Outcomes of older patients with NPM1-mutated AML: current treatments and the promise of venetoclax-based regimens
6 Ottobre 2020
Infezione da COVID-19: gravità e mortalità nei pazienti con LLC
26 Ottobre 2020

Il tempo dalla diagnosi al trattamento influisce sulla prognosi dei pazienti con LAM di nuova diagnosi?

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

La leucemia mieloide acuta (LAM) viene generalmente considerata una “medical emergency” ed è universalmente raccomandato l’inizio immediato della terapia, a causa della prognosi infausta della malattia se non trattata.

Studi precedenti avevano già dimostrato che, nei pazienti anziani, un’attesa di 5-7 giorni tra la diagnosi e l’inizio del trattamento (TDT) non pregiudica la prognosi (Bertoli S et al, 2013; Sekeres MA et al, 2009). Nello studio di Rollig et al (2020), è stata valutata la relazione tra il tempo intercorso dalla diagnosi all'inizio del trattamento e l’outcome, in termini di ottenimento della remissione completa (RC) e di sopravvivenza globale (OS), in una ampia casistica di “real life”
proveniente dal registro della German Study Alliance Leukemia – Acute Myeloid Leukemia (SAL-AML).

Sono stati valutati tutti i pazienti con LAM non promielocitica che hanno ricevuto terapia intensiva di induzione e un minimo di 12 mesi di follow-up (n = 2.263) (Figura I e II). In particolare, è stato analizzato l'impatto prognostico della TDT sulla percentuale di RC, morte precoce (ED) ed OS in analisi univariata per ogni giorno di ritardo del trattamento, in gruppi da 0 a 5, da 6 a 10, da 11 a 15 e > 15 giorni di TDT, ed è stata anche considerata la possibile influenza di altri riconosciuti fattori prognostici sull’outcome clinico.

 

Figura I. Selezione dei pazienti per l’analisi

 

Figura II. Caratteristiche dei 2263 pazienti globali e secondo gruppo di TDT

 

Il TDT mediano era di 3 giorni (intervallo interquartile, 2-7). Le percentuali di OS a 2 anni, stratificate per TDT da 0 a 5, da 6 a 10, da 11 a 15 e > 15 giorni, erano pari a 51%, 48%, 44% e 50% (p = 0,211)(Figura III). Nell'analisi di regressione di Cox multivariata, che ha considerato diverse variabili prognostiche, l'hazard ratio di TDT come variabile continua era 1,00 (p = 0,617). Inoltre, non è stata rilevata nessuna differenza dopo stratificazione per età (> o < 60 anni) e conta di
leucociti all’esordio tra i diversi gruppi di TDT valutati (Figura IV).

 

Figura III. Outcome del trattamento secondo gruppi di TDT ed età > o < di 60 anni

 

Figura IV. Analisi multivariata: OR per l’ottenimento di RC/RCi e ED, e HR per la OS. 

 

In conclusione, lo studio di Rollig e collaboratori suggerisce che non vi è correlazione tra TDT e prognosi della LAM, in particolare per quanto riguarda la sopravvivenza (Figura V). Il messaggio degli autori non è di ritardare l’inizio della terapia, ma piuttosto che una ragionevole attesa per acquisire gli ormai indispensabili risultati pre-trattamento di citogenetica e biologia molecolare non si traduce in un outcome negativo per i pazienti con LAM.

 

Figura V. Curve di OS secondo i gruppi di TDT

 

 

Fonte:

Röllig C, Kramer M, Schliemann C et al. Does time from diagnosis to treatment affect the prognosis of patients with newly diagnosed acute myeloid leukemia? Blood. 2020;136:823-830.

 

 

Bibliografia:

  • Bertoli S, Bérard E, Huguet F et al. Time from diagnosis to intensive chemotherapy initiation does not adversely impact the outcome of patients with acute myeloid leukemia. Blood. 2013;121:2618-26.
  • Sekeres MA, Elson P, Kalaycio ME et al. Time from diagnosis to treatment initiation predicts survival in younger, but not older, acute myeloid leukemia patients. Blood. 2009;113:28-36.
Print Friendly, PDF & Email
  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    Print Friendly, PDF & Email
  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.

    Print Friendly, PDF & Email
  • ×
    Registrati

    Iscrizione newsletter

    Our monthly newsletter with a selection of the best posts

    Per proseguire occorre prestare il consenso al trattamento dei dati per tutte le finalità meglio descritte nell'informativa resa ex art. 13 Regolamento UE 679/2016 Acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità di cui all'informativa

    ×
    Sponsor