Follow-up dei pazienti con LAM R/R FLT3-positiva trattati con gilteritinib: risultati a lungo termine dello studio di fase 3 ADMIRAL

Print Friendly, PDF & Email

 

Lo studio di fase 3 ADMIRAL ha dimostrato una sopravvivenza globale (OS) significativamente superiore nei pazienti con leucemia mieloide acuta (LAM) recidivata o refrattaria con mutazione del gene FLT3 trattati con gileritinib (Gilt) rispetto alla chemioterapia convenzionale di salvataggio (SC). Nel trial, 371 pazienti erano stati randomizzati con rapporto 2:1 a Gilt o SC (Figure I e II) ed i risultati hanno consentito la registrazione e l’uso della pratica clinica di Gilt (Perl AE et al, 2019).

 

Figura I: Schema della randomizzazione nello studio ADMIRAL.

 

Figura II: Studio ADMIRAL, OS pazienti trattati con gilteritinib vs pazienti sottoposti a chemioterapia.

 

Nell’articolo ora pubblicato su Blood vengono descritti i dati relativi a un’analisi effettuata 2 anni dopo la valutazione iniziale dei risultati dello studio ADMIRAL, allo scopo di definire l’efficacia e la safety di Gilt a lungo termine (Perl AE et al, 2022).

Al momento di questa analisi, il follow-up mediano di sopravvivenza era di 37,1

mesi, con decessi rispettivamente in 203/247 e 97/124 pazienti nei bracci Gilt e SC; 16 pazienti del braccio Gilt sono rimasti in trattamento. L’OS mediana per gilteritinib e SC era di 9,3 e 5,6 mesi, rispettivamente (HR = 0,665; IC 95%: 0,518 – 0,853; P = 0,0013), mentre le percentuali di sopravvivenza a 2 anni erano 20,6% (IC 95%: 15,8 – 26,0) e 14,2% (IC 95%: 8,3 – 21,6), rispettivamente (Figura III).

 

Figura III: Sopravvivenza dopo analisi long-term secondo il braccio di trattamento del trial ADMIRAL.

 

Va rilevato che l’incidenza cumulativa di recidiva a 2 anni del braccio gilteritinib, dopo l’ottenimento di vari tipi di remissione completa, è stata del 75,7%, con poche ricadute registrate dopo 18 mesi (Figura IV). Complessivamente, 49/247 pazienti nel braccio Gilt e 14/124 pazienti nel braccio SC hanno ottenuto una sopravvivenza di durata ≥2 anni. Inoltre, 26 pazienti del braccio Gilt sono rimasti in vita per ≥2 anni senza recidive; 18 di questi pazienti sono stati sottoposti a trapianto allogenico (HSCT) e 16 di essi hanno ripreso gilteritinib come terapia di mantenimento post-HSCT.

 

Figura IV: Incidenza cumulativa di recidive dopo terapia con gilteritinib nel trial ADMIRAL.

 

Gli eventi avversi (AE) più comuni di interesse durante gli anni 1 e 2 della terapia con gilteritinib sono stati l’aumento delle transaminasi epatiche; l’incidenza di eventi avversi è diminuita costantemente nell’arco di 2 anni, per cui gli autori suggeriscono che una terapia continuativa con Gilt, inclusa la fase post-HSCT, ha uno stabile profilo di sicurezza (Figura V).

 

Figura V: Eventi avversi più frequenti entro ed oltre 12 mesi dopo terapia con gilteritinib nel trial ADMIRAL.

 

In conclusione, i risultati di questo studio dimostrano, mediante analisi a lungo termine, che la terapia prolungata con gilteritinib è associata a tossicità più che accettabile ed a una sopravvivenza superiore rispetto alla chemioterapia convenzionale di salvataggio.

 

Fonte:

Perl AE, Larson RA, Podoltsev NA et al. Follow-up of patients with R/R FLT3-mutation-positive AML treated with gilteritinib in the phase 3 ADMIRAL trial. Blood. 2022 Jan 26:blood.2021011583. Online ahead of print.

 

BIBLIOGRAFIA

  • Perl AE, Martinelli G, Cortes JE et al. Gilteritinib or Chemotherapy for Relapsed or Refractory FLT3-Mutated AML. N Engl J Med. 2019;381:1728-40.

A cura di:

Divisione di Ematologia, Ospedale Cardarelli, Napoli

Cattedra di Ematologia, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

×
Registrati
  • Print Friendly, PDF & Email

    Registrati a Ematologia in Progress per poter continuare la navigazione

    Vai al modulo di iscrizione.

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress? Accedi ora.

  • Print Friendly, PDF & Email

    Sei già iscritto a Ematologia in Progress?

    → ISCRIVITI

    → ACCEDI

    Attenzione: Ematologia in Progress è strettamente riservato a un pubblico di addetti ai lavori:

    Medici, Specialisti, Specializzandi, Biologi, Studenti di Medicina.

    Proseguendo nella navigazione auto-certifichi di appartenere a una delle suddette categorie.