Rilevanza clinica di piccoli sottocloni con TP53 mutato nella LLC
12 febbraio 2014
Trattamento con brentuximab vedotin di pazienti con linfoma T anaplastico a grandi cellule sistemico ricaduto o refrattario: follow-up a 3 anni
7 marzo 2014

Genetica di PTX3 e rischio di aspergillosi nel HSCT

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Nei pazienti sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche (allo HSCT), la presenza di alterazioni genetiche del gene PTX3 (long pentraxin 3), codificante per un recettore implicato nell’immunità antifungina, può ridurre la funzionalità dei neutrofili e indurre un aumentato rischio di aspergillosi invasiva. La dimostrazione della ricaduta clinica dei polimorfismi genetici di PTX3 sull’immunità antifungina in questi pazienti viene da uno studio (Cunha C et al. NEJM, 2014; 370:421-32) condotto su una coorte iniziale di 268 pazienti sottoposti a HSCT. I risultati sono stati poi confermati in un’ulteriore popolazione comprendente 107 pazienti con aspergillosi invasiva e 223 controlli.

Nei riceventi di un trapianto da un donatore con aplotipo omozigote h2/h2 di PTX3 (codificante per una variante caratterizzata da ridotta stabilità dell’mRNA), è stato osservata una maggiore incidenza di infezioni da Aspergillo (37% verso 15%), con un rischio di contrarre aspergillosi invasiva triplicato rispetto ai casi negativi. I neutrofili di questi pazienti mostravano una alterata espressione di PTX3 e una riduzione della fagocitosi e della capacità di eliminazione del fungo.

PTX3 forma complessi sulla superficie del fungo e agisce come opsonina, facilitando il riconoscimento e la fagocitosi dei conidi attraverso meccanismi dipendenti dal recettore Fcg, CD11b e complemento. I risultati qui riportati dimostrano il suo ruolo funzionale nella difesa verso le infezioni da A. fumigatus, con un aumentato rischio di infezioni da deficit di PTX3 che appare indipendente dal matching-HLA del donatore, dalla manipolazione dei linfociti T e dalla presenza di GVHD acuta.

Fonte: The New England Journal of Medicine

PubMed link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24476432

Print Friendly, PDF & Email
×
Registrati

Iscriviti a Ematologia in Progress per ricevere la news letter e poter personalizzare la tua esperienza sul nostro sito.

×
Sponsor

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

×
Privacy & Cookie Policy

Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy

  • Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione..

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    Print Friendly, PDF & Email
  • Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

    ATTENZIONE

    I contenuti di Ematologia in progress

    sono riservati ad un pubblico appartenente alla classe medica,

    specialisti in medicina, studenti di medicina e addetti ai lavori.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifico di appartenere a una delle suddette categorie.

    Print Friendly, PDF & Email