AIDA-2000 trial of the GIMEMA Group. Blood. 2010;116:3171-9
  • Luesink M, Pennings JL, Wissink WM, et al. Chemokine induction by all-trans retinoic acid and arsenic trioxide in acute promyelocytic leukemia–triggering the differentiation syndrome.  Blood. 2009;114:5512-21
  • Mandelli F, Latagliata R, Avvisati G, et al. Treatment of elderly patients (> or = 60 years) with newly diagnosed acute promyelocytic leukemia. Results of the Italian multicenter group GIMEMA with ATRA and idarubicin (AIDA) protocols. Leukemia 2003;17:1085-90
  • Marzbani E, Estey E. Who benefits from maintenance therapy in acute promyelocytic leukemia ? J Natl Compr Canc Netw. 2012;10:1023-8
  • McClellan JS, Kohrt HE, Coutre S et al. Treatment advances have not improved the early death rate in acute promyelocytic leukemia.  Haematologica. 2012;97:133-6
  • Mi JQ, Li JM, Shen ZX, Chen SJ, Chen Z. How to manage acute promyelocytic leukemia. Leukemia. 2012;26:1743-51
  • Montesinos P, Sanz MA. The differentiation syndrome in patients with acute promyelocytic leukemia: experience of the pethema group and review of the literature. Mediterr J Hematol Infect Dis. 2011;3:e2011059.
  • Park JH, Qiao B, Panageas KS et al. Early death rate in acute promyelocytic leukemia remains high despite all-trans retinoic acid. Blood. 2011;118:1248-54
  • Powell BL, Moser B, Stock W et al. Arsenic trioxide improves event-free and overall survival for adults with acute promyelocytic leukemia: North American Leukemia Intergroup Study C9710. Blood. 2010;116:3751-7
  • Prebet T, Gore SD.Treatment of acute promyelocytic leukemia for older patients. J Natl Compr Canc Netw. 2011;9:337-42.
  • Rego EM, Kim HT, Ruiz-Argüelles GJ et al. Improving acute promyelocytic leukemia (APL) outcome in developing countries through networking, results of the International Consortium on APL. Blood. 2013; 14;121:1935-43
  • Rogers JE, Yang D. Differentiation syndrome in patients with acute promyelocytic leukemia. J Oncol Pharm Pract. 2012;18:109-14
  • Sanz MA, Grimwade D, Tallman MS et al. Management of acute promyelocytic leukemia: recommendations from an expert panel on behalf of the European LeukemiaNet. Blood. 2009;113:1875-91.
  • Sanz MA, Labopin M, Gorin NC, et al. Acute Leukemia Working Party (ALWP) of European Cooperative Group for Blood and Marrow Transplantation (EBMT). Hematopoietic stem cell transplantation for adults with acute promyelocytic leukemia in the ATRA era: a survey of the European Cooperative Group for Blood and Marrow Transplantation. Bone Marrow Transplant 2007;39:461-9
  • Sanz MA, Lo Coco F, Martín G et al. Definition of relapse risk and role of nonanthracycline drugs for consolidation in patients with acute promyelocytic leukemia: a joint study of the PETHEMA and GIMEMA cooperative groups. Blood. 2000;96:1247-53.
  • Sanz MA, Lo-Coco F. Modern approaches to treating acute promyelocytic leukemia. J Clin Oncol. 2011;29:495-503.
  • Sanz MA, Martin G, Gonza´lez M, et al. Risk-adapted treatment of acute promyelocytic leukemia with all-trans-retinoic acid and anthracycline monochemotherapy: a multicenter study by the PETHEMA group. Blood 2004;103:1237-43
  • Sanz MA, Vellenga E, Rayon C, et al. All-trans retinoic acid and anthracyclines monochemotherapy for the treatment of elderly patients with acute promyelocytic leukemia. Blood 2004;104:3490-3
  • Schlenk RF, Fröhling S, Hartmann F et al. Phase III study of all-trans retinoic acid in previously untreated patients 61 years or older with acute myeloid leukemia. Leukemia. 2004;18:1798-803
  • Schnittger S, Bacher U, Haferlach C, Kern W, Alpermann T, Haferlach T. Clinical impact of FLT3 mutation load in acute promyelocytic leukemia with t(15;17)/PML-RARA. Haematologica. 2011;96:1799-807
  • Soignet SL, Frankel SR, Douer D, et al. United States multicenter study of arsenic trioxide in relapsed acute promyelocytic leukemia. J Clin Oncol 2001;19:3852-60
  • Specchia G, Lo CF, Vignetti M, et al. Extramedullary involvement at relapse in acute promyelocytic leukemia patients treated or not with all-trans retinoic acid: a report by the Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell’Adulto. J Clin Oncol 2001;19:4023-8
  • Stein, Tallman MS. Provocative pearls in diagnosing and treating acute promyelocytic leukemia. Oncology (Williston Park). 2012 ;26:636-41
  • Takenokuchi M, Kawano S, Nakamachi Y et al. FLT3/ITD associated with an immature immunophenotype in PML-RARα leukemia. Hematol Rep. 2012;4:e22.
  • Tallman M, Lo-Coco F, Kwaan H, Sanz M, Gore S. Clinical roundtable monograph. Early death in patients with acute promyelocytic leukemia. Clin Adv Hematol Oncol. 2011;9:1-16.
  • Tallman MS. Treatment of relapsed or refractory acute promyelocytic leukemia. Best Pract Res Clin Haematol 2007;20:57-65
  • Thirugnanam R, George B, Chendamarai E, et al. Comparison of clinical outcomes of patients with relapsed acute promyelocytic leukemia induced with arsenic trioxide and consolidated with either an autologous stem cell transplant or an arsenic trioxide-based regimen. Biol Blood Marrow Transplant 2009;15:1479-84
  • Yanada M, Tsuzuki M, Fujita H et al. Phase 2 study of arsenic trioxide followed by autologous hematopoietic cell transplantation for relapsed acute promyelocytic leukemia. Blood. 2013 Feb 14. [Epub ahead of print]
  • Zuckerman T, Ganzel C, Tallman MS, Rowe JM. How I treat hematologic emergencies in adults with acute leukemia. Blood. 2012 ;120:1993-200
×
Sponsor

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

×
Privacy & Cookie Policy

Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy

  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.